Cronaca tutte le notizie in tempo reale! SEMPRE AGGIORNATE! LEGGI INFORMATI SEGUI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 112 minuti

Ultimo aggiornamento 20 Luglio, 2021, 12:34:11 di Maurizio Barra

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 23:16 DI GIOVEDÌ 15 LUGLIO 2021

ALLE 12:34 DI MARTEDÌ 20 LUGLIO 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Sequestrano e bastonano 20enne, tre arresti nel Barese
Spedizione punitiva dopo furto, anche sigaretta spenta sul volto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
15 luglio 2021
23:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo avrebbero picchiato prima con schiaffi, gomitate, pugni e calci, per punirlo dopo il presunto furto di un portafogli, e poi, dopo averlo rinchiuso in una stanza, lo avrebbero colpito ripetutamente con un bastone, procurandogli diversi traumi alle dita delle mani e spegnendogli una sigaretta accesa sul volto. Con le accuse di sequestro di persona a scopo di estorsione, rapina aggravata in concorso e lesioni aggravate i carabinieri di Putignano, nel Barese, hanno arrestato tre persone di 24 e 22 anni, una delle quali con piccoli precedenti penali per spaccio di droga.
Il fatto è avvenuto nella notte tra martedì e mercoledì. Le indagini dei militari che hanno portato all’arresto dei tre sono partite grazie alla segnalazione al 112 fatta dalla vittima, 20enne, che all’alba della violenta aggressione subita è riuscita a fuggire e chiedere aiuto ad alcuni passanti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
16 luglio 2021
08:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 16 i km di coda in direzione sud lungo l’Autostrada del Sole, tra il bivio A1/A1 Direttissima e Barberino, in provincia di Firenze dopo la chiusura notturna del tratto tra Barberino e Calenzano in entrambe le direzioni, riaperto alle 6. Lo rende noto Aspi.
La chiusura del tratto autostradale, annunciata, era stata disposta per l’ultima prova di carico effettuata nel corso della notte sul viadotto Torraccia.
“In considerazione degli elevati volumi di traffico che caratterizzano la giornata odierna in direzione sud – spiega Autostrade in una nota -, attualmente si registrano 16 km di coda tra il bivio A1/A1 Direttissima e Barberino in direzione Firenze. Agli utenti provenienti da Milano e diretti verso Firenze si consiglia di immettersi in A15 verso La Spezia dove imboccare l’A12 verso Pisa, quindi percorrere l’A11 verso Firenze. Agli utenti provenienti da Bologna e diretti verso Roma si consiglia di percorrere l’A14, uscire a Cesena Nord, percorrere l’E45 verso Orte dove immettersi in A1 verso Roma”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Droga: operazione Drug Express, 12 ordinanze nel messinese
Spaccio ‘porta a porta’ e spedizione pacchi con stupefacenti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILAZZO
16 luglio 2021
08:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Guardia di Finanza e la polizia hanno eseguito stamani a Milazzo un’ordinanza nei confronti di 12 persone accusate a vario titolo di far parte di un’associazione a delinquere dedita al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti. L’organizzazione operava nella fascia tirrenica della provincia di Messina, con propaggini su Roma.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Durante l’operazione antidroga, denominata “Drug express”, quattro persone sono finite in carcere, altre cinque ai domiciliari, due hanno l’obbligo di dimora nel comune di residenza.
L’organizzazione aveva numerosi clienti, oramai fidelizzati con richieste quasi quotidiane di droga, soprattutto cocaina e crack, e aveva escogitato numerosi diversivi per non incorrere in sequestri. In particolare attraverso il sistema delle consegne “porta a porta” e della spedizione di pacchi contenenti sostanze stupefacenti, da qui il nome dell’operazione. Le indagini hanno documentato anche l’utilizzo di un linguaggio criptico convenzionale nelle conversazioni, quale il termine “pizza” per indicare le dosi di crack. Attivo anche un canale di approvvigionamento romano che faceva capo a un 37enne di Bracciano il quale trasferiva la droga ai messinesi attraverso il sistema delle spedizioni. Nel corso delle indagini gli investigatori hanno intercettato nel deposito di Messina di un noto spedizioniere un pacco che doveva contenere un “termos” ma che in realtà nascondeva 15 pasticche di anfetamine e 38 grammi di etilmorfina.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Musumeci, rivedere criteri per cambio colore regioni
“Siano legati al tasso di ospedalizzazione”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
16 luglio 2021
09:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“E’ necessario rivedere i parametri che fissano la definizione dei colori delle regioni: non possono più essere legati alla percentuale dei contagi, ma al tasso di ospedalizzazione. In Sicilia, attualmente, siamo la seconda regione italiana per contagi Covid ma abbiamo, in totale, solo 21 ricoverati in terapia intensiva e 130 nei reparti ordinari, su 5 milioni di abitanti.
Gran parte dei ricoverati, peraltro, risulta non vaccinata. L’esperienza deve indurci a rivedere il sistema, a fare scelte di buon senso.
Sarebbe assurdo andare verso nuove restrizioni e chiusure con gli attuali criteri, determinando un disastro che non sarebbe sanitario ma economico”. Lo ha dichiarato il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, intervenendo stamane ad Agorà Estate, su Rai3.   POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Bancarotta fraudolenta e reati tributari, tre arresti
Operazione Gdf Reggio Calabria, sequestrati beni per oltre 5 mln
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
REGGIO CALABRIA
16 luglio 2021
09:46
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tre persone sono state arrestate dai finanzieri del Comando provinciale di Reggio Calabria che hanno anche sequestrato le quote e il patrimonio aziendale di 3 società operanti a Reggio nel settore della distribuzione e disponibilità economiche e patrimoniali di sei indagati per oltre 5 milioni. I reati contestati sono bancarotta fraudolenta aggravata, estorsione aggravata, omessa dichiarazione, occultamento o distruzione di documenti contabili e sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Su richiesta del procuratore di Reggio Calabria Giovanni Bombardieri, dell’aggiunto Gerardo Dominijanni e del pm Andrea Sodani, il gip Diletta Gobbo ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari per due cugini reggini, Antonio Cotugno e Antonio Carlo Cotugno di 51 e 45 anni, e per una cittadina messicana di 49 anni, Fabiola Veronica Martinez Islas.
Le società sequestrate sono la “C.S.S. srl”, la “Distribuzione 2.0 srl” e la “A.S. Trade srl”. Condotta dai finanzieri guidati dal colonnello Maurizio Cintura, dal maggiore Nunzio Difonzo e dal capitano Flavia Ndriollari, l’operazione “Great failure” ha consentito ai pm di accertare che gli arrestati, in concorso con altri soggetti e secondo un modus operandi ben definito, avrebbero omesso sistematicamente di onorare i propri debiti nei confronti dei creditori, dei lavoratori e dell’erario, attraverso società “schermo”. Le aziende, aventi simile oggetto sociale e facenti capo agli indagati, erano intestate a prestanome, spesso reclutati tra i dipendenti. Per l’accusa, i responsabili, onoravano i debiti solo inizialmente e si tutelavano dalle azioni creditorie attraverso contratti simulati che consentivano di occultare la reale proprietà dei beni. Una volta fatte fallire le società, ne costituivano di nuove in continuità con le precedenti. Nelle nuove aziende, che avevano stesso oggetto sociale, stesse sedi e stessi dipendenti, gli indagati facevano confluire le risorse patrimoniali fraudolentemente nascoste con le vecchie società. Inoltre avrebbero costretto i dipendenti a ricevere una retribuzione inferiore rispetto a quella in busta paga dietro implicita minaccia di licenziamento.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Truffa ad Asl con false prescrizioni esami, due arresti
Napoli, anche interdizione per due medici
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
16 luglio 2021
09:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
False prescrizioni di costosi esami di laboratorio a nome di pazienti totalmente ignari, per ottenere indebiti rimborsi dal servizio sanitario regionale. E’ la truffa su cui ha indagato la Guardia di Finanza di Napoli, in un’inchiesta che ha portato stamane – su disposizione del Gip – agli arresti domiciliari per i rappresentanti legali di due centri diagnostici e alla misura interdittiva dall’esercizio dell’attività per un anno nei confronti di due medici convenzionati con la Asl Napoli 1 Centro.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica partenopea, scaturiscono da una denuncia presentata dalla stessa Asl.
Sono stati sentiti oltre 100 pazienti i quali hanno disconosciuto le prescrizioni a loro nome e persino affermato, in molti casi, di non essersi mai recati presso quei centri diagnostici. Le prescrizioni sanitarie esaminate hanno permesso ai due laboratori di analisi di richiedere ed ottenere un indebito rimborso pari a oltre 58.000 euro, per cui la Guardia di Finanza ha potuto procedere a sequestri per valore equivalente a carico degli indagati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Abusi su minori, arrestato sacerdote milanese
Diocesi, stupore e dolore. Massima collaborazione con Autorità
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 luglio 2021
10:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Squadra mobile della Questura di Milano ha arrestato don Emanuele Tempesta, sacerdote della Diocesi, il quale si trova ora agli arresti domiciliari. Secondo le prime informazioni raccolte dalla Diocesi – che al momento non ha ricevuto comunicazioni ufficiali da parte dell’autorità giudiziaria – don Emanuele Tempesta è accusato di abusi sessuali su minori compiuti nel periodo che va dal febbraio 2020 al maggio 2021.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A darne notizia la stessa Diocesi che “prende atto con stupore e dolore di questa notizia e si impegna sin da subito ad approfondire i fatti, applicando le indicazioni del diritto universale della Chiesa e della CEI e a seguire le indicazioni che le verranno date dalla Santa Sede”.
“Nell’assicurare la più completa disponibilità alla collaborazione con l’autorità giudiziaria per accertare la verità dei fatti, la Diocesi desidera altresì precisare che non è mai giunta alla Curia, al Vicario di zona e al parroco alcuna segnalazione relativa ai fatti oggetto dell’indagine”, prosegue la Diocesi.
“L’Arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini, esprime la propria vicinanza alle comunità parrocchiali di Busto Garolfo e in particolare a tutti i soggetti in vario modo coinvolti nella vicenda – prosegue la nota -. La Diocesi, nel ribadire il suo impegno per garantire la migliore tutela a tutti i minori coinvolti nelle iniziative pastorali, ricorda inoltre che il 23 novembre 2019 è stato costituito il “Referente diocesano per la tutela dei minori” che, seguendo adeguate modalità di contatto, ha la finalità di accogliere le segnalazioni relative a presunti abusi su minori e di raccogliere gli elementi per una prima valutazione dell’Ordinario”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cinema: morto a Roma l’attore Libero De Rienzo
Aveva 44 anni, nel 2002 e nel 2006 vinse il David di Donatello
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
16 luglio 2021
10:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ deceduto all’età di 44 anni, stroncato da un infarto, nella sua casa romana, l’attore napoletano Libero De Rienzo. Nato a Napoli nel 1977, aveva intrapreso la carriera dello spettacolo sulle orme del padre, Fiore De Rienzo, che è stato aiuto regista di Citto Maselli.

Libero aveva vinto il David di Donatello nel 2002 e nel 2006, nel film Fortpàsc di Marco Risi, ha interpretato il giornalista napoletano Giancarlo Siani. Tra i suoi lavori successivi, ‘Smetto quando voglio’ (2014) e nel 2019 il film ‘A Tor Bella Monaca non piove mai’.
Benché abitasse dall’età di due anni a Roma, Libero De Rienzo era legato alla città di Napoli. Sposato con la costumista Marcella Mosca, lascia due figli di 6 e 2 anni. Dopo i funerali (la cui data non è stata ancora fissata) la salma sarà inumata in Irpinia, accanto alla mamma.   CINEMA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Messa, incoraggiare presenza in atenei secondo vaccinazione
‘Adesione importante ai vaccini nel mondo universitario’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 luglio 2021
10:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Per quanto riguarda la vaccinazione del personale docente universitario non abbiamo dati, li stiamo raccogliendo, c’è stata un’adesione importante non solo del personale, dei professori, ma anche dei ricercatori, degli specializzandi, del personale tecnico amministrativo. Per riaprire ritengo che, così come in Europa per viaggiare, si chieda un pass, un green pass nelle università non lo possiamo introdurre in maniera obbligatoria, però incoraggiare la presenza senza bisogno di distanze a seconda dello stato vaccinazione del proprio personale credo che sia corretto”.
Così a Fanpage.it Maria Cristina Messa, ministra dell’Università.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Aspi: class action da 1,5 mld contro società in Liguria
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
16 luglio 2021
11:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La richiesta di una class action da 1,5 miliardi di euro contro Aspi per risarcire i liguri del danno d’immagine, economico e sociale subito a causa del crollo del ponte Morandi e dei conseguenti cantieri autostradali infiniti è stata firmata dal capogruppo della Lista Sansa in Consiglio regionale Ferruccio Sansa stamani nello studio legale dell’avvocato e senatore de ‘L’alternativa c’è’ Mattia Crucioli, che istaurerà la class action nel corso dei prossimi mesi presso il Tribunale di Roma, dove Aspi ha la sede legale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Due scosse di terremoto e un boato nella zona di Norcia
Più forte magnitudo 3.6, nessuna segnalazione di danni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NORCIA (PERUGIA)
16 luglio 2021
11:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Due scosse di terremoto, la prima di magnitudo 2.6 alle 8,03 e la secondo di 3.6 alle 10 sono state registrate nella zona di Norcia dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia.
Secondo i vigili del fuoco si è avvertito “distintamente” un boato così come riferito dal personale in servizio presso il distaccamento Valnerina.
La squadra è quindi uscita per un sopralluogo sul territorio.
Al momento alla sala operativa non sono arrivate richieste di intervento.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: impennata dell’Rt a 0.91,sale incidenza 19 su 100mila
19 Regioni rischio moderato,Trento e Valle Aosta basso
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 luglio 2021
11:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Impennata dell’Rt e in rialzo anche l’incidenza., rispettivamente a 0,91 (0,66 la scorsa settimana) e a 19 casi su 100 mila abitanti ( dati di ieri contro 11 casi su 100mila 7 giorni fa). Sono questi – secondo quanto si apprende, i dati contenuti nella bozza di monitoraggio settimanale dell’Iss- Ministero della Salute sull’andamento dei contagi ora all’esame della cabina di regia e che saranno presentati oggi.

Sono 19 le Regioni e Province Autonome (PA) classificate a rischio moderato e due (PA Trento e Valle D’Aosta) a rischio basso questa settimana. Lo rileva, secondo quanto si apprende, la bozza di monitoraggio settimanale dell’Iss- Ministero della Salute. Solo due settimane fa tutte le regioni erano classificate a rischio basso mentre dalla scorsa settimana si è iniziato ad evidenziare un aumento dei casi in 11 Regioni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanità, Molise, mancano medici per servizio emergenza 118
Quasi nulle le adesioni agli avvisi per reclutare personale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAMPOBASSO
16 luglio 2021
11:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’Azienda sanitaria regionale del Molise (Asrem) continua a emanare avvisi per reperire personale medico, ma le adesioni dei professionisti restano davvero poche o quasi nulle. Recentemente, alla procedura a evidenza pubblica espletata dall’Asrem per l’assunzione a tempo indeterminato di medici per l’Emergenza Territoriale 118, hanno partecipato in quattro di cui solo uno ha accettato l’incarico.

Analogo epilogo per l’avviso finalizzato al conferimento di 25 incarichi libero-professionali di 6 mesi attraverso il quale è stato possibile reclutare un solo medico. A fronte delle 16 postazioni territoriali per le quali occorrerebbe un organico di 96 unità, l’Azienda sanitaria dispone solo di 56 medici, contingente assolutamente insufficiente a coprire i turni. Ora l’Asrem, attraverso la procedura sulla piattaforma MePa di Consip, ha chiesto la fornitura di 560 turni di 6 ore di servizi sanitaria nell’area Emergenza territoriale 118.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 20 nuovi casi e 13 guariti in Alto Adige
Nessun decesso e terapia intensiva ancora vuota
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
16 luglio 2021
11:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Continua a crescere il numero delle persone attualmente positive in Alto Adige, ma il numero dei decessi resta comunque fermo e le terapie intensive vuote.
E’ questo il quadro a due facce che si presenta attualmente in provincia di Bolzano.
Sono risultati positivi sette tamponi pcr su 449 e 12 test antigenici su 2194. I ricoveri nei normali reparti ospedalieri sono cinque.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Terremoto: scossa in Umbria avvertita nel cratere Marche
A Castelsantangelo sul nera e Visso, segnalazioni sui social
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
16 luglio 2021
11:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La scossa di magnitudo 3.6 delle 10 con epicentro nei pressi di Norcia (Perugia), è stata avvertita distintamente anche nell’area del cratere sismico delle Marche.
Tra le località più vicine all’epicentro Castelsantangelo sul Nera, a 13 km di distanza, e Visso, a 16 km, in provincia di Macerata.
Arquata del Tronto (Ascoli Piceno), si trova invece a 18 km. Molte le segnalazioni sui social, anche da Fiastra (Macerata), dove è in corso un convegno per fare il punto sulla ricostruzione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Morto a Roma l’attore Libero De Rienzo. Procura apre fascicolo di indagine
Aveva 44 anni, nel 2002 e nel 2006 vinse il David di Donatello
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
17 luglio 2021
17:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ morto all’età di 44 anni, stroncato da un infarto, nella sua casa romana, l’attore napoletano Libero De Rienzo. Nato a Napoli nel 1977, aveva intrapreso la carriera dello spettacolo sulle orme del padre, Fiore De Rienzo, che è stato aiuto regista di Citto Maselli.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura di Roma ha aperto un fascicolo di indagine in relazione alla morte dell’attore Libero De Rienzo trovato privo di vita nella sua abitazione nella zona Madonna del Riposo. Il procedimento è coordinato dal sostituto procuratore Francesco Minisci. Il magistrato ha disposto l’autopsia.
Il procedimento è stato rubricato con la fattispecie di morte come conseguenza di altro come dispone l’articolo 586 del codice penale. Obiettivo degli inquirenti, coordinati dal procuratore aggiunto Nunzia D’Elia, è accertare le cause che hanno portato alla morte del giovane attore napoletano. Dall’autopsia, da questo punto di vista, potrebbero arrivare risposte importanti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Libero aveva vinto il David di Donatello nel 2002 e nel 2006, nel film Fortapàsc di Marco Risi, ha interpretato il giornalista napoletano Giancarlo Siani. Tra i suoi lavori successivi, ‘Smetto quando voglio’ (2014) e nel 2019 il film ‘A Tor Bella Monaca non piove mai’:

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Benché abitasse dall’età di due anni a Roma, Libero De Rienzo era legato alla città di Napoli. Sposato con la costumista Marcella Mosca, lascia due figli di 6 e 2 anni. Dopo i funerali (la cui data non è stata ancora fissata) la salma sarà inumata in Irpinia, accanto alla mamma.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Conoscevo bene Libero, del quale sono un grande estimatore non solo per le sue indiscusse qualità professionali ed artistiche, ma per la sua umanità, radicata cultura e forte impegno sociale e civile. Libero viveva a Roma, ma amava Napoli profondamente” afferma il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, appresa la notizia della morte dell’attore.
“La notizia della morte improvvisa di Libero De Rienzo è terribile e ci lascia tutti senza parole. Perdiamo un giovane talento, un protagonista del cinema italiano che già aveva visto riconosciuta la sua arte con la doppia vittoria del David di Donatello nel 2002 e nel 2006. Il mondo della cultura italiana si stringe con affetto e cordoglio alla sua famiglia, ai suoi piccoli figli, alla moglie e a tutte le persone che lo hanno amato, stimato e apprezzato” ha dichiarato il ministro della Cultura Dario Franceschini.
“È una di quelle notizie che lasciano senza parole e con una tristezza profonda e cupa”. Con queste parole il sindaco di Procida, Dino Ambrosino, ha commentato la scomparsa, a 44 anni, dell’attore Libero De Rienzo, particolarmente legato all’isola. “Ho davanti agli occhi le mille scene in cui lo ricordo in giro per l’isola con quello stesso atteggiamento spensierato di tutti i concittadini, con la grande confidenza e serenità di chi fa parte della comunità – prosegue il primo cittadino -. Memorabili i momenti in cui lui ci aiutò a ridare vita al Carcere, contribuendo a riempire di nuovo quel Palazzo di umanità. Oppure quando insieme a noi si batteva come un leone per difendere il nostro piccolo pronto soccorso”. Il festival del cinema “Arthetica”, ideato e diretto dallo stesso De Rienzo, si svolse appunto nell’ex carcere dell’isola. L’attore aveva sostenuto con convinzione la candidatura di Procida a Capitale della cultura 2022.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Toti, ottima risposta liguri a seconda open night vaccini
Governatore, vaccinate 2 mila persone, soprattutto giovani
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
16 luglio 2021
12:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“La risposta dei liguri alla seconda Open Night che si è svolta ieri sera con punti vaccinali su tutto il territorio è stata ottima, con 2.046 persone (quasi 500 in più rispetto alla prima open night di giovedì scorso) che si sono vaccinate con la prima dose Pfizer. Il dato più incoraggiante è che ancora una volta hanno risposto soprattutto i giovani e gli under50, dimostrando di aver capito l’importanza del vaccino per sconfiggere il virus: sono loro infatti l’ago della bilancia per metterci definitivamente alle spalle questa pandemia”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Così il presidente di Regione Liguria e assessore alla Sanità Giovanni Toti, commenta la serata di vaccinazioni senza prenotazioni che si è svolta ieri sera in tutte le Asl della Liguria.
In Asl1 si sono vaccinate 295 persone all’hub di Sanremo e 180 a Imperia, in Asl2 presso l’hub del Palacrociere i vaccinati sono stati 353 (il centro vaccinale è stato chiuso alle 23, con le somministrazioni terminate alle 24), mentre a Genova sono state 826 le persone che si sono recate all’Hub della Fiera del Mare per sottoporsi alla vaccinazione. In Asl4 si sono vaccinate 184 persone, in Asl5 208. Per tutti, il richiamo con la seconda dose è previsto dopo 21 giorni.
“Stiamo studiando le modalità per consentire dalla prossima settimana – conclude Toti – la possibilità di anticipare la seconda dose a 21 giorni dalla prima per Pfizer e 28 giorni per Moderna, presentandosi agli hub senza prenotazione”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Balzo nuovi positivi Covid Umbria, scendono i ricoverati
Più che raddoppiato il tasso di positività dei test
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
16 luglio 2021
13:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Balzo avanti dei nuovi positivi al Covid registrati nell’ultimo giorno in Umbria, 56 contro i 20 di giovedì. Scendono invece da otto a cinque i ricoverati in ospedale, uno dei quali in terapia intensiva.
Lo riporta il sito della Regione.
Registrati 11 guariti mentre non ci sono nuove vittime. Con gli attualmente positivi in salita e ora 662, 45 in più.
Sempre nell’ultimo giorno sono stati analizzati 1.386 tamponi e 2.779 test antigenici, con un tasso di positività totale del 1,3 per cento (0,57 in giorno precedente).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Stretta del Papa sulla Messa antica, ‘Situazione preoccupa’
Saranno i vescovi i responsabili delle disposizioni per le celebrazioni in latino
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
16 luglio 2021
18:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Stretta di Papa Francesco sulle Messe celebrate in rito antico. Il Pontefice ha pubblicato un Motu Proprio che modifica le norme delle celebrazioni nella liturgia precedente il Concilio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Saranno i vescovi ad essere responsabili delle disposizioni. Le Messe in latino e con il sacerdote rivolto con le spalle ai fedeli in ogni caso non si potranno più celebrare nelle chiese parrocchiali. E’ “una situazione che mi addolora e mi preoccupa”, scrive il Papa in una lettera ai vescovi del mondo, sottolineando che “l’intento pastorale dei miei Predecessori” proteso al “desiderio dell’unità” è stato “spesso gravemente disatteso”.
Il Pontefice ricorda che tale possibilità era stata concessa per evitare lo scisma con i Lefebvriani ma molti tradizionalisti hanno fatto un “uso strumentale” di questo rito anche per rifiutare il Concilio Vaticano II.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Papa Francesco, nella lettera ai vescovi con la quale spiega le motivazioni delle nuove norme che disciplineranno le Messe in rito antico, sottolinea “un uso strumentale del Missale Romanum del 1962, sempre di più caratterizzato da un rifiuto crescente non solo della riforma liturgica, ma del Concilio Vaticano II, con l’affermazione infondata e insostenibile che abbia tradito la Tradizione e la ‘vera Chiesa'”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Papa chiede dunque ai vescovi maggiore responsabilità e vigilanza su coloro che chiedono di celebrare la Messa nel rito antico. L’obiettivo di tenere unite le varie ‘anime’ della Chiesa, tra tradizionalisti (soprattutto i seguaci di Marcel Lefebvre) e progressisti, è sostanzialmente fallito. La Messa antica era “una possibilità offerta da san Giovanni Paolo II e con magnanimità ancora maggiore da Benedetto XVI al fine di ricomporre l’unità del corpo ecclesiale nel rispetto delle varie sensibilità liturgiche” ma “è stata usata – sottolinea Francesco nella lettera ai vescovi di tutto il mondo – per aumentare le distanze, indurire le differenze, costruire contrapposizioni che feriscono la Chiesa e ne frenano il cammino, esponendola al rischio di divisioni”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ma Papa Bergoglio punta l’indice anche contro chi, al contrario, sfora in veri e propri “abusi” nelle celebrazioni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, focolaio in comitiva spagnoli a Valtournenche
Su 30 maestri di sci positivi in 4, atteso tampone per altri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AOSTA
16 luglio 2021
13:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Quattro maestri di sci spagnoli che da alcuni giorni alloggiano in albergo a Valtournenche sono risultati positivi al Coronavirus. Sono parte di un gruppo di una trentina di connazionali che si trovano in due strutture ricettive della località ai piedi del Cervino per un corso.
In base alle prime informazioni raccolte pare che non abbiano utilizzato gli impianti di risalita dal momento del loro arrivo.
L’intera comitiva è ora in isolamento/quarantena fiduciaria in attesa degli esiti di tutti i tamponi e dell’attività di tracciamento dei contatti. Queste procedure, fa sapere l’amministrazione regionale, consentiranno di valutare eventuali iniziative di quarantena o la possibilità, per alcuni, di rientro a casa già nelle prossime ore.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In paese Calabria green pass obbligatorio per iniziative
Sindaco Aprigliano, diritto a salute primario su diritti no-vax
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
APRIGLIANO
16 luglio 2021
13:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per assistere alle manifestazioni di intrattenimento, culturali e sportive in programma durante l’estate ad Aprigliano, comune di 2.700 abitanti in provincia di Cosenza, sarà obbligatoria l’esibizione da parte degli over 15, della “certificazione verde Covid-19” .
Lo ha stabilito il sindaco Alessandro Leonardo Porco, di Italia viva, con una propria ordinanza.

“Il diritto alla salute dei miei concittadini – ha spiegato Porco – viene prima della libertà individuale dei No-Vax. Ho voluto adottare la presente ordinanza per la tutela della salute della nostra comunità che, in questo momento, è ‘covid free’ anche grazie alla campagna vaccinale che ha dato possibilità a tutti di preservarsi dal contagio”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sicilia: norme su sanatoria edilizia, polemiche e reazioni
Anche un emendamento per costruzioni entro 150 metri dalla costa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
16 luglio 2021
13:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nella maggioranza di centrodestra in Sicilia si prende tempo per valutare la posizione da assumere in merito alla proposta di “sanatoria” delle costruzioni abusive entro i 150 metri dalla costa, contenuta in un emendamento aggiuntivo al ddl sull’edilizia che sarà esaminato la prossima settimana dall’Ars. Un ddl che ha già provocato polemiche e reazioni dopo l’approvazione dell’articolo 20, poi stralciato e diventato un mini-ddl di un solo articolo in attesa del voto finale, che prevede la sanatoria per le costruzioni in aree sottoposte a vincolo relativo.
Adesso è il momento della proposta di sanare gli “abusi sulle coste” con l’emendamento presentato da Giorgio Assenza, parlamentare regionale del gruppo Diventerà Bellissima che fa riferimento al presidente della Regione Nello Musumeci. Sono in corso contatti e riunioni dentro i gruppi parlamentari di maggioranza per decidere sul sostegno alla proposta, anche sulla base di valutazioni tecniche oltre che politiche. Anche nel governo si sta valutando la posizione da assumere e da comunicare all’aula al momento del voto. L’aula è stata convocata per martedì prossimo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Violenza sulle donne, il diritto alla protezione spesso disatteso
Rapporto commissione inchiesta Senato su femminicidio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 luglio 2021
13:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“La Convenzione di Istanbul, che prescrive di rendere concreto il diritto delle vittime alla protezione, resta in larga parte ancora disattesa” in Italia, nonostante molto sia stato fatto e alcuni tribunali presentino bestia practice da diffondere. Questa una delle conclusioni del rapporto sulla violenza di genere e domestica nella realtà giudiziaria approvato dalla commissione di inchiesta del Senato sul femminicidio presentato oggi.
L’indagine è stata svolta somministrando attraverso un’applicazione informatica appositi questionari a procure, tribunali ordinari, di sorveglianza, Csm, scuola superiore della magistratura, consiglio nazionale forense e ordini degli psicologi focalizzando l’attenzione sul triennio 2016-2018. In ambito giudiziario, la conclusione, “serve molta più formazione e specializzazione per riconoscere e con affrontare con efficacia la violenza contro le donne, sanzionarla, prevenire escalation, sostenere le donne che denunciano”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cts: ‘Fondamentale la presenza a scuola, uso mascherine in classe’
Raccomandato il distanziamento da seduti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 luglio 2021
15:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Cts ritiene ‘assolutamente necessario’ dare priorità alla didattica in presenza per l’anno scolastico che partirà a settembre non solo per la formazione ma anche per lo sviluppo psicologico dei ragazzi; sostiene l’importanza di promuovere la vaccinazione nella scuola, tanto del personale scolastico quanto degli studenti; infine raccomanda il distanziamento, ma dove questo non sia possibile, resta fondamentale mantenere le altre misure, a partire dall’uso delle mascherine di tipo chirurgico nei luoghi chiusi. E’ quanto emerge dal verbale del Cts in risposta ai quesiti del Ministero dell’Istruzione.
Il CTS ritiene che tutto il personale scolastico debba essere vaccinato e fa una forte raccomandazione alla politica affinché ogni sforzo sia fatto per raggiungere un’elevata copertura vaccinale di docenti e non docenti, sia promuovendo delle campagne informative, sia individuando delle misure, anche legislative, appropriate, per garantire la più elevata soglia di persone vaccinate, in particolare in quelle Regioni nelle quali ci sono livelli inferiori di dosi somministrate rispetto ad altre Regioni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ quanto emerge dal verbale del Cts che risponde ad alcuni quesiti posti dal ministero di viale Trastevere.
Nelle mense scolastiche il Cts raccomanda l’utilizzo delle mascherine da parte del personale che serve i pasti e, dove la soluzione sia giuridicamente percorribile, anche con il green pass. Il servizio, e questa è una importante novità rispetto allo scorso anno, può essere erogato nelle forme senza porzione monouso ma con il servizio mensa tradizionale. Andranno predisposti punti per il lavaggio delle mani all’ingresso e all’uscita. E’ quanto emerge dal verbale del Comitato tecnico scientifico in risposta alle domande poste dal ministero dell’Istruzione. Per quanto riguarda i test, il Cts ritiene che non debbano eseguirsi test in ambito scolastico né screening antigenici o anticorpali per la frequenza scolastica. Nessun test diagnostico preliminare è necessario, mentre – dove tale soluzione fosse giuridicamente percorribile – può ipotizzarsi la richiesta del green pass per il personale. Nel caso di sintomi di infezione acuta delle vie respiratorie del personale scolastico o degli studenti, si dovrà attivare la procedura di segnalazione e contact tracing da parte della Asl competente. Quanto, infine, alle misure di igienizzazione degli ambienti, il Cts raccomanda la pulizia quotidiana, accurata e ripetuta, di tutti gli ambienti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Verso nuovi criteri per i colori, ‘via il numero di casi’
Speranza: ‘Peseranno di più i numeri delle ospedalizzazioni’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
17 luglio 2021
14:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Aumentano i contagi tra i giovani mentre due milioni e mezzo di italiani tra gli over 60 sono ancora senza vaccino e – con i parametri attuali – alcune regioni rischiano la zona gialla. Il Governo si prepara ad affrontare una settimana decisiva, l’ultima utile per dare una sterzata alla curva dei nuovi contagi, che cominciano a salire spinti dalla variante Delta.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con il prossimo ‘decreto emergenza’ sembra ormai certo che il green pass sarà rilasciato – in linea con l’Ue – solo con la seconda dose. E resta in piedi l’ipotesi di un lasciapassare alla francese includendo, oltre ad aerei, treni ed eventi, anche ristoranti, palestre e piscine al chiuso. Secondo diversi componenti del Comitato Tecnico Scientifico – che sarà riunito sul tema tra lunedì e martedì – bisogna “dare maggiore significatività al green pass”. Sul fronte politico, per superare le divisioni, una mediazione potrebbe essere quella di inserire la misura ‘estensiva’ soltanto nelle regioni fuori dalla zona bianca (non è ancora chiaro se già a partire dalla zona gialla): una modalità che eviterebbe il ritorno a chiusure pesanti in piena estate.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ma anche se alcune regioni si avvicinano al giallo nelle prossime settimane, visto il trend di aumento dell’incidenza dei contagi (in cima Sardegna, Sicilia, Veneto, Lazio e Campania), a scongiurarne il rischio sarà un nuovo cambio di rotta sulla valutazione dei parametri.

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, annuncia che nei cambi di colore e nelle conseguenti misure di contenimento peserà di più “il tasso di ospedalizzazione rispetto agli altri indicatori”. Una soluzione che mette d’accordo anche i territori, pronti a mettersi al riparo da misure più stringenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Chiederemo al Governo di togliere l’incidenza dei positivi dai parametri che muovono zone e colorazioni perché il rischio è di decidere delle chiusure per gente positiva a casa, quando il sistema sanitario è pienamente efficiente”, sottolineano le Regioni. Ma il calcolo dell’incidenza dei positivi ogni centomila abitanti, il cosiddetto Rt sintomi, probabilmente resterà tra i parametri, pur perdendo la sua discrezionalità nel caso in cui l’occupazione di posti letto in terapia intensiva e nei reparti ordinari non superi le percentuali di rischio del 30 e 40%. Anche su quest’ultimo dato, non si esclude una discussione sulla revisione di queste percentuali, così come diventerà sempre più tassativa la necessità di eseguire un numero minimo di tamponi (in zona bianca 150 test ogni 100mila abitanti). Nel prossimo decreto sarà anche prevista la proroga dello stato di emergenza, che al momento termina il 31 luglio. Due sono le ipotesi sulla sua prossima scadenza: fine ottobre oppure fine dicembre. I nuovi provvedimenti aspettano di essere supportati dal progressivo incremento delle vaccinazioni, che hanno raggiunto in queste ore quota 60 milioni e sono quasi 26 milioni gli italiani che hanno completato il ciclo, pari al 48,12% della popolazione over 12.
La Lombardia, intanto, si aggiunge alla lista delle regioni in cui sarà possibile l’inoculazione dei richiami ai turisti di tutte le fasce d’età, in particolare per quelli che trascorrono un periodo di vacanza di almeno 15 giorni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’altra urgenza, in vista del rientro a scuola, è l’immunizzazione dei docenti. In un documento, il Cts fa una forte raccomandazione alla politica affinché ogni sforzo sia fatto per raggiungere un’elevata copertura vaccinale di docenti e non docenti, sia promuovendo delle campagne informative, sia individuando delle misure, anche legislative, appropriate, per garantire la più elevata soglia di persone vaccinate. E il presidente dell’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali, Enrico Coscioni, aggiunge: l’obbligo per alcune categorie oltre a quella dei sanitari va esteso “al mondo della scuola e del pubblico impiego, in particolare quando si hanno rapporti obbligati con il pubblico”. Ma, secondo alcuni, i tempi sarebbero troppo lunghi per arrivare a settembre con una legge che vada in questo senso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Falso su Rsa: Fitto risarcirà 500mila euro a Regione Puglia
Corte Appello, da ex presidente Regione ‘danno enorme a Ente’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
16 luglio 2021
15:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Corte di Appello di Bari, terza sezione civile, ha condannato l’europarlamentare di Fratelli d’Italia Raffaele Fitto, per fatti risalenti a quando era presidente della Regione Puglia, a risarcire la Regione per circa 500 mila euro di danni morali. In sede penale è stata dichiarata anni fa la prescrizione dei reati e oggi il procedimento si è definito in sede civile.
I giudici lo hanno ritenuto responsabile di falso ideologico con riferimento a una delibera di Giunta regionale dell’aprile 2004 relativa all’affidamento a privati della gestione delle Residenze sanitarie assistite.
“La Corte ritiene – si legge nella sentenza – che il falso ideologico commesso da Fitto abbia provocato un enorme danno alla credibilità e all’immagine della Regione”. La Regione Puglia aveva chiesto un risarcimento per danni non patrimoniali pari a 1,5 milioni di euro e patrimoniali pari a oltre 22 milioni. I giudici hanno condannato Fitto per i soli danni morali ma non per quelli patrimoniali.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cluster dopo la partita dell’Italia, 91 contagiati a Roma
Le persone sono risultate positive al Covid dopo avere assistito in un pub alla sfida contro il Belgio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 luglio 2021
15:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 91, ad oggi, le persone risultate positive al Covid dopo avere assistito in un pub a Roma, nella zona di Monteverde, la partita dei campionati Europei di calcio tra Italia e Belgio. In due settimane il dato, in base a quanto rende noto l’Asl Roma 3, è passato da 16 contagiati agli oltre novanta di oggi di cui 13 secondari (in amici e familiari degli avventori o dipendenti).
Il range di età del cluster da coronavirus si attesta tra i 14 e i 60 anni. L’età media dei contagiati è di 21 anni. Dal monitoraggio effettuato sul territorio emergono 16 casi confermati per un cluster in un altro locale a Ostia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sacerdote arrestato: ai domiciliari lontano dalla parrocchia
L’ordinanza notificata mentre si trovava in una colonia estiva
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 luglio 2021
16:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Don Emanuele Tempesta, il sacerdote milanese arrestato nell’ambito di un’inchiesta su presunti abusi ai danni di sette minori, è stato posto ai domiciliari in una località diversa rispetto alla casa vicino alla parrocchia di Busto Garolfo (Milano) di cui era vicario.
Al sacerdote è stata notificata l’ordinanza cautelare del gip di Busto Arsizio (Varese) mentre si trovava in una colonia estiva, ma è stata scelta una località diversa anche da questa per gli arresti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Abusi chierichetti Papa: 6 ottobre la sentenza del processo
Lo ha annunciato il presidente del Tribunale del Vaticano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
16 luglio 2021
16:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La sentenza del processo per i presunti abusi al Preseminario San Pio X, che ospita i chierichetti del Papa, ci sarà il 6 ottobre 2021. Lo ha annunciato, al termine dell’udienza che si è tenuta oggi, il presidente del Tribunale vaticano, Giuseppe Pignatone.
“Ogni contributo è stato prezioso, il Tribunale a questo punto è in grado di decidere”, ha detto Pignatone.
Gli imputati sono don Gabriele Martinelli, per il quale il Promotore di Giustizia ha chiesto la condanna a sei anni di reclusione, e don Enrico Radice, per il quale il Pg ha chiesto invece quattro anni di reclusione.
Il Preseminario è legato alla diocesi di Como. Un procedimento parallelo è in corso poi al Tribunale di Roma.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da oggi vaccini somministrati anche ai turisti in Lombardia
Per chi trascorre un periodo di vacanza di almeno 15 giorni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 luglio 2021
16:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da oggi in Lombardia è attiva la ‘Reciprocità vaccinale interregionale’, ovvero la somministrazione dei richiami anti Covid-19 ai turisti di tutte le fasce d’età”. Lo annuncia in una nota la Direzione generale Welfare della Regione, spiegando che “in base agli accordi definiti con la Struttura commissariale per l’emergenza Covid da venerdì 16 luglio, i turisti che trascorrono un periodo di vacanza di almeno 15 giorni in Lombardia e che hanno già effettuato la prima dose in un’altra Regione, possono prenotare il richiamo del vaccino anti Covid-19 presso uno dei centri vaccinali lombardi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Chi soggiorna in Lombardia potrà prenotare il vaccino accedendo alla piattaforma regionale di prenotazione all’indirizzo http://www.prenotazionevaccinicovid.it utilizzando la tessera sanitaria e il codice fiscale. La medesima possibilità – chiarisce la Direzione Welfare – è data naturalmente ai turisti lombardi che soggiornano per almeno 15 giorni in un’altra Regione italiana, i quali “possono cercare informazioni sui portali regionali di servizio, dedicati alla vaccinazione anti-Covid”. Per accedere alla vaccinazione in Lombardia – sottolinea la Regione – è necessario effettuare sul portale una richiesta di preadesione inserendo i propri dati, attraverso il pulsante ‘Richiedi abilitazione’. Entro 24/48 ore dalla domanda sarà possibile procedere, sempre sulla piattaforma, con la prenotazione della vaccinazione, che avverrà durante il soggiorno in Lombardia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Morto De Rienzo: Procura Roma apre fascicolo di indagine
Disposta autopsia sul corpo dell’attore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 luglio 2021
16:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura di Roma ha aperto un fascicolo di indagine in relazione alla morte dell’attore Libero De Rienzo trovato privo di vita nella sua abitazione nella zona Madonna del Riposo. Il procedimento è coordinato dal sostituto procuratore Francesco Minisci.
Il magistrato ha disposto l’autopsia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: continua aumento contagi, terapie intensive risalgono
Quasi 3 mila casi, 11 morti. In rianimazione 8 pazienti in più
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 luglio 2021
17:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Continua inesorabile la salita dei contagi da coronavirus in Italia. Sono 2.898 i positivi ai test nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute.

Ieri erano stati 2.455. Sono invece 11 le vittime in un giorno, mentre ieri erano state 9.
Sono 205.602 i tamponi molecolari e antigenici effettuati, mentre ieri erano stati 190.922. Il tasso di positività è dell’1,4%, in ulteriore crescita rispetto all”1,3% di ieri.
Sono ora 161 i pazienti in terapia intensiva, in aumento di 8 nel saldo tra entrate e uscite, secondo giorno di fila di risalita del dato. Gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute, sono 13 (ieri erano stati 11). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 1.088, quindi in calo di appena uno rispetto a ieri.
I casi in Italia dall’inizio dell’epidemia sono 4.281.214, i morti 127.851. I dimessi ed i guariti sono invece 4.110.649, con un incremento di 1.070 rispetto a ieri. Gli attualmente positivi sono 42.714, in aumento di 1.814 unità nelle ultime 24 ore. Le persone in isolamento domiciliare sono 41.465 (+1.807).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Caritas Roma,migranti e senzatetto gli “invisibili”
Report su salute e fragilità sociale, sono centinaia di migliaia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
16 luglio 2021
17:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“La pandemia ha fatto emergere un senso collettivo di inadeguatezza, forse una mancanza, certamente un bisogno di protezione e ha sottolineato l’importanza di disporre di un Servizio sanitario a impronta marcatamente pubblica, diffuso omogeneamente sul territorio nazionale e capace di tutelare la salute di tutti, al di sopra degli interessi particolari”. E’ quanto sottolinea la Caritas di Roma nel Rapporto “Salute e fragilità sociale in tempo di pandemia: un punto di vista”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tra le criticità riscontrate in Italia nei mesi di pandemia emergono quelle che riguardano la popolazione straniera. “Si è registrata infatti una sproporzione di impatto di salute per gli immigrati con un maggiore rischio di morte nei pazienti provenienti da Paesi a basso Indice di Sviluppo Umano ed un ritardo di diagnosi (15-30 gg)”, sottolinea Caritas Roma. Nei centri di accoglienza, la possibilità di accesso alle misure di prevenzione e di contenimento del contagio sono state a carico degli enti gestori senza indicazioni da parte delle Istituzioni. Alto è il rischio di “invisibilità” per quello che riguarda le vaccinazioni in un contesto in cui, da giugno 2021, alcune Regioni hanno cominciato a vaccinare in modo disomogeneo e discontinuo. Persone che rischiano di rimanere ai margini o esclusi dal sistema: 500.000 immigrati senza un permesso di soggiorno che per accedere alle prestazioni sanitarie possono però avere il codice Stp; altre decine di migliaia, ma difficilissimi da quantificare, i comunitari non in regola amministrativamente, che per l’accesso alla sanità possono richiedere la tessera Eni; 200 mila gli stranieri che hanno fatto domanda di regolarizzazione e che non ha ricevuto alcuna risposta e sono in un “limbo amministrativo”.
Vi sono anche oltre 50.000 senza dimora, molti dei quali non in contatto con la rete di volontariato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ritrovato il corpo del sub disperso ieri a Cala Luna
Trovato a 16metri di profondità e a 120metri da ingresso grotta
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NUORO
16 luglio 2021
17:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato rinvenuto alle 16.45 il corpo di Paolo Sedda, il sub disperso ieri nella grotta antistante la spiaggia di Cala Luna, sulla costa centro orientale della Sardegna. Il corpo del 48enne, agente in servizio nella Questura di Nuoro, è stato avvistato nella quarta immersione di oggi degli specialisti speleo-sub dei Vigili del Fuoco ad una profondità di 16 metri e ad una distanza di 120 metri dall’ingresso della grotta risorgiva.
In questi momenti si sta procedendo al recupero della salma dall’interno della cavità subacquea.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Hit Parade, Maneskin ancora saldi in vetta
Poi Sangiovanni e Rkomi, Don Joe debutta quarto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 luglio 2021
18:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I Maneskin, galvanizzati dagli enormi successi sulla chart mondiale di Spotify, restano saldi in vetta alla hit parade Fimi/Gfk per la seconda settimana consecutiva con il loro Teatro d’ira (anche secondo tra i vinili più venduti) e confermano l’ottava posizione con il loro Ep di debutto Chosen. Stabile anche il secondo posto con Sangiovanni, giovane cantautore finalista di Amici di Maria De Filippi, e la terza posizione del rapper Rkomi con Taxi Driver.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Debutta al quarto posto il producer milanese Don Joe con l’album Milano soprano che vanta 25 feat tra cui Guè Pequeno, Jake La Furia, Marracash, J-Ax e Jack The Smoker.
Scivola di un posto in quinta piazza il rapper Fred De Palma con il suo Unico. Conferma la sesta posizione Madame mentre perde due posizioni e si trova settimo il campano Aka 7even, tra i protagonisti della ventesima edizione di Amici, con l’album omonimo. Chiudono la top Don’t worry best of dei Boomdabash che salgono al nono posto e Radio Italia Summer Hits al decimo.
Il singolo più scaricato è ancora Mille, del trio Fedez, Achille Lauro & Orietta Berti mentre tra i vinili più venduti debutta il remix di Origin of Symmetry, secondo album in studio dei Muse del 2001.   SPETTACOLI MUSICA E CULTURA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Cannes: applausi e commozione alla premiere di Bellocchio
In sala Valeria Golino. Domani Sorrentino consegna la Palma
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CANNES
16 luglio 2021
18:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Applausi scroscianti e tanta emozione alla premiere di Marx può aspettare di Marco Bellocchio stasera al festival di Cannes. Prima ancora dell’inizio l’accoglienza in sala era stata calorosa, di vera ovazione.
Alla fine, dopo un’ovazione di quasi dieci minuti è stato lo stesso regista ad interrompere gli applausi e prendere il microfono da Thierry Fremaux. “Se questo che avete visto vi ha emozionato vuol dire che c’è qualcosa che esce dalla casa di Bellocchio e arriva a tutti…”.
Nella platea sold out della sala Debussy accanto a Bellocchio c’era la sua famiglia con i figli Pier Giorgio e Elena e la moglie Francesca Calvelli. E, a sorpresa anche Valeria Golino.
Domani sarà Paolo Sorrentino, stasera confermato ufficialmente dal delegato del festival Fremaux, a consegnargli la Palma d’oro d’onore, mentre in sala a fargli festa è in arrivo per la cerimonia di chiusura Pier Francesco Favino, il Buscetta del suo ‘Traditore’.   CINEMA   MONDO

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

COVID: schizza sopra l’1 Rt in Sardegna
Sono 140 i nuovi casi, ma nessuna pressione in ospedali
c
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
16 luglio 2021
19:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Preoccupazione in Sardegna per la diffusione della variante Delta. Con l’aumento dei contagi, oggi schizzati a 140 con un tasso di positività che sale al 35, l’Isola mostra un Rt pari a 1.12 – tra le regioni con l’indice più alto – e l’incidenza più alta in Italia (33,2%) nel periodo di riferimento relativo alla settimana 9-15 luglio L’isola teme il passaggio in zona gialla anche se per ora i parametri non sono così alti da giustificare un cambio di colore immediato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tanto più che alcuni criteri dovrebbero essere presto rivisti dalla cabina di regia nazionale a fronte dell’aumento del numero dei vaccinati e della bassa ospedalizzazione.
Nel frattempo dall’ultimo monitoraggio settimanale dell’Iss-ministero della Salute emerge che sono sei le Regioni e Province autonome con un valore dell’indice di trasmissibilità Rt puntuale superiore a 1 questa settimana (Abruzzo, Campania, Liguria, Provincia Autonoma di Bolzano, Sardegna, Veneto). E sempre la Sardegna, con Sicilia e Veneto è tra le tre Regioni con l’incidenza più alta, mentre è solo allo 0,5% per l’occupazione delle terapie intensive. Non si registrano decessi ma solo un ricovero in più in area medica.
Prosegue, nel mentre, la campagna di vaccinazione e con il 91,7% delle dosi a disposizione somministrate, la Sardegna è settima tra le regioni italiane (la media è 91,2%). Intanto sono arrivate nell’Isola altre 53mila dosi del vaccino Pfizer e sono attese anche ulteriori dosi di Moderna.
“La vera sfida per non avere problemi, e già non abbiamo più tempo, è quello di avere certezza di vaccinare subito tutti gli operatori del settore turistico: la sicurezza delle vacanze passa per il vaccino non per il green pass”, dice il presidente regionale di Federalberghi, Paolo Manca. Dopo i numeri bassi di giugno, è buono il trend di prenotazioni per fine luglio e agosto. “Il vero banco di prova sono settembre e ottobre – conclude -: dobbiamo portare gli stranieri e garantire da subito quell’alto livello di sicurezza che evidentemente ancora oggi i mercati esteri non sentono, preferendo destinazioni più vicine”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Abusi su ragazzina, divieto di avvicinamento per seminarista
L’uomo è addetto all’oratorio di una parrocchia nel milanese
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 luglio 2021
19:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per aver violentato una ragazzina di 15 anni un seminarista di 26 anni, aiuto del parroco e addetto alla gestione dell’oratorio in un comune del milanese, ha ricevuto una misura dell’obbligo di allontanamento e divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla sua sua giovane vittima. In questo caso l’oratorio, la parrocchia e la scuola del paese.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A firmare il provvedimento è stato il gip di Milano Alessandra Clemente che ha rigettato la richiesta di arresto avanzata dal pm Alessia Menegazzo.
Da quanto si è saputo il seminarista, conosciuto da tutti nella zona e incaricato di seguire i ragazzini come educatore, nei mesi scorsi, approfittando delle insicurezze della ragazzina legate all’adolescenza, ha cominciato con l’invio insistente di messaggini, molti dei quali con i canali social, per poi andare oltre. La scoperta delle violenze e degli abusi è avvenuta dopo che la 15enne è finita in ospedale, dove è rimasta ricoverata per parecchie settimane a causa delle gravi conseguenze psicologiche e fisiche per quello che aveva subito. Lì, pian piano, la giovane vittima ha preso coraggio e ha raccontato quel che era accaduto. Immediatamente il seminarista è stato trasferito in una località lontana dall’oratorio dove gli è stata notificata la misura disposta dal giudice con le accuse di violenza sessuale aggravata e produzione di materiale pedopornografico.
Lunedì prossimo si terrà l’interrogatorio di garanzia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cannes: Dario Argento, ho improvvisato per Noé
In Vortex storia di due anziani in Split Screen
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CANNES
16 luglio 2021
19:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“È la prima volta che faccio l’attore ed ero inizialmente molto perplesso. Poi Noé mi ha rasserenato e ho scoperto che dovevo solo improvvisare su un tema che cambiava ogni volta e farlo insieme alla mia compagna sofferente”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Così Dario Argento in qualità di attore sulla Croisette per il film VORTEX di Gaspar Noé (coproduzione italo argentina) che passa stasera a Cannes Premiere. Noé (IRREVERSIBILE, CLIMAX) lo ha infatti scritturato e coinvolto insieme a Françoise Lebrun e Alex Lutz in un film che racconta gli ultimi giorni di una coppia di vecchi amanti.
VORTEX è tutto realizzato in Split – Screen, ovvero in uno schermo diviso esattamente in due dove l’uno segue la vita dell’altro in totale contemporaneità. Solo raramente il braccio o la mano dell’uno entra nello spazio dell’altro.
E va detto che il re dell’horror italiano in VORTEX non si risparmia e si mostra, in più di una scena, a petto nudo in tutta la sua fragilità di persona non più giovane. “Ci sono due forme di vita che non si dividono davvero mai – ha detto il regista argentino a IndieWire sull’uso dello Split Screen – perché sono complementari. Ognuna vive nel proprio tunnel, ma è comunque connessa con l’altra. La vita è un po’ così. L’unica vera realtà – ha aggiunto – è la somma di tutte le sue percezioni”.
Vortex racconta la vita di un critico, interpretato appunto da Dario Argento (“un lavoro che mi riporta indietro a quando ero ragazzo”), e le difficoltà della sua famiglia. Sua moglie è infatti malata di Alzheimer, mentre lui ha un’amante da molti anni che è stato costretto ad abbandonare per occuparsi a tempo pieno della moglie, e come se non bastasse i due hanno un figlio alle prese con la tossicodipendenza.
Dario Argento pensa che VORTEX sia un film che “parla d’amore anche oltre quanto si immagini, un amore che a volte è così forte che ti porta oltre la stessa realtà. E nel caso di persone non più giovani questo può diventare drammatico”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Uomo ucciso durante rapina mentre preleva da bancomat
Nel Leccese dinanzi alla moglie che lo aspettava in auto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
LEQUILE
17 luglio 2021
08:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un uomo di 69 anni, Giovanni Caramuscio, è stato ucciso poco prima della mezzanotte mentre prelevava contanti da uno sportello bancomat nel centro di Lequile, nel Leccese. Ad aggredirlo sarebbero state due persone che lo hanno sorpreso di spalle mentre stava per utilizzare la tessera bancomat.
Secondo una prima ricostruzione, l’uomo avrebbe reagito e uno dei rapinatori ha sparato colpendolo con due colpi al torace. La vittima è un ex direttore di banca. La moglie, che lo stava aspettando in auto, avrebbe assistito all’aggressione. Sull’accaduto indagano i carabinieri. Sul posto è intervento personale del 118.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Caso Eni: ex pm Davigo indagato a Brescia
Per via dei verbali dell’avvocato Amara consegnati da Storari
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
17 luglio 2021
08:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’ex consigliere del Csm Piercamillo Davigo, ex pm del pool Mani Pulite è indagato a Brescia per rivelazione del segreto d’ufficio. A Davigo nell’aprile 2020 il pm Storari consegnò verbali segreti che da dicembre 2019 a gennaio 2020 il plurindagato Amara, ex avvocato esterno Eni, aveva reso su un’asserita associazione segreta, denominata «Ungheria» e condizionante toghe e alti burocrati dello Stato: controverse dichiarazioni che per Storari andavano chiarite rapidamente, anziché a suo avviso relegate “in un limbo di immobilismo investigativo dai vertici della Procura”.
Piercamillo Davigo indagato a Brescia
Per rivelazione del segreto d’ufficio sul caso Eni
APPROFONDIMENTO
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
17 luglio 2021
18:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’ex consigliere del Csm Piercamillo Davigo, ex pm del pool Mani Pulite è indagato a Brescia per rivelazione del segreto d’ufficio. Secondo quanto scrive” Il Corriere della Sera”, a Davigo nell’aprile 2020 il pm Storari consegnò verbali segreti che da dicembre 2019 a gennaio 2020 il plurindagato Amara, ex avvocato esterno Eni, aveva reso su un’asserita associazione segreta, denominata «Ungheria» e condizionante toghe e alti burocrati dello Stato: controverse dichiarazioni che per Storari andavano chiarite rapidamente, anziché a suo avviso relegate “in un limbo di immobilismo investigativo dai vertici della Procura”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Piercamillo Davigo, scrive “Il Corriere della Sera”, era consigliere Csm sino al pensionamento nell’ottobre 2020, ex pm di Mani pulite e giudice di Cassazione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Davigo nell’aprile 2020 il pm Storari consegnò (in formato word non firmato) i verbali segreti che da dicembre 2019 a gennaio 2020 il plurindagato Amara, ex avvocato esterno Eni, aveva reso (appunto a Storari e al procuratore aggiunto Laura Pedio) su un’asserita associazione segreta, denominata «Ungheria» e condizionante. L’11 maggio scorso in tv a Di Martedì Davigo spiegò che Storari gli aveva «segnalato una situazione critica e dato il materiale necessario per farmi un’opinione, dopo essersi accertato che fosse lecito. Io spiegai che il segreto investigativo, per espressa circolare del Csm, non è opponibile al Csm». Circa l’impasse in Procura a Milano, per Davigo il problema era “che, quando uno ha dichiarazioni che riguardano persone in posti istituzionali importanti, se sono vere è grave, ma se sono false è gravissimo: quindi, in un caso e nell’altro, quelle cose richiedevano indagini tempestive. Mi sembrava incomprensibile la mancata iscrizione”. Per Davigo, “la necessità di informare in maniera diretta e sicura i componenti del Comitato di presidenza Csm (perché questo dicono le circolari”). L’ex pm di Mani Pulite ne aveva parlato, “in misura e in momenti diversi, quantomeno al vicepresidente Csm Ermini; agli altri due membri del Comitato, il procuratore generale e il presidente della Cassazione, Giovanni Salvi e Pietro Curzio; nonché (per spiegare i propri raffreddati rapporti con il consigliere Ardita evocato da Amara) ad alcuni consiglieri Csm e all’onorevole Morra, presidente dell’Antimafia”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cannes, piccoli tesori lontano dal red carpet
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
17 luglio 2021
12:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’ altra Cannes: i documentari, i classici restaurati, il mercato. I nuovi autori che stanno innovando il cinema, secondo il critico scozzese che ha rinnovato la critica, Mark Cousins.
Il restauro di un classico del dopoguerra, Il cammino della speranza di Pietro Germi, ad opera del Centro Sperimentale. E i vampiri sono nati in Serbia o in Transilvania? Alla scoperta del cinema lontano dal red carpet.
Ci tenevo a sottolineare questa notizia, non considerata da alcuno.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lite tra vicini di casa, grave uomo accoltellato a Novara
Si è accasciato in strada dopo essere fuggito, indaga la polizia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NOVARA
17 luglio 2021
10:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono gravissime le condizioni di un uomo di circa sessant’anni accoltellato stamattina a Novara in via Valsesia. Dai primi riscontri sembra che a colpirlo sia stato un vicino di casa.
Il ferito sarebbe fuggito in strada accasciandosi nei pressi del sottopasso pedonale. Scattato l’allarme, sul posto stanno intervenendo la polizia e il 118 che ha trasportato il ferito all’ospedale Maggiore, dove è stato ricoverato in fin di vita in Rianimazione.   PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Cresce la dispersione scolastica, mancano tecnici
Studio Cgia: Italia al terzo posto in Ue con 13,1%, peggio Malta e Spagna
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
17 luglio 2021
13:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con 543mila giovani che nel 2020 hanno lasciato la scuola dopo la licenza media, l’Italia è al terzo posto nell’ Ue per tasso di dispersione scolastica. Lo rileva la Cgia la quale evidenzia che le Pmi, specie del Nord, hanno difficoltà di reperire figure professionali di elevata specializzazione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E nei prossimi anni, con l’avvento della cosiddetta “rivoluzione digitale”, queste criticità rischiano di assumere dimensioni ancor più preoccupanti. Secondo Unioncamere del milione e 280mila nuove assunzioni previste dalle imprese tra luglio e settembre di quest’anno, quasi il 31% sarà difficilmente reperibile. Sono circa 400 mila posizioni lavorative inevase. La dispersione scolastica in Italia è 8 volte superiore ai cosiddetti “cervelli in fuga”. Nel 2020, infatti, sono stati 543mila gli studenti che hanno abbandonato prematuramente la scuola contro i 68mila con un titolo di studio medio-alto che sono andati all’estero per ragioni di lavoro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le cause della “fuga” dalla scuola sono principalmente culturali, sociali e economiche: i ragazzi che provengono da ambienti socialmente svantaggiati e da famiglie con un basso livello di istruzione hanno maggiori probabilità di fermarsi prima di aver completato il percorso di studi che li porta a conseguire almeno il diploma. Talvolta l’abbandono può essere causato da una insoddisfazione per l’offerta formativa disponibile. In questo senso va sottolineato il lavoro inclusivo svolto dagli istituti di Istruzione e Formazione Professionale che sono diventati un punto di riferimento per gli allievi di nazionalità straniera, per quelli con disabilità e per gli studenti reduci da insuccessi scolastici precedenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel 2020 l’Italia si è collocata al terzo posto tra i 19 paesi Ue per abbandono scolastico tra i giovani tra 18 e 24 anni: il 13,1% (543mila).
Solo Malta (16,7%) e Spagna (16%) fanno peggio. La media Ue è al 10,2% (quasi 3 punti in meno che da noi). Tra il 2010 e il 2020 la contrazione del fenomeno in Italia è stata del 5,5%, pressoché in linea con la media UE (-5,2%). Il Sud registra i livelli più alti di abbandono: in Sicilia il 19,4%, poi la Campania (17,3%) e la Calabria (16,6%) dove, in 10 anni, l’abbandono scolastico è aumentato dello 0,6%. Le più virtuose: Abruzzo (8%), Friuli V.G. (8,5%), Molise (8,6%) e Emilia R.
(9,3%).Il Nordest è l’area che soffre meno di questo fenomeno sia per l’incidenza percentuale di abbandono (9,9%) che per il più basso numero in termini assoluti di “uscite” premature dalla scuola (-77mila).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Estate, code al traforo del Monte Bianco
Un’ora di attesa sul piazzale francese in direzione dell’Italia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AOSTA
17 luglio 2021
10:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si registra traffico intenso stamane al traforo del Monte Bianco: sul piazzale francese della galleria, in direzione dell’Italia, il tempo di attesa è di 60 minuti. In base alle previsioni della società di gestione, il Geie Tmb, la viabilità tornerà regolare a partire dal primo pomeriggio.

Tra le 16 e le 19 sono attese code sul piazzale italiano della galleria, in direzione della Francia, con tempi di attesa superiori ai 30 minuti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: anche in Sardegna rivolta contro green pass in locali
Locandina sulle vetrine del ristorante,”ingresso libero a tutti”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CURCURIS
17 luglio 2021
10:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Parte da Curcuris, piccolo centro dell’Oristanese ai piedi del monte Arci, la rivolta sarda contro i paventati divieti di ingresso in ristoranti, piscine e altri luoghi pubblici senza Green pass.
Jonata Cancedda, 32 anni, ha affisso una locandina all’ingresso del suo bar-ristorante-pizzeria.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Testo molto chiaro e diretto.
“Qui non chiediamo il green pass per entrare”. Cancedda, che è coordinatore provinciale di Oristano di Italexit di Paragone, appoggia l’iniziativa nazionale portata avanti dal candidato sindaco di Torino Ivano Verra.
“Non ritengo giusto che vengano lesi i diritti di chi non è vaccinato- spiega – io non sono contro i vaccini. Non è questo il problema. Ma non sopporto che ci possano essere discriminazioni e diversità tra chi è vaccinato e chi con è vaccinato. Non vogliamo differenze o marchiature condannate ora e nel passato dalla storia”.
Prime reazioni? “Chi ha visto la locandina – continua Cancedda – ha detto che l’iniziativa è giusta. D’altra parte un terzo della popolazione non è vaccinata. E tanti, per molte ragioni, non vogliono questo vaccino”. Il motto è “il pass non passa”. E il messaggio diffuso a livello nazionale è molto esplicito: “Ce l’hai? Bene. Non ce l’hai? Va bene uguale. Noi vogliamo solo fare il nostro lavoro, che non è quello di fare i controllori”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Marina Abramović ai giovani, trovate muri da attraversare
Artista al MAXXI, arte è ossigeno società, ora è tempo di agire
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
17 luglio 2021
11:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Voglio dire ai giovani artisti di non preoccuparsi delle opinioni altrui e di seguire il proprio cuore: fatevi sorprendere dal mondo e trovate muri da attraversare”: è un invito all’azione e a un’arte necessariamente ‘militante’ quello che Marina Abramović ha rivolto il 16 luglio al pubblico del MAXXI di Roma, nel corso di una conversazione con il direttore artistico del museo Hou Hanru.
In un completo scuro sobrio ma con qualche trasparenza, appassionata, ironica e carismatica, l’artista è salita sul palcoscenico estivo del museo per raccontarsi di fronte a una platea composta per lo più da giovani, nell’ambito di un evento sold out organizzato in occasione della mostra “Più grande di me. Voci eroiche dalla ex-Jugoslavia” allestita fino al 12 settembre, in cui è presente la sua celebre opera “Rhythm 0” del 1974.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“L’arte deve essere ossigeno per la società, deve porre le giuste domande, non essere un bene di consumo. Abbiamo tutti delle responsabilità, ora è tempo di agire”, ha detto l’artista, dopo essere stata accolta e introdotta dalla presidente della Fondazione MAXXI, Giovanna Melandri, “Ognuno ha la propria storia e più si va in profondità dentro se stessi e più arriva il messaggio. Per produrre cambiamenti dentro le persone c’è bisogno di grandi tragedie. La pandemia è stata una catastrofe che ha colpito tutti e ha prodotto un impatto forte a livello di coscienza del pianeta. Abbiamo compreso quanto siamo fragili e mortali e quanto siamo incapaci di resistere alla sofferenza”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: allo Spallanzani 31 ricoverati, finora 2868 dimessi
Quattro in terapia intensiva
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
17 luglio 2021
11:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 31 al momento i pazienti positivi al tampone per la ricerca di Sars-CoV-2 ricoverati allo Spallanzani di Roma; 4 pazienti sono ricoverati in Terapia Intensiva. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali sono finora 2868.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Struggente Butterfly, Corinne Winters conquista il Circo Massimo
Applausi al direttore Renzetti e alla regia di Ollè
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
17 luglio 2021
12:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Corinne Winters ha conquistato il Circo Massimo con la sua struggente Madama Butterfly. Il soprano americano, al debutto all’Opera di Roma, ha dato voce e corpo con grande intensità alla protagonista del capolavoro pucciniano, la quindicenne giapponese innamorata ingenuamente dell’americano Pinkerton che tradirà i suoi sogni abbandonandola al suo destino ”sola e rinnegata”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Al termine il pubblico l’ha premiata con una ovazione, battendo i piedi sulle gradinate.
Applausi anche a Saimir Pirgu, nonostante sia parso meno brillante nel muoversi nei panni del ‘politicamente scorrettissimo’ uomo d’affari che sposa la ragazza e la illude di un suo ritorno. Apprezzamenti sono andati al maestro Donato Renzetti alla guida dell’orchestra, e al regista spagnolo Alex Ollè, che ha adattato alle esigenze del nuovo spazio l’allestimento proposto con grande successo nel 2015 e l’anno successivo alle Terme di Caracalla. La sua lettura di Madama Butterfly ”come perdita del paradiso” ha attualizzato la vicenda nella quale il confronto tra i due personaggi diventa lo scontro di due mondi inconciliabili, il candore della giovane pronta a passare dall’abito rituale agli hot pants, calze a rete e canottiera con bandiera a stelle e strisce, e il calcolo di Pinkerton che non è più un ufficiale della marina degli Stati Uniti ma un palazzinaro senza scrupoli, ”simbolo di uno tsunami neoliberista, ultima conseguenza del feroce colonialismo, capace di distruggere ogni cosa”. La scena suggestiva del matrimonio giapponese, con i lunghi drappi rossi mossi quasi al rallentatore del vento, e le promesse d’amore di Cio-Cio-San pronta a cambiare vita e religione per farsi americana accettando di essere ripudiata dai familiari, lascia il posto nel secondo e nel terzo atto alla sua modesta abitazione in cui vive con il figlio di cui Pinkerton non sapeva, circondata in lontananza da fabbricati in costruzione che si innalzano senza sosta. Qui Butterfly nel celebre ”un bel dì vedremo” spiega alla ancella fedele Suzuki le sue certezze di un futuro con Pinkerton destinate fatalmente a infrangersi.
Quattro le repliche, il 20, 29 e 31 luglio e il 6 agosto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Solinas, ordinanza su controlli arrivi in Sardegna
“Chiesto a Ue e Governo di controllare green pass con biglietto”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
17 luglio 2021
12:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente della Regione Sardegna, Christian Solinas, firmerà in giornata l’ordinanza regionale con cui saranno ripristinati i controlli covid sui passeggeri in arrivo nei porti e negli aeroporti dell’isola.
L’imminente pubblicazione dell’ordinanza è stata annunciata dallo stesso Solinas, a Sassari, a margine di un convegno organizzato dall’Università per intitolare la Sala consiliare dell’Ateneo a Camillo Bellieni: “Stiamo lavorando per poter firmare l’ordinanza in giornata.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ripristiniamo una intensificazione dei controlli rispetto agli arrivi dai Paesi che in questo momento hanno il più alto tasso di incidenza della variante Delta del virus”, ha spiegato il presidente della Regione. “Purtroppo, ancora una volta, la Sardegna deve provvedere da sé perché questi controlli avrebbero dovuto essere svolti alla fonte, cioè prima che si imbarchino sulle navi e sugli aerei. Avevamo chiesto allo Stato e all’Europa di chiedere una verifica insieme al biglietto del green pass, delle condizioni di negatività, purtroppo dobbiamo ancora intervenire direttamente”, ha precisato Solinas. “Diciamo anche che attualmente la situazione è sotto controllo; fortunatamente le ospedalizzazioni sono basse e questo ci consente di governare il tempo in maniera migliore”. Il presidente si è detto invece contrario al green pass stile francese, per consentire l’ingresso nei locali pubblici: “Il tema vero è il controllo della circolazione virale. Se la Sardegna raggiunge una neutralità di fondo, come aveva fatto, rispetto ai contagi, è sufficiente evitare che arrivino nell’isola persone che portino il contagio. Se chi è positivo non può imbarcarsi su navi e aerei, in Sardegna non c’è bisogno di utilizzare il green pass per ristoranti, hotel e altri locali”.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Bocelli, “Concerto: one night in Central Park” per i 10 anni
Sarà pubblicato rimasterizzato il 10 settembre
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
17 luglio 2021
12:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“È stata una pietra miliare memorabile nella mia carriera. Uno dei suoi momenti più alti ed emotivamente travolgenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un mega-spettacolo che ha richiesto 16 mesi di lavoro, oltre a un’impresa artistica coraggiosa e ambiziosa. Un concerto che è diventato il mio primo album completamente live, per il quale ogni nota è stata registrata dal vivo, senza rete di sicurezza”. Così Andrea Bocelli parla di un momento particolarmente toccante della sua carriera, il concerto One Night in Central Park, l’evento che ha siglato il successo globale di Bocelli e il suo percorso di superstar. Ora, l’artista celebra l’evento a distanza di 10 anni con lo speciale album rimasterizzato, Concerto: One Night in Central Park, registrato dal vivo a New York il 15 settembre 2011. Presenta anche nuove interpretazioni, tra cui una nuovissima registrazione di ‘O Sole Mio. Il nuovo album uscirà su Decca Records/Sugar il 10 settembre.
Dedicandolo alla memoria del suo amato padre, che non aveva mai avuto la possibilità di attraversare un oceano, Bocelli parla con affetto dell’incoraggiamento della sua famiglia quando era solo un artista in erba. L’impressionante cast della serata includeva star leggendarie come Celine Dion, Tony Bennett, David Foster e Chris Botti, alla presenza di oltre 70mila fan. “Poco prima di salire sul palco, volevo andare nel mio camerino a dire qualche preghiera, insieme a Filippo Sugar e al resto dei presenti. Ho anche riflettuto sul grande onore che ho avuto, di poter cantare insieme a tanti miei meravigliosi colleghi, proprio dove il mio grande amico e Maestro, Luciano Pavarotti, si era esibito 18 anni prima”, ha raccontato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nascosti in un Tir da Romania a Desio, soccorsi 6 giovani afgani
Scoperti in Brianza da autista all’arrivo in azienda logistica
c
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MONZA
17 luglio 2021
13:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sei giovanissimi afgani, di cui cinque minorenni, sono stati soccorsi dal 118 dopo aver viaggiato nascosti nel rimorchio di un tir dalla Romania a Desio (Monza). I ragazzini, due sedicenni, tre diciassettenni e un 24 enne, sono stati scoperti dall’autista del mezzo pesante una volta rientrato nella sede della sua azienda di logistica in Brianza, nascosti tra scatole e pezzi di ricambio per auto.

Da lì l’immediata richiesta di supporto al 112 e l’intervento dei sanitari e dei carabinieri. Disidratati e affamati, dopo un viaggio di circa due giorni al buio e al caldo, i giovanissimi sono però risultati in buone condizioni di salute e affidati alle forze dell’ordine.
“Saranno affidati a strutture protette e si tratta di condizioni davvero disperate quando gli arrivi avvengono in queste condizioni” ha spiegato il Procuratore dei Minori Ciro Cascone.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Broker vip accusato di truffa: espulso in Italia
Bochicchio arrivato a Fiumicino con volo di linea da Doha
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
17 luglio 2021
13:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Massimo Bochicchio, il broker accusato di aver truffato diversi vip, arrestato lo scorso 7 luglio a Giacarta, in Indonesia, è stato espulso in Italia. Il broker è arrivato poco prima delle 13 all’aeroporto di Fiumicino con un volo di linea proveniente da Doha.
Appena sbarcato allo scalo romano è stato accompagnato dagli agenti della giudiziaria di Fiumicino negli uffici di Polizia per la notifica dell’ordinanza di custodia agli arresti domiciliari.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Riapre punto nascite Termoli, Tar accoglie ricorso sindaci
Comitati e 8 Comuni chiedevano sospensione provvedimento Asrem
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TERMOLI
17 luglio 2021
14:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Tar Molise ha accolto il ricorso presentato da 8 Comuni, insieme a comitati locali, sospendendo il provvedimento dell’Azienda sanitaria regionale (Asrem) che decretava lo stop ai ricoveri nel reparto di Ostetricia dell’ospedale ‘San Timoteo’ di Termoli (Campobasso).
La decisione dell’Asrem era arrivata due giorni dopo la morte di un neonato, episodio sul quale indaga la Procura di Larino (Campobasso).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La conferma arriva dagli avvocati Vincenzo Iacovino, Vincenzo Fiorni, Massimo Romano e Giuseppe Fabbiano che avevano presentato ricorso ai giudici amministrativi molisani su mandato del sindaco di Termoli, Francesco Roberti, e degli amministratori dei Comuni di Campomarino, San Giacomo degli Schiavoni, Portocannone, Guglionesi, Palata, Montefalcone nel Sannio e Montecilfone, tutti in provincia di Campobasso, insieme a cittadini e comitati locali.
“Considerato che il ricorso si presenta a un primo esame sorretto da censure meritevoli di attento vaglio in sede collegiale – si legge sul dispositivo del Tar Molise – rilevato che la misura oggetto d’impugnativa potrebbe giustificarsi solo se dotata di efficacia contenuta entro un intervallo temporale predeterminato e assai breve. Osservato che i provvedimenti impugnati dispongono, invece, una sospensione a tempo indeterminato del servizio, ritenuto che il ‘periculum in mora’ prospettato integra il requisito della estrema gravità e urgenza, l’istanza cautelare in esame merita accoglimento”. Il giudizio di merito con la trattazione collegiale è fissato per il prossimo 8 settembre. Soddisfatti i legali, che già nel 2019 presentarono ricorso al Tar Molise e in Consiglio di Stato, riuscendo a far riaprire il punto nascite dell’ospedale termolese, chiuso per carenza di personale da un provvedimento dell’allora Commissario ad acta Angelo Giustini.
Per ovviare alle inevitabili difficoltà conseguenti alla chiusura del punto nascite di Termoli, nei giorni scorsi la Asl Lanciano Vasto Chieti aveva assicurato la disponibilità del vicino ospedale abruzzese di Vasto (Chieti) ad accogliere le donne in gravidanza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Espulso in Italia il broker dei vip accusato di truffa
Bochicchio arrivato a Fiumicino con volo di linea da Doha
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
17 luglio 2021
19:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Massimo Bochicchio, il broker accusato di aver truffato diversi vip, arrestato lo scorso 7 luglio a Giacarta, in Indonesia, è stato espulso in Italia. Il broker è arrivato poco prima delle 13 all’aeroporto di Fiumicino con un volo di linea proveniente da Doha.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Appena sbarcato allo scalo romano è stato accompagnato dagli agenti della giudiziaria di Fiumicino negli uffici di Polizia per la notifica dell’ordinanza di custodia agli arresti domiciliari.
Il gip di Roma, secondo quanto comunicato dal legale, aveva revocato la misura del carcere e l’ha convertita in arresti domiciliari, dando atto nel provvedimento della “serietà e fondatezza’ della proposta restitutoria” delle somme agli investitori “che le reclamino”. Nei giorni scorsi l’inchiesta per riciclaggio internazionale a carico del broker, che avrebbe raccolto, stando agli atti, oltre 500 milioni di euro dal 2011 in avanti, è stata trasmessa dai pm milanesi a quelli romani. Bochicchio era stato bloccato all’aeroporto di Giacarta su mandato d’arresto internazionale, basato sull’ordinanza di custodia in carcere firmata dal gip di Milano Chiara Valori, su richiesta dei pm Giovanni Polizzi e Paolo Filippini. La Procura milanese, però, un giorno prima dell’arresto aveva trasmesso per competenza il fascicolo per riciclaggio a Roma, dove era già aperta l’indagine sulle presunte truffe a vip e imprenditori realizzate con la promessa di grossi guadagni su investimenti ad alto rischio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: nelle Marche 53 positivi, incidenza 18,5 su 100mila
Ricoverati restano 13, nessun decesso
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
17 luglio 2021
15:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nelle Marche sono stato rilevati 53 positivi nell’ultima giornata, con un tasso cumulativo di incidenza su 100mila abitanti di 18,5. I ricoverati sono 13 (di cui 2 in intensiva) e nessun decesso, con il totale quindi fermo a 3.038.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Secondo i dati del Servizio Sanità della regione, in positivi rappresentano una positività del 4% su 1.309 tamponi del eprcorso diagnostico screening, sono 2.234 i tamponi testati complessivamente, 634 i test antigenici del percorso screening (con 13 positivi da sottoporre al tampone molecolare), 1.231 i tampini del percorso guariti Sono 19 in positivi rilevati nella provincia di Pesaro Urbino, 13 in quella di Ancona, 13 in quella di Ascoli Piceno, 4 in quella di Macerata, 2 in quella di Fermo e ci sono altri 2 di fuori regione. I 53 nuovi casi comprendono 9 sintomatici, 20 contatti stretti di caso positivo, 12 di contatti domestici, 2 contatti in ambiente di vita/socialità, 1 contato in setting lavorativo, 2 casi extra regione, per altri 2 casi sono in corso approfondimenti epidemiologici. Invariato il quadro dei ricoverati:; 2 in intensiva a Marche Nord, 11 in reparti non intensivi tra Marche Nord, Ancona e Fermo.
Nell’ultima giornata c’è stato un dimesso. C’è un paziente in osservazione al pronto soccorso dell’ospedale di Macerata, sono 8 gli ospiti della Rsa di Campofilone, unica struttura territoriale rimasta ad occuparsi dei casi covid. In aumento i positivi alla data di oggi 1.454 (+35), di cui 1.441 in isolamento domiciliare, e le persone in quarantena per contatti con contagiati, 1.945 (+67). I guariti dall’inizio della pandemia salgono a 99.760.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Fvg,tra vaccinati 0,1% positivi e 0 terapie intensive
Vicepresidente Riccardi, 35 sono stati ricoverati in ospedale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
17 luglio 2021
15:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“I nuovi positivi dopo il ciclo vaccinale concluso da 14 giorni sono lo 0,1 per cento: di questa quota solo una percentuale minimale (35 persone in Fvg, 7,8%) è stato ricoverato e nessun caso ha richiesto l’accesso alla terapia intensiva”. Il dato è stato reso noto dal vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, in occasione del suo intervento alla tavola rotonda ‘Le Regioni a confronto sull’emergenza pandemica – Stato dell’arte nella pandemia: rapporti tra organi dello Stato e Regioni e Province autonome’ organizzata a conclusione del 53° Congresso straordinario della Società italiana di igiene, medicina preventiva e sanità pubblica (Siti).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel corso del dibattito online il vicepresidente Riccardi ha tracciato un bilancio positivo dei rapporti tra Stato e Regioni nel corso della pandemia: “non credo ci possa essere distinzione tra la gestione delle Regioni ordinarie e quella delle speciali.
Nei confronti dello Stato le Regioni hanno avuto opinioni e posizioni spesso diverse, ma sia sotto la presidenza Bonaccini sia nella continuità del mandato del presidente Fedriga c’è stato sempre un rapporto di lealtà. Se oggi siamo in grado di presentare questi risultati è anche merito della collaborazione con lo Stato e le altre Regioni”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sorrentino e Favino, noi groupie di Bellocchio
A Cannes per la Palma d’onore. Il regista, cerco di imitarlo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CANNES
17 luglio 2021
15:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Due groupies speciali, due fan di razza sono arrivati per fare festa a Cannes a Marco Bellocchio che riceve la Palma d’oro d’onore nella cerimonia di chiusura: Paolo Sorrentino e Pierfrancesco Favino, il primo lo ammira il secondo quasi lo venera, protagonista nel ruolo di Tommaso Buscetta nel Traditore. Ecco cosa dicono:
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“E’ un legame di riconoscenza, gioia, privilegio, ho una stima enorme e anche affetto e questo indipendentemente dal fatto che ho lavorato con lui – dice Favino – gravitare intorno al suo mondo, frequentarlo, parlarci è una cosa unica”.
Sorrentino, cosa rara tra i cineasti che magari difficilmente si sbilanciano uno per l’altro, parla di “sconfinato sentimento di ammirazione, di stima. Ultimamente ci stiamo frequentando di più e c’è anche un grande affetto umano. Io poi ho una personalità carente , conoscendolo meglio cerco di imitarlo”. Entrambi hanno amato il film documentario Marx può aspettare, che hanno visto ieri nella proiezione ufficiale finita a lunghi applausi, cui è seguita una cena e poi un party dove hanno pure ballato. “Marco ha una capacità unica che solo pochissimi artisti hanno di essere a contatto con la sincerità e anche con una certa violenza verso se stessi. Io poi – prosegue Favino – sono convinto da qualche tempo che Bellocchio abbia iniziato un’altra frase della sua carriera e questo Marx può aspettare è un bellissimo tassello di quello che arriverà”.
E Sorrentino prosegue sottolineando di aspettare con impazienza “di vedere la nuova fase del suo cinema. Questo film per me è un capolavoro sotto tutti gli aspetti di onestà , sincerità, persino di brutalità con la quale si è messo in gioco. E’ qualcosa di raro: è sia un punto di arrivo ma anche di partenza. E’ un film potentissimo con delle idee meravigliose, quando è finito mi sono dispiaciuto, sarei andato avanti a seguire quella storia”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Lazio, 500 nuovi positivi, 339 a Roma
Assessore, salgono casi ma rimane bassa la pressione su ospedali
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
17 luglio 2021
15:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Oggi su quasi 8mila tamponi nel Lazio (-1187) e oltre 27mila antigenici per un totale di quasi 35mila test, si registrano 500 nuovi casi positivi (+57) e 2 decessi. I ricoverati sono 105, le terapie intensive sono 25, i guariti sono 175”.
Così l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato.
“Il rapporto tra positivi e tamponi è al 6,5% ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale scende allo 1,4%. I casi a Roma città sono a quota 339” aggiunge D’Amato.
“Salgono i casi ma rimane bassa la pressione sugli ospedali” spiega l’assessore sottolineando: “rinnovo il mio appello a vaccinarsi o a completare il percorso vaccinale prima di partire per le vacanze”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:Campania;238 positivi,sale indice del contagio,2 morti
Invariata situazione intensive, aumentano ricoveri degenza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
17 luglio 2021
16:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 238 in Campania i casi positivi al Covid su 7.681 tamponi molecolari esaminati. Sale, dunque, l’indice di contagio che oggi è pari al 3,09% rispetto al 2,78% precedente.

Secondo i dati dell’Unità di crisi della Regione nelle ultime 48 ore si sono registrati due decessi. Resta ancora invariato, negli ospedali, il numero dei posti letto occupati nelle terapie intensive (12), mentre aumentano quelli in degenza (ieri 171, oggi 182).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
G8: Strasburgo, inammissibili i ricorsi dei poliziotti condannati per l’irruzione alla scuola Diaz
‘Le accuse sulla violazione dei diritti umani infondate’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
18 luglio 2021
13:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Corte europea dei diritti dell’uomo (Cedu) ha dichiarato inammissibili i ricorsi presentati da alcuni poliziotti che erano stati condannati per l’irruzione alla scuola Diaz durante il G8 di Genova del 2001.
“Alla luce di tutte le prove di cui dispone – si legge nella sentenza -, la Corte ritiene che i fatti presentati non rivelino alcuna apparenza di violazione dei diritti e delle libertà enunciati nella Convenzione o nei suoi Protocolli”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ne consegue che le “accuse” mosse dai ricorrenti “sono manifestamente infondate” e il ricorso è “irricevibile”.
La decisione dei giudici di Strasburgo fa riferimento ai ricorsi presentati da Massimo Nucera, all’epoca dei fatti agente scelto del Nucleo speciale del settimo Reparto Mobile di Roma, Maurizio Panzieri, ispettore capo aggregato allo stesso Nucleo speciale, entrambi condannati a tre anni e cinque mesi (di cui tre condannati), Angelo Cenni e altri due colleghi, capisquadra del settimo Nucleo primo Reparto Mobile di Roma.
Nel provvedimento relativo ai primi due agenti, Nucera e Panzieri, la Cedu, riunitasi in veste di giudice unico, “ritiene che il ricorrente ha potuto presentare le sue ragioni in tribunale alle quali è stata data risposta con decisioni che non sembrano essere arbitrarie o manifestamente irragionevoli, e non ci sono prove che suggeriscano il fatto che il procedimento è stato ingiusto”. Pertanto “queste accuse sono manifestamente infondate” e il ricorso è “irricevibile”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo stesso giudizio è stato espresso anche per il ricorso presentato da Angelo Cenni e dai colleghi, per i quali “alla luce di tutte le prove di cui dispone, la Corte ritiene che i fatti presentati non rivelino alcuna apparenza di violazione dei diritti e delle libertà enunciati nella Convenzione o nei suoi Protocolli”. La decisione della Corte in composizione di giudice unico è definitiva e non può essere oggetto di ulteriori ricorsi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: oltre 3 mila casi, risalgono ricoverati con sintomi
13 morti,stabili pazienti in rianimazione. Tasso positività cala
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
17 luglio 2021
16:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Salgono ancora i positivi al test per il Covid individuati nelle ultime 24 ore, sono 3.121 secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 2.898.
Sono invece 13 le vittime in un giorno, mentre ieri erano state 11.
Sono 244.797 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 205.602. Il tasso di positività è dell’1,3%, in calo rispetto all’1,4% di ieri.
Sono 162 i pazienti in terapia intensiva per il Covid in Italia, in aumento di uno nel saldo tra entrate e uscite, terzo giorno di fila di risalita del dato. Gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute, sono 9 (ieri 13). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 1.111, quindi 23 in più rispetto a ieri.
I casi in Italia dall’inizio dell’epidemia sono 4.284.332, i morti 127.864. I dimessi ed i guariti sono invece 4.112.977, con un incremento di 2.328 rispetto a ieri. Gli attualmente positivi sono 43.491, in aumento di 777 unità nelle ultime 24 ore. Le persone in isolamento domiciliare sono 42.218 (+753).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Caso vaccini: su morti anomale entra in campo Eurojust
Pm Genova, coordinamento per capire estensione fenomeno
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
17 luglio 2021
16:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le inchieste sulle morti anomale dopo la somministrazione del vaccino AstraZeneca verranno coordinate da Eurojust, l’Agenzia dell’Unione europea per la cooperazione giudiziaria penale. I magistrati liguri, così come quelli delle altre procure italiane ed europee, metteranno a disposizione gli elementi raccolti in questi mesi di indagini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il coordinamento è necessario “per capire l’estensione del fenomeno e i vari provvedimenti giudiziari adottati”, conferma il procuratore capo di Genova facente funzioni Francesco Pinto.
A Genova sono stati due i casi che hanno suscitato maggiore clamore: quello di Camilla Canepa, la ragazza di 18 anni morta a giugno 10 giorni dopo avere partecipato a un open day del vaccino anglo-svedese, e quello di Francesca Tuscano, l’insegnante di 32 anni stroncata ad aprile anche lei da una trombosi. Sotto la lente dei pm del pool sanità erano finiti anche i casi di tre anziani, tra i 70 e gli 80, a cui erano stati somministrati AstraZeneca e Pfizer. A occuparsi delle autopsie sono il medico legale Luca Tajana e l’ematologo Franco Piovella che dovranno capire se vi sia una correlazione tra le morti e il siero. Per Camilla, però, potrebbero esserci state degli errori da parte dei medici dell’ospedale di Lavagna. La ragazza, infatti, si era presentata in ospedale il tre giugno con un forte mal di testa, fotosensibilità e piastrinopenia. Le era stata fatta una tac senza contrasto ed era stata dimessa il giorno dopo. Il cinque era stata ricoverata di nuovo ma le sue condizioni erano apparse da subito drammatiche. Trasferita all’ospedale San Martino era stata sottoposta a un doppio intervento per rimuovere i trombi e ridurre la pressione cranica ma dopo alcuni giorni per la studentessa era stata dichiarata la morte cerebrale e i suoi organi erano stati donati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Maltempo: allerta arancione in Sicilia, gialla in 10 regioni
Su tutto il Meridione e su Marche, Umbria e parte della Romagna
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
17 luglio 2021
16:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Persiste su gran parte delle regioni centrali l’annunciata fase di maltempo che si estenderà nelle prossime ore a tutto il Meridione. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse, che integra ed estende quello diffuso ieri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).
L’avviso prevede dalle prime ore di domani, domenica 18 luglio, precipitazioni a prevalente carattere temporalesco sulla Romagna. Prevista inoltre la persistenza di fenomeni temporaleschi su Marche, Umbria, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia e Basilicata, in estensione a Calabria e Sicilia. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, grandinate, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.
Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di domani, domenica 18 luglio, allerta arancione per rischio idrogeologico e temporali sui settori settentrionali della Sicilia. Allerta gialla sul resto dell’isola siciliana e su tutte le regioni meridionali, nonché nelle Marche, in Umbria e su parte della Romagna.   METEO

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Addio Libero De Rienzo, talento fuori dagli schemi
Morto a 44 anni, vinse un David. La procura dispone l’autopsia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CANNES
17 luglio 2021
17:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Quarantaquattro anni sono proprio pochi per andarsene quando hai ancora la testa piena di idee, l’affetto e la stima del tuo mondo, a Napoli dove era nato e a Cinecittà dove tutti lo riconoscevano come un vero talento, tanto irregolare quando vitale. L’addio alla vita di Libero De Rienzo, trovato senza vita nella sua casa romana, lascia senza fiato e senza risposte.
Sarà affidato lunedì dai pm della Procura di Roma l’incarico per l’autopsia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il sostituto procuratore Francesco Minisci ha aperto ieri un fascicolo di indagine in cui si ipotizza il reato di “morte come conseguenza di altro reato”. I magistrati disporranno anche l’esame tossicologico: obiettivo di chi indaga è capire se l’attore nelle ore precedenti al decesso abbia assunto sostanze stupefacenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Intanto l’emozione dei colleghi ha invaso i social: in tanti, da Anna Foglietta a Paolo Calabresi, da Edoardo Leo ad Alessandro Gassmann, hanno reso omaggio al suo talento e alla sua genialità.
Libero De Rienzo nasce a Napoli il 24 febbraio del 1977 e, sebbene cresciuto a Roma, conserva uno strettissimo legame con la sua terra per la quale si è battuto, da cittadino e da intellettuale, a più riprese. Ma è anche, fin da ragazzo, cittadino del mondo e da Roma eredita gusto della sfida, ironia malinconica, passione per il cinema. Fa le sue prime apparizioni su un set già alle fine degli anni ’90, ma subito dopo, a 24 anni, è già una figura emergente nella produzione indipendente.
Lo si nota in “Fat Girl” di Catherine Breillat, “Gioco con la morte” di Maurizio Longhi, ma soprattutto in “Santa Maradona” di Marco Ponti in cui dà la replica a Stefano Accorsi e si conquista un David di Donatello come miglior non protagonista. Qualcuno lo definisce una “testa matta”, i più lo considerano una delle autentiche promesse di un nuovo cinema italiano destinato a uscire dal ghetto del localismo. Ribelle ad ogni forma di convenzione, in cerca di film ed autori che si adattino alla sua personalità prorompente, non sfrutta subito l’improvvisa popolarità e ritorna in auge nel 2005 con la sua prima e unica regia, “Sangue”, opera situazioni sta, quasi nello spirito di un Boris Vian redivivo, in cui traduce con immagini forti e spesso visionarie una cultura enciclopedica, in parte da autodidatta, senza schemi e totalmente originale.
Nel 2009 incontra Marco Risi e la storia del cronista napoletano Giancarlo Siani, vittima della camorra: si butta a capofitto nell’avventura di “Fortapasc”, scritto da Andrea Purgatori e regala la sua interpretazione più bella e matura, rendendo il suo personaggio un autentico eroe del quotidiano, identificandosi con misura e passione in una figura reale a cui rende onore come per ricongiungersi con le sue radici napoletane. Da quel momento lo adottano gli autori della nuova generazione: Ivan Cotroneo (“Kriptonite”), Valeria Golino (“Miele”), Giorgia Farina (“Ho ucciso Napoleone”). Ma è il sodalizio con Sidney Sibilia che ne fa uno degli improbabili eroi della trilogia di “Smetto quando voglio” a dargli la popolarità e la conferma definitiva di un talento luminoso.
Ha frequentato anche la televisione, ma il mondo della serialità non è il suo: figlio di un allievo di Francesco Maselli (Fiore Di Rienzo), sposato con Marcella Mosca, padre di due amatissimi bambini, è un intellettuale coerente e rigoroso, nonostante l’apparenza scapigliata e l’allegria contagiosa da eterno studente. Il suo film più recente, ancora inedito, è “Una relazione”, opera prima da regista di Stefano Sardo. Di lui restano la passione, il talento, la sete inesauribile di conoscere e leggere, il sorriso, sempre venato da una segreta malinconia, di un uomo buono e giusto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Polstrada sequestra 363 kg di hashish su tir in A10
Nell’Imperiese. Camionista tradito dal nervosismo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
IMPERIA
17 luglio 2021
17:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un carico di 363 chilogrammi di hashish è stato sequestrato dalla polizia stradale di Imperia su un tir in transito sull’Autofiori, fermo nell’area di parcheggio di Taggia. Il corriere, un autotrasportatore serbo, in passato già destinatario di un provvedimento di espulsione, è stato arrestato.
Avvicinato dalla Polstrada per un controllo, si è mostrato nervoso e poco collaborativo tanto che gli agenti hanno ritenuto opportuno procedere all’ispezione del mezzo. Nella cabina del conducente i poliziotti hanno trovato 11 pacchi di cartone contenenti l’ingente quantitativo di stupefacente. Il tir e l’hashish sono stati sequestrati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incidenti montagna: alpinista cade e muore nel Lecchese
E’ accaduto in Valsassina, stava scalando lo Zucco Barbesino
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
LECCO
17 luglio 2021
18:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un alpinista di 61 anni è morto in un incidente in quota, questo pomeriggio allo Zucco Barbesino, una delle alture sopra i Piani di Bobbio, a loro volta sopra Barzio (Lecco) in Valsassina.
L’uomo ha perso la vita a causa di una caduta.

Attorno alle 14, l’alpinista stava affrontando con due amici una delle vie che risalgono lo Zucco (2150 metri di altitudine) quando, per cause ancora in corso d’accertamento, è precipitato compiendo una caduta di circa 20 metri e terminando in un canalone. Sono intervenuti il Soccorso Alpino e l’elicottero del 118 senza però riuscire a salvare l’uomo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rubano monovolume a disabile, dopo appello lo restituiscono
Malviventi hanno scritto dov’era su Gofundme
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
OSSAGO LODIGIANO (LODI)
17 luglio 2021
18:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Avevano rubato un monovolume, a Ossago Lodigiano, ma poi i proprietari, oltre a sporgere denuncia ai carabinieri, avevano fatto appello via Facebook, perché quel Mercedes Viano per loro era fondamentale perché attrezzato per il trasporto del loro figlio disabile. E’ così che i ladri si sono ‘inteneriti’ e l’hanno fatto ritrovare.

Per aiutare la famiglia, alcuni amici avevano aperto una racconta fondi su Gofundme perché l’ipotesi era che il mezzo non sarebbe più stato recuperato e, quindi, bisognava aiutare ad acquistarne un altro. Proprio tramite questa piattaforma i malviventi hanno scritto, in un italiano stentato, un messaggio.
Scusandosi per quanto fatto e spiegando dove poter ritrovare il mezzo: in una piazza di Portalbera, nel Pavese. I carabinieri di Broni (Pavia), quindi, sono andati sul posto, l’hanno effettivamente ritrovato e già restituito alla famiglia. La piattaforma elevatrice è stata spaccata, ma tramite quanto guadagnato nella raccolta fondi potrà essere aggiustata.
Felicissima la mamma, che non ci sperava. “Contentissimo” si è detto anche il sindaco del paese, Luigi Granata.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Omicidio durante rapina, fermato un uomo
Sarebbe il rapinatore che ha sparato durante l’aggressione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
LEQUILE
17 luglio 2021
18:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I carabinieri hanno fermato un uomo accusato di essere il rapinatore che ieri ha sparato, uccidendolo, a Giovanni Caramuscio, l’ex direttore di banca in pensione, aggredito mentre prelevava contanti da uno sportello atm. Si tratta di Mecaj Paulin, albanese, di 31 anni accusato di omicidio in concorso con un’altra persona in corso di identificazione.
L’uomo avrebbe usato una pistola Beretta, calibro 9 corto, con matricola abrasa , che è stata ritrovata dai carabinieri nella sua abitazione. Il fermo è stato disposto dal sostituto procuratore della Repubblica di Lecce, Alberto Santacatterina.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Libri per tempi incerti
Da Il Cigno nero a L’intelligenza del rischio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
17 luglio 2021
19:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il matematico e filosofo Charles Pierce una volta disse: “Credo che il calcolo delle probabilità sia l’unica branca della matematica in cui buoni autori ottengono spesso risultati completamente sbagliati”.
Pierce con questa frase voleva evidenziare delle caratteristiche principali del calcolo della probabilità – lo strumento che ci permette di dare una forma comprensibile all’incertezza – e cioè sottolineare come in questo ambito spesso l’intuito porti anche i più allenati a commettere errori.
L’incertezza, d’altra parte, è un elemento ineliminabile delle nostre vite. I rischi in ambito medico, economico, meteorologico, climatico e molti altri ancora ci si presentano di fronte quotidianamente e richiedono di essere affrontati con un ragionamento probabilistico; come scrisse Voltaire, “il dubbio non è piacevole, ma la certezza è ridicola”.
Come vanno interpretati, quindi, i dati per capire quando vale la pena correre un rischio e quando invece è sconsigliabile?
Il primo passo è capire come il nostro cervello analizza questi problemi, quando va di fretta o quando è influenzato da informazioni non rilevanti, e infine come aggiustare il tiro quando un nostro ragionamento si è incamminato verso la direzione scorretta.
Su questo aspetto fa luce lo psicologo ed economista Daniel Kahneman, i cui studi dei processi decisionali in condizioni di incertezza gli hanno valso nel 2002 il Premio Nobel per l’economia insieme a Vernon Smith.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Kanheman ha descritto le sue scoperte nel libro Pensieri lenti e veloci (Mondadori, traduzione di Laura Serra), un saggio nel quale chiarisce perché non basta usare un punto di vista obiettivo per non commettere errori nel proprio ragionamento. Come anticipa il titolo, la tesi fondamentale è che il nostro cervello funzioni tramite due tipi di pensieri: quelli veloci e intuitivi e quelli lenti e riflessivi. Ma non sempre questa divisione dei compiti funziona nel modo giusto, lasciando spazio a condizionamenti di cui non siamo consci.
A dipingere un quadro chiaro di quanto il mondo odierno e la natura stessa siano influenzati dall’incertezza ci pensa Michael Blastland con il libro La metà nascosta. Le forze invisibili che influenzano ogni cosa (Bollati Boringhieri, traduzione di Andrea Migliori). Nella grande mole di dati di cui disponiamo, si “nascondono” infatti variabili che non possiamo quantificare, che non abbiamo considerato o che semplicemente non sappiamo di non conoscere. Ne risulta che sappiamo molto meno del mondo di quanto crediamo: renderci conto della nostra ignoranza però è la chiave per diventare capaci di prendere decisioni in casi d’incertezza, senza che la mancanza di sicurezza ci spaventi portandoci fuori strada.
Il cigno nero di Nassim Nicholas Taleb (il Saggiatore, traduzione di Elisabetta Nifosi), come suggerisce il titolo, si concentra sul concetto di cigno nero, con il quale Taleb indica gli eventi imprevedibili che hanno un impatto tale da cambiare la storia. Cigni neri sono, per esempio, l’11 settembre o il crollo di Wall Street, eventi che fino al giorno prima sarebbero stati ritenuti da molti impossibili, o comunque estremamente improbabili. Imparare a capire quali caratteristiche li definiscono e tenere sempre in considerazione la possibilità del loro arrivo, significa imparare a fare i conti con l’incertezza e con quegli sconvolgenti eventi improbabili che, periodicamente, non mancano di accadere.
Esistono poi delle persone che, spesso grazie al proprio lavoro, hanno imparato a ragionare in situazioni di rischio meglio di tutti gli altri. Dylan Evans si è interessato del loro comportamento, spiegando i risultati dei suoi studi in L’intelligenza del rischio. Come convivere con l’incertezza (Garzanti, traduzione di Sara Caraffini). Per capire quali tra le tecniche da loro sviluppate possiamo applicare nelle incertezze quotidiane, bisogna chiederci prima qual è l’atteggiamento che assumiamo di fronte alle decisioni rischiose e in secondo luogo se abbiamo modo di migliorarlo: Evans guida il lettore in questo processo per insegnarli a reagire in modo più razionale possibile di fronte all’incertezza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ma quand’è che l’essere umano si è accorto che la realtà funziona tramite meccanismi caotici e a volte imprevedibili? Come si è sviluppato lo studio dell’incertezza e quali sono le conoscenze più attuali in questo campo? Lo spiega Ian Stewart nel testo I dadi giocano a Dio? La matematica dell’incertezza (Einaudi, traduzione di A. Gewurz Daniele). Con questa lettura si può scoprire per esempio il contributo che il gioco d’azzardo ha dato ai progressi nello studio della probabilità, e come questa sia poi diventata uno strumento imprescindibile per lo sviluppo dell’economia, della medicina, ma anche della finanza e della fisica quantistica. Non c’è campo di studio oggi che non debba fare i conti con questa disciplina: una condizione che ci permette di capire perché oggi sia sempre più corretto parlare di probabilità e sempre meno di certezze.
Il rischio di Simona Morini invece si interroga sugli aspetti culturali che influenzano le nostre decisioni, e in particolare sul modo in cui etica e la politica entrino a far parte delle dinamiche che ci conducono a scegliere quali rischi vogliamo affrontare e quali preferiamo ignorare. Ecco che entrano quindi in gioco fattori come le nostre emozioni e il rapporto tra l’individuo e le istituzioni, nello specifico la dicotomia tra comuni cittadini ed esperti. Scopriremo così che nei processi decisionali è spesso la paura a prendere il sopravvento su logica, dati e obiettività.
Ma come abituarsi a ragionare nel modo giusto in situazioni di rischio se la probabilità non fa già parte del proprio bagaglio culturale? Come smettere di preoccuparsi e iniziare ad amare l’incertezza (Carocci) di Hykel Hosni si occupa di offrire al lettore gli strumenti logici per imparare a ragionare in modo probabilistico nella vita di tutti i giorni, ma apre anche il dibattito sulle ragioni che impediscono ancora a molti di affrontare l’incertezza con strumenti che non siano il proprio intuito. Un libro che permette di capire il perché la comprensione della probabilità dovrebbe entrare a far parte di ciò che intendiamo con la parola cultura, soprattutto al fine di arricchire la nostra comprensione dell’informazione e renderci cittadini più consapevoli.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Chilometri di coda su A2 in Calabria per cantieri
Oltre un’ora per percorrere una trentina di chilometri
c
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
17 luglio 2021
19:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Chilometri di coda si sono formati stasera sulla A2 Autostrada del Mediterraneo nel tratto calabrese compreso tra gli svincoli di Falerna e Lamezia Terme, nel catanzarese, in direzione sud. Le code, hanno lamentato alcuni automobilisti, sono provocati da dei cantieri presenti nel tratto precedente l’o svincolo di Lamezia.
In conseguenza di ciò, i mezzi diretti a sud vengono deviati sulla carreggiata nord dove si circola a doppio senso di circolazione.
“Per percorrere meno di 30 chilometri – si è sfogato un automobilista – ho impiegato più di un’ora. Di sabato, in pieno periodo estivo, era logico prevedere un aumento del traffico. Mi chiedo quindi perché la presenza dei cantieri, uno dei quali per la bitumazione del manto stradale”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incendi: evacuate 4 case a Nuoro, 15 persone in salvo
Alla periferia della città interviene anche un Canadair
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NUORO
17 luglio 2021
19:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ancora un pomeriggio di fuoco a Nuoro dove sembrava che l’incendio di questo pomeriggio si fosse spostato lontano dalla città. Il vasto rogo ha, invece, lambito la periferia di Nuoro nel quartiere Città Giardino dove sono state evacuate precauzionalmente quattro famiglie da altrettante case, per un totale di 15 persone.
In salvo anche alcuni animali custoditi nei giardini.
Le fiamme si sono propagate dalla statale 131 e, sospinte dal vento, hanno avanzato minacciosamente fino alle abitazioni periferiche della città che sono state risparmiate dal rogo grazie all’intervento dei soccorsi e di un Canadair oltre agli elicotteri della flotta regionale. Imponente il dispiegamento di uomini e mezzi dei Vigili del Fuoco di Nuoro intervenuti con quattro squadre e autobotti e mezzi 4X4 al seguito.
Le operazioni di spegnimento proseguono con la bonifica dell’area interessata dal rogo stimata in 11 ettari. Sul posto ha coordinato le operazioni di spegnimento il Comandante VVFF Antonio Giordano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cannes: Bellocchio, tutti in piedi e lui quasi piange
Accanto a lui Sorrentino per la Palma d’oro d’onore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CANNES
17 luglio 2021
20:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Standing ovation per Marco Bellocchio alla serata finale del festival di Cannes. Una grandissima ovazione che ha emozionato il regista che ha ricacciato indietro le lacrime.
“Non ho più nulla da dire, da aggiungere”, ha detto visibilmente commosso mentre Paolo Sorrentino accanto gli consegnava la Palma d’oro d’onore.
“Voglio condividere il premio con miei figli Pier Giorgio e Elena, il produttore Simone che è quasi un figlio adottivo e il grande Michel Piccoli che voglio assolutamente ricordare”, ha detto citando insieme a Piccoli anche Anouk Aimee che furono premiati per il mio Salto nel vuoto nel ’79.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rincorsa delle Regioni ai non vaccinati, attesa green pass
Ancora 2,4 milioni over 60 senza copertura. Sardegna si blinda
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 luglio 2021
14:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Potrebbero essere l’aumento rapido dei contagi e quello, per ora lento, dei ricoveri in ospedale, spinti dalla variante Delta del coronavirus, a convincere almeno una parte dei riluttanti a vaccinarsi, se non dei no vax tetragoni, oltre a chi ha rimandato la prenotazione per non condizionarsi le vacanze. La sfida per le Regioni di immunizzare decine di milioni di italiani che mancano ancora all’appello passa dalle campagne di informazione – che appaiono carenti -, ma anche da provvedimenti come il green pass allargato in arrivo la prossima settimana e da misure come i controlli all’ingresso dei turisti in Sardegna, con un’ordinanza in preparazione. Quest’ultima è una delle 5 Regioni che rischiano la zona gialla, in attesa di nuovi criteri per i cambi di colore basati sui ricoverati.
L’ultima settimana non ha portato svolte nella campagna vaccinale tra le fasce più a rischio di sviluppare una forma grave di Covid-19, nonostante i ripetuti appelli del generale Francesco Figliuolo.
Restano oltre 2,4 milioni gli over 60 che non hanno ancora fatto nemmeno una dose.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E non è tutto. Dal report della struttura commissariale si scopre che, a due mesi dall’inizio delle somministrazioni in quel range di età, il 26,4% dei cittadini tra i 50 e i 59 anni – mai conteggiati prima – è ancora in attesa della prima inoculazione. Poi resta il nodo scuola: 221.354 senza vaccino nel personale docente e non docente, appena duemila in meno di 7 giorni prima. Con il 43% ancora da raggiungere in Sicilia.
Secondo alcuni esperti di comunicazione del rischio è stata forse data l’idea, anche da parti delle istituzioni, di un pericolo diminuito nettamente con l’estate, spingendo una fetta della popolazione a sottovalutare la necessità del vaccino. La prossima settimana il governo varerà il decreto con le nuove misure, una volta analizzati i dati con gli esperti. Il green pass allargato all’italiana potrebbe prevedere l’obbligo della certificazione di vaccinazione, tampone negativo o guarigione per entrare in bar e ristoranti, con possibili sanzioni ai gestori – chiusura per 5 giorni – e multa agli avventori fino a 400 euro. Il certificato verde dovrebbe valere per teatri, cinema, musei, concerti e discoteche, queste ultime se e quando verranno. Inoltre per piscine e palestre e per aumentare la capienza consentita di pubblico negli stadi. Infine per treni e aerei a lunga percorrenza – con un maggiore tempo di presenza a bordo -, ma non per metropolitane e autobus.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Maltempo: violento nubifragio a Palermo, strade allagate
Automobilisti intrappolati, 27 interventi vigili del fuoco
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
18 luglio 2021
09:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un violento nubifragio si è abbattuto in nottata su Palermo dove i vigili del fuoco in tre ore, a partire dalle 4, hanno eseguito 27 interventi per soccorrere automobilisti rimasti intrappolati in strade e sottopassi. Ieri la Protezione Civile ha diramato un’allerta arancione su tutta la Sicilia settentrionale per rischio idrogeologico e temporali.

Gli interventi dei pompieri nel capoluogo, come succede sempre in questi casi, hanno interessato sopratutto la zona di viale Regione Siciliana (la circonvallazione della città ndr), piazza Indipendenza davanti al palazzo della Regione, via Imera, via Re Ruggero e via Messine Marine davanti all’ospedale Buccheri La Ferla. Per liberare gli automobilisti sono intervenuti a supporto i sommozzatori, i pompieri del reparto fluviali e un mezzo anfibio. I vigili del fuoco da questa mattina sono inoltre impegnati ad eseguire oltre 30 servizi di controllo e verifiche in appartamenti e abitazioni dove la pioggia ha provocato infiltrazioni d’acqua e la presenza di crepe.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Turismo: è già boom di vacanzieri alle isole Eolie
Affollate le spiagge, lavorano a pieno ritmo bar e ristoranti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
18 luglio 2021
10:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A metà luglio alle Eolie è già boom turistico. I mezzi di collegamenti marittimi da e per le sette isole viaggiano quasi sempre pieni e da e per Napoli sul traghetto “Laurana” della Siremar vengono anche effettuati vaccini e tamponi su disposizione della gestione commissariale di Messina diretta da Alberto Firenze.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I pontili galleggianti sono pieni anche con mega yacht, cosi’ come le strutture turistiche alberghiere. Trovare un posto letto è diventato una impresa. Sul Corso principale c’è una vera e propria invasione di vacanzieri. Anche i locali – bar, ristoranti e boutique – lavorano a pieno ritmo. Affollate anche le spiagge. I vaporetti carichi di escursionisti lavorano a pieno regime soprattutto per le isole di Stromboli, Panarea, Vulcano e Lipari. E finalmente l’economia isolana ne trae beneficio. Le previsioni degli operatori turistici ovviamente sono positive per agosto e varianti Covid permettendo anche per settembre e ottobre. Con il green pass prevista anche una invasione di turisti stranieri che comunque hanno ripreso a frequentare l’arcipelago. Soddisfatta la giunta comunale perché grazie all’invasione dei vacanzieri saranno rimpinguate le casse con il contributo del ticket per sbarcare di 5 euro. La piaga del momento è però quella dei rifiuti. Il servizio “porta a porta” partito a giugno si è rivelato un “boomerang”. Lipari è piena di rifiuti in centro e in periferia e non è un caso che la giunta guidata da Marco Giorgianni sta valutando di rescindere il contratto con la società Loveral di Patti che si è aggiudicata l’appalto per sette anni a circa un milione e mezzo di euro per 12 mesi. Complessivamente il costo dei rifiuti nelle sei isole del Comune di Lipari è di circa 7 milioni di euro l’anno tra ditte che dovrebbero spazzare e smaltire, trasporto con camion con l’ Eolian Service di Canneto e dei fratelli Saccà di Barcellona, la discarica di Catania affidata alla Sicula Trasporti e alla Green Fleet di Messina che li trasporta con traghetto”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Etna: Musumeci, 5 milioni per rimuovere la cenere vulcanica
Presidente, Roma accoglie la nostra richiesta
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
18 luglio 2021
10:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il dipartimento nazionale della Protezione civile ha deliberato la assegnazione di cinque milioni di euro a favore della Regione siciliana per le spese sostenute per la rimozione della cenere vulcanica nei Comuni colpiti. Lo ha comunicato il capo della Pc Fabrizio Curcio al presidente Nello Musumeci, che aveva inoltrato nel marzo scorso una apposita richiesta a Roma.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“La risorsa, in aggiunta a quella già disposta dalla Protezione civile regionale, servirà – spiega Musumeci – a far fronte alle prime spese sostenute dai Comuni afflitti dalla cenere.
Pagheremo appena il dipartimento guidato da Salvo Cocina avrà ricevuto dai Comuni la documentazione necessaria. Intanto martedì mattina si riunirà al PalaRegione di Catania l’Unita di crisi nazionale, presente lo stesso Ingegnere Curcio, come da me richiesto, per pianificare ogni iniziativa utile ad affrontare una calamità che continua a provocare disagi e danni ai privati.
Ringrazio il capo della Protezione civile nazionale per la attenzione e la disponibilità dimostrata. Lavoreremo per stare accanto ai sindaci ed ai cittadini etnei, tormentati ormai da cinque mesi da questa attività effusiva del vulcano”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Whirlpool:de Magistris,tragedia che dimostra debolezza Stato
Sindaco Napoli, la criminalità pesca dove c’è disperazione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
18 luglio 2021
10:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro, articolo 1 della Costituzione, l’inizio di una delle Costituzioni più belle al mondo che, il più delle volte, viene profondamente mortificata. Oggi purtroppo è uno di quei giorni.

Sono iniziati i licenziamenti dei dipendenti dello stabilimento Whirlpool di Napoli, una vera e propria tragedia per le lavoratrici, i lavoratori e le famiglie che hanno duramente operato in quell’azienda. È sempre una tragedia quando un’impresa chiude ma in questo territorio e, in questo periodo storico, lo è ancor di più.
State per l’ennesima volta dimostrando la debolezza di uno Stato non in grado di affermarsi come garante dei diritti fondamentali di un Paese democratico”. È il post pubblicato sui social dal sindaco di Napoli, Luigi de Magistris.
“La mancanza di lavoro è alla base di scelte sbagliate, la criminalità pesca dove c’è disperazione, dove non c’è un’immediata via d’uscita e offre facili alternative. Voi da che parte state davvero? Noi e gli operai della Whirlpool aspettiamo ancora una risposta. Senza lavoro non c’è dignità” aggiunge l’ex pm.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Investe con l’auto ragazzi in moto e scappa, uno gravissimo
Nel Milanese. La madre dell’investitore avvisa i CC, denunciato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
18 luglio 2021
10:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sorpassando dove non poteva ha centrato una moto su cui viaggiavano due ragazzi e poi è scappato senza prestare loro soccorso. Un impatto fortissimo: lo studente ventenne che guidava la due ruote se l’è cavata con una serie di contusioni, mentre al passeggero di 19 si è amputata la gamba destra ed è finito in arresto cardiaco.

All’arrivo il 118, intorno all’una e mezza della notte, i soccorritori lo hanno rianimato e portato al Policlinico San Gerardo di Monza in gravissime condizioni, mentre il suo amico è stato portato al Niguarda di Milano.
Il pirata della strada è stato però rintracciato dai Carabinieri della stazione di Arese. Si tratta di un 27enne di Paderno Dugnano, anche lui studente. E’ stata la madre a chiamare i carabinieri e raccontare cos’era successo. L’autista, che stava superando in una zona con la linea continua, è stato denunciato per lesioni personali stradali gravissime, fuga a seguito di incidente stradale e omissione di soccorso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rapina a Napoli a bordo scooter,due donne ferite,una è grave
Banditi anch’essi su motorino, vittime cadono e battono il capo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
18 luglio 2021
10:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Due donne di 64 e 34 anni vittime di una rapina sono rimaste ferite, una delle quali in maniera grave, la notte scorsa a Napoli. Secondo una ricostruzione della polizia, le due donne stavano transitando, poco dopo la mezzanotte, a bordo di uno scooter in Via Salvator Rosa quando sono state affiancate da due persone, anch’esse a bordo di una motocicletta.
Con la minaccia di una pistola i due banditi hanno costretto le donne a rallentare, ma i due mezzi sono venuti a contatto; le vittime hanno perso il controllo della motocicletta e sono cadute battendo il capo sull’asfalto. I due banditi ne hanno approfittato per portare via il mezzo ed un borsello.
Le due donne sono state soccorse e portate nell’ospedale Cardarelli: la 64enne è stata giudicata guaribile con riserva ma non è in pericolo di vita; la 34enne è stata medicata e dimessa (guarirà in tre giorni).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Droga nascosta sul tetto di un teatro nel Napoletano
A Torre Annunziata anche 2 arresti in controlli dei carabinieri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORRE ANNUNZIATA (NAPOLI)
18 luglio 2021
10:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Droga nascosta in un borsello occultato sul tetto di un teatro. È quanto hanno scoperto i carabinieri a Torre Annunziata (Napoli) nell’ambito dei servizi disposti dal Comando provinciale che hanno visto impegnati i militari della Compagnia oplontina insieme con quelli del Reggimento Campania che hanno controllato le strade cittadine e dei comuni vicini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel corso delle perquisizioni effettuate nel quartiere denominato ”Rione Carceri”, i carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato un borsello con all’interno 12 grammi di cocaina, un bilancino di precisione e vario materiale per il confezionamento trovato sul tetto del teatro ”San Francesco di Paola” a Largo Grazie.
In totale sono state 62 le persone identificate con 27 veicoli controllati. Due le persone arrestate. Il primo è Angelo Renato, 62 anni, raggiunto da un provvedimento emesso dalla Procura Generale presso la Corte d’Appello di Napoli. L’uomo, residente a Boscoreale e già noto alle forze dell’ordine, dovrà scontare sei anni di reclusione per spaccio di sostanze stupefacenti.
Analoga sorte è toccata ad Antonio Gagliardi, 53 anni di Trecase già noto alle forze dell’ordine. L’arrestato, su disposizione del tribunale di Torre Annunziata, dovrà scontare cinque mesi di reclusione per resistenza a pubblico ufficiale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incidenti stradali: due giovani morti su statale 106 jonica
Scontro loro auto con suv il cui conducente é rimasto ferito
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CORIGLIANO ROSSANO
18 luglio 2021
11:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Due giovani, uno di 22 anni e una ragazza di 16, anni sono morti la notte scorsa in un incidente stradale in contrada “Oliveto Longo” di Corigliano Rossano.
Le vittime viaggiavano lungo la statale 106 jonica a bordo di una Fiat 500 che, per cause in corso di accertamento, si é scontrata con un Suv all’altezza di una rotatoria.
I due giovani sono morti sul colpo, mentre il conducente del Suv é rimasto ferito in modo grave ed è stato portato nell’ospedale di Cosenza.
Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Rossano ed i sanitari del 118, insieme a personale dell’Anas.
Sui corpi delle due vittime la Procura della Repubblica di Castrovillari ha disposto l’autopsia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Balli proibiti e assembramenti, due locali chiusi a Rimini
Cinque giorni di stop dopo il controllo dei carabinieri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
18 luglio 2021
11:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cinque giorni di chiusura e 400 euro di multa. È la sanzione scattata per due locali del Riminese dove i carabinieri hanno sorpreso assembramenti e persone che ballavano in pista nonostante i divieti.

Si tratta, come riportano i media locali, della Villa delle Rose di Misano, una discoteca che ha recentemente riaperto con la formula della cena con intrattenimento, e del Mojito Beach di Riccione dove, al momento del controllo dei militari, c’erano a pranzo molti ragazzi appartenenti a un network che organizza vacanze.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Due cani bagnino salvano 15enne nelle acque di Palinuro
I Labrador Igor e Luna in azione lungo la costa cilentana
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Due cani bagnino salvano 15enne nelle acque di Palinuro
I Labrador Igor e Luna in azione lungo la costa cilentana
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CENTOLA
18 luglio 2021
12:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una quindicenne è stata salvata da due cani bagnino. E’ accaduto ieri nel mare di Palinuro, frazione del Comune di Centola (Salerno), nel Cilento.
La ragazza si era tuffata in acqua intorno alle 17 in compagnia di alcune amiche quando è stata trascinata al largo dalle forti correnti. Scattati immediatamente i soccorsi, la giovane è stata raggiunta dai Labrador Igor e Luna e dai loro compagni umani della “Scuola Italiana Cani Salvataggio”, che da anni contribuiscono al pattugliamento del litorale di Palinuro.
Assicurata al baywatch, Ilenia, questo il nome della quindicenne, aggrappandosi ai bagnini a quattro zampe è stata quindi riportata a riva dove ha potuto abbracciare le amiche.
In questi giorni a Palinuro operano sei unità cinofile della Scuola Italiana Cani Salvataggio (SICS), suddivise in tre postazioni di sicurezza, con il coordinamento della Guardia Costiera e dell’Amministrazione comunale, guidata dal sindaco Carmelo Stanziola.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rapina Napoli: consigliere Borrelli,nuova aggressione al 118
(V. ‘Rapina a Napoli a bordo scooter,due donne…’ delle 10:42)
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
18 luglio 2021
12:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“A Napoli c’è stata una nuova aggressione a un equipaggio del ‘118’ che aveva soccorso una donna dopo una rapina; un episodio allucinante: invece di prendersela con i delinquenti aggrediscono il personale medico” afferma il consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli.
“Nella tarda serata di ieri, come denunciato dall’associazione ‘Nessuno tocchi Ippocrate’, si è registrata l’ennesima aggressione, siamo arrivati a 43 dall’inizio dell’anno, ai danni di un equipaggio del 118 intervenuto in via Salvator Rosa per soccorrere una donna caduta da uno scooter, vittima di una rapina.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nonostante l’ambulanza sia arrivata pochissimi minuti dopo la chiamata, un parente della donna ha ritenuto giusto aggredire l’autista mentre medico e infermiere soccorrevano la vittima. Aggressione ripetuta anche nel Pronto soccorso del Cardarelli, secondo Nessuno Tocchi Ippocrate, dove la donna, seppur a fatica, era stata portata” evidenzia Borelli.
“Un atto assurdo e irresponsabile quello di aggredire i soccorritori che deve essere punito con la massima severità – afferma il consigliere regionale – Ma la cosa più grave è un’altra. Infatti la donna sarebbe caduta in seguito a un tentativo di rapina ad opera di due malviventi che, pistola in pugno, volevano sottrarle lo scooter dove viaggiava. Nessuno però se l’è presa contro i criminali che sono andati via tranquillamente mentre incredibilmente si sono scagliati contro i medici. Un paradosso vergognoso e inaccettabile che dimostra quanto ancora ci sia da lavorare sul senso civico e sulla responsabilità di tanti nostri concittadini. I nemici dei napoletani sono i criminali, i delinquenti, i banditi e i camorristi non certo i medici e gli infermieri” conclude Francesco Emilio Borrelli.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Papa: torna Angelus a S.Pietro dopo ricovero, file di fedeli
Famiglie, gruppi parrocchiali e turisti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
18 luglio 2021
12:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tornano le file di fedeli per entrare in Piazza San Pietro per l’Angelus del Papa.
Oggi Francesco tornerà a recitare la preghiera mariana affacciato dal Palazzo apostolico dopo il ricovero che aveva ‘trasferito’, la scorsa domenica, l’Angelus al Policlinico Gemelli.
E’ lunga la coda per passare i controlli e accedere nella piazza. Ci sono famiglie, gruppi parrocchiali ma anche turisti che ormai, passata la fase più dura della pandemia, da qualche tempo sono tornati nella zona del Vaticano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Papa: ferie non siano una corsa, spegniamo il telefonino
Prega per popolazioni colpite da alluvioni, per Cuba e Sudafrica
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
18 luglio 2021
12:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Papa all’Angelus ha sottolineato l’importanza del riposo che “non è solo riposo fisico, è anche riposo del cuore”. Per Papa Francesco “non basta ‘staccare la spina’, occorre riposare davvero” e “per farlo, bisogna ritornare al cuore delle cose: fermarsi, stare in silenzio, pregare, per non passare dalle corse del lavoro alle corse delle ferie.
Gesù – ha detto commentando il Vangelo di oggi – non si sottraeva ai bisogni della folla, ma ogni giorno, prima di ogni cosa, si ritirava in preghiera, in silenzio, nell’intimità con il Padre. Il suo tenero invito – riposatevi un po’ – dovrebbe accompagnarci: guardiamoci, fratelli e sorelle, dall’efficientismo, fermiamo la corsa frenetica che detta le nostre agende. Impariamo a sostare, a spegnere il telefonino, a contemplare la natura, a rigenerarci nel dialogo con Dio”.
Alla fine dell’Angelus Papa Francesco ha pregato per le popolazioni europee colpite dalle alluvioni, per Cuba e per il Sudafrica.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da Valle a Bova, volti di punta per la fiction Mediaset
E poi Zeno, Incontrada, Bisio, Chiatti. Apre Luce dei tuoi occhi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 luglio 2021
12:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da Anna Valle a Giuseppe Zeno e Vanessa Incontrada, già volti di punta Rai, da Raoul Bova (che ritroveremo anche in don Matteo 13) a Claudio Bisio, da Laura Chiatti a Loretta Goggi. Sono solo alcuni dei nomi di grande richiamo scelti da Mediaset per la fiction 2021-22.
P
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si comincia entro metà settembre con “Luce dei tuoi occhi”, con protagonisti Anna Valle e Giuseppe Zeno. Ambientata a Vicenza, narra di Emma Conti (Valle), famosa étoile internazionale, che torna da New York nella sua città natale per scoprire la verità su un doloroso fatto del passato: la figlia avuta sedici anni prima potrebbe non essere morta alla nascita, come le avevano fatto credere. La ricerca della verità porterà la donna ad incontrare Enrico, insegnante di un liceo locale a cui darà volto Zeno. Con il soggetto e la sceneggiatura di Eleonora Fiorini e Davide Sala, la regia della fiction è di Fabrizio Costa. Produzione Banijay Studios Italy.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Giustizia per tutti” vedrà invece al centro Raoul Bova, sia nei panni di interprete che di produttore con la sua RB Produzioni, che affianca Showlab (Prodea Group). E’ Roberto, uno stimato fotografo condannato ingiustamente per l’omicidio di sua moglie Beatrice, brillante avvocato. L’uomo riconquista la libertà dopo essere stato dieci anni in carcere. Alla regia Maurizio Zaccaro ed Eros Puglielli.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Storia di una famiglia perbene” rivedrà Giuseppe Zeno, questa volta affiancato da Simona Cavallari. Ispirata al bestseller di Rosa Ventrella (edito da New Compton Editori, anche in e-book), la storia è ambientata a Bari tra il 1985 ed il 1992. Produce 11 Marzo, con la regia di Stefano Reali.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nella seconda parte della stagione sono attese “Tutta Colpa di Freud-La serie”, con Claudio Bisio, Claudia Pandolfi e Max Tortora, tratta dall’omonimo film di Paolo Genovese; il sequel di “Buongiorno Mamma”, grande successo della scorsa stagione targato Lux Vide-RTI, con Bova e Maria Chiara Giannetta; “Fosca Innocenti”, che riporterà su Canale 5 Vanessa Incontrada, qui nei panni della protagonista, un vice questore a capo di una squadra investigativa tutta femminile; “Più forti del destino”, remake della serie di successo francese “Le Bazar de la Charité”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Umbria un ricoverato Covid in più e 67 nuovi positivi
Stabili intensive, si rialza tasso positività dei test
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
18 luglio 2021
13:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un ricoverato Covid in più negli ospedali dell’Umbria a fronte di una nuova impennata di nuovi casi giornalieri, 67 (contro i 30 di sabato), è il quadro delineato dai dati della pandemia sul sito della Regione. Rimane invece stabile a uno il numero dei pazienti in intensiva e ancora per un giorno non sono state segnalate nuove vittime.

Non viene segnalato alcun nuovo guarito e gli attualmente positivi sono ora 753, 67 in più del giorno precedente.
I tamponi analizzati sono stati 1.424 e 2.853 i test antigenici, con un tasso di positività in rialzo all’1,56 per cento (era 0,6 nelle 24 ore precedenti).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Di Stefano, 100 anni fa nasceva il tenore più amato
Svecchiò figura cantante lirico, ebbe lungo sodalizio con Callas
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 luglio 2021
13:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo Caruso e prima di Pavarotti, Giuseppe Di Stefano, di cui il 24 luglio si celebrano i 100 anni dalla nascita, avvenuta nel 1921 a Motta Sant’Anastasio, in provincia di Catania, è stato il cantante lirico più popolare e quello che ha contribuito a svecchiare l’immagine tradizionale del cantante d’opera, che passa dal palcoscenico della Scala calcato per anni a quello dell’Ariston per il festival di Sanremo 1966, che non ha peli sulla lingua, ha fascino ed è comunicativo, e per di più è stato a lungo il partner di Maria Callas, con cui ha avuto anche una storia d’amore. Le cronache parlavano di lui, divo di charme e senza istrionismi, come il ”cantante che aveva sempre privilegiato l’istinto rispetto alla cosiddetta tecnica, la sregolatezza rispetto al genio”, come ha scritto il musicologo Gianni Gori in una biografia a lui dedicata, ‘Voglio una vita che non sia mai tardi’.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Naturalmente moderna era anche la sua voce, espansiva, generosa nel darsi, solare, sensuale, nitida nel far risaltare la parola nel contesto musicale, incisiva pur nel fraseggio suadente e incalzante, sfruttando una eccezionale e naturale ricchezza di armonici.
Con la Callas cantò per la prima volta assieme in una ‘Traviata’ diretta da Tullio Serafin a San Paolo, in Brasile. Da allora, con rara affinità artistica e capacità di non prevalere uno sull’altro, diventarono la celeberrima ”coppia del belcanto” e non smisero mai di esibirsi in giro per il mondo in opere e concerti con i più grandi direttori d’orchestra. Un momento culminante fu nel 1955, protagonisti della storica ‘Traviata’ diretta da Giulini con regia di Luchino Visconti, che Di Stefano lasciò dopo la prima recita per pretestuosi contrasti con lei, ritrovandosi un anno dopo in ‘Un ballo in maschera’, edizione diventata storica per l’altezza del risultato, diretto da Gavazzeni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La loro storia d’amore fiorisce però tardi, nella prima metà degli anni ’70, quando Di Stefano con la sua carica umana convince Maria a tornare a esibirsi in recital e duetti in giro per il mondo, da Germania o Francia a Giappone e Australia, applauditi più per il loro carisma prestigioso che per le voci oramai stanche.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Centinaia assembrati tra tavolini, chiuso locale in Salento
Molti giovani senza mascherina e tavoli senza rispetto distanze
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NARDÒ (LECCE)
18 luglio 2021
13:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Centinaia di giovani assembrati tra i tavolini senza alcun rispetto per le distanze anti-Covid: per un locale di Santa Caterina, marina di Nardò in Salento, ieri sera è scattata la chiusura temporanea.
Gli agenti della Questura, impegnati in una serie di controlli nelle località marine più frequentate, sono intervenuti per la diffusione di musica ad alto volume oltre la mezzanotte e hanno trovato un dj alla consolle e centinaia di giovani che non rispettavano le distanze interpersonali, molti dei quali senza mascherina.
Il proprietario poi non aveva rispettato il previsto distanziamento nel collocare i tavolini.
Al titolare è stata contestata la violazione della normativa anti-Covid e, oltre alla multa di 400 euro, è scattata la sanzione accessoria della chiusura immediata, per 5 giorni. E si sta valutando la posizione amministrativa del Dj che al momento del controllo era sprovvisto della licenza Siae.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Francia per corso, 30 allievi maestri sci contagiati
Provenienti in 70 da tutta Italia. Solo uno rimasto a Deux Alpes
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
18 luglio 2021
16:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una trentina dei 73 allievi che stavano partecipando a una fase del corso di formazione promosso dal Collegio regionale Maestri di sci del Friuli Venezia Giulia a Les Deux Alpes (Francia) sono risultati positivi al Covid 19 e si trovano ora in isolamento.
I giovani, tra i 18 e i 25 anni, arrivati domenica scorsa da tutta Italia, avrebbero dovuto portare a termine una fase del corso per allievi maestri di sci dedicata al freestyle.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ma giovedì sera alcuni di loro hanno manifestato i primi sintomi.
Il giorno successivo il test antigenico ha confermato una prima positività al Covid, poi altre due. Il corso, già al primo risultato, è stato immediatamente interrotto.
“Della trentina di positivi emersi finora, 16 sono del Friuli Venezia Giulia”, spiega Alessandro Pandolfo, responsabile della formazione per il Collegio.
Gli allievi risiedevano tutti nella stessa struttura alberghiera “per creare la cosiddetta ‘bolla'”. Prima di accedere alla fase formativa era stato chiesto loro un test negativo al Covid o in alternativa l’avvenuta vaccinazione.
“Nonostante le misure prese in ingresso – osserva Pandolfo – non siamo riusciti però ad arginare il fenomeno pandemico, presente evidentemente nella località francese”.
I ragazzi, precisa il responsabile, “sono già rientrati nelle loro abitazioni con mezzi propri, mentre un positivo è rimasto in Francia. Tutte le persone che hanno partecipato alla formazione si trovano in isolamento e aspettano indicazioni dalle aziende sanitarie”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: casi ancora sopra 3 mila, ma solo 3 morti. Tasso 1,9%
80 mila test in meno, calano terapie intensive, salgono ricoveri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 luglio 2021
17:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Salgono ancora leggermente i positivi ai test per i Covid individuati nelle ultime 24 ore, sono 3.127 secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 3.121.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono invece appena 3 le vittime in un giorno, mentre ieri erano state 13.
Sono 165.269 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 244.797, circa 80 mila in più. Il tasso di positività è dell’1,9%, in aumento rispetto all’1,3% di ieri (+0,6%).
Sono 156 i pazienti in terapia intensiva per il Covid in Italia, in calo di 6 nel saldo tra entrate e uscite, dato che torna a scendere dopo tre giorni consecutivi di risalita. Gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute, sono 3 (ieri 9). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 1.136, quindi 25 in più rispetto a ieri.
I casi in Italia dall’inizio dell’epidemia sono 4.287.458, i morti 127.867. I dimessi ed i guariti sono invece 4.113.478, con un incremento di 501 rispetto a ieri. Gli attualmente positivi sono 46.113, in aumento di 2.622 unità nelle ultime 24 ore. Le persone in isolamento domiciliare sono 44.821 (+2.603).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
G8: marcia zapatista Genova, tra ragazzi Mark Cowell
Finì in coma dopo pestaggio alla Diaz da parte della polizia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
18 luglio 2021
20:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tra i 600 ragazzi dei movimenti zapatista e altormondista che stanno dando vita al corteo genovese in memoria del G8 del 2001 c’è anche Mark Cowell, il giornalista inglese che fu vittima dei pestaggi da parte della polizia all’interno della Diaz. Cowell venne gravemente ferito: riportò danni alla spina dorsale, la perforazione di un polmone causata dalla frattura di quattro costole oltre a alcuni denti rotti.
Rimase in coma per una settimana.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Omicidio in Rsa in Alto Adige, uccisa 78enne
Coltellata al cuore, arrestato un visitatore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
18 luglio 2021
22:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un omicidio è avvenuto in una Rsa a Lana, in Alto Adige. Secondo le prime informazioni, un visitatore avrebbe ucciso con una coltellata al cuore una donna di 78 anni, ospite della struttura.
L’arma del delitto sarebbe un coltello da cucina. L’uomo, che in passato avrebbe avuto un legame affettivo con la donna, è stato arrestato dai carabinieri, intervenuti sul posto. La procura di Bolzano coordina l’inchiesta.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Droga: operazione Cc a Torre Annunziata, 7 arresti
Detenzione e spaccio, monitorati 500 episodi in due mesi
c
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
19 luglio 2021
06:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I Carabinieri del Comando provinciale di Napoli stanno dando esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal giudice per le indagini preliminari di Torre Annunziata su richiesta della Procura, nei confronti di sette indagati ritenuti responsabili di detenzione e spaccio di cocaina, crack e marijuana.
Le indagini svolte da parte dei militari della Compagnia oplontina e coordinate dalla Procura di Torre Annunziata hanno permesso di monitorare circa 500 episodi avvenuti in meno di due mesi nella città e in altri comuni dell’area vesuviana.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 48mila famiglie aiutate in lockdown da Caritas Puglia
Chiedono aiuto nuclei con figli, disoccupati, lavoratori in nero
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
19 luglio 2021
10:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nei due mesi del primo lockdown per l’emergenza Covid, 47.942 famiglie pugliesi, circa 120mila persone, si sono rivolte alle Caritas perché in difficoltà economiche: è quanto emerge dal libro-report “Chiese chiuse…
chiesa aperta” presentato a Bari.
Il report è stato illustrato dal vescovo di Cerignola-Ascoli Satriano, monsignor Luigi Renna, segretario della Conferenza episcopale pugliese, con il vescovo di San Severo, monsignor Giovanni Checchinato, delegato della Conferenza episcopale pugliese per la pastorale della carità e i curatori del libro, Serena Quarta, sociologa docente all’Università di Salerno e Alessandro Mayer, delegato regionale Caritas Puglia, con il giornalista Rai Enzo Quarto.
A chiedere il sostegno delle Caritas locali sono state soprattutto le famiglie con figli minori, al primo posto, poi i disoccupati e al terzo posto i lavoratori in nero.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Arrestato a Parigi ex Br Di Marzio
E’ l’ultimo ex terrorista per cui Italia chiede l’estradizione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 luglio 2021
11:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La polizia francese ha arrestato questa mattina a Parigi anche l’ultimo ex terrorista, per cui l ‘Italia chiede l’estradizione, Maurizio Di Marzio, sfuggito all’operazione di fine aprile. Il provvedimento depositato l’ 8 luglio dalla Corte d’Assise di Roma ha stabilito infatti che non è ancora prescritta la sua pena.
Lo rendono noto fonti di via Arenula.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Papa ringrazia il Gemelli, ‘mi sono sentito a casa’
Una lettera dopo l’intervento e il ricovero nell’ospedale romano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
19 luglio 2021
11:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Papa ha scritto una lettera al presidente del consiglio di amministrazione della Fondazione Policlinico Agostino Gemelli, Carlo Fratta Pasini, per ringraziare l’ospedale romano per l’attenzione ricevuta nei giorni dell’intervento e del ricovero. “Come in famiglia ho toccato con mano una accoglienza fraterna e una premura cordiale, che mi hanno fatto sentire a casa”, scrive il Papa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: obbligo di vaccini ai prof, pressing del Pd ma è scontro con la Lega
Il ministro, insegnamento in presenza è priorità assoluta
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SAN VITO AL TAGLIAMENTO
20 luglio 2021
11:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Una decisione da prendere insieme e su cui confrontarsi” ma che al momento trova ancora troppe divisioni. Nel giorno in cui l’Italia supera la soglia del 50% dei vaccinati over 12 con entrambe le dosi, l’obbligo del vaccino anti-Covid, in particolare per il personale scolastico, torna a dividere le forze politiche nel Governo: il Pd ne chiede l’applicazione per i prof ma dalla Lega arriva un secco ‘no’.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E, almeno per il momento, la linea di Palazzo Chigi è quella della prudenza.
Ad alimentare un dibattito già in fermento sono le parole del ministro della Pubblica Istruzione Patrizio Bianchi, che – parlando in generale del rientro a scuola in sicurezza – spiega: “Ci troveremo questa settimana col Consiglio dei ministri e la decisione sull’obbligo vaccinale o meno per gli insegnanti andrà presa dall’intero collegio”. L’ipotesi per ora resta comunque nel cassetto, ma molti – dal Partito Democratico ad alcuni governatori, come Stefano Bonaccini – sperano sia tirata fuori il prima possibile per contrastare il rischio di nuove chiusure, a partire dalla scuola.
“Le vaccinazioni sono una priorità assoluta, invitiamo il governo a prendere iniziative stringenti”, chiede il leader dem, Enrico Letta, auspicando il massimo impegno affinché le scuole rimangano aperte contro “il disastro” della Dad.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tutt’altra la posizione del segretario del Carroccio, Matteo Salvini, per il quale va messa in sicurezza la popolazione “dai 60 in su, da 40 a 59 scelgano, per i giovani non serve”, dice. E aggiunge: “parlare di obbligo per studenti di 13 o 14 anni o per gli insegnanti non fa parte del mio modo di pensare un paese libero”. Ed inoltre, “entro settembre si stima di arrivare oltre il 90% di copertura volontaria fra gli insegnanti. Che senso ha parlare di obblighi o licenziamenti a scuola?”. Parole che innescano la polemica, con la reazione di Letta: “Salvini ride e scherza. Penso che questo atteggiamento sia completamente irresponsabile”. Il leghista replica: “il caldo fa brutti scherzi”. Una bacchettata arriva però dallo stesso ministro della Salute, Roberto Speranza, per il quale “nel dibattito sui vaccini non sono ammissibili ambiguità da parte di nessuna forza politica”. Anche il segretario di Italia Viva, Matteo Renzi, attacca: “dire che non bisogna vaccinarsi sotto i 40 anni è una follia”.
Al di là del dibattito tra le forze politiche, il dato certo è che il Paese ha raggiunto un altro traguardo significativo, l’immunizzazione della metà dell’intera popolazione vaccinabile: un italiano su due ha infatti completato il ciclo con entrambe le dosi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Secondo il report del governo, i cittadini immunizzati sono 27.311.228, pari al 50,57% della popolazione over 12. La stessa percentuale raggiunta in Europa dove, viene fatto notare, “è già stato consegnato un numero sufficiente di dosi per raggiungere il target del 70% a fine luglio”. Ma “per raggiungere l’obiettivo occorre che gli Stati continuino a somministrare velocemente i vaccini appena arrivano”.
Le indicazioni e le possibili strette sulle inoculazioni irritano il fronte No Vax, anche in Italia. Dopo le proteste in Francia, nella campagna vaccinale nostrana irrompono alcuni episodi provocatori sui social contro eventuali obblighi: Riccardo Blengio, vicesindaco di Bistagno, Comune in provincia di Alessandria, pubblica su Facebook un fotomontaggio in cui compare l’insegna sul cancello del campo di concentramento di Auschwitz ‘Arbeit macht frei’ (il lavoro rende liberi), sostituita dalla scritta ‘Il vaccino rende liberi’. E il deputato siciliano di Attiva Sicilia, ex M5S, Sergio Tancredi posta una foto con un tatuaggio che ricorda quelli fatti agli ebrei nei campi di concentramento associandolo al Green Pass e scrive: “A breve…per chi non si allinea…Magari pratica inserita in un Dpcm !”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Aldilà delle proteste, provvedimenti reali invece arrivano con un emendamento al dl Recovery approvato in commissione alla Camera: secondo la modifica, il governo potrà obbligare temporaneamente i possessori di un brevetto relativo a medicinali o vaccini – considerati essenziali per la salute – a concederne l’uso ad altri soggetti qualora si trovi ad affrontare un’emergenza sanitaria.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Romana Petri, quando l’amore è rappresentazione
Terzo capitolo della saga ambientata a Lisbona
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 luglio 2021
13:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMANA PETRI, ‘LA RAPPRESENTAZIONE’ (Mondadori, Pp 406, Euro 20,00). In un libro in cui solo l’arte sembra verità, tutto è rappresentazione a cominciare dall’amore, dal matrimonio, alla coppia, per poi allargarsi al senso della famiglia, al rapporto tra fratello e sorella e a quel poco che sembra esserci oltre.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sfiora la crudeltà il nuovo capitolo della saga dei Dos Santos, facoltosa quanto altezzosa famiglia portoghese che è al centro del terzo romanzo della serie che la scrittrice Romana Petri gli dedica dopo Ovunque io sia (2009) e Pranzi di famiglia (2019) e non è escluso non ce ne siano altri visto il finale perennemente e sapientemente sospeso come solo la vita sa esser fino all’ultimo istante. Qui la storia si stringe intorno al rapporto tra Luciana Albertini, la pittrice che si avvia ad una solida conquista della celebrità e di suo marito Vasco, tanto più fragile e insicuro mano mano che il successo della moglie cresce. Rapporto inversamente proporzionale alla risposta che la vita sa dare ad entrambi, lei italiana, anzi romana, creativa in modo esplosivo spinta da una forza interiore che la rende libera sulle tracce di santa Teresa D’Avila. Lui portoghese sempre più fragile, contraddittorio, privo di personalità mano mano che il suo fallimento diventa evidente rispetto all’affermazione di Luciana. Lui e lei sembrano essere uno lo specchio dell’altra, tanto lei vive in profondità, tanto lui si ferma alla superficie, tanto lei si abbandona all’istinto che le restituisce dimensioni quasi mistiche, tanto lui cerca il conforto di una falsa anche quella esteriorità di solidità economica solo retaggio di un’origine sepolta dall’inettitudine. Insomma un’altra rappresentazione, per un uomo costretto a vivere sulle spalle della moglie e ancora peggio del padre che per questo non perde mai occasione di umiliarlo. Fragile fino all’inconsistenza questo Vasco che alla fine sembra cadere in mille pezzi perchè pura esteriorità, tanto inutilmente bello quanto falso da pronunciare parole solo prive di significato alternate a vuoti silenzi. Insomma in tutto e per tutto uguale a quella famiglia da cui sembrava di volersi affrancare e nella quale rimane alla fine inesorabilmente invischiato. Romanzo di incomunicabilità dei sentimenti, romanzo di rappresentazione appunto, dove nessuno è quello che sembra e in fondo non vuole nemmeno esserlo: il padre Tiago potente e vanesio con la nuova compagna Marta, i figli di Mara do Ceu, Rita la ragazza deforme e la più sana, e Vasco e la sorella gemella Joana con il marito Nuno che inanellano tradimenti. ”Il mondo è una cospirazione di idioti”, ripete Vasco che non sembra però sfuggire alla categoria universale. La Petri non fa sconti a nessuno, se non al cane Barabba e al gatto dal doppio nome, nemmeno alla Albertini in fondo perchè in quando ‘artista’ appartiene di fatto ad una categoria non umana, aliena direi.
Un romanzo emozionante, feroce come la verità di quella mostra sulla famiglia che alla Albertini costa per sempre il rapporto con i parenti del marito e con quella Lisbona che ne è carne e sostanza insieme. Un romanzo sulla fragilità e sulla forza di non saper sfuggire al proprio destino, sull’inesorabilità del magma che prima o poi ci riporta alle nostre origini più profonde cancellando sentimenti che sembrano falsi come porporina. Epico per questo in fondo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Eroe che va oltre, in scena l’Ulisse di Nicola Piovani
Maestro ha inaugurato residenza artistica con Musica per Roma
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 luglio 2021
19:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La curiosità, la voglia di affrontare a viso aperto i pericoli e le sfide, l’ uomo sempre pronto ad andare oltre limiti e confini. Nicola Piovani spiega così ”Viaggi di Ulisse”, racconto in musica e parole dell’ eroe omerico che ha inaugurato domenica 18 luglio nella Cavea dell’ Auditorium Parco della Musica il suo percorso di artista residente nella Fondazione Musica per Roma.
E’ un lavoro pieno di fascino che unisce ai brani composti dal maestro premio Oscar testi di James Joyce, Konstantinos Kavafis, Omero, Umberto Saba, Pindaro, Torquato Tasso recitati in video dagli attori Carlo Cecchi, Paila Pavese, Massimo Popolizio, Mariano Rigillo, Virgilio Zemitz, Chiara Baffi e Massimo Wertmuller.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
All’ intreccio di suoni e voci fanno da sfondo ‘parlante’ i grandi disegni di Milo Manara, il primo dei quali mostra il protagonista con il volto e lo sguardo di Pier Paolo Pasolini. ”Ogni artista nel rappresentare questo personaggio dalle tante facce ne sceglie una – ha detto Piovani -. Noi ci siamo trovati d’ accordo scegliendo quella della curiosità di chi vuole guardare oltre il visibile e Milo Manara lo ha raffigurato come il grande intellettuale del secolo scorso, un grande Ulisse, il libero pensatore che cerca di varcare il perimetro assegnato mettendo in conto anche il rischio del naufragio”. La ‘favola’ proposta dal pianista romano tocca tappe cruciali, a partire dal passaggio davanti all’ isola delle Sirene. Qui, al ritmo avvolgente del valzer segue un tango nervoso per descrivere l’ esperienza dell’ eroe, unico uomo sopravvissuto al loro canto mortale. Poi l’ isola dei Lotofagi, l’ incontro con Polifemo fino all’ ultimo passaggio, che immagina un finale diverso, Ulisse che dopo il ritorno ad Itaca riparte per tentare di superare le colonne d’ Ercole. ”I temi del racconto sono le emozioni che mi hanno lasciato le letture e l’immaginazione di alcuni viaggi di Ulisse – spiega il compositore – Con la musica strumentale, non raccontiamo i fatti che solo la parola può descrivere. Ma la musica può tentare di materializzare la commozione che quei fatti ancora oggi sono capaci di suscitare”.
Bravi e molto applauditi i suoi compagni di viaggio, Marco Loddo (contrabbasso), Marina Cesari (sax/clarinetto basso), Pasquale Filastò (violoncello/mandoloncello), Ivan Gambini (batteria/percussioni) e Sergio Colicchio (tastiera elettronica/fisarmonica). Nei tre anni di residenza artistica con Musica per Roma Piovani proporrà nuovi spettacoli. ”E’ un grande onore per noi – ha detto l’ amministratore delegato Daniele Pitteri, salutandolo al termine con la presidente Claudia Mazzola -. Piovani all’ Auditorium è di casa ma ora con lui avremo una relazione costante non solo producendo progetti che partiranno da qui e gireranno l’ Italia e, speriamo, l’ Europa, ma anche nella esplorazione di un settore particolare della musica, il teatro musicale di cui Nicola, tra musicisti più curiosi alla ricerca di nuove sonorità, è uno dei massimi interpreti italiani”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Arrestato a Parigi l’ex Br Maurizio Di Marzio
L ‘Italia chiede l’estradizione, il terrorista era sfuggito all’operazione di fine aprile.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
20 luglio 2021
09:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La polizia francese ha arrestato questa mattina a Parigi anche l’ultimo ex terrorista, per cui l ‘Italia chiede l’estradizione, Maurizio Di Marzio, sfuggito all’operazione di fine aprile. Il provvedimento depositato l’ 8 luglio dalla Corte d’Assise di Roma ha stabilito infatti che non è ancora prescritta la sua pena.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo rendono noto fonti di via Arenula.

Negli archivi di polizia, il nome di Di Marzio è legato all’attentato al dirigente dell’ufficio provinciale del collocamento di Roma Enzo Retrosi, nel 1981, e soprattutto al tentato sequestro del vicecapo della Digos della capitale Nicola Simone il giorno della Befana del 1982. “Un brigatista travestito da postino, con divisa e blocchetto delle ricevute in mano, bussò verso le 15 – scriveva il quotidiano L’Unità una settimana dopo -. Simone guardò prima attraverso lo spioncino poi aprì, ma in pugno aveva la sua 38 special perché non si fidava. Secondo la prima ricostruzione il terrorista avrebbe sparato contro il funzionario di polizia, il quale avrebbe avuto la forza di reagire esplodendo a sua volta due colpi. Stando alla nuova versione, invece, altri componenti del commando Br erano appostati sul pianerottolo e avrebbero cercato di aggredire Simone per immobilizzarlo e rapinarlo. Allora il vicecapo della Digos avrebbe aperto il fuoco per primo, ferendo con due colpi uno dei terroristi e poi sarebbe caduto a terra ferito a sua volta da tre proiettili al volto”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Arrivato a Roma il primo charter con gli  studenti bloccati a Malta per il covid
58 italiani e una trentina di tedeschi, tutti negativi al test ripetuto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
LA VALLETTA
20 luglio 2021
10:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
e-tue-scelte
Pubblicità 4w
Scegli Link gas e luce.
Risparmi fino a 700€ in due anni.
Scopri di più
Blu American Express®
2% di Cashback sui tuoi acquisti + quota gratuita ogni anno
Scopri di più
Felici di essere rientrati, dispiaciuti per non essere riusciti a completare il corso di inglese, per molti di loro sospeso solo dopo pochi giorni dall’inizio, e preoccupati per i loro amici rimasti ancora a Malta perché risultati positivi al Covid. Questo lo stato d’animo del primo gruppo di 58 studenti italiani che, messi in quarantena seppur risultati negativi al test Covid, sono arrivati a Fiumicino con un volo charter organizzato dalle autorità maltesi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ad attenderli in aeroporto, genitori e parenti. “Non posso dire che per me, con il rientro di mia figlia, sia la fine di un incubo, ma poco ci manca”, dicono in molti.

Il charter era partito attorno alle 10,15 dall’aeroporto internazionale di Malta organizzato dalle autorità maltesi per il rientro degli studenti delle scuole di lingue messi in quarantena ma negativi al test Covid.
Il primo gruppo comprende 58 italiani ed una trentina di tedeschi, tutti sottoposti a nuovo test prima dell’imbarco.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il volo, finanziato dalla Malta Tourism Authority (Mta, agenzia governativa del turismo maltese), ha fatto scalo prima a Roma poi a Francoforte. Altri voli sono previsti nei prossimi giorni.
Domani sarà la volta di francesi e spagnoli.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Caso Eni: il Csm convoca gli aggiunti di Milano, non De Pasquale
Anche presidente del Tribunale Bichi e giudice Marco Tremolada
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
19 luglio 2021
14:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I procuratori aggiunti di Milano, tranne Fabio De Pasquale, tra i pm indagati a Brescia, sono stati convocati dal Csm nell’ambito dell’attività di “vigilanza” avviata per verificare se si sono determinate situazioni di incompatibilità ambientale o funzionale negli uffici giudiziari di Milano a partire dalle vicende del “caso Eni”. Le convocazioni di gran parte dei vice del Procuratore capo Francesco Greco, di alcuni pm e anche del Presidente del Tribunale Roberto Bichi e del giudice Marco Tremolada, che ha presieduto il collegio che ha assolto tutti gli imputati per la vicenda su Opl245, sono state fissate per il 26 e il 27 luglio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: primi studenti rientrati a Roma da Malta, “è fine incubo”
‘Sempre chiusi in Covid Hotel, peccato per corso andato in fumo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 luglio 2021
14:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Felici di essere rientrati, dispiaciuti per non essere riusciti a completare il corso di inglese, per molti di loro sospeso solo dopo pochi giorni dall’inizio, e preoccupati per i loro amici rimasti ancora a Malta perché risultati positivi al Covid. Questo lo stato d’animo del primo gruppo di 58 studenti italiani che, messi in quarantena seppur risultati negativi al test Covid, sono arrivati oggi a Fiumicino con un volo charter organizzato dalle autorità maltesi.
Ad attenderli in aeroporto, genitori e parenti. “Non posso dire che per me, con il rientro di mia figlia, sia la fine di un incubo, ma poco ci manca. L’unica cosa che si ha tenuti in apprensione – dice una mamma.
“Volevo perfezionare il mio inglese ma, purtroppo, non ci sono riuscita”, afferma sconsolata Martina di Varese. “Abbiamo passato tutto il tempo chiusi in un Covid hotel. Hanno separato i positivi dai negativi. L’unico ‘passatempo’ – riferisce Martina, giovane studentessa bergamasca – era il cellulare.
Comunicavamo tra noi via whatsapp e lo abbiamo fatto anche con i nostri genitori che ci chiamavano dall’Italia”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vannini: giudici,imputati non fecero nulla per evitare morte
Lo scrive la Cassazione nelle motivazioni della sentenza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 luglio 2021
15:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’intera famiglia Ciontoli scelse “di non fare alcunché che potesse essere utile a scongiurare la morte” di Marco Vannini. Lo scrivono i giudici della corte di Cassazione nelle motivazioni della sentenza con cui il 3 maggio scorso hanno confermato la condanna a 14 anni di carcere per Antonio Ciontoli, accusato di omicidio volontario con dono eventuale del ragazzo che la notte tra il 17 e il 18 maggio del 2015 venne ucciso con un colpo di pistola mentre si trovava a casa della fidanzata a Ladispoli, centro sul litorale romano.
I giudici avevano ratificato anche la condanna a 9 anni e 4 mesi ai figli di Ciontoli , Martina e Federico e alla moglie Maria Pezzillo. Nei loro confronti l’accusa è di concorso anomalo in omicidio volontario. La Suprema corte afferma che gli imputati “accettarono” la morte di Vannini “all’esito di un infausto bilanciamento tra il bene della vita del giovane e l’obiettivo avuto di mira, ovvero evitare che emergesse la verità su quanto realmente accaduto”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Morto De Rienzo: domani verrà svolta l’autopsia
Disposto anche l’esame tossicologico
c
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
19 luglio 2021
15:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si procederà domani con l’autopsia sul corpo dell’attore Libero De Rienzo, trovato morto nella sua abitazione, a Roma, nella serata di giovedì scorso. Questa mattina i pm capitolini hanno affidato l’incarico per l’attività istruttoria che verrà svolta presso l’istituto di Medicina Legale del Policlinico Gemelli.
I magistrati, che procedono per morte come conseguenza di altro reato, hanno disposto anche i prelievi tossicologici per accertare se l’artista avesse assunto droghe nelle ore precedenti al decesso. In base a quanto si apprende, inoltre, i familiari di De Rienzo hanno nominato un consulente che prenderà parte all’attività peritale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scontro tra auto in A1, muore donna e ferito bimbo 6 anni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
19 luglio 2021
16:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una donna è deceduta nell’incidente tra auto avvenuto questo pomeriggio nel tratto fiorentino dell’A1, tra Valdarno e Incisa Reggello in direzione Firenze. Ferito il nipote di 6 anni, che era nella vettura con lei.
Il piccolo, le cui condizioni in base alle prime informazioni non sarebbero gravi, è stato portato all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze.
Secondo una prima ricostruzione della polstrada, la donna, una 50enne nonna del bambino, non si sarebbe accorta di un rallentamento e avrebbe tamponato l’auto che la precedeva.
Nell’urto sarebbe stata sbalzata fuori dal veicolo.
Complessivamente sarebbero cinque le auto coinvolte nello scontro e quattro i feriti. Sono in corso anche le operazioni di soccorso e aiuto agli automobilisti ferme in coda.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Truffa diamanti: al via udienza Milano, centinaia raggirati
A settembre il gup decide sulle parti civili. Imputate 4 banche
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
19 luglio 2021
17:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ iniziata con le richieste di costituzione come parti civili da parte di risparmiatori e investitori raggirati l’udienza preliminare per la presunta maxi truffa sulla vendita di diamanti a prezzi gonfiati che vede imputate 105 persone e 5 società, tra cui Banco Bpm, Unicredit, Mps e Banca Aletti e nella quale figurano oltre 600 “persone offese” individuate dal pm di Milano Grazia Colacicco.
Davanti al gup Manuela Scudieri nella grande aula della Fiera di Milano, hanno chiesto di entrare nel procedimento, come parti civili per danni subiti, alcune delle vittime individuate nei capi di imputazione, ma anche altre persone non identificate nelle indagini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono arrivate in totale alcune centinaia di istanze e anche da parte di associazioni dei consumatori.
Sulle parti civili il giudice deciderà il 20 settembre, mentre il 29 e 30 settembre si discuteranno le questioni preliminari. Nel frattempo, Procura e difese potrebbero anche raggiungere accordi per eventuali istanze di patteggiamento. Lo scorso primo luglio, il gip Chiara Valori aveva ratificato il patteggiamento di Intesa Sanpaolo e Dpi (Diamond Private Investment): per la banca una sanzione pecuniaria di 100mila euro con confisca di circa 60mila euro, mentre per Dpi, al centro del maxi raggiro, una pena pecuniaria da 34mila euro e la confisca di circa 88 milioni di euro.
L’inchiesta ha accertato presunti profitti illeciti per quasi 500 milioni di euro ai danni di migliaia di investitori, tra cui anche clienti vip come Vasco Rossi (episodio prescritto). Per l’accusa, i diamanti venivano venduti a prezzi gonfiati a clienti ignari con la presunta complicità degli istituti di credito.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
COVID: 2.072 POSITIVI, 7 VITTIME
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 luglio 2021
17:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: soglia 5% delle terapie intensive e 10% ricoveri per andare in giallo
L’ipotesi per la revisione dei parametri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
20 luglio 2021
11:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si andrà in zona gialla se l’occupazione delle terapie intensive è superiore al 5% dei posti letto a disposizione e se quella dei reparti ordinari supera il 10%. Sarebbe questa, secondo quanto si apprende da diverse fonti di governo e delle regioni, l’ipotesi alla quale si sta lavorando per rivedere i parametri del monitoraggio con il quale vengono attribuite le fasce di colore alle regioni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scendono leggermente i positivi ai test per i Covid individuati nelle ultime 24 ore, sono 2.072 secondo i dati del ministero della Salute. Sono invece 7 le vittime in un giorno. Sono 89.089 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il tasso di positività è del 2,3%, in aumento rispetto all’1,9% di ieri. Tornano a salire le terapie intensive per Covid, oltre ai ricoveri nei reparti ordinari. Sono 162 i pazienti in rianimazione per il coronavirus in Italia, in aumento di sei nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute, sono 16 (ieri 3). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 1.188, quindi 52 in più rispetto a ieri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Superata la soglia del 50% di vaccinati over 12 in Italia – Un italiano su due di quelli vaccinabili ha completato il ciclo con entrambe le dosi. Secondo quanto emerge dal report del governo, aggiornato alle 17 di oggi, gli italiani immunizzati sono 27.311.228, pari al 50,57% della popolazione over 12.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Veltroni prepara un film su Pio La Torre
“E’ un onore ricordare eroe mafia 40 anni dopo”. Produce Minerva
C
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 luglio 2021
17:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Pio La Torre, segretario regionale del Pci in Sicilia, ucciso dalla mafia il 30 aprile del 1982 a Palermo, è dedicato il nuovo documentario di Walter Veltroni. Lo annuncia la produzione, la società indipendente Minerva Pictures.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le riprese tra Palermo, la Sicilia e Roma.
La Torre fu ucciso quando in Sicilia l’intreccio tra mafia, terrorismo politico e Stato deviato si manifestò nel modo più cruento. In tre anni, 40 anni fa insieme a esponenti delle forze dell’ordine, magistrati e professionisti, furono uccisi Boris Giuliano, Cesare Terranova, Piersanti Mattarella, Gaetano Costa, Carlo Alberto dalla Chiesa. La mafia, come tornerà a fare dieci anni dopo con gli omicidi di Falcone e Borsellino (di cui oggi ricorre l’anniversario della morte in Via D’Amelio), si intreccia con la politica e il potere, si fa, di volta in volta, mandante ed esecutore di assassini e stragi. Pio la Torre e Rosario di Salvo, suo autista e amico, vengono uccisi perché il leader politico della sinistra siciliana ha denunciato con forza il carattere della mafia come sistema, ha approntato una legge che introduceva il reato di associazione mafiosa e la confisca dei beni e si è opposto alla costruzione di una base americana a Comiso che aveva destato forte interesse nelle organizzazioni criminali.
Veltroni torna così a raccontare il nostro passato recente attraverso il ritratto di un uomo intenso, schivo, determinato, che la morte ha reso drammaticamente uno dei tanti eroi di cui, purtroppo, il Paese ha avuto bisogno: “Conoscevo da anni Pio e gli volevo bene. Occuparmi della sua vita e dell’assassinio suo e di Rosario di Salvo è un onore e una grande responsabilità.
Con la collaborazione dei suoi figli Franco e Filippo e dei suoi tanti amici e compagni cercheremo di ricostruire la vita di un dirigente della sinistra, di un uomo che non ha mai smesso di combattere mafia e poteri forti, che ha aiutato il paese a comprendere e combattere il sistema mafioso”.
La vita di Pio La Torre emergerà da interviste, registrazioni di processi, testimonianze, archivi delle tv locali siciliane, interventi ai congressi di partito o in Parlamento, dai ricordi e dalle immagini inedite condivise dalla famiglia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Muore accoltellato durante lite, un fermo
Forse motivi passionali a Belmonte Piceno. Indagano Cc
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FERMO
19 luglio 2021
17:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un uomo di 53 anni è morto, dopo essere stato accoltellato durante una lite furiosa, forse per motivi passionali. E’ successo la scorsa notte a Belmonte Piceno (Fermo).
Fermato un altro uomo, un conoscente di lunga data. La vittima si chiamava Marzio Marini, muratore, residente Piane di Montegiorgio. Secondo i carabinieri si è incontrato con il aggressore poco prima di mezzanotte, in strada, in via dei Sibillini, dove è scoppiato il diverbio. Sarebbe stato colpito da più fendenti. A dare l’allarme alcuni residenti del piccolo borgo, che conta circa 600 abitanti. Soccorso dalla Misericordia di Montegiorgio, Marini è stato trasportato all’ospedale di Fermo dove è morto poco dopo. L’altro uomo, che non si è dato alla fuga, ma è rimasto sul posto, è stato accompagnato alla caserma dei carabinieri di Montegiorgio, in stato di fermo. Non ha risposto alle domande del pm e secondo il suo legale, Antonella Natale, sarebbe in stato di choc.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sacerdote arrestato, su di me accuse infamanti
Don Tempesta nega ogni accusa in interrogatorio garanzia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VARESE
19 luglio 2021
18:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Accuse infamanti, sono scioccato e provato da quello che sta accadendo”. Queste le parole di don Emanuele Tempesta, il sacerdote di Busto Garolfo (Milano) arrestato venerdì con l’accusa di abusi sessuali su sette bambini di età compresa tra i 7 e gli 11 anni, durante l’interrogatorio di garanzia tenutosi oggi davanti al Gip di Busto Arsizio (Varese) Stefano Colombo.
Il sacerdote ha quindi negato ogni addebito circa le pesanti accuse mosse a suo carico.
Nessuna misura alternativa è stata chiesta, ad oggi, dalla difesa di don Emanuele, che si trova ai domiciliari. Lo ha confermato l’avvocato Mario Zanchetti, neo difensore subentrato al precedente d’ufficio. Il legale ha detto di non voler rilasciare dichiarazioni in merito all’interrogatorio di garanzia del suo assistito, tenutosi oggi in Tribunale a Busto Arsizio (Varese) data la vicenda “delicata e in corso di indagini”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 2.072 positivi, 7 vittime
89.089 test, tasso positività sale al 2,3%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 luglio 2021
18:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scendono leggermente i positivi ai test per i Covid individuati nelle ultime 24 ore, sono 2.072 secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 3.127.
Sono invece 7 le vittime in un giorno, mentre ieri erano state 3. Sono 89.089 i tamponi molecolari e antigenici effettuati nelle ultime 24 ore. Ieri erano stati 165.269. Il tasso di positività è del 2,3%, in aumento rispetto all’1,9% di ieri.
Tornano a salire le terapie intensive per Covid, oltre ai ricoveri nei reparti ordinari. Sono 162 i pazienti in rianimazione per il coronavirus in Italia, in aumento di sei nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 16 (ieri 3). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 1.188, quindi 52 in più rispetto a ieri.
I casi in Italia dall’inizio dell’epidemia sono 4.289.528, i morti 127.874. I dimessi ed i guariti sono invece 4.114.129, con un incremento di 651 rispetto a ieri. Gli attualmente positivi sono 47.525, in aumento di 1.412 unità nelle ultime 24 ore.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Crollo cavalcavia: intesa sui risarcimenti, il 6/9 sentenza
Chiesta la condanna per i quattro imputati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
LECCO
19 luglio 2021
18:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il 6 settembre – a quasi cinque anni dal crollo del ponte di Annone Brianza (Lecco) che è costato la vita al Lecchese Claudio Bertini, 68 anni, e ferito sei persone – sarà letta la sentenza nei confronti dei quattro imputati. Il pm Andrea Figoni ha chiesto la condanna a quattro anni per Andrea Sesana e Giovanni Salvatore, il primo funzionario della Provincia di Lecco e l’altro capo compartimento Anas Lombardia, tre anni e sei mesi per Angelo Valsecchi, dirigente della Provincia di Lecco e due anni per Silvia Garbelli, funzionario della Provincia di Bergamo, che aveva firmato l’autorizzazione richiesta dalla Nicoli Trasporti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il ponte crollò al passaggio di un Tir della società di Albino (Bergamo) provocando una vittima e sei feriti.
Oggi, nell’ultima udienza, le parti civili si sono sfilate perché è stato trovato l’accordo con le assicurazioni sul risarcimento nei confronti della famiglia di Claudio Bertini e dei sei feriti. L’unica parte civile rimasta è il Codacons che nell’udienza odierna, con l’avvocato Marco Colombo, ha depositato una memoria scritta con la richiesta di danni per 50mila euro. Il giudice monocratico Enrico Manzi ha aggiornato l’udienza al 6 settembre per la sentenza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Trapianti: figlia operaio morto, vorrei incontrare riceventi
‘Ha vinto la vita e abbiamo vinto noi con voi’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ASCOLI PICENO
19 luglio 2021
20:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Cosa darei per incontrarvi e, semplicemente, abbracciarvi in un profondo silenzio.
Cercatemi se per puro caso leggete queste parole e se avete piacere”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Questo l’appello lanciato attraverso i social da Eleonora Ortenzi, la figlia di Bruno Ortenzi, l’operaio 58enne morto il 4 giugno scorso dopo un incidente sul lavoro avvenuto il 31 maggio presso lo stabilimento industriale della Scandolara ad Ascoli Piceno. Lei e la mamma hanno dato l’autorizzazione all’espianto degli organi quando ormai per il loro congiunto non c’erano più speranze di sopravvivere alle gravi lesioni riportate nella caduta da un’impalcatura. “Il 4 giugno io e la mia mamma abbiamo deciso di donare i suoi organi – ha scritto la ragazza -. Il suo cuore è stato trapiantato entro le 48 ore a Siena ad un uomo di 64 anni, il suo fegato ad un ragazzo di 16 anni a Milano, la sua cornea e i suoi reni a tre uomini di 67, 64 e 48 anni ad Ancona e sono marchigiani. Mi sento di dirvi che ha vinto la vita. Abbiamo vinto noi con voi”. Nel ricordare il papà Elonora Ortenzi sottolinea che “era buono e pieno di vita”.
“Sono orgogliosa nel sapere che lui vive in ognuno di voi. Ho 27 anni, mio fratello 10 anni, mia figlia 7 e la mia mamma 50.
Viviamo ad Ascoli Piceno. Vi aspettiamo con il cuore in mano.
Cosa darei per risentire il suo cuore battere” è l’appello che la figlia di Ortenzi rivolge a chi ha ricevuto gli organi, di cui ignora al momento l’identità visto che in Italia è vietato fornire ai parenti del donatore le generalità del ricevente.
“Purtroppo solo chi ci capita può capire. Ci darebbe un po’ di conforto e di pace”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Ndrangheta: Marco Sorbara, libero dopo 909 giorni devastanti
Ex consigliere Vda assolto in appello, “grazie a mio fratello”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AOSTA
19 luglio 2021
20:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono stati giorni terribili, devastanti, e non mi sembra ancora vero che siano finiti. Da oggi dopo 909 giorni sono un uomo libero”.
Sono le parole di Marco Sorbara, ex consigliere regionale della Valle d’Aosta, assolto dai giudici della Corte d’appello di Torino dall’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa nel processo Geenna con rito ordinario. In primo grado era stato condannato a dieci anni di reclusione.
”Questa Corte – continua – sin da subito ha portato ha mostrato grande attenzione per la nostre argomentazioni. Ma soprattutto questo lo devo a mio fratello Sandro, che è anche il mio avvocato. Grazie a lui non ho mai perso fiducia nella giustizia. Grazie alle sue istanze sono uscito dal carcere e ho avuto i domiciliari, poi la possibilità di uscire per andare a lavorare e ora l’assoluzione. In questi 30 mesi, c’è stata sempre la convinzione che qualcuno ci avrebbe ascoltato. E così è stato”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cuba: a Venezia sit-in solidarietà con Paese centroamericano
Una cinquantina di cubani con bandiere e striscioni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
19 luglio 2021
21:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una cinquantina di persone ha dato vita oggi davanti alla stazione di Santa Lucia, a Venezia, ad una manifestazione per chiedere “la libertà di Cuba”, il paese caraibico dove da giorni sono in corso proteste e disordini contro il governo e la cattiva gestione della pandemia da Coronavirus. “Sos Cuba”, “Patria y Vida” c’era scritto negli striscioni issati, assieme alle bandiere del Paese, dai manifestanti, in grande maggioranza cittadini cubani residenti in Italia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: in Italia superato 50% completamente vaccinati
Il totale delle persone vaccinate sono 27.581.936
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
20 luglio 2021
08:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il totale delle persone vaccinate in Italia (persone che hanno completato il ciclo vaccinale) sono 27.581.936, il 51,07 % della popolazione over 12. E’ quanto emerge dall’ultimo Report del governo, con i dati aggiornati a questa mattina.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Depurazione:Calabria;10 misure cautelari, coinvolto sindaco
Inchiesta della Procura della Repubblica di Paola
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PAOLA
20 luglio 2021
09:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dieci misure cautelari, tra interdittive e arresti domiciliari, sono state emesse dal Gip di Paola, Rosa Maria Misiti ed eseguite dai carabinieri in alcuni comuni dell’alto Tirreno cosentino, tra cui S.Nicola Arcella, Buonvicino e Diamante.
Fra gli indagati, un sindaco, tre responsabili degli Uffici tecnici di comuni, vari imprenditori e un tecnico dell’Arpacal.

L’indagine riguarda una serie di illeciti riguardanti procedure ad evidenza pubblica nel settore della depurazione. In particolare, sono state ricostruite condotte collusive e fraudolente finalizzate ad avvantaggiare uno o più operatori economici con riguardo ad appalti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sequestro 30mila dispositivi anti Covid a Catania,1 denuncia
Dalla Cina senza marchio Ce, denunciato imprenditore italiano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
20 luglio 2021
09:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oltre 30 mila dispositivi di protezione anti Covid-19 per bambini – tra cui 24mila mascherine e visiere di protezione facciale, camici, tute e mascherine Ffp3 – prodotti in Cina e ritenuti non idonei e non sicuri sono stati sequestrati nei locali della ditta individuale ‘Tma Sanix’ da militari del Comando provinciale della Guardia di finanza del capoluogo etneo durante una attività di indagine coordinata dalla locale Procura della Repubblica. Il rappresentante legale, Mario Angelo Torre, è stato denunciato per frode in commercio e impiego di denaro di provenienza illecita.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il sequestro è stato convalidato dal Gip. Oltre ad essere privi del marchio Ce, i dispositivi non riportavano alle norme tecniche comunitarie e alle certificazioni che attestano la conformità dei requisiti generali di salute e sicurezza ovvero delle autorizzazioni dell’Istituto Superiore di Sanità o dell’Inail.
Le indagini sono scattate in seguito ad alcune segnalazioni per operazioni sospette di riciclaggio riguardanti fenomeni di criminalità finanziaria connessi con l’emergenza sanitaria. Una di esse aveva riguardato un anomalo flusso di denaro relativo ai rapporti tra la ditta e società che operano nella Repubblica popolare cinese giudicati non coerenti con il profilo economico e imprenditoriale dell’impresa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Abusa della figlia 13enne della compagna,arrestato a Ravenna
Le propone di girare video hard, lei registra e denuncia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
20 luglio 2021
10:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per diverso tempo non solo ha abusato della figlia della compagna a partire da quando lei aveva 13 anni. Ma è anche giunto a proporle di avere rapporti a pagamento con altri o di girare video per adulti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Poi ha abusato anche della propria figlia naturale. Accuse che hanno fatto finire in carcere un uomo di Ravenna, in esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip Janis Barlotti su richiesta del Pm Angela Scorza.
Le verifiche della polizia – come riportato dai due quotidiani locali – erano partite nel maggio scorso quando la madre della ragazzina si era rivolta alla Questura dopo le prime confidenze proposte dalla giovane in occasione di un rimprovero rivoltole per la frequentazione di un coetaneo. La ricostruzione della Squadra Mobile ha confermato le accuse.
A incastrare l’uomo sono state anche alcune registrazioni che la giovane, su consiglio di un amico, ha fatto con il proprio cellulare in previsione di una futura denuncia: appoggiava l’apparecchio sul comodino in modalità video ottenendo registrazioni audio nitide ed esplicite ora in mano agli inquirenti. “Con una mascherina non si vede niente eh (…) ti porti a casa un bel po’ di soldi, ti fai la tua villa”, le ha detto quando le ha proposto di girare dei video hard.
Nell’interrogatorio di garanzia di ieri mattina, l’uomo si è avvalso della facoltà di non rispondere.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: per posti letto in Statale obbligo Green Pass
Gli studenti avranno tempo per adeguarsi fino al 31 dicembre
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
20 luglio 2021
10:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Avranno tempo fino al il 31 dicembre per vaccinarsi contro il covid gli studenti che desiderano aver un posto letto negli studentati dell’Università Statale di Milano. Come scrivono Il Giorno e La Repubblica nelle pagine locali, la decisione è stata deliberata dal Cda dell’Ateneo, che ha approvato nuovi criteri per l’assegnazione degli alloggi, fra i quali la vaccinazione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Durante la pandemia il numero di posti letto è stato dimezzato per garantire il distanziamento: le doppie sono state trasformate in singole, come nelle altre università. Così sarà fino al 31 dicembre. “Nel frattempo, l’amministrazione si farà parte attiva per estendere progressivamente l’utilizzo delle camere, garantendo la graduale assegnazione di tutti i posti disponibili – è scritto nella delibera -. La situazione di utilizzo a pieno regime sarà ottenuta entro la data indicata attraverso la copertura vaccinale dei beneficiari del posto alloggio”.
L’obiettivo è quindi tornare a tutti i 1.088 posti a disposizione (le richieste sono storicamente molte di più).
Questo con il Green pass. “È una misura presa in primis per poter tornare alla capienza piena nelle residenze – sottolinea la prorettrice ai Servizi agli studenti, Marina Brambilla -.
Nell’ultimo anno abbiamo dovuto bandire tutte le doppie e anche le triple in singole, questo per evitare la condivisione dei bagni e problemi nella gestione delle quarantene. Situazione che si è protratta già per un anno e mezzo, ma va contro a un altro diritto: quello degli studenti di avere posti letto. Di fatto bisogna prendere delle scelte, visto che già l’offerta è inferiore alle richieste. Noi abbiamo 64mila studenti e una quota del 15-20% è fuorisede”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Arcigay Napoli, ‘aggredita altra coppia di ragazze lesbiche’
Ad Arzano. Falanga, faremo chiarezza su ennesimo episodio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
20 luglio 2021
10:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Dopo Bacoli, violenta l’aggressione anche ad Arzano: due ragazze di 21 e 23 anni sarebbero state avvicinate da un signore che le aveva viste baciarsi in auto e successivamente le ha aggredite verbalmente schiaffeggiato poi la ragazza più giovane”. Lo rende noto Antinoo Arcigay Napoli che aggiunge: “Il tutto – questa volta – in un clima omertoso di un quartiere che non è intervenuto in alcun modo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Arcigay riporta quanto scritto da una delle ragazze. “Vi contatto – si legge – perché abbiamo bisogno di aiuto. Ho avuto la fortuna di innamorarmi di una bellissima ragazza. Stavamo in auto, nel solito vicoletto sotto casa e un signore con tanto odio e rabbia si è avvicinato urlando contro di noi e nonostante la mia risposta pacata, mentre la mia ragazza stava facendo partire l’auto per allontanarci, il signore mi ha aggredito con due schiaffi, minacciando di dar fuoco all’auto con noi dentro se ci fossimo ripresentati nello stesso posto”.
“Anche in questo caso, oltre a portare tutta la vicinanza e la solidarietà della nostra associazione, stiamo seguendo il caso con i nostri avvocati per valutare tutte le possibili e percorribili vie legali per fare chiarezza su questo ennesimo terribile episodio di lesbofobia. Questo doppio episodio di lesbofobia, unito ad un altro caso gravissimo di cui ci siamo fatti carico un mese fa – dice Daniela Lourdes Falanga, presidente di Antinoo Arcigay Napoli – chiarisce come gli atti di omolesbobitrasfobia si verificano con maggiore frequenza, e quanto un clima sempre più ostile si fa sentire nel Paese. Per questo rivendichiamo l’urgenza della legge Zan, perché questi episodi vengano chiariti definitivamente come atti di violenza e negazione e puniti come di dovere”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ex Ilva: principio incendio in reparto zincature Cornigliano
Le fiamme ieri sera. Ennesimo incidente
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
20 luglio 2021
11:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Principio di incendio nel reparto zincature dell’ex Ilva di Cornigliano stamani. Le fiamme sono state subito spente dal personale, non si registrano feriti né intossicati.
Sul posto le Rls. Ieri sera analogo incidente nel reparto stagnatura. Secondo quanto appreso, i due principi d’incendio sono stati causati da scintille durante le lavorazioni cadute su materiali di scarto presenti in reparto da tempo, visto che le pulizie non vengono più effettuate regolarmente. Questi due sono gli ennesimi incidenti che si registrano nello stabilimento ex Ilva di Cornigliano: nei giorni scorsi sono caduti a terra, in due differenti episodi, due coils, i rotoli d’acciaio pesanti fino a 40 tonnellate. La Rls ha informato la Asl di competenza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rotolo acciaio 30 t. cade in stabilimento ex Ilva Cornigliano
E’ il secondo in poche settimane. Lettera Rls a azienda e Asl
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
19 luglio 2021
10:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un rotolo di lamina d’acciaio del peso di svariate tonnellate è caduto mentre stava passando tra le ‘selle’ di un macchinario all’interno dello stabilimento di Acciaierie d’Italia (ex Ilva). E’ il secondo rotolo che cade in meno di un mese, il primo il 29 giugno.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Malgrado la zona sia protetta da barriere ottiche e la dinamica e la zona differiscano dagli episodi precedentemente segnalati nell’area – si legge nella lettera che la Rls ha scritto all’azienda e all’Asl -, vi sollecitiamo a produrre anche questo verbale di near miss (il verbale di mancato incidente, ndr), onde analizzare le cause di questo ripetersi di eventi pericolosi accorsi sempre nella stessa area (imballi/finiture/magazzini zincato). Anche in questo caso – prosegue la lettera – l’evento avrebbe potuto coinvolgere addetti di ditte terze (particolarmente gli addetti pulizie) che si trovano più volte al giorno ad attraversare il trave di transazione coils.
Segnaliamo e richiediamo anche il verbale relativo all’incidente della gru automatica ct7 (parco imballo stagnato) di venerdì 16 luglio, dove il trascinamento di un respingente parzialmente distaccatosi dal carrello della stessa, ha tranciato per diversi metri i bulloni di un binario su cui si muove. Vorremmo accertarci del completo ripristino delle condizioni di sicurezza”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Gimbe,Green pass per grandi eventi, altrove difficile
Aumentano le ospedalizzazioni di over 50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 luglio 2021
10:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Green pass “va preso in considerazione per i grandi eventi come l’accesso a stadi, concerti. Diventa sempre più difficile il suo utilizzo per assembramenti più piccoli perché non abbiamo un’equità di accesso al vaccino.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ci sono vari aspetti di tipo giuridico e sociale da considerare”. Così Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, ai microfoni della trasmissione ‘L’Italia s’è desta’ su Radio Cusano Campus.
Per Cartabellotta “in una campagna vaccinale di massa si può fare la prenotazione volontaria, la chiamata attiva, la spinta gentile, ovvero il Green pass, e poi l’ultima strategia che è rappresentata dall’obbligo. In questo momento la strategia del Green pass è una di quelle che si possono prendere in considerazione, verosimilmente non per tutte le applicazioni perché se uno deve esibire il pass per andare al bar e al ristorante è doveroso che siano vaccinati coloro che in quei locali ci lavorano”.
Quanto ai contagi, per Cartabellotta “stiamo vedendo un incremento sostenuto, in linea con quanto avvenuto prima in altri Paesi europei ed è certo che questi numeri aumenteranno nelle prossime settimane, perché la variante Delta è più contagiosa di quella Alfa e sappiamo che entro fine agosto diventerà prevalente. Tuttavia, non avremo un grande impatto sugli ospedali perché abbiamo una rilevante quota di popolazione vaccinata”. L’impatto dei ricoveri, però, ha precisato, “sarà inversamente proporzionale alla quota di over 60 vaccinati, ce ne sono oltre 2 milioni non vaccinati. Ma attenzione anche gli over 50, perché nell’ultimo mese le ospedalizzazioni riguardano in maniera importante anche quella fascia d’età”.
Attualmente si stanno somministrando “soprattutto seconde dosi mentre le prime sono solo 100mila al giorno” e “nel terzo trimestre avremo 45 milioni di dosi, numero dimezzato” rispetto al previsto precisa Cartabellotta. Rispetto alle forniture del terzo trimestre, ha detto, “abbiamo una situazione un po’ anomala, in teoria dovremmo ricevere oltre 94 milioni di dosi, però vanno tolte le 6 milioni di Curevac non autorizzato e 26 milioni di Astrazeneca e 15 milioni di J&J che noi non stiamo utilizzando. E’ verosimile che questi vaccini in Italia non arrivino mai, quindi ne avremo circa 45 milioni di dosi di Pfizer e Moderna. Rispetto ai numeri iniziali, quindi avremo un numero quasi dimezzato”. Inoltre, ha aggiunto, “in questo momento i vaccini li stiamo utilizzando quasi esclusivamente per le seconde dosi e il numero di persone che possono fare le seconde dosi è basso. Quindi per la quantità di vaccini che stiamo ricevendo possiamo prevalentemente completare le seconde dosi. Al momento facciamo meno di 100mila prime dosi al giorno”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Strage di Via d’Amelio, 29 anni fa moriva il giudice Paolo Borsellino in un attentato di mafia
Nell’esplosione rimasero uccisi anche i 5 agenti della sua scorta
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 luglio 2021
10:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ricorre oggi il 29mo anniversario della strage di Via D’Amelio nella quale perse la vita il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della sua scorta Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.
Un fascio di luce tricolore ad avvolgere e abbracciare l’albero di ulivo di via D’Amelio che ricorda l’uccisione del giudice Paolo Borsellino e della sua scorta. Il nuovo impianto di illuminazione artistica, proposto dal fratello del magistrato ucciso dalla mafia il 19 luglio del 1992, Salvatore Borsellino, e voluto dal sindaco di PalermoLeoluca Orlando, si accenderà stasera alle 21 alla presenza del sindaco.
“L’attentato di via D’Amelio, ventinove anni or sono, venne concepito e messo in atto con brutale disumanità.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Paolo Borsellino pagò con la vita la propria rettitudine e la coerenza di uomo delle Istituzioni. Con lui morirono gli agenti della scorta, Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina, Claudio Traina. La memoria di quella strage, che ha segnato così profondamente la storia repubblicana, suscita tuttora una immutata commozione, e insieme rinnova la consapevolezza della necessità dell’impegno comune per sradicare le mafie, per contrastare l’illegalità, per spezzare connivenze e complicità che favoriscono la presenza criminale”. Lo scrive in un messaggio il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“A 29 anni dalla Strage di via D’Amelio, l’Italia non dimentica il giudice Paolo Borsellino. L’esplosione che il 19 luglio 1992 uccise il magistrato e gli agenti della scorta ci ammonisce che nella lotta alla mafia nessun compromesso può essere tollerato. A quasi 30 anni di distanza è inaccettabile che non si sia arrivati a una reale ricostruzione dei fatti. Solo la piena verità può consentire alla giustizia di liberare l’Italia da questo peso doloroso e insostenibile”. Lo ha dichiarato il Presidente del Senato Elisabetta Casellati
“Quando commemoriamo uomini come Paolo Borsellino, il dovere della memoria non deve essere fine a sé stesso, ma deve sempre richiamare il valore di una salda responsabilità civile, ispirata ai principi della Carta costituzionale, che faccia di noi una comunità sempre più unita nella solidarietà, nella giustizia e nel progetto, irrinunciabile, di un Paese finalmente libero dalle mafie”. Lo afferma il presidente della Camera Roberto Fico
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Il 19 Luglio 1992 in un vile attentato ha perso la vita Paolo Borsellino. Ricordarne la forza e il coraggio è un dovere morale per chi non si piegherà mai alle mafie e per chi lotta ogni giorno per cancellare questo cancro dal nostro Paese. Borsellino non è solo l’espressione massima del sacrificio ma un modello di riferimento, insieme a Falcone, per molte generazioni”. Così in una nota Matteo Perego, vicepresidente dei deputati di Forza Italia.
“Esempio, sacrificio, coraggio. Questo rappresentavano Paolo Borsellino e i 5 poliziotti che il 19 luglio 1992 vennero uccisi a Palermo dalla mafia. Uomini che hanno anteposto la difesa della giustizia e della legalità alla loro vita. Onoriamoli sempre”. Lo scrive su Twitter Antonio Tajani, Coordinatore nazionale di Forza Italia.
“Il 19 luglio del 1992, la criminalità organizzata sferrava un altro duro colpo al cuore dello Stato: pochi mesi dopo la morte del giudice Falcone, la mafia – con la sua furia criminale – uccise anche il giudice Paolo Borsellino. A distanza di anni, noi continuiamo a ricordare il sacrificio di chi ha donato la propria vita per difendere la Legalità e la Giustizia. La sua memoria, il suo esempio e il suo insegnamento resteranno impressi nelle nostre menti e nelle nostre coscienze. Paolo Vive, nel ricordo di tutte le persone perbene”. Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni.
“In questo 29esimo anniversario della strage di Via D’Amelio tornano alla mente le immagini terribili dell’attentato, degli effetti devastanti dell’autobomba. Per chi ha vissuto quei giorni la memoria di quell’orrore è indelebile, ma conforta che il ricordo delle vittime resti vivo a dispetto del tempo passato e che sia diventato patrimonio di tutti, anche di chi quel giorno non era nato”. Lo ha detto la professoressa Maria Falcone, sorella di Giovanni Falcone, il giudice ucciso a Capaci e presidente della Fondazione che del magistrato porta il nome.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Università: Bologna, Padova e La Sapienza al top
La classifica degli atenei italiani. Non calano le iscrizioni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
20 luglio 2021
09:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tra i mega atenei statali (quelli con oltre 40.000 iscritti) nelle prime due posizioni si confermano l’università di Bologna, prima con un punteggio complessivo pari a 91,8, inseguita dall’Università di Padova (88,7). Sono i risultati dell’annuale classifica degli atenei italiani del Censis.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Seguono, scambiandosi le posizioni della precedente annualità, La Sapienza di Roma, che con un punteggio di 85,5 sale dal quarto al terzo posto, e l’Università di Firenze, che retrocede dal terzo al quarto, riportando il valore complessivo di 85,0.

Stabile in quinta posizione l’Università di Pisa, con 84,8 punti, cui segue Università di Torino, che si riprende una posizione in graduatoria (82,8). Ultima tra i mega atenei statali è l’Università di Napoli Federico II (73,5), preceduta dall’Università di Bari in penultima posizione (79,5).

La temuta contrazione delle iscrizioni a causa della pandemia nell’anno accademico 2020-2021, sottolinea il Censis, non c’è stata, anche grazie alle misure eccezionali di sostegno del diritto allo studio approvate. Al contrario, la crescita del 4,4% degli immatricolati consolida l’andamento positivo che si ripete ormai da sette anni. Calcolato sulla popolazione diciannovenne, il tasso di immatricolazione ha raggiunto quota 56,8%.

Nel 2020, a fronte di un tasso di immatricolazione maschile pari a 48,5%, quello femminile è stato del 65,7%. Per le femmine si è registrato un incremento annuo del 5,3% rispetto al +3,3% dei maschi immatricolati. Con il 77,7% di studentesse immatricolate, l’area disciplinare Artistica-Letteraria-Insegnamento è quella con il tasso di femminilizzazione più elevato. All’opposto, nell’area Stem (Science, Technology, Engineering and Mathematics) l’universo femminile è rappresentato da una quota che, pur crescendo di anno in anno, resta ancora minoritaria (il 39,4%).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ucciso per rapina: fermato anche secondo uomo
Salentino 28enne incastrato dalla felpa, ritratta anche su Fb
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
LECCE
19 luglio 2021
09:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato fermato anche il secondo uomo ricercato dai Carabinieri per l’omicidio dell’ex direttore di banca Giovanni Caramuscio, assassinato durante un tentativo di rapina la sera del 16 luglio a Lequile (Lecce), mentre stava prelevando contanti dallo sportello bancomat insieme alla moglie. Nellanotte i militari hanno sottoposto a fermo d’indiziato di delitto, emesso dalla Procura della Repubblica di Lecce, Andrea Capone, 28 anni di Tricase, residente a Lequile.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ accusato di essere il complice di Macaj Paulin, l’albanese 31enne arrestato il 17 luglio con il medesimo provvedimento e ritenuto l’esecutore materiale del delitto.
Entrambi rispondono di omicidio aggravato, in concorso, porto abusivo di arma alterata e ricettazione.
Ad incastrare Capone è stata la felpa scura a maniche lunghe abbandonata la sera dell’omicidio in un pozzo e ritrovata la sera stessa dai Vigili del fuoco e che, come emerge dalle immagini dei filmati estrapolati dai sistemi di videosorveglianza, era quella che indossava il rapinatore non armato. La stessa felpa che il 28enne aveva indossato anche in altre occasioni, così come evidenziato in alcune foto pubblicate sul suo profilo Facebook.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Green pass, Tajani: ok per i grandi eventi, a fine estate un check
Attesa per cabina regia e Cts, la politica resta divisa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
20 luglio 2021
00:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono in arrivo le convocazioni per le riunioni del Comitato tecnico scientifico (Cts) e poi della cabina di regia con il presidente del Consiglio Mario Draghi sulla spinosa questione del green pass che porterà al nuovo decreto anti-Covid da varare in settimana con un “lasciapassare” allargato e più stringente.
In questo clima trovare la via all’italiana richiederà la mediazione e il decisionismo del premier.
“Inutile creare confusione intorno al green pass. Gli allarmismi sono dannosi per i cittadini, il Turismo e per tutta l’economia nel suo complesso”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo dice il ministro del turismo Massimo Garavaglia, che sottolinea: “Il green pass ha senso solo per entrare in discoteca o allo stadio o per partecipare a grandi eventi, che prevedono una grande affluenza di pubblico”.
“Sono assolutamente d’accordo sull’utilizzo del Green pass, che non è l’obbligo di vaccinarsi, va usato molto e soprattutto va vaccinato il maggior numero possibile di italiani per scongiurare nuove chiusure”. Così il coordinatore nazionale di Forza Italia, Antonio Tajani ospite di ‘Quarta Repubblica’ su Rete4. Tajani ha precisato che lo esclude per entrare nei bar, mentre “va usato per eventi dove ci sono molte persone come partite, teatri, cinema cerimonie. Se un ristorante ha 10 posti a sedere, no”. E ha concluso: “Va fatto un ckeck a fine estate per vedere se è sufficiente”.
COSA PREVEDE IL GREEN PASS – Il green pass allargato – con il ciclo completo di vaccinazione e non più con una sola dose – dovrebbe entrare in vigore a inizio agosto anche per evitare cambi di colore delle Regioni e mantenere l’Italia bianca almeno fino a metà mese. Il certificato per immunizzati, guariti dal Covid o ‘tamponati’ negativi entro le 48 ore potrebbe essere obbligatorio anche per i ristoranti al chiuso, ma ci sarà battaglia. Scontato che venga richiesto per stadi, piscine, palestre, concerti e tutte le attività collettive. I nuovi parametri di rischio per le Regioni e la proroga dello stato d’emergenza dovrebbero incontrare meno ostacoli, secondo le previsioni.
I principali partner della maggioranza hanno visioni distanti su vaccini e utilizzo del certificato verde. In un panorama che vede i contagi e il tasso di positività crescere con la variante Delta del coronavirus, anche se le terapie intensive e i reparti ordinari non preoccupano. Polemiche dalla Lega di Matteo Salvini, che nega di essere no vax, ricorda i genitori vaccinati, ma poi evoca il figlio 18enne: “Mi rifiuto di vedere qualcuno che lo insegue con un tampone o una siringa. Prudenti sì, terrorizzati no”. E sul green pass dice: “”Leggevo di multe di 400 euro se uno deve farlo per andare a prendere il caffè in piazza…intanto ne sbarcano a carrettate in Sicilia senza”, i migranti. Se dall’opposizione Fratelli d’Italia con Francesco Lollobrigida consiglia agli under 40 di non vaccinarsi e il partito bolla il green pass di “obbligo nascosto”, nella maggioranza il Pd con Nicola Zingaretti e Leu con Federico Fornaro parlano di “sovranisti irresponsabili e ambigui”, dentro e fuori l’esecutivo.
PROSEGUE L’AUMENTO DEI CONTAGI – Intanto la pandemia domenica fa segnare un altro giorno oltre i 3.200 casi, con un tasso di positività che a fronte dell’usuale crollo dei test del sabato sale fino all’1,9%. I pazienti in terapia intensiva però dopo tre giorni di aumento tornano a calare e quelli nei reparti ordinari salgono di 25, non un dato impressionante. Le vittime sono solo 3, ai livelli tra i più bassi dell’anno. Spiccano però i 471 positivi nel Lazio e i 404 in Sicilia e così alcune Regioni, come la Sardegna, annunciano o varano provvedimenti per controllare i turisti in arrivo, tra cui i tamponi in aeroporto.
I FOCOLAI – Un focolaio da Euro 2020 si segnala a Firenze, con 3 persone positive e 9 in quarantena a seguito della finale Italia-Inghilterra davanti a un maxischermo di un locale all’aperto. Quello di Roma nel pub di Monteverde per la sfida degli azzurri con il Belgio ai quarti è al momento il più grande in Italia con oltre 90 casi. In Francia invece un gruppo di 70 maestri di sci del Friuli Venezia Giulia sono rimasti bloccati per diverse positività durante un corso.
LA MARATONA DEI VACCINI – Sul fronte dei vaccini tra domenica scorsa e sabato sono state fatte 553 mila prime dosi, un numero che dà il senso del rallentamento su certe fasce, per una campagna che d’altra parte prosegue con ritmi sostenuti grazie alle secondo dosi, continuando a sfiorare le quattro milioni di somministrazioni a settimana. Ma il 16 luglio le prime dosi sono state 87 mila e i richiami 486 mila. Insomma, farsi inoculare l’anti-Covid sono per lo più sempre gli stessi. In frigorifero ci sono attualmente 4,6 milioni di dosi, 2,3 milioni delle quali circa – solo la metà – di Pfizer e Moderna, i farmaci percepiti come più affidabili dall’opinione pubblica. In attesa che in settimana ne arrivino gli altri milioni di vaccini previsti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 39 nuovi casi in Alto Adige
Calano i ricoveri in ospedale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
20 luglio 2021
11:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Continua a crescere, dopo la ‘pausa’ del fine settimana, il numero dei casi covid in Alto Adige. Nelle ultime 24 ore se ne sono aggiunti 39: 22 analizzando 765 tamponi pcr e 17 tramite 3021 test antigenici.
I nuovi guariti sono appena 24. Cala invece da 9 a 7 il numero dei pazienti nei normali reparti ospedalieri e la terapia intensiva resta vuota. In aumento invece il numero di altoatesini in quarantena, che ieri erano 476 e oggi sono 526.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Genova ricorda la morte di Carlo Giuliani a piazza Alimonda
Da due giorni manifestazioni in città per il ventennale dei fatti del G8
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
20 luglio 2021
09:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Genova 20 luglio, piazza Alimonda, ore 17.27 vent’anni fa. In quel momento Carlo Giuliani viene ucciso dal colpo di pistola sparato dal carabiniere Mario Placanica.
Oggi, come tutti i 20 luglio da vent’anni a questa parte, la morte di Carlo verrà ricordata proprio in quella piazza che per qualche tempo mani anonime hanno rinominato ‘Piazza Carlo Giuliani – Ragazzo’.
E saranno fiori e applausi, e parole.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Perché Carlo Giuliani, come la violenza della polizia alla Diaz e le torture a Bolzaneto, sono il simbolo di tutto ciò che non può diventare solo un ricordo. Restano le cicatrici, restano le domande, resta la richiesta di giustizia nonostante i processi, le scuse, le parole.
Già da due giorni la città rende omaggio al ventennale del G8 di Genova 2001 con convegni e cortei e testimonianze: il padre di Carlo, Giuliano Giuliani, il giornalista finito in coma per le botte della polizia Mark Covell, i rappresentanti di quella rete che invoca una ‘società della cura’ opposta a quella del capitalismo. E la marcia zapatista, arrivata in piazza de Ferrari tra canti, slogan e striscioni: “La notte è più buia prima dell’alba”.
“Chi dice che il movimento è nato e morto durante il G8 sbaglia” dicono oggi i rappresentanti di Attack Italia nella assemblea nazionale della rete in piazza Matteotti, a pochi passi da palazzo Ducale davanti a un centinaio di ragazzi che vent’anni fa forse non erano nati. “Riprendere quella sfida e uscire dall’economia del profitto” sono parole e slogan che ricordano quelli urlati nelle piazze genovesi di allora, ricordano le parole di don Andrea Gallo, il prete operaio, il prete degli ultimi. Perché la partita, dicono “è tra la Borsa, con la B maiuscola, e la vita e noi scegliamo la vita”. E poi si annuncia una “grande mobilitazione per l’autunno”, dopo la riunione del G20 di Roma “per dire loro che non possono decidere i destini del mondo”.
Ora come allora, la rete stringe le maglie tra le quali restano intrappolate domande rimaste ancora senza risposta. Sono passati 20 anni, ma lo spirito che animò i mille e mille ragazzi con le mani tinte di bianco che chiedevano acqua pubblica, cibo e lavoro per tutti, un’economia giusta, un mondo inclusivo è lo stesso di allora. Lo stesso in cui credeva il ragazzo che oggi, come vent’anni fa, tornerà a essere sull’asfalto di piazza Alimonda.
A quel ragazzo gli ‘Anarchici per la distruzione dell’esistente’ dedicano i fuochi accesi su due ripetitori: “In questi 20 anni, su quelle giornate, politici, capetti e politicanti di movimento, preti e persino la famiglia di Carlo, hanno vomitato chi analisi riformistiche e prive di verità, chi vere e proprie diffamazioni sulla persona di Carlo – dicono – Noi invece vogliamo ricordarlo dandogli la dignità che merita, senza ipocrisie, lontani da idolatrie. Le fiamme che la notte scorsa abbiamo sprigionato per incendiare quei due arti del dominio, vogliamo dedicarle a Carlo e a tutti i ribelli e le rivoluzionarie che nel mondo sono caduti combattendo per la libertà, l’uguaglianza, la giustizia sociale”.

La Tua opinione è importante! Vota questo articolo, grazie!
No votes yet.
Please wait...

1 pensiero su “CRONACA TUTTE LE NOTIZIE”

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.