Economia tutte le notizie. Sono tutte in tempo reale sempre complete ed aggiornate! LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, ECONOMIA, Notizie, Ultim'ora

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 131 minuti

Ultimo aggiornamento 18 Ottobre, 2021, 18:22:19 di Maurizio Barra

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 19:08 DI LUNEDÌ 11 OTTOBRE 2021

ALLE 18:22 DI LUNEDÌ 18 OTTOBRE 2021

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Petrolio chiude a Ny sopra 80 dollari, prima volta dal 2014
Quotazioni salgono dell’1,5% a 80,52 dollari
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
11 ottobre 2021
19:08
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il petrolio chiude in rialzo a New York, dove le quotazioni salgono dell’1,5% a 80,52 dollari al barile. E’ la prima volta dal 2014 che le quotazioni chiudono sopra gli 80 dollari.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Vincenzo Onorato si dimette da Moby, compagnie solidissime
Persona che mi sostituirà sarà degna di questo onere
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 ottobre 2021
22:20
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Vincenzo Onorato si dimette dalla presidenza di Moby. Lo scrive in una lettera ai dipendenti spiegando: “le compagnie di Onorato Armatori sono solide, forti e soprattutto oggi, mentre vi scrivo, liquidissime.
Abbiamo, in avanzata fase di costruzione, quelli che saranno i traghetti più grandi che abbiano mai solcato i mari”.
Nella lettera, senza fare nomi, Onorato spiega: “la persona che mi sostituirà sarà degna di questo onere e di questo onore insieme ai miei figli, Achille ed Alessandro, ed un management giovane e motivato che nonostante la crisi del COVID e gli attacchi vigliacchi che si protraggono da oltre due anni, i cui autori finalmente stanno venendo alla luce, sta dimostrando con i fatti di portare la Nave verso un porto sicuro: il Futuro”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Tokyo, apertura poco variata (-0,12%)
Cambi: yen si svaluta su dollaro ed euro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
12 ottobre 2021
02:25
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Tokyo inizia le contrattazioni all’insegna della cautela, dopo la correzione del mercato azionario Usa, con gli investitori che guardano ai timori di aumento dell’inflazione e al progressivo rialzo delle quotazioni del greggio.
L’indice di riferimento apre a quota 28.462,96 (-0,12%), con una perdita 35 punti.
Sul mercato dei cambi lo yen continua a indebolirsi sul dollaro a 113,40, e sull’euro poco sotto a 131.  MONDO

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa: Hong Kong negativa, apre a -1,30%
Dopo tre giorni di guadagni, indice a 24.995,95 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
PECHINO
12 ottobre 2021
04:06
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Hong Kong apre la seduta in territorio negativo dopo tre giorni di guadagni: l’indice Hang Seng cede nelle prime battute l’1,30%, attestandosi a 24.995,95 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fmi: piena fiducia in direttore generale Georgieva
‘Non dimostrato il suo ruolo nel favorire la Cina’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
12 ottobre 2021
04:34
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il board del Fondo Monetario Internazionale esprime piena fiducia nel direttore generale Kristalina Georgieva, nella sua leadership e nella sua capacità di continuare a portare avanti i suoi compiti. Il board spiega che le informazioni riportate non hanno dimostrato in modo definitivo che Georgieva ha avuto un ruolo nel rapporto ‘Doing Business’ quando era alla Banca Mondiale.
Secondo un’indagine interna alla Banca Mondiale, Georgieva avrebbe giocato un ruolo nel favorire la Cina nel rapporto Doing Business 2018.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cambi: euro in lieve rialzo a 1,1563 dollari
Moneta unica scambiata a 130,94 yen
x
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 ottobre 2021
08:13
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Euro in lieve rialzo nei primi scambi sui mercati valutari dove la moneta unica passa di mano a 1,1563 dollari (+0,10%), contro 1,1551 dopo la chiusura ieri di Wall street, e a 130,94 yen (+0,06%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: ancora in rialzo, sopra gli 80 dollari al barile
Wti passa di mano a 80,67 e il Brent a 83,89 dollari
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 ottobre 2021
08:42
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Quotazioni del petrolio ancora in rialzo sopra gli 80 dollari al barile: il greggio Wti segna 80,67 dollari (+0,19%) e il Brent sale a 83,89 dollari (+0,29%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund apre in rialzo a 104,8 punti
Rendimento allo 0,919%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 ottobre 2021
08:58
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread tra Btp e Bund tedesco è in rialzo in apertura a 104,8 punti base, con il rendimento del decennale italiano allo 0,919%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro: prezzo spot in rialzo a 1.761 dollari l’oncia
Metallo prezioso guadagna lo 0,41%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 ottobre 2021
09:04
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Quotazioni dell’oro in rialzo sui mercati, con il prezzo spot che segna 1.761,34 dollari l’oncia ed un guadagno dello 0,41%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Regioni Ue, allarme buco di 23 miliardi per gli enti locali in Italia
Il più alto in Europa dopo la Germania con 112 mld di rosso
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
12 ottobre 2021
13:01
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Un buco da 22,8 miliardi nelle casse degli enti locali italiani lasciato dalla pandemia. A lanciare l’allarme è il Comitato delle Regioni Ue che, nella settimana dedicata agli enti locali europei, ha presentato le stime del suo ultimo barometro.
L’impronta lasciata nel 2020 dalla pandemia sulle amministrazioni locali del nostro Paese – emerge dal rapporto – è pesante: strette tra le maggiori spese da sostenere per far fronte all’emergenza e le mancate entrate dovute alla crisi, la perdita registrata è in termini assoluta la più alta d’Europa dopo la Germania, dove Laender e città hanno segnato un rosso di quasi 112 miliardi.
A livello europeo, il cosiddetto ‘effetto forbice’ per gli enti locali vale 180 miliardi di euro, pari alla somma delle maggiori spese dovute alla pandemia (125 miliardi) e delle mancate entrate (55 miliardi). Tutto questo, ha avvertito il presidente del Comitato, Apostolos Tzitzikostas, “potrebbe portare a tagliare i servizi pubblici, a meno che non arrivino urgentemente più risorse da fondi Ue e nazionali per sostenere progetti e programmi locali”. Un allarme che riguarderebbe tutta l’Unione.
Se le casse delle amministrazioni italiane, che rischiano un buco di 23 miliardi di euro, hanno perso circa il 9% delle entrate, in termini relativi le perdite maggiori si sono registrate a Cipro (25%), Bulgaria e Germania (15%). Mentre le più basse in Romania, Danimarca, Grecia, Ungheria ed Estonia (non oltre il 2%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano apre in calo, Ftse Mib -1,1%
Tra i peggiori Tenaris, Buzzi, Banco Bpm
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
12 ottobre 2021
09:09
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano apre in calo la seduta. Gli indici oscillano, segno di alta volatilità, ma le vendite comunque prevalgono.
Il Ftse Mib cede in avvio l’1,1% a 25.643 punti. Tra i peggiori si portano Tenaris (-2%), Buzzi -1,9%) e Banco Bpm (-1,7%). Deboli le banche e gli assicurativi con Generali in calo dello 0,9%, Mediobianca dell’1,12%, Intesa dell’1,4 per cento.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: avvio in calo per Europa, Londra -1%
Parigi -1,15%, Francoforte -1,14%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 ottobre 2021
09:24
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio in calo per tutte le Borse in Europa. Londra cede l’1,04%, Parigi l’1,15%, Francoforte l’1,14 per cento.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Coca Cola Hbc, emissioni zero entro il 2040
Entro il 2030 ridotte del 50%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 ottobre 2021
11:14
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Coca-Cola HBC annuncia l’impegno a raggiungere zero emissioni nette lungo l’intera catena del valore entro il 2040. Lo si legge in una nota.
“Dopo aver già ridotto del 25% le proprie emissioni nell’ultimo decennio”, si legge, l’azienda si impegna entro il 2030 a ridurre di un ulteriore 25% le emissioni di CO2 lungo tutta la filiera negli scope 1, 2 e 3 definiti dal Protocollo Ghg, ovvero il sistema di rendicontazione delle emissioni riconosciuto a livello globale, con un’ulteriore riduzione del 50% nel decennio successivo.
Per ridurre il 90% delle emissioni nello scope 3 derivanti da terze parti, Coca-Cola HBC rafforzerà le partnership già esistenti con i propri fornitori. Laddove le emissioni non potranno essere eliminate del tutto, l’azienda le ridurrà investendo in altre misure di salvaguardia del clima.
“Questo impegno – ha detto Zoran Bogdanovic, Ceo di Coca-Cola HBC – è la destinazione finale di un viaggio che abbiamo iniziato molti anni fa. È pienamente in linea con il nostro obiettivo di sostenere lo sviluppo socioeconomico delle comunità in cui siamo presenti e di ridurre sempre più il nostro impatto ambientale. Sebbene non disponiamo ancora di tutte le risposte, il nostro piano, il relativo track record e le varie partnership ci permetteranno di raggiungere questo importante risultato”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Benzina: media settimanale sale sopra 1,7 euro al litro
Dati Mite, al self gasolio a 1,567 euro, Gpl a 0,78 euro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 ottobre 2021
11:44
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sale ancora il prezzo dei carburanti, con la benzina che supera la soglia di 1,7 euro a litro. Secondo i dati aggiornati del ministero della Transizione ecologica, nell’ultima settimana la media nazionale della verde in modalità self service si è attestata a 1,713 euro al litro, 2,6 centesimi in più rispetto a 1,687 euro della settimana precedente.
La media del diesel è stata invece rilevata a 1,567 euro al litro contro 1,537 del precedente monitoraggio del ministero. Il Gpl è a 0,783 euro (da 0,717 euro) e il gasolio da riscaldamento a 1,375 euro (da 1,356 euro).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa soffre inflazione e stretta Cina, Milano -0,2%
Il petrolio resta sopra 80 dollari, soffrono le compagnie aeree
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 ottobre 2021
11:49
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza Affari riduce ancora le perdite della mattinata e si porta a ridosso della parità, con il Ftse Mib in calo dello 0,16%. Il mood delle Borse europee resta comunque negativo, con Londra e Parigi in calo dello 0,6% e Francoforte dello 0,5%.
I mercati risentono dei timori per l’inflazione e dell’atteggiamento ostile assunto dalla Cina nei confronti del mercato, con Pechino che ha acceso un faro anche sui rapporti tra banche e grandi imprese private. In lieve rialzo i future su Wall Street.
Appesantisce i listini l’andamento delle materie prime, dell’energia e delle banche, con il capo economista della Bce, Philip Lane, che ieri ha ribadito come un rialzo dei tassi sia ancora lontano. Si muovono invece in controtendenza i semiconduttori e le utilities. In vista dell’avvio della stagione delle trimestrali gli investitori si mostrano cauti in attesa di vedere come l’aumento dei prezzi possa aver impattato sui risultati.
In affanno le compagnie aeree, in scia al timore di un rincaro dei costi per il carburante alla luce dei rincari del greggio, dopo che anche il wti ha superato quota 80 dollari.
Easyjet cede il 2,1% nonostante la previsione di un aumento della capacità al 70% dei livelli del 2019 in scia alla ripresa del traffico. A Milano vanno bene Diasorin (+3%), A2A (+1,2%) e Saipem (+1,2%), mentre wti e brent salgono dello 0,3%, mentre soffrono Tenaris (-1,9%), Exor (-1,4%) e Stellantis (-1,1%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: Generali, ai bambini piace tecnologica e sostenibile
Osservatorio “Ora di futuro”, forte l’attenzione all’ambiente
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 ottobre 2021
12:07
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Una scuola piena di tecnologie innovative ma, al tempo stesso, immersa nella natura, ecosostenibile e ricca di spazi per lo sport e lo svago. La immaginano così i bambini della Generazione Alpha ascoltati dall’Osservatorio “Ora di Futuro”, progetto promosso da Generali Italia e The Human Safety Net, giunto alla terza edizione.

Attraverso 8.500 elaborati, realizzati dagli alunni di oltre 5.000 classi di III, IV e V elementare di tutta Italia, è emersa la richiesta di un ambiente aperto al mondo e al tempo stesso protetto, dove imparare i ritmi della terra e mangiare in modo sano, una scuola capace di fare conoscere il mondo circostante attraverso viaggi reali ma anche virtuali. Dagli elaborati emerge inoltre come la generazione Alpha sia ottimista per il futuro; attenta all’ambiente (il 70% degli elaborati affronta tematiche ambientali); amante degli animali e desiderosa di conoscere il mondo. I bambini immaginano inoltre un futuro con tecnologie avveniristiche e robot: il 58% degli elaborati, infatti, rappresenta aule tecnologiche. Focus poi sulle famiglie: empatia, vicinanza e socialità è la richiesta che arriva delle quelle fragili con bambini da 0 a 6 anni. Sono inoltre emerse situazioni di stress, ansia e disagio psicologico, nei genitori e nei bambini più vulnerabili, dovuti all’isolamento provocato dal lockdown.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bankitalia: a luglio balzo spesa turisti italiani all’estero
Aumento del 64%. In crescita anche flussi stranieri in Italia
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 ottobre 2021
12:10
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il mese di luglio scorso ha visto un balzo della spesa dei turisti italiani all’estero dopo un’estate 2020 caratterizzata da spostamenti ancora limitati. Secondo quanto si ricava dal rapporto della Banca d’Italia le spese dei viaggiatori italiani all’estero sono cresciute del 64,4 per cento a 1,752 miliardi di euro mentre i turisti stranieri hanno speso, nel nostro paese, 3,191 miliardi (+17,2 per cento).
Il saldo della bilancia, sebbene ampiamente positivo, scende a 1.439 milioni di euro contro i 1.658 milioni del luglio 2020.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Al via green bond Ue, ordini record per oltre 135 miliardi
Emissione da 12 miliardi di euro, con durata 15 anni
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
12 ottobre 2021
12:14
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Commissione Ue ha emesso oggi il suo primo green bond a lungo termine che alimenterà il Next Generation Eu registrando ordini record per oltre 135 miliardi di euro.
L’emissione, da 12 miliardi di euro e con durata 15 anni, è la prima di un programma Ue da 250 miliardi di euro di vendite di obbligazioni verdi, pari al 30% dell’emissione totale di Next Generation Eu, entro il 2026.
I proventi saranno destinati agli Stati membri per la spesa a favore dell’efficienza energetica, l’energia pulita e l’adattamento ai cambiamenti climatici.
L’operazione è stata condotta da BofA, Credit Agricole, Deutsche Bank, Nomura e Td Securities.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Turismo: Roberta Garibaldi nuova a.d. dell’Enit
Designata da Garavaglia, sostituisce Giuseppe Albeggiani
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 ottobre 2021
12:18
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Roberta Garibaldi è la nuova amministratrice delegata di Enit Agenzia nazionale del turismo.
E’ stata designata dal ministro del Turismo, Massimo Garavaglia.

Sostituisce Giuseppe Albeggiani.
Professoressa di Tourism Management all’Università degli Studi di Bergamo, da più di 20 anni si occupa professionalmente di turismo, in ambito accademico e istituzionale. Svolge attività di ricerca, formazione e consulenza, seguendo progetti applicati per lo sviluppo delle destinazioni e delle reti di turismo in Italia e nel mondo. È autrice di numerosi libri e articoli scientifici. Da diversi anni si è dedicata, in particolare, al turismo enogastronomico, curando il Rapporto Annuale sul Turismo Enogastronomico Italiano. E’ relatore ai principali convegni a livello mondiale, da Unwto – agenzia per il turismo delle Nazioni Unite- al World Economic Forum di Davos. È in molteplici comitati scientifici ed associazioni nazionali ed internazionali.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Manovra: verso 5 mld per pensioni, da anticipo a rivalutazione
Uscita ‘attutita’ rispetto a Fornero, non solo con Ape social
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 ottobre 2021
12:25
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Con la legge di Bilancio dovrebbero essere stanziati circa 5 miliardi per il capitolo previdenza: secondo quanto si apprende, il lavoro per definire le misure sarebbe ancora in corso ma le risorse in manovra per le pensioni dovrebbero essere impegnate in parte per la rivalutazione degli assegni e in parte per attutire la fine di Quota 100 e continuare a consentire forme di uscita anticipata, non solo attraverso l’ampliamento dell’Ape social, con requisiti ridotti rispetto allo ‘scalone’ Fornero.   POLITICA

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Al via il green bond Ue, ordini record per oltre 135 miliardi
Prima emissione da 12 miliardi di euro, con durata 15 anni
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
12 ottobre 2021
12:28
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Commissione Ue ha emesso oggi il suo primo green bond a lungo termine che alimenterà il Next Generation Eu registrando ordini record per oltre 135 miliardi di euro.
L’emissione, da 12 miliardi di euro e con durata 15 anni, è la prima di un programma Ue da 250 miliardi di euro di vendite di obbligazioni verdi, pari al 30% dell’emissione totale di Next Generation Eu, entro il 2026.
I proventi saranno destinati agli Stati membri per la spesa a favore dell’efficienza energetica, l’energia pulita e l’adattamento ai cambiamenti climatici.
L’operazione è stata condotta da BofA, Credit Agricole, Deutsche Bank, Nomura e Td Securities.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cinema: incassi non decollano nel primo giorno a capienza 100%
Bond primo fa 117mila euro. Guai informatici per sale The Space
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 ottobre 2021
12:52
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le sale, da lunedì 11 ottobre con capienza al 100 per cento, sono ancora in affanno. Gli incassi di ieri vedono al top No Time to Die, il 25/o Bond, con circa 117mila euro e 17mila 480 presenze.
Lunedì scorso, il 4 ottobre il film con Daniel Craig che ha atteso fortissimamente la riapertura delle sale per il lancio in tutto il mondo aveva incassato circa 256mila euro. Il confronto fa difetto dei non pervenuti incassi del circuito The Space Cinema, 36 multiplex in tutta Italia, che sta avendo problemi informatici da venerdì (a quanto si apprende si tratterebbe di un attacco hacker alla piattaforma del gruppo Vue Entertainment International, presente in tutta Europa e di cui fa parte dal 2014): le sale sono aperte, si acquistano biglietti solo in contanti alla cassa e non è possibile fare prenotazioni.
007 ieri ha superato i 5 milioni totali, un incasso inferiore al successo di botteghino che sta avendo in tutto il mondo con oltre 300 milioni di dollari. Al secondo posto tiene La Scuola Cattolica di Mordini, dal libro omonimo di Edoardo Albinati, che ricostruisce ambiente sociale, culturale e la mattanza del Circeo del 1975: ieri circa 50mila euro di incasso e 8mila presenze (totale è intorno ai 560mila euro). Al terzo risale Dune di Denis Villeneuve con 36mila 293 euro e 5mila 464 biglietti per un totale che ha superato i 6 milioni 376mila euro.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Pensioni: ecco per l’Inps come potrebbe essere superata quota 100
Nella manovra verso 5 miliardi per la previdenza
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 ottobre 2021
08:13
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Per affrontare la fine di Quota 100 si potrebbe prevedere per i lavoratori appartenenti al sistema misto la possibilità di accedere intorno ai 63/64 anni a una prestazione di importo pari alla quota contributiva maturata alla data della richiesta per poi avere la pensione completa al raggiungimento dell’età di vecchiaia. Lo sottolinea il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico in una audizione alla Commissione Lavoro della Camera spiegando che questa ipotesi sarebbe “sostenibile” dal punto di vista finanziario con un aggravio di circa 2,5 miliardi per i primi tre anni e risparmi a partire dal 2028.
Nel 2022 potrebbero accedere a questo strumento 50mila persone per una spesa di 453 milioni mentre nel 2023 potrebbero accedere 66mila persone per 935 milioni.
Gli anni con il costo più sostenuto sarebbero il 2024 e 2025 con oltre 1,1 miliardi l’anno e 160mila uscite nel biennio. I requisiti sono: almeno 63/64 anni di età (requisito da adeguare alla speranza di vita); essere in possesso di almeno 20 anni di contribuzione; aver maturato, alla data di accesso alla prestazione, una quota contributiva di pensione di importo pari o superiore a 1,2 volte l’assegno sociale. La prestazione completa spetta fino al raggiungimento del diritto per la pensione di vecchiaia. La prestazione è parzialmente cumulabile con redditi da lavoro dipendente e autonomo, e si potrebbero prevedere – spiega – meccanismi di staffetta generazionale, legati anche a part time ed é incompatibile con trattamenti pensionistici diretti, trattamenti di sostegno al reddito, reddito di cittadinanza, APE sociale e indennizzo per la cessazione dell’attività commerciale
Con le modifiche dell’Ape sociale un miliardo in tre anni
Con le modifiche all’Ape sociale proposte dalla Commissione sui lavori gravosi (proroga fino al 2026, ampliamento della platea per i lavori gravosi e riduzione dei contributi per gli edili da 36 a 30) porterebbe alla necessità di stanziare in tre anni poco più di un miliardo di euro. E’ quanto emerge dalle tabelle presentate dal presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, in una audizione alla Commissione Lavoro della Camera secondo le quali per il 2022 l’aggravio sarebbe di 126,7 milioni, 337,1 nel 2023 e 520,7 nel 2024 per poi salire fino a 805 milioni di euro nel 2026.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Per le uscite con 41 anni di contributi oltre 9 miliardi a regime
Il pensionamento con 41 anni di contributi indipendentemente dall’età costerebbe nel 2022 4,3 miliardi per poi crescere e toccare nel 2029 oltre 9 miliardi l’anno. Lo ha detto il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico in una audizione alla Commissione Lavoro della Camera sulle possibile modifiche delle regole per l’accesso alla pensione. Nel 2023 l’aggravio sarebbe di 5,99 miliardi e nel 2024 di 5,86 miliardi.
Manovra, verso 5 miliardi per le pensioni
Con la legge di Bilancio dovrebbero essere stanziati circa 5 miliardi per il capitolo previdenza: secondo quanto si apprende, il lavoro per definire le misure sarebbe ancora in corso ma le risorse in manovra per le pensioni dovrebbero essere impegnate in parte per la rivalutazione degli assegni e in parte per attutire la fine di Quota 100 e continuare a consentire forme di uscita anticipata, non solo attraverso l’ampliamento dell’Ape social, con requisiti ridotti rispetto allo ‘scalone’ Fornero.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa debole con timori prezzi e Zew, Milano -0,1%
A Piazza Affari giù Tenaris ed Exor, corrono Diasorin e Prysmian
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 ottobre 2021
14:29
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee restano deboli in scia ai timori legati all’inflazione e alla stretta regolatoria sulle aziende private in Cina, dove Pechino sta scrutinando i rapporti tra sistema bancario e grandi società. Parigi cede lo 0,5%, Londra lo 0,4% e Francoforte lo 0,3% mentre Milano contiene i ribassi allo 0,1%.
Salgono invece a New York i future su Wall Street, seppur con rialzi frazionali.
Il petrolio continua la sua ascesa, con il wti sopra gli 81 dollari (+0,6%) e il Brent a 84 dollari (+0,4%). Nonostante ciò gli energetici (-0,9% l’indice Stoxx) sono con le auto (-0,9%) e le materie prime (-0,8%) i comparti più affaticati in Europa, dove invece resistono utility (+0,7%), informatica (+0,4%) e Farmaceutici (+0,3%). Segnali di preoccupazione per l’andamento dei prezzi e per i colli di bottiglia nella supply chain sono arrivati dagli investitori tedeschi, la cui fiducia, misurata dall’indice Zew, è scesa ai minimi da aprile 2020 mentre si attendono domani i dati sull’inflazione americana.
A Piazza Affari soffrono Tenaris (-1,6%), Exor (-1,3%) e Moncler (-1%), tra i bancari vanno male Bper (-0,9%) e Banco Bpm (-0,8%), fiacche anche Atlantia (-0,7%), che con Abertis investirà 300 milioni in Cile, Stellantis cede lo 0,6% ed Eni lo 0,5%. Dall’altra parte del listino brillano Diasorin (3,2%), con Prysmian (+2,4%), Saipem (+1,8%) e Inwit (+1,5%). Fuori dal ftse Mib si mettono in luce Mondadori (+5,3%) e Seco (+5,2%), che ha annunciato un accordo per equipaggiare i distributori automatici di Rhea, mentre soffre Vianini (-3,6%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano si porta in parità, sprint Diasorin e Prysmian
Spread a 101,5 punti, giù Tenaris ed Exor, banche contrastate
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 ottobre 2021
15:00
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza Affari si porta in parità in attesa dell’avvio degli scambi Usa, i cui futures sono in lieve rialzo. In calo lo spread a 101,5 punti, con il rendimento annuo dei titoli decennali allo 0,905%.
Gli acquisti si concentrano su Diasorin +3,72%), Prysmian (+2,64%), Inwit (+1,92%), Saipem (+1,43%), A2a (+1,32%) e Tim (+1,22%). Prese di beneficio su Tenaris (-1,61%), dopo la corsa della vigilia sulla scia delle quotazioni del greggio, che ripiega leggermente oggi (Wti -0,24% a 80,33 dollari al barile), e dei metalli. In calo anche Exor (-1,29%), Moncler (-1,02%) e Bper (-0,68%) insieme a Banco Bpm (-0,65%). Poco mosse Intesa (+0,2%) e Unicredit (+0,08%), contrastate Mps (+0,54%) e Carige (-0,19%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fmi rivede al rialzo le stime del Pil dell’Italia per il 2021 a +5,8%
Più della media dell’area euro. Invariata a 4,2% la crescita 2022
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
12 ottobre 2021
18:38
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il Fondo Monetario Internazionale rivede al rialzo le stime di crescita per l’Italia per il 2021, quando il Pil è atteso salire del 5,8%, ovvero 0,9 punti percentuali in più rispetto alle previsioni di luglio. Per il 2022 la crescita è invariata al 4,2%.
Con il +5,8% di quest’anno l’Italia cresce più della media dell’area euro, che segna nel 2021 un +5%. Al 2026 il Pil italiano è stimato al +1,0%.
Il debito pubblico italiano cala nel 2021 al 154,8% del pil rispetto al 155,8% del 2020. E continuerà a calare anche nel 2022 al 150,4%, fino a toccare il 146,5% nel 2026,  lo prevede il Fmi, stimando un deficit in aumento dal 9,5% del 2020 al 10,2% di quest’anno e al 4,7% nel 2022 (al 2,4% nel 2026).
I dati del Fondo per il 2021 sono migliori alle stime di luglio, quando gli esperti di Washington avevano previsto un debito al 157,8% e un deficit all’11,1%. Nel World Economic Outlook di aprile il Fmi aveva stimato un debito al 157,1% nel 2021 e al 155,5% nel 2022. Per il deficit si prevedeva un 8,8% quest’anno e un 5,5% nel 2022.
Il tasso di disoccupazione in Italia si attesterà al 10,3% nel 2021, in rialzo rispetto al +9,3% del 2020, e all’11,6% nel 2022. Il Fmi conferma le previsioni di aprile. Disoccupazione a doppia cifra anche in Spagna e i Grecia. Per la Spagna il Fondo stima un tasso al 15,4% quest’anno e al 14,8% per il 2022, mentre per la Grecia le stime sono di una disoccupazione al 15,8% nel 2021 e al 14,6% nel 2022. La media per Eurolandia è di una disoccupazione all’8,0% quest’anno e all’8,1% il prossimo.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Banche: Enria, lieve aumento insolvenze su prestiti imprese
Il capo Vigilanza Bce, complessivamente sono ben capitalizzate
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 ottobre 2021
15:23
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le insolvenze delle aziende della zona euro sui prestiti bancari stanno cominciando ad aumentare, con un lieve impatto sulla qualità del credito.
Lo ha detto Andrea Enria, presidente del Consiglio di vigilanza bancaria della Bce, a una conferenza dell’Institute of International Finance (Iif).

Secondo Enria alcuni indicatori della qualità dei prestiti, ad esempio i crediti oggetto di concessioni da parte del creditore o quelli ‘stage 2’, mostrano un lieve peggioramento “nel primo e secondo trimestre di quest’anno” e ” le insolvenze stanno aumentando leggermente”.
Enria ha comunque spiegato che, preso complessivamente, il sistema bancario dell’area euro è ben capitalizzato e che le prospettive macroeconomiche stanno migliorando di pari passo con la ripresa economica. Enria è infine tornato a chiedere una implementazione piena, e rapida, delle regole di Basilea3.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: in calo a New York, a 80,19 dollari
Ribasso dello 0,42%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
12 ottobre 2021
15:25
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il petrolio è in calo a New York, dove le quotazioni perdono lo 0,42% a 80,19 dollari al barile.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Wall Street apre positiva, Dj +0,22%, Nasdaq +0,39%
S 500 sale dello 0,16%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
12 ottobre 2021
15:33
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Wall Street apre positiva. Il Dow Jones sale dello 0,22% a 34,571,96 punti, il Nasdaq avanza dello 0,39% a 14.542,21 punti mentre lo S&P 500 mette a segno un progresso dello 0,16% a 4.367,16 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fmi alza Pil Italia a 5,9%, debito al 154,8% nel 2021
Disparità su stimoli e vaccinazioni pesano su crescita globale
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 ottobre 2021
15:57
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il Fondo Monetario Internazionale rivede al rialzo le stime di crescita per l’Italia per il 2021 portandola al 5,8%, 0,9 punti percentuali in più rispetto alle previsioni di luglio.
Per il 2022 la crescita è invariata al 4,2%.
In base al World Economic Outlook, presentato in occasione delle riunioni Fmi/Banca mondiale, il debito pubblico italiano calerà nel 2021 al 154,8% del Pil rispetto al 155,8% del 2020, riducendosi anche il prossimo anno al 150,4%, fino a toccare il 146,5% nel 2026: risultato conseguito attraverso la crescita del Pil, dato che il deficit è atteso in aumento dal 9,5% del 2020 al 10,2% di quest’anno e al 4,7% nel 2022 (al 2,4% nel 2026).
La Nadef del Governo prevede un debito al 153,5% del Pil quest’anno e al 149,4% il prossimo.
Il Fmi ha anche limato la crescita mondiale per il 2021 a +5,9%, 0,1 punti percentuali in meno rispetto al +6% delle previsioni di luglio, mantenendo +4,9% per il 2022. “La bilancia dei rischi sulla crescita è al ribasso”, osserva il Fmi nel World Economic Outlook, a fronte di notevoli disparità “nell’accesso ai vaccini e nelle politiche di sostegno” all’economia. Anche gli Usa crescono meno del previsto: il Pil nel 2021 è atteso a 6%, un punto percentuale in meno rispetto alle stime di luglio, mentre la crescita dell’Eurozona viene migliorata a +5,0% per il 2021 (+0,4 punti percentuali) e +4,3% per il 2022.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa contrastata, listini Usa nervosi, Milano +0,1%
Fmi rivede al rialzo stime Italia e al ribasso quelle americane
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 ottobre 2021
16:19
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Si muovono a due velocità le principali borse europee con i listini Usa piuttosto nervosi, che oscillano intorno alla parità dopo la diffusione delle stime del Fondo Monetario Internazionale. In crescita le stime sull’Italia rispetto a luglio, in calo invece quelle sugli Usa.

Milano guadagna lo 0,1% e Madrid lo 0,23%, mentre cedono Parigi (-0,64%), Francoforte (-0,42%) e Londra (-0,36%). Di nuovo in rialzo il greggio (Wti +0,45% a 80,88 dollari al barile; sale il gas europeo (+1,56% a 86,7 euro al Mwh), con i metalli in ordine sparso. Salgono l’alluminio (+3,3% a 3.064 dollari la tonnellata) e il ferro (+2,12% a 793 dollari la tonnellata), scende invece l’acciaio (-2,34% a 5.556 dollari la tonnellata).
Prese di beneficio sugli estrattivo-minerari Rio Tinto (-1,8%), Anglo American (-1,41%) e Bhp (-1,28%). In calo anche i petroliferi Bp (-1,43%), TotalEnergies (-1,31%) e Shell 8-0,61%), piatta invece Eni (-0,08%) in Piazza Affari, dove Tenaris lascia sul campo l’1,06%. Giù i produttori di semiconduttori Asm (-1,47%) ed Stm (-1,24%) , contrastati i costruttori di auto Volkswagen (-1,74%) e Stellantis (+0,15%).
Il rialzo del Kerosene (+1,25% a 92,71 dollari al barile e +160% da inizio anno), pesa sulle compagnie aeree Wizz Air (-2,41%), Iag (-2,56%), Lufthansa (-2,29%), Ryanair (-1,77%) e Air France (-0,78%). Contrastate le banche, con rialzi per Sabadell (+1,53%), Bankinter (+1,32%) e Commerzbank (+0,96%), mentre cedono Credit Agricole (-0,97%), Bbva (-0,3%), Bper (-0,73%) e Banco Bpm (-0,76%). Poco mosse Unicredit (-0,05%) e Intesa (+0,12%), positiva Mediobanca (+0,79%), con lo spread tra Btp e Bund tedeschi che si assesta sotto i 102 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Macron, Francia leader idrogeno verde nel 2030
Presidente annuncia costruzione di due fabbriche
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 ottobre 2021
17:15
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Francia intende costruire “due gigafactory” per diventare “leader dell’idrogeno verde” nel 2030, il che permetterà la “decarbonizzazione dell’industria”: è quanto annunciato dal presidente francese, Emmanuel Macron, nel suo discorso di presentazione del piano di investimenti ‘Francia 2030′ sulle industrie innovative. Durante il suo intervento, Macron ha insistito sulla necessità di “investire massicciamente” per contribuire all’avvento di un’industria meno inquinante.
Ha citato, in particolare, l’industria dell’acciaio, del cemento e della produzione chimica, che hanno bisogno di idrogeno verde per sostituire le energie fossili, come anche “l’alimentazione di camion, bus, treni e aerei”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa in ordine sparso nel finale, Milano +0,05%
Spread stabile a 101,5 punti, giù compagnie aeree e siderurgia
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 ottobre 2021
17:35
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Si confermano contrastate le principali borse europee nel finale, con i listini Usa in lieve rialzo e lo spread tra Btp e Bund tedeschi stabile a 101,5 punti. Milano si mantiene in lieve rialzo (+0,05%) insieme a Madrid (+0,21%), mentre riducono il calo Parigi (-0,45%), Francoforte (-0,25%) e Londra (-0,26%).
Sopra la parità il greggio (Wti +0,11% a 80,6 dollari al barile, sale il gas europeo (+1,04% a 86,1 euro al Mwh), mentre sono contrastati i metalli con l’alluminio in rialzo (+3,3% a 3.064 dollari la tonnellata) e il ferro (-0,39%% a 773 dollari la tonnellata) e l’acciaio (-3,01% a 5.517 dollari la tonnellata) in calo.
Prese di beneficio sugli estrattivo-minerari Rio Tinto (-1,7%), Bhp (-1%) e Anglo American (-0,9%) mentre sale Glencore (+1,14%). Segno meno per i petroliferi TotalEnergies (-1,2%), Bp (-0,65%), Eni (-0,42%) e Shell (-0,32%). Pesanti i produttori di semiconduttori Asm (-1,8%) ed Stm (-1,82%), contrastati gli automobilistici Volkswagen (-1,68%), Renault (+0,58%) e Stellantis (+0,3%). Il rialzo del 160% da inizio anno del Kerosene pesa sulle compagnie aeree Wizz Air e Iag (-3% entrambe), Lufthansa (-2,4%), Ryanair (-2%) ed Air France (-1,38%). Contrastate le banche, con rialzi per Bankinter (+1,6%), Sabadell (+1,16%) e Santander (+0,99%), mentre cedono Credit Agricole (-1,22%) e Bbva (-0,52%). Riducono il calo Bper (-0,23%) e Banco Bpm (-0,07%), poco mossa Unicredit (+0,1%), più brillante Intesa (+0,34%) e soprattutto Mediobanca (+0,73%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude in rialzo, +0,23%
Indice Ftse Mib a quota 25.990 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
12 ottobre 2021
17:38
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Chiusura in rialzo per Piazza Affari. L’indice Ftse Mib ha guadagnato lo 0,23% a 25.990 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa chiude contrastata, Parigi -0,34%, Madrid +0,43%
In calo Londra (-0,23%) e Francoforte (-0,36%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 ottobre 2021
17:50
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Chiusura contrastata per le principali borse europee. Parigi ha ceduto lo 0,34% a 6.548 punti, Londra lo 0,23% a 7.130 punti e Francoforte lo 0,36% a 15.145 punti.
In rialzo Madrid (+0,43% a 8.937 punti).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Gianetti: Tribunale respinge ricorso contro licenziamenti
Cgil, sentenza non rende giustizia ai 152 lavoratori
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MONZA
12 ottobre 2021
18:06
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il Tribunale del Lavoro di Monza ha respinto il ricorso presentato dai sindacati contro il licenziamento dei 152 lavoratori della Gianetti Ruote, società di Ceriano Laghetto (Monza), definendo la decisione dell’azienda legittima. Ad impugnare il provvedimento, i licenziamenti sono stati comunicati via email, sono stati Fiom Cgil Brianza, Fim Cisl Milano-Brianza e Uilm Milano Monza e Brianza.

“Quella di oggi è una sentenza che non rende giustizia ai 152 lavoratori della Gianetti che sono stati ingiustamente licenziati”, ha detto Pietro Occhiuto, segretario generale Fiom Cgil.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Aerei: Volotea verso assegnazione voli agevolati Sardegna
Offerta più vantaggiosa rispetto a Ita
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
12 ottobre 2021
18:13
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tra Ita e Volotea è la compagnia spagnola ad aver presentato le offerte più vantaggiose per la copertura dei voli in continuità territorale da e per la Sardegna, dal 15 ottobre 2021 al 14 maggio 2022. Ora il seggio di gara è riunito per verificare la documentazione.
Gli esiti attesi in serata. Rispetto alla base d’asta di 37 mln, Ita ha presentato un’offerta di 28,4 mln (ribasso 8,5 mln), Volotea di 21 milioni (ribasso 15,9 mln): una differenza di 7,3 mln che premia il low cost. Se dovesse vincere la gara, alle casse della Regione la continuità costerebbe 21mln e non 37, con la vittoria di Ita invece il costo sarebbe di 28 mln.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Dl fisco:fonti,verso rinnovo congedi Covid se figli in dad
Misura per copertura al 50% se minori di 14 anni
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 ottobre 2021
18:20
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il rifinanziamento dei congedi al 50% per i lavoratori con figli minori di 14 anni in quarantena o in Dad. E’ questa una delle misure che dovrebbero entrare nel decreto legge fiscale collegato alla manovra, atteso in settimana in Cdm.
A quanto si apprende da fonti governative, a coloro che non possano lavorare in smart working dovrebbe essere garantita la possibilità di congedo al 50% fino a 14 anni e di congedo non retribuito tra i 14 e i 16 anni. Nel caso di figli disabili non c’è il tetto dei 14 anni. La misura, introdotta con il Covid, era finanziata fino allo scorso 30 giugno ma l’orientamento sarebbe quello di rinnovarla.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano positiva in chiusura (+0,23%) brilla Prysmian
Bene anche Diasorin e Saipem, giù Tenaris, Stm , Moncler e Nexi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 ottobre 2021
18:33
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ha chiuso in rialzo Piazza Affari (Ftse Mib +0,23% a 25.990 punti) unica in Europa insieme a Madrid e Stoccolma, tra scambi in calo per soli 2 miliardi di euro di controvalore. In calo a 101,2 punti lo spread tra Btp e Bund tedeschi, dopo aver aperto a 104,8 punti.
Un miglioramento registrato dopo le previsioni del Fondo Monetario Internazionale sul Pil italiano sull’anno, rivisto in rialzo al 5,8%, ossia 0,9 punti in più rispetto a luglio.
Gli acquisti si sono concentrati su Prysmian (+3,55%), al centro dei piani di cablatura di diversi Paesi nel mondo, che ha recentemente annunciato investimenti aggiuntivi per 100 milioni di dollari negli Usa, per incrementare la propria capacità produttiva. In luce anche Diasorin (+2,72%) con l’avvicinarsi dell’entrata in vigore dell’obbligo di Green Pass sui luoghi di lavoro. Acquisti su Saipem (+2,41%), con il greggio sempre sui massimi , che non ha favorito però Eni (-0,08%) e Tenaris (-1,67%), oggetto di prese di beneficio dopo il balzo della vigilia, a causa anche del calo delle quotazioni dell’acciaio, con cui il Gruppo realizza condotte petrolifere e per il trasporto del gas. Nuovo scivolone per Stm (-1,63%), legata a doppio filo all’andamento dei rivali europei, con la crisi dei microchip incombente sul settore auto, dove si sono registrati pochi movimenti tra Stellantis (+0,18%) e Ferrari (+0,24%). In calo Moncler (-1,09%), Nexi (-0,96%), Atlantia (-0,81%) e Italgas (-0,66%). Fiacca Bper (-0,39%), invariata Banco Bpm, in lieve rialzo Unicredit (-0,13%), più brillanti Intesa (+0,36%) e soprattutto Mediobanca 8+0,97%). Contrastate Carige (-1,96%), Mps (+0,23%) e Popolare Sondrio (+1,07%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cybersecurity, torinese Ermes tra le 100 eccellenze mondiali
Selezionata da Gartner tra realtà che sfruttano Ai
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
12 ottobre 2021
18:38
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La torinese Ermes, nata all’interno dell’incubatore I3P del Politecnico di Torino nel 2018, è l’unica italiana nella top 100 delle realtà che sfruttano l’intelligenza artificiale per rilevare e difendere da attacchi alla sicurezza delle aziende. La selezione è curata da Gartner, leader mondiale di ricerca e consulenza informatica.

Ermes è nata dall’idea dell’imprenditore Hassan Metwalley di utilizzare l’intelligenza artificiale per difendere le aziende da potenziali intrusioni che fanno leva sulle vulnerabilità dei dipendenti oltre che sulle reti aziendali, potenziando esponenzialmente la sicurezza durante la navigazione e generando notevoli risparmi sui consumi di banda. “Siamo veramente orgogliosi di essere stati selezionati come unica realtà italiana all’interno di una classifica così autorevole a livello internazionale, che annovera le più grandi aziende del settore.
Certi che l’Italia stia, finalmente, diventando un punto di riferimento sostanziale nel panorama della Cybersecurity, abbiamo investito tutto sulle competenze tecniche e trasversali di quello che, oggi, è un team eccelso e all’avanguardia” commenta Metwalley, ceo e co–founder di Ermes Intelligent Web Protection Già nel 2017 Ermes aveva vinto il Primo Premio Pni Cube.
Ermes ha protetto più di 30mila utenti bloccando oltre 360 miliardi di connessioni pericolose.   TECNOLOGIA  PIEMONTE

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Libri: mercato cresce + 25% e indipendenti valgono il 47%
Dati Adei, confermano solidità microeditori
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 ottobre 2021
19:19
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nei primi nove mesi dell’anno, il mercato del libro mantiene il proprio impressionante trend di crescita, registrando + 25,3% in valore . ” E sono gli editori più piccoli, con un fatturato inferiore a 300.000 euro a registrare una vera propria impennata di vendite ” dichiara Marco Zapparoli, Presidente di ADEI , l’Associazione degli editori Indipendenti.
” Il valore degli “indie” ha raggiunto il 47%, con un fatturato in crescita del 28% rispetto al 2020; addirittura, i cosiddetti microeditori sono cresciuti oltre il 40% ” conclude Zapparoli. ” La solidità degli indipendenti si conferma su più versanti “, prosegue Isabella Ferretti, vicepresidente A DEI con Francesca Archinto . ” Nella fiction siamo cresciuti del 25%, nella straniera addirittura del 53%.
Sul versante bambini e ragazzi, la crescita è del 27%. Giovedì 14 ottobre 2021 alle 17 , 45, al Salone del Libro di Torino ADEI incontrerà gli editori italiani, indipendenti e non; oltre a illustrare i propri progetti presenti e futuri, nonché il catalogo collettivo degli associati.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Poste, nuovo record storico a Piazza Affari a 12,32 euro
Da inizio anno total shareholder return delle azioni al 52%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 ottobre 2021
20:13
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Con un rialzo del +1,32% il titolo Poste Italiane ha chiuso la giornata di contrattazioni a Piazza Affari registrando, oggi, il suo nuovo record storico a 12,32 euro euro per azione (+0,23% l’indice Ftse-Mib).
Il valore delle azioni per già tornato stabilmente oltre i massimi pre-crisi Covid toccati a febbraio 2020, alla vigilia del primo lockdown, a 11,51 euro.
Da inizio 2021 il total shareholder return è del 52% (oltre 150% dal collocamento in Borsa, sei anni fa a 6,75 euro per azione) in un paniere, l’indice Ftse-Mib, che da inizio anno segna il +20%.
L’attenzione del mercato, in attesa ora dei risultati dei primi nove mesi il prossimo novembre (+42% l’utile netto nel primo semestre, meglio delle attese), è stata in questi mesi sul percorso fatto nello sviluppo del digitale e della logistica legata all’e-commerce, e sui nuovi sistemi di pagamento, con il nuovo piano strategico ’24SI’, 2024 Sustain & Innovate, lanciato dall’a.d. Matteo Del fante lo scorso marzo.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Studio, ricchezza in Italia in mano a sempre meno persone
Scuola Normale, in 20 anni 50mila più ricchi l’hanno raddoppiata
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
PISA
12 ottobre 2021
20:17
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La ricchezza in Italia è sempre più in mano a una fetta esigua di popolazione mentre cala la ricchezza media individuale. E’ una delle fotografie che emerge dal seminario online promosso oggi dalla Scuola Normale di Pisa, “Ricchezza, ricchi e diseguaglianza in Italia”, organizzato dalla classe di Scienze politico-sociali di Firenze.
“Salvatore Morelli dell’Università Roma Tre – riferisce una nota della Normale – ha presentato i nuovi dati dello studio ‘The Concentration of Personal Wealth in Italy 1995-2016’, realizzato con Paolo Acciari e Facundo Alvaredo, secondo cui dal 1995 al 2016 i 50.000 italiani più ricchi hanno visto invece raddoppiare la propria ricchezza netta media reale (da 7,6 a 15,8 milioni di euro), passando dal 5,5% al 9,3% del totale. Al contrario, il 50% più povero degli italiani aveva nel 1995 l’11,7% della ricchezza totale e appena il 3,5% nel 2016, corrispondente a un calo da 27 mila a 7 mila euro delle ricchezza media individuale”. Un altro studio, condotto da Giulio Marcon, analizza invece la ricchezza in Italia attraverso 26 interviste (anonime) a nomi dell’imprenditoria, della finanza, delle professioni, sulla percezione che i ricchi hanno di sé, su come usano la ricchezza, sulle disuguaglianze e sull’opportunità di politiche redistributive. Gli intervistati tendono a rappresentarsi come abili operatori economici con la percezione di essere protagonisti dell’economia italiana, senza riuscire però a guidarne la traiettoria.
“La possibilità di una tassazione dei patrimoni – conclude la Normale – registra, nella grande maggioranza degli intervistati, una netta ostilità, mentre qualche apertura incontra la possibilità di un aumento delle imposte di successione, introducendo criteri di progressività. C’è una sottovalutazione della gravità delle disuguaglianze e sembra sfuggire ai ricchi italiani che la ricchezza non è disgiunta dalla povertà. Emerge infine il rapporto problematico con lo Stato e la politica, un rapporto di apparente estraneità, in cui lo Stato è percepito soprattutto come una minaccia in termini di carico fiscale e la politica viene considerata responsabile dei problemi del Paese”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Tokyo, apertura in ribasso (-0,46%)
Attesa dei dati del commercio di settembre in Cina
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
13 ottobre 2021
02:24
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Tokyo avvia gli scambi col segno meno, seguendo il ribasso del mercato azionario Usa, sui timori di un eccessivo rialzo delle quotazioni del greggio e in attesa dei dati del commercio in Cina per il mese di settembre.
L’indice di riferimento cede lo 0,46% a quota 28.100, con una perdita 130 punti.
Sul mercato dei cambi prosegue la fase di indebolimento dello yen sul dollaro a 113,50, e sull’euro a 130,90.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Shanghai apre a -0,10%, Shenzhen a -0,14%
Hong Kong cancella seduta del mattino per l’arrivo di un tifone
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
PECHINO
13 ottobre 2021
03:42
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse cinesi aprono la seduta in territorio negativo in attesa dei dati sul commercio di settembre: l’indice Composite di Shanghai cede nelle prime battute lo 0,10%, a 3.543,49 punti, mentre quello di Shenzhen perde lo 0,14%, attestandosi a quota 2.360,61.
Chiusura forzata delle contrattazioni a Hong Kong, dove le autorità locali hanno deciso di cancellare la seduta del mattino a causa dell’arrivo di un tifone.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cina: surplus commerciale settembre a 66 mld, +28% export
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
A sorpresa ai massimi da dicembre, sotto attese export a +17,6%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
PECHINO
13 ottobre 2021
06:08
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il surplus commerciale della Cina è cresciuto a sorpresa a 66,76 miliardi di dollari a settembre, ben oltre le attese dei mercati di 46,8 miliardi e pari a quasi i doppio dei 35,45 miliardi di settembre 2020, portandosi ai massimi dallo scorso dicembre malgrado il rialzo dei costi delle materie prime e la crisi energetica che colpendo il sistema produttivo del Paese. In uno scenario globale “segnato da numerose incertezze”, le Dogane hanno riferito di un export salito del 28,1% annuo (contro stime del 21% e il 25,6% di agosto) e di un import aumentato del 17,6% a fronte di attese del 20% e dopo il 33,1% del mese precedente.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cambi: euro in aumento a 1,1551 dollari
Moneta unica scambiata a 131,0900 yen
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 ottobre 2021
08:00
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Euro in lieve aumento questa mattina sui mercati valutari: la moneta unica europea passa di mano a 1,1551 dollari (+0,18%) e 131,0900 yen (+0,08%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: greggio in lieve aumento a 80,66 dollari
Brent scambiato a 83,48 dollari (+0,07%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 ottobre 2021
08:08
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Prezzo del petrolio poco mosso questa mattina sui mercati delle materie prime: il barile di greggio con consegna a novembre passa di mano a 80,66 dollari con un aumento dello 0,02%. Il Brent con consegna a dicembre è scambiato a 83,48 dollari al barile con una crescita dello 0,07%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Usa: Camera approva accordo per aumentare tetto debito
Aggiunti 480 miliardi di dollari. Ora manca solo la firma di Biden
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
13 ottobre 2021
08:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Anche la Camera Usa, dopo il Senato, ha dato il via libera all’accordo per alzare il tetto del debito fino al 3 dicembre ed evitare il default, aggiungendo 480 miliardi di dollari. Ora manca solo la firma del presidente Joe Biden.
Il provvedimento è passato con i 219 sì dei dem, mentre 206 repubblicani hanno votato compatti per il no.
Si prevede che Biden firmi la misura questa settimana, prima del 18 ottobre, quando secondo il Tesoro gli Usa non sarebbero più in grado di pagare i debiti. Il leader del Grand Old Party al Senato Mitch McConnell ha già fatto sapere alla Casa Bianca che non collaborerà con i dem per un altro aumento del tetto del debito.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro: in lieve aumento a 1.763 dollari
+0,21%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 ottobre 2021
08:20
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Euro in lieve aumento sui mercati delle materie prime: il metallo prezioso con consegna a dicembre è scambiato a 1.763 dollari l’oncia con un aumento dello 0,21%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Iea, la transizione verso l’energia pulita è ‘troppo lenta’
‘Le incertezze preparano a un futuro incerto’ dice il direttore esecutivo dell’Agenzia internazionale per l’energia
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 ottobre 2021
12:27
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La transizione mondiale verso l’energia pulita è ancora troppo lenta per soddisfare gli impegni climatici in ciò che rischia di alimentare una maggiore volatilità dei prezzi. E’ questo il monito dell’Agenzia internazionale per l’energia.
“Non stiamo investendo abbastanza per soddisfare le future esigenze energetiche – ha affermato il direttore esecutivo dell’AIE Fatih Birol – e le incertezze stanno preparando il terreno per un periodo estremamente incerto”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano apre in calo, Ftse Mib -0,2%
Deboli Enel e Stm, tiene Stellantis
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
13 ottobre 2021
09:10
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La seduta di Borsa a Milano si apre con un ribasso degli indici. Il Ftse Mib cede lo 0,2% a 25.919 punti.
Tra i peggiori Enel (-0,7%) e Stm (-1,6%). Tengono Stellantis (+0,44%) e Moncler (+0,39%). Incerte Intesa (+0,04%) e Pirelli (+0,04%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp Bund apre in lieve calo a 101 punti
Rendimento 0,91%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 ottobre 2021
09:20
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread tra Btp e Bund apre in lieve calo a 101 punti. Il rendimento annuo dei titoli è allo 0,91%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Benzina: Qe, ritocca rialzi, self a 1,722 euro
Per il servito 1,856 euro medi, massimo a 1,930 euro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 ottobre 2021
09:40
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
I prezzi dei carburanti registrano ritocchi al rialzo. Secondo le elaborazioni di Quotidiano energia il prezzo medio nazionale praticato della benzina, in modalità self, va a 1,722 euro al litro (ieri 1,718) con i diversi marchi compresi tra 1,719 e 1,730 euro al litro (no logo 1,706).
Il prezzo medio praticato del diesel, sempre in modalità self, sale a 1,582 euro al litro (ieri 1,576) con le compagnie posizionate tra 1,579 e 1,591 euro/litro (no logo 1,568).
Se si guarda al servito, per la benzina il prezzo medio praticato cresce a 1,856 euro/litro (ieri 1,853) con gli impianti colorati che mostrano prezzi medi praticati tra 1,797 e 1,930 euro/litro (no logo 1,753). La media del diesel va a 1,724 euro al litro (ieri 1,720) con i punti vendita delle compagnie con prezzi medi praticati compresi tra 1,663 e 1,794 euro al litro (no logo 1,617).
I prezzi praticati del Gpl vanno da 0,799 a 0,815 euro al litro (no logo 0,790). In aumento, infine, anche il prezzo medio del metano auto, che si posiziona tra 1,487 e 1,819 (no logo 1,547).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Green pass, Fiap: ‘Danno su autotrasporto, rischio scaffali vuoti’
Fiap: ‘Effetti negativi non solo per il settore, ma per intera economia’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 ottobre 2021
12:47
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Il problema del green pass avrà di certo un impatto sulle imprese di trasporto e logistica creando gravi danni economici, tuttavia gli effetti negativi di questa situazione ricadranno soprattutto sulla collettività e sulle industrie, con importanti ripercussioni sull’intera economia, già messa a dura prova dalla pandemia”. Lo afferma la Fiap (Federazione italiana autotrasportatori professionali), evidenziando il rischio dal 15 ottobre di scaffali vuoti, crisi dei carburanti e blocco delle industrie.
“Nell’autotrasporto, che in Italia muove circa il 90% della merce garantendo gli approvvigionamenti di materie prime e beni utili alla vita di tutti i giorni, viene impiegato per la maggior parte personale viaggiante straniero.
Molti di questi autisti sono sprovvisti di green pass. Non necessariamente per una scelta personale di non vaccinarsi, ma perché non tutti i Paesi esteri hanno adottato lo stesso provvedimento o ‘atteggiamento’ rispetto a tale soluzione, oppure perché la vaccinazione effettuata nel Paese di origine non è riconosciuta. La situazione è dunque critica e rischia di avere un impatto devastante sul settore, già gravato da una allarmante carenza di autisti (si stima ne manchino circa 20/30 mila)”, avverte la Fiap.
“Dai dati raccolti dalle imprese operanti nel settore e da diversi produttori/committenti, si stimano inefficienze e una possibile riduzione della capacità di consegna sino al 50%”, avverte la Fiap, spiegando che “questo significa che potrebbero venire a mancare prodotti di consumo essenziali”. “Ci auguriamo – afferma il segretario generale Alessandro Peron – che ci sia una presa di coscienza della reale portata del problema e che il Governo accolga la nostra richiesta di esonerare dal controllo del green pass gli operatori dell’autotrasporto impiegati nelle attività di carico e scarico. Le imprese di autotrasporto rischiano importanti dissesti finanziari a causa dei maggiori costi organizzativi e della sospensione costretta dei servizi per mancanza di manodopera; tuttavia, se non si pone rimedio a questa situazione critica, è l’intero Paese a rischiare l’impasse”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il mercato del Cloud cresce in Italia, nel 2021 vale 3,84 mld
Osservatorio PoliMi, nelle grandi aziende è un dato di fatto
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 ottobre 2021
10:35
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cresce il mercato italiano del cloud: nel 2021 la spesa delle imprese raggiunge i 3,84 miliardi di euro segnando un incremento del 16% rispetto al 2020.
L’adozione di questa tecnologia è un dato di fatto nelle grandi aziende: nel 44% dei casi, infatti, le applicazioni si trovano oggi su cloud pubblico o privato, che si appresta a superare la quota ancora gestita on-premises, ossia, quella parte di applicazioni installata su server propri.
Tuttavia, più di un’impresa su tre (34%) ammette di non aver ancora accompagnato questo percorso tecnologico con azioni di cambiamento organizzativo rivolte alla direzione It (information technology), come l’arricchimento delle competenze del personale. E’ la fotografia che emerge dall’Osservatorio Cloud Transformation della School of Management del Politecnico di Milano.
“A seguito del deciso cambio di passo avvenuto nel corso del 2020 a causa dell’emergenza sanitaria, le prime stime per quest’anno confermano un ulteriore consolidamento, con tassi di crescita assimilabili a quelli pre-pandemici”, spiega Alessandro Piva, direttore dell’Osservatorio Cloud Transformation, aggiungendo che “oggi le imprese e le pubbliche amministrazioni stanno affrontando la vera sfida: strutturare una strategia di lungo periodo che ponga il cloud al centro della digitalizzazione”. I dati mostrano “un incremento degli investimenti legati ai progetti strategici, all’interconnessione delle applicazioni, ormai distribuite in diversi ambienti computazionali, e all’innovazione funzionale e architetturale”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il public & hybrid cloud, ovvero l’insieme dei servizi forniti da provider esterni e l’interconnessione tra cloud pubblici e privati, si conferma la componente principale, per una spesa di 2,39 miliardi di euro (+19%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano in parità, sprint di Stellantis +2%
Debole Eni (-0,9%), giù anche Unipol (-1,3%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 ottobre 2021
10:52
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano azzera le perdite e si porta in parità. L’indice guida il Ftse Mib è ancora in oscillazione (+0,08%) ma scatta in avanti Stellantis (+2,3%) insieme a un gruppo di titoli.
Nexi e Amplifon guadagnano il 2%, Recordati l’1,78%, Moncler l’1,4%, Prysmian l’1,3 per cento e fuori dal listino principale si mette in evidenza Tod’s (+4,3%) con Unieuro (+4,3%).
A frenare il listino però c’è Eni che cede lo 0,9%, insieme a Unipol (-1,3%) e Saipem (-1,7%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Alibaba: media, Jack Ma è riapparso a Hong Kong
A quasi un anno dall’ultima apparizione pubblica
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
PECHINO
13 ottobre 2021
12:38
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il fondatore di Alibaba, Jack Ma, è riapparso a Hong Kong, a quasi un anno di distanza dalla clamorosa bocciatura dell’Ipo della fintech del gruppo Ant Financial, naufragata agli inizii di novembre 2020 su disposizione delle autorità cinesi a 48 ore dell’esordio dei titoli alle Borse di Shanghai e Hong Kong.
Lo riporta The Standard, testata dell’ex colonia britannica, citando “due fonti autorevoli” che lo hanno visto il primo ottobre in città.
Ma ha partecipato a pochissimi eventi pubblici in Cina nel mezzo della stretta di Pechino contro i colossi Internet e tecnologici, ma quella di Hong Kong sarebbe per il carismatico ex insegnante di inglese la prima conferma di viaggio tra le voci secondo cui gli era stato vietato di lasciare il Paese a causa di indagini in corso.
Non è chiaro chi abbia incontrato Ma durante il suo periodo di soggiorno e se da allora abbia lasciato la città.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Green Pass:Electrolux,venerdì sciopero 8 ore in Trevigiano
Per difficoltà non vaccinati di fare in tempo i tamponi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
13 ottobre 2021
12:55
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nello stabilimento Electrolux Italia di Susegana (Treviso) inizierà con una giornata di otto ore di sciopero il periodo in cui per accedere ai posti di lavoro sarà necessario esibire il certificato di avvenuta vaccinazione contro il contagio da Covid-19. Lo hanno annunciato oggi le rappresentanze sindacali interne della sede trevigiana del colosso svedese del bianco, al termine di un’assemblea durante la quale è emersa la difficoltà dei non vaccinati di individuare farmacie o altri punti autorizzati all’esecuzione dei tamponi, i quali dovranno essere integralmente a carico del lavoratore.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa contrastata attende Wall Street, Milano -0,10%
In calo energia e banche, l’euro in rialzo sul dollaro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 ottobre 2021
13:05
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee proseguono contrastate in attesa dell’avvio di Wall Street dove i future sono in rialzo. Gli investitori guardano con ottimismo alla prossima stagione delle trimestrali, mentre restano le incertezze per l’aumento delle materie prime e dei costi energetici che potrebbero provocare un rallentamento della ripresa economica.
Sul fronte valutario l’euro sul dollaro è in rialzo a 1,1563 a Londra.
L’indice d’area stoxx 600 avanza dello 0,4%. In positivo Francoforte (+0,6%) e Parigi (+0,2%) mentre sono in rosso Madid (-0,6%), Londra e Milano (-0,1%). Sui listini pesa l’energia (-1,6%), con il prezzo del petrolio Wti in calo a 80,19 dollari al barile e il Brent a 82,92 dollari. Giornata all’insegna del rialzo, invece, per le quotazioni del gas naturale. Ad Amsterdam il prezzo sale del 5,03% a 90,02 euro al Mwh. A Londra il prezzo è in aumento del 6,4% a 228,5 penny per Mmbtu, l’unita’ termica britannica equivalente a 28,26 metri cubi. Nel Vecchio continente in calo anche le banche (-0,8%) e le assicurazioni (-1%). Bene l’informatica (+2,5%) e le auto (+1%).
A Piazza Affari scivolano Saipem (-2,8%), Tenaris (-1,9%) e Eni (-1,7%). In calo anche Unipol (-1,4%) e Generali (-1,2%).
Sugli scudi Nexi (+2,8%). In netto rialzo Recordati (+1,7%), Moncler e Diasorin (+1,6%) e Prysmian (+1,5%). In luce anche Stellantis (+1,4%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fmi: con la pandemia debito mondiale record, 226.000 miliardi
Una crescita del 14% nel solo 2020. “Monitorare attentamente”
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
13 ottobre 2021
13:15
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Con la pandemia il debito globale nel 2020 è salito del 14% al record di 226.000 miliardi di dollari. Il dato include il debito del settore pubblico e quello del settore privato non finanziario.
Quest’ultimo deve essere monitorato attentamente in quanto un eccesso di debito privato potrebbe trasformarsi in un più alto debito pubblico”. Lo afferma il Fmi nel Fiscal Monitor, sottolineando che il debito pubblico ammonta a 88.000 miliardi, valore vicino al 100% del Pil. Il debito pubblico è previsto calare di un punto percentuale di Pil nel 2021 e nel 2022, e stabilizzarsi al 97% del Pil.
L’outlook di bilancio è soggetto a importanti rischi: l’interazione fra vaccini, virus e varianti è uno dei fattori che contribuiscono all’elevata incertezza nel breve termine, afferma inoltre il Fmi, sottolineando come “l’evoluzione delle finanze pubbliche dipenderà da quanto profondamente la pandemia” si farà sentire sulla crescita. “In un contesto di evoluzione del Covid, la politica di bilancio deve restare agile e adattarsi rapidamente al cambio delle condizioni” anche perché è in grado di “ridurre i danni di breve termine e le cicatrici di medio termine”, osserva il Fondo precisando che la pandemia “lascerà un segno duraturo sulle finanze dei governi, sull’inuguaglianze, la povertà e il livello di pil in diversi paesi”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Antitrust: sanzionate per 7mln due società del gruppo Facile.it
Per pratiche commerciali scorrette ingannevoli e aggressive
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 ottobre 2021
14:42
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’Antitrust ha comminato una sanzione da 7 milioni di euro a due società del gruppo Facile.it – Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. e Facile.it Broker di Assicurazioni S.p.A.
per “pratiche commerciali scorrette ingannevoli e aggressive”. L’Antitrust ha concluso il procedimento istruttorio su “due pratiche commerciali scorrette in materia di comparazioni e preventivazioni nei settori finanziario e assicurativo – informa una nota – realizzate attraverso il sito Facile.it. Sono state irrogate sanzioni per 1.050.000 euro a Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. e per 5.950.000 euro a Facile.it Broker di Assicurazioni S.p.A”.
L’ Autorità ha riscontrato come “pratica ingannevole” il non chiarire che “i risultati della comparazione dei prestiti sono provvisori, in quanto è demandata ai singoli istituti finanziatori ogni valutazione sul merito creditizio del singolo utente, con possibile peggioramento delle condizioni economiche proposte in fase di preventivo”. La seconda pratica, “di natura aggressiva consiste nell’aver proposto al consumatore in modo insistente, tramite l’utilizzo di pop up automatici, una polizza assicurativa abbinata ai prestiti personali anche a soggetti che in un primo momento avevano manifestato la volontà di non stipulare la polizza stessa”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund: in salita a 102 punti
Il rendimento del decennale italiano in calo allo 0,88%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 ottobre 2021
15:41
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il differenziale tra Btp e Bund è a 102 punti, in aumento rispetto ai 101,2 punti della chiusura del giorno precedente. Secondo i dati reperibili sulla piattaforma Bloomberg, nella seduta finora ha toccato un massimo di 102,6 punti alle 14.50 e un minimo di 99,9 punti verso le 8.10.

Il rendimento del decennale italiano è allo 0,88%, in calo rispetto allo 0,924% della chiusura del giorno prima e al momento nella giornata ha fatto segnare un massimo dello 0,919% verso le 9.20.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: l’Europa migliora con Wall Street aperta in positivo
Bene informatica e auto, in calo i comparti energia e finanza
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 ottobre 2021
16:10
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Migliorano le principali Borse europee dopo l’apertura positiva di Wall Street, dove però ha girato in negativo il Dow Jones, mentre dagli Usa i dati sull’inflazione di settembre hanno visto il balzo maggiore da 13 anni a questa parte. Tiene banco intanto la questione energetica, con il presidente russo, Vladimir Putin, che si è detto disponibile ad aumentare le forniture di gas e insieme ha avanzato riserve sulla tenuta del gasdotto ucraino.
Le quotazioni del gas naturale si mantengono dunque in rialzo in Europa, dove ad Amsterdam fanno segnare un +6,7% a 91,5 MWh e a Londra un +6,8% a 232 penny al Mmbtu, l’unità termica britannica equivalente a 28,26 metri cubi, mentre le quotazioni begli Usa sono sostanzialmente piatte, a 5,4 dollari per Mmbtu.
D’altra parte l’Opec che ha tagliato le stime per la domanda di greggio del 2021, nonostante la ripresa. Il petrolio è in calo (wti -0,9%) a 79,8 dollari al barile e col brent a 82,6 dollari.
In rialzo il bene rifugio, l’oro (+0,6%) a 1.785 dollari l’oncia. In forte calo il minerale di ferro (-5,6%) a 715,5 dollari la tonnellata.
In Europa la Borsa migliore è Francoforte (+0,9%), seguita da Parigi (+0,7%), Londra (+0,1%) e Madrid (-0,3%). In lieve positivo Milano (+0,1%), con lo spread Btp-Bund a 101,9 punti e il rendimento del decennale italiano allo 0,88%. L’indice d’area del Vecchio continente, Stoxx 600, guadagna lo 0,8%, trainato da informatica, auto, lusso, edilizia. In calo invece i comparti energia e finanza.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nielsen, raccolta pubblicitaria torna a livelli pre-covid
Stabile ad agosto, da inizio anno +21,3%, sui valori del 2019
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 ottobre 2021
16:24
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il mercato degli investimenti pubblicitari in Italia chiude agosto piatta rispetto allo stesso periodo del 2020, portando la raccolta pubblicitaria dei primi otto mesi a +21,3%. Se si esclude dalla raccolta web la stima Nielsen sul search, social, classified e dei cosiddetti Over The Top, l’andamento nel periodo gennaio-agosto si attesta a +21,9%.

“Con il mese di agosto il mercato pubblicitario torna agli stessi valori del 2019, +0,1% sul periodo gennaio-agosto 2019, – spiega Alberto Dal Sasso, AIS Managing Director di Nielsen – E’ stato recuperato completamente quanto perso nei primi 8 mesi del 2020”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano gira in negativo (-0,2%), male molte banche
Giù i petroliferi col greggio, bene i farmaceutici
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 ottobre 2021
16:52
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Milano gira in negativo (-0,2%), mentre le altre principali Borse europee sono migliorate. A Piazza Affari, dove lo spread è in salita a 102,9 punti, col rendimento del decennale italiano allo 0,89%, sono in rosso molte banche, da Carige (-3,1%), Unicredit e Banco Bpm (-2%) a Bper (-1,7%) e Intesa (+0,9%).
Male anche quelle commerciali, da Mediobanca (-1,4%) a Banca Generali e Banca Mediolanum (-1,3%).
In calo i petroliferi, col greggio in discesa (wti -0,7%) a 80 dollari al barile e il brent a 82,8 dollari, con l’Opec che ha tagliato le stime per la domanda del 2021,da Saipem (-2%) all’impiantistica di Tenaris (-1,5%) e a Eni (-1,4%).
A correre sono la paytech Nexi (+2,4%), i farmaceutici con Diasorin (+3,2%) e Recordati (+2,4%) e nel lusso Moncler (+2,9%). Bene nell’industria Prysmian (+2,2%) e Interpump (+1,5%). Bene per i semiconduttori Stm (+1,5%). Tra le auto piatta Stellantis, in calo Ferrari (-0,9%). Tra i titoli a minore capitalizzazione volano Seco (+7,2%) e Gabetti (+7,1%), male Immsi (-3,8%) e Triboo (-3,6%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund: in crescita a 103 punti
Il rendimento del decennale italiano allo 0,89%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 ottobre 2021
17:05
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il differenziale tra Btp e Bund è a 103 punti, in ulteriore aumento rispetto ai 101,2 punti della chiusura del giorno precedente. Secondo i dati reperibili sulla piattaforma Bloomberg, nella seduta finora ha toccato un massimo di 103,3 punti verso le 16.50 e un minimo di 99,9 punti verso le 8.10.

Il rendimento del decennale italiano è allo 0,89%, in calo rispetto allo 0,924% della chiusura del giorno prima e al momento nella giornata ha fatto segnare un massimo dello 0,919% verso le 9.20 e un minimo allo 0,88% verso le 15.40.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Helbiz Kitchen offre contratti ma i giovani rifiutano
Azienda, molti non vogliono perdere rdc e temono sia faticoso
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 ottobre 2021
17:08
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Helbiz Kitchen, business unit di Helbiz leader mondiale nella micromobilità e primo nel suo settore a essere quotato al Nasdaq, ha avviato una campagna di assunzioni su Milano per la figura del Butler (il maggiordomo che porta il cibo nelle case dei clienti e ne spiega le caratteristiche e la qualità) in modo da far fronte nella maniera ottimale a questa domanda crescente di mercato. “Ma dopo alcune settimane di ricerca del personale, a fronte della proposta di un’attività regolarmente contrattualizzata e remunerata – spiegaHelbiz – gran parte di coloro che si sono presentati hanno risposto ‘non voglio perdere il reddito di cittadinanza, mi potrei stancare troppo, forse è molto impegnativo tutti i giorni'”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Definire questa parte delle giovani generazioni è un esercizio complesso, e forse queste premesse lo rendono ancora più articolato” prosegue l’azienda sorpresa dal fatto di ricevere queste risposte “in un momento delicato come quello attuale post pandemico” considerato che vuole investire in Italia e offre “un contratto di lavoro stabile (si direbbe molto raro di questi tempi)”.
Tuttavia, Helbiz “continuerà nel suo percorso di assunzioni consapevole della sua volontà di continuare a investire in Italia e di offrire una prospettiva lavorativa solida a tutti coloro che ne coglieranno l’opportunità”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: l’Europa migliora, ma le banche sono in rosso
Bene l’informatica e il lusso, in calo i petroliferi e le auto
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 ottobre 2021
17:29
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Migliorano verso fine seduta le principali Borse europee, salvo Madrid (-0,7%). La migliore è Francoforte (+0,7%), seguita da Parigi (+0,6%) e Londra (+0,2%).

Qualche perdita a Piazza Affari (-0,1%), mentre lo spread Btp-Bund è salito a 103 punti, col rendimento del decennale italiano allo 0,89%. In aumento l’euro sul dollaro, a 1,157. In forte rialzo l’oro (+1,2%), a 1.795 dollari l’oncia. Continua intanto l’attenzione alle questioni energetiche, con l’Opec che ha tagliato le stime della domanda per l’anno e il greggio in calo (Wti -0,7%) a 80,1 dollari al barile e il Brent a 82,9 dollari, mentre sale sempre di più il prezzo del gas in Europa, con le quotazioni ad Amsterdam a 92,8 euro al MWh (+8,3%) e in modo analogo a Londra (+8%). Gli analisti evidenziano inoltre che restano i timori per una spinta inflattiva.
L’indice d’area del Vecchio Continente, Stoxx 600, guadagna quasi lo 0,7%, trainato da informatica e beni voluttuari, mentre pesano in negativo finanza e energia. Tra i software rally di Netcompany (+6,3%), Qt (+5,7%) e Sinch (+4,7%), tra i semiconduttori di Asm (+3,7%) e Asml (+2,5%). Nel lusso corrono Lvmh (+3,3%), il giorno dopo i conti dei 9 mesi, Burberry (+3,4%) e Moncler (+3%). In rosso le auto, iniziando da Renault (-1,7%) e Daimler (-1,25), in controtendenza Volkswagen (+3%) e Porsche (+3,7%). Bene la maggioranza delle utility, in particolare Edp (+3,8%) e Orsted (+3,4%). Tra i petroliferi eccezioni positive come Neste (+2,9%) e Aker (+0,7%), in un panorama tutto in calo, cominciando da Omv (-1,5%) e Repsol (-1,4%). In negativo la quasi totalità delle banche, con picchi di perdite come quelli di Banco de Sabadell (-6,9%), Commerzbank (-5,3%) e Caixa (-4,4%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude debole (-0,1%)
Il Ftse Mib a 25.958 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
13 ottobre 2021
17:37
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Chiusura debole per piazza Affari.
Il Ftse Mib ha ceduto lo 0,12% a 25.958 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Inflazione su nelle economie avanzate, per l’Fmi calerà a metà 2022
Negli Stati Uniti a settembre è salita dello 0,4% rispetto al mese precedente, sopra le attese degli analisti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
13 ottobre 2021
17:44
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’inflazione nelle economie avanzate calerà alla metà del prossimo anno e questa è una buona notizia per tutti perché allenta le pressioni per un’azione delle banche centrali. Lo afferma il direttore generale del Fmi, Kristalina Georgieva, definendo la corsa dei prezzi “transitoria”.
Negli Stati Uniti, intanto, i prezzi corrono.
L’inflazione a settembre è salita dello 0,4% rispetto al mese precedente, sopra le attese degli analisti che scommettevano su +0,3%. Su base annuale l’inflazione è salita al 5,4%, sopra il 5,3% delle attese.
L’aumento dei prezzi del 5,4% negli Stati Uniti in settembre è il maggiore da 13 anni. Il balzo su base tendenziale è infatti uguale a quello più alto di sempre registrato nel 2008.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: l’Europa chiude positiva, tranne Madrid (-0,6%)
Parigi (+0,7%), Francoforte (+0,6%), Londra (+0,1%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 ottobre 2021
18:00
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Chiusura positiva per le principali Borse europee, tranne che per Madrid (-0,61%) a 8.881 punti. La migliore è stata Parigi (+0,75%) a 6.597 punti, seguita da Francoforte (+0,68%) a 15.249 punti e Londra (+0,16%) a 7.141 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund: chiude in rialzo a 103,1 punti
Il rendimento del decennale italiano in calo allo 0,90%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 ottobre 2021
18:11
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il differenziale tra Btp e Bund ha chiuso a 103,1 punti, in rialzo rispetto ai 101,2 punti della chiusura del giorno precedente. Secondo i dati reperibili sulla piattaforma Bloomberg, nella seduta ha toccato un massimo di 103,3 punti verso le 16.50 e un minimo di 99,9 punti verso le 8.10.

Il rendimento del decennale italiano ha terminato la giornata allo 0,902%, in calo rispetto allo 0,924% della chiusura del giorno prima e nella seduta ha fatto segnare un massimo dello 0,919% verso le 9.20 e un minimo allo 0,88% verso le 15.40.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Inps: a fine 2021 patrimonio in rosso per 904 mln
Risultato economico negativo per 15,4 miliardi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 ottobre 2021
18:27
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’Inps registrerà alla fine del 2021 904 milioni di disavanzo patrimoniale. Lo si legge nella nota di assestamento al bilancio di previsione dell’Istituto approvata dal Civ.
Il dato è dovuto al risultato economico di esercizio negativo per 15,4 miliardi. La situazione patrimoniale netta al 31 dicembre 2020 risultava positiva per 14.559 milioni di euro.
Secondo la nota il disavanzo finanziario di competenza sarà di 8,6 miliardi. Le entrate contributive dovrebbero essere pari a ·230.844 milioni (+5.694 milioni rispetto al consuntivo 2020) mentre le prestazioni istituzionali dovrebbero ammontare a 363.458 milioni (+3.941 milioni rispetto al consuntivo 2020).
In particolare, la spesa per prestazioni pensionistiche è risultata pari a 241.334 milioni (+4.649 milioni rispetto al consuntivo 2020).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’Inps registrerà alla fine del 2021 904 milioni di disavanzo patrimoniale. Lo si legge nella nota di assestamento al bilancio di previsione dell’Istituto approvata dal Civ.
Il dato è dovuto al risultato economico di esercizio negativo per 15,4 miliardi. La situazione patrimoniale netta al 31 dicembre 2020 risultava positiva per 14.559 milioni di euro.

La nota di assestamento tiene conto del Documento di Economia e Finanza (DEF) 2021 ma non della Nadef approvata dal Governo il 29 settembre. Nell’approvare la nota di assestamento, il Consiglio di Indirizzo e Vigilanza Inps “auspica la riapertura del tavolo di confronto per il riallineamento delle poste di credito e debito tra Ministeri e Inps, reso urgente anche per contenere i riflessi negativi della nuova disciplina relativa alle prestazioni COVID – 19 che aggrava, in maniera evidente, il saldo negativo e riduce la consistenza patrimoniale dell’Istituto. La decisione del legislatore, purtroppo senza adeguate contro osservazioni, ha comportato la messa in carico alla Gestione Prestazioni Temporanee e al FIS (quindi a carico Inps) delle prestazioni precedentemente poste a carico della fiscalità generale per 2.400 milioni”. Nella delibera approvata il Civ dell’Inps, sottolinea, tra l’altro l’urgenza di dare forza ad un “patto con l’utenza” a partire dall’esigenza di garantire il diritto di accesso ai servizi Inps anche per coloro che non sono in grado di utilizzare strumenti informatici o digitali. A tal fine occorrerà adottare urgenti soluzioni che, attraverso gli intermediari riconosciuti e le associazioni di rappresentanza, individuino modalità semplificate per la così detta “delega/cessione a fiduciari della identità digitale” anche per evitare il proliferare di soggetti, non monitorabili, che operino per conto delle persone più fragili ed indifese. Il Civ evidenzia, infine, l’urgenza dell’ aggiornamento e della normalizzazione del conto assicurativo dei dipendenti pubblici, dei lavoratori delle Poste e dello spettacolo e sport, al fine di garantire la piena esigibilità di diritti in maniera omogenea a tutti i lavoratori. Ciò per assicurare l’irrinunciabile diritto dei lavoratori al riconoscimento della contribuzione dovuta, caposaldo dell’ordinamento previdenziale, per i periodi di lavoro effettivamente prestati. Il Civ infine “richiama gli altri Organi dell’Istituto a mettere in campo una terapia d’urto sul tema della Invalidità Civile, a partire dall’immediato aumento di medici operativi. Il diritto ad una indennità per chi ha sofferenze psico-fisiche acclarate – sottolinea – è fondamentale e vedere, drammaticamente, 1.7 milioni di cittadini in attesa di risposta, dei quali ben 282 mila che aspettano di essere chiamati per la prima visita dall’Inps e di 863 mila dalle Asl, è inammissibile”.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa: Milano fiacca (-0,1%), male le banche, corre Moncler
Male petroliferi e industria, su i farmaceutici. Guadagna Nexi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 ottobre 2021
18:49
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Seduta terminata debole a Piazza Affari (-0,1%), mentre ha guadagnato qualcosa la maggioranza delle altre principali Borse europee. A livello nazionale in prima fila c’è il tema del green pass dei lavoratori e intanto l’Europa intera fa i conti con i prezzi del gas in salita e la questione energetica più in generale, oltre alle tendenze inflattive, testimoniate dai dati Usa, come evidenziano gli analisti.
In rialzo l’oro (+1,2%9 a sera) a 1.794 dollari l’oncia.
A Milano hanno patito soprattutto le banche, in linea col comparto in Europa. Giù soprattutto Carige (-2,6%), Unicredit e Banco Bpm (-2,2%), Bper (-1,7%) e Intesa (-0,7%). Lo spread Btp-Bund è salito a 103,1 punti, col rendimento del decennale italiano in calo allo 0,90%. Male anche le banche d’investimento, come Mediobanca e Banca Generali (-1,3%). In discesa le assicurazioni, da Unipol a Generali (-1,3% entrambe).
Col calo del greggio quasi riassorbito verso sera (wti -0,07%) a 80,5 dollari al barile e il brent a 83,3 dollari, hanno perso i petroliferi, cominciando da Saipem (-2,1%) per continuare con l’impiantistica di Tenaris (-1,3%) e con Eni (-1,2%).
Brillante nel lusso Moncler (+2,7%), in linea con l’andamento europeo del settore. Corsa per la paytech Nexi (+2,6%), molto bene i farmaceutici, da Diasorin (+2,6%) a Recordati (+2,5%).
Nell’industria in forma Prysmian (+2%), in calo invece Leonardo (-0,7%) e Cnh (-0,6%). Tra le auto perdite per Ferrari (-1,2%), meno per Stellantis (-0,1%). Rally tra i titoli a minore capitalizzazione per Gabetti (+9,5%) e Digital Bros (+7,2%), forti perdite per Eprice (-3,8%) e Triboo (-2,9%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Campari, un piano di azionariato per i dipendenti
A 4.000 addetti fino al 5% di stipendio in azioni. Ceo, è un premio
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
11:46
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Campari apre il capitale ai suoi 4.000 dipendenti, in 90 paesi del mondo, 400 dei quali nella sede di Sesto San Giovanni, con un piano di azionariato diffuso che permette a chi aderisce di scegliere se ricevere l’1, il 3 o 5% dello stipendio lordo in azioni. E’ inoltre previsto in premio: un’azione gratuita aggiuntiva, alla fine un triennio, ogni due acquistate e mantenute.

A dare il via libera definito alla proposta, preannunciata dall’azienda la scorsa primavera insieme ai conti del 2020, è stato il coordinamento sindacale del gruppo degli aperitivi dopo mesi di analisi e di confronto. Lunedì prossimo e fino al 17 dicembre il progetto parte con una campagna di adesione volontaria al piano di partecipazione, che sarà operativo dal primo gennaio 2022.
Da quella data la percentuale dello stipendio scelta servirà all’azienda per l’acquisto delle azioni che verrà realizzato da un’unica piattaforma alla fine di ogni trimestre.
Negli ultimi mesi di ogni anno ci sarà poi la possibilità, per i lavoratori che non lo hanno già fatto, di accedere al piano.
“Negli ultimi 20 anni dalla quotazione siamo cresciuti fino a diventare uno dei principali player globali nel mercato spirit acquisendo e costruendo marchi che sono diventati vere icone del settore. I Camparisti hanno contribuito a questo grande traguardo e attraverso Camparista Shares desideriamo premiarli per la loro partecipazione attiva alle performance del Gruppo”, ha spiegato il Ceo di Campari Kunze-Concewitz.

La multinazionale della famiglia Garavoglia, quotata da 20 anni a Piazza Affari, conta 22 impianti produttivi nel mondo. In Italia è presente con la sede centrale di Sesto San Giovanni e i quattro stabilimenti di Canale, Novi Ligure, Alghero e Caltanissetta.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Energia:Donnarumma, grandi imprese sono locomotive del Paese
Per transizione ecologica serve ascolto e confronto
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 ottobre 2021
19:13
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Le locomotive del nostro Paese sono le grandi imprese, anche quelle a partecipazione pubblica come Terna, organizzate per pianificare e realizzare importanti investimenti e, grazie alle loro competenze, necessarie per la ripresa del Paese”. Lo ha dichiarato l’amministratore delegato e direttore generale di Terna, Stefano Donnarumma, nel corso dell’evento “La sfida della transizione ecologica”, organizzato da Terna nell’ambito delle iniziative dell’Asvis.
Quanto alle sfide che il Paese si trova ad affrontare, per Donnarumma occorre un “approccio privatistico con responsabilità pubblica.
A mio avviso – ha spiegato – sono quattro le parole per mettere in piedi una valida execution: risorse, anche umane, competenze, organizzazione e regole”. “Per la transizione ecologica serve una cultura dell’ascolto e del confronto, senza barriere. Serve aprirsi a diverse discipline, non esiste un expertise più importante dell’altra”, ha sottolineato. “Transizione ecologica ed economia circolare sono concetti che si uniscono. L’umanità e i suoi bisogni stanno diventando nuovamente centrali nella pianificazione internazionale”, ha concluso.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Brexit: Ue, taglio 80% controlli merci verso Irlanda Nord
Commissione europea presenta pacchetto per mediazione con Londra
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
13 ottobre 2021
19:15
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La commissione Ue, sulle modifiche del Protocollo Irlanda del Nord, avanza una proposta “di salute alimentare, vegetale e animale” che porta a “una riduzione dell’80% dei controlli delle merci che arrivano dalla Gran Bretagna alle coste nordirlandesi”.
La proposta prevede anche il taglio del 50% delle formalità doganali per le stesse parti.
In cambio si chiede alla Gran Bretagna di rispettare alcune condizioni nel rispetto dei controlli frontalieri e fitosanitari.
“La nostra proposta è una risposta diretta e genuina, migliora le opportunità dei nordirlandesi”, ha sottolineato il vicepresidente della commissione Ue Maros Sefcovic.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il tramonto di Alitalia, la commozione dei dipendenti
Il saluto di una hostess prima dell’ultimo giorno: ‘Ciao mamma Alitalia’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
09:50
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Ciao Mamma Alitalia”. Così comincia la testimonianza di un’assistente di volo Alitalia, in vista dell’ultimo giorno di operatività della “compagnia di bandiera” – il 14 ottobre – che esprime, con commozione ed amarezza, il suo “saluto”. “Ho sempre sognato di fare l’assistente di volo – afferma la lavoratrice, oltre 25 anni di servizio in azienda – Da quando ero bambina vedevo le “hostess” dell’Alitalia in aeroporto quando accompagnavo mia madre a prendere mio padre da un viaggio di lavoro.
E finalmente, anche io a 25 anni, ero una “volatile” . Selezioni,esami, tutti gli iter necessari. E sono passati gli anni ed il mio amore per questo lavoro è cresciuto sempre di più. Il mio amore per Alitalia. Ora che, dopo 74 anni, non ci sarà più sono triste, amareggiata, arrabbiata”. “Non dormo – aggiunge – penso a tutti i miei colleghi ed alle conseguenze. Perché qualcuno o qualcosa più grande di me ha deciso di ucciderla. Io l’ho perdonata tante volte come si fa per chi ami veramente, ma qualcun altro non l’ha mai guardata negli occhi e nel cuore, perché se l’avesse fatto non sarebbe stato così crudele. Ciao Mamma Alitalia”, conclude.
Amarezza e rabbia sono i sentimenti diffusi in queste ore tra i lavoratori di Alitalia. “È una sconfitta per l’Italia, si chiude una pagina di orgoglio per il nostro Paese per il mondo con quel nostro logo che ci ha rappresentato come italiani – raccontano due lavoratori da oltre 20 anni in servizio nella compagnia – personalmente siamo amareggiati ma soprattutto perché si viene a perdere un know how unico e ci si ritroverà il comparto fagocitato dalle low cost. È il rischio anche per Ita”.
“Sono demoralizzato per quanto è accaduto – è la testimonianza di un addetto alla manutenzione – Dopo 34 anni di servizio in Azienda non mi aspettavo una fine così. Sono fuori da Ita, non sono stato assunto. È una situazione brutta. Il tricolore Alitalia andava in tutto il mondo, apprezzato da tutti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Non solo gli italiani volavano con Alitalia ma anche i viaggiatori internazionali che hanno sempre mostrato gradimento per la nostra affidabilità, competenza. È una desolazione vedere questo epilogo. Venivo a lavorare sempre con il sorriso, con la passione per questo impiego e con la curiosità di imparare sempre di più. Ora si può solo sperare in un secondo step quando la nuova compagnia, si spera, avrà possibilità di incrementare il parco aeromobili ma le premesse, visto il piano industriale, non sono incoraggianti ed il mercato rischia di essere in mano alle low cost”. “In questo momento, più che la rassegnazione, prevale un sentimento di rabbia – è la testimonianza di due hostess – abbiamo la sensazione di aver subito un sopruso, è la firma è anche dello Stato, perché ancora una volta a pagare sono i lavoratori per colpe che non sono nostre. E la comunicazione non ci ha aiutati, perché siamo passati, a torto, come dei privilegiati e non è giusto, considerati i sacrifici sempre fatti. Non si può considerare Ita come una start up per le condizioni lavorative che si presentano. Speriamo ora che ci possa ancora un’interlocuzione seria tra i sindacati, Ita ed il Governo”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
aggiudica voli agevolati Sardegna
Volotea batte Ita e si aggiudica voli agevolati Sardegna
Collegamenti in continuità da venerdì 15 e per i prossimi 7 mesi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
13 ottobre 2021
19:50
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La compagnia spagnola Volotea si è aggiudicata la procedura negoziata con la quale la Regione Sardegna ha assegnato le rotte della continuità territoriale aerea con la Penisola. L’assessorato dei Trasporti ha disposto l’esecuzione d’urgenza del servizio, in modo da limitare al massimo i disagi per gli utenti.

Come previsto il collegamento partirà d venerdì 15 ottobre e proseguirà per i prossimi 7 mesi, in attesa del nuovo bando. Con una successiva comunicazione sarà indicato l’avvio della vendita dei biglietti. Il vettore low cost ha superato la concorrenza di Ita con un’offerta più vantaggiosa e ribassi sino al 41,6%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bcc: primo incontro sindacati-Federcasse su contratto
A quasi due anni di distanza dalla scadenza
c
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 ottobre 2021
19:51
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Organizzazioni sindacali hanno presentato a Federcasse la piattaforma per il rinnovo del Contratto collettivo nazionale di lavoro per i Quadri Direttivi e per il Personale delle Aree Professionali delle Banche di Credito Cooperativo. E’ quanto si legge in una nota che ricorda che l’ l’incontro arriva “a quasi due anni di distanza dalla scadenza”.

“Con la presentazione della piattaforma – commenta Pier Paolo Merlini, segretario nazionale First Cisl con delega al Credito Cooperativo – ci siamo assunti la responsabilità di aprire una nuova strada che guardi al futuro verso un nuovo modo di fare banca. Questo sarà il primo vero contratto post-riforma, da costruire in continuità con i precedenti accordi in tema di assetti contrattuali che ci hanno lungamente impegnato nei mesi scorsi. Il nostro obiettivo è ribadire le peculiarità del cooperativismo, che trae le sue origini dalla mutualità, dalla vicinanza alle persone e al territorio; prerogative di un settore che non deve omologarsi al resto del sistema bancario”.
Il prossimo incontro è stato programmato per giovedì 4 novembre.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bonomi, il mondo del lavoro è fortemente sotto attacco
Qualcuno non vuole coesione sociale, il patto per l’Italia
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 ottobre 2021
21:10
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“C’è qualcuno che soffia sui problemi del Paese, perchè vuole creare sfiducia, vuole minare quella coesione sociale che il Paese sta ritrovando”; “Credo che il mondo del lavoro è fortemente sotto attacco, sono sotto attacco i corpi intermedi perché stanno cercando di costruire un patto per l’Italia, un patto importante perché l’Italia dovrà fare delle riforme importantissime, mettere a terra i miliardi che arriveranno con il Pnrr”, avverte il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, ospite di Porta a Porta con il leader della Cisl, Luigi Sbarra, a cui dice: “Condivido l’appello ad una grande responsabilità nazionale collettiva” .
“Non dimentichiamo che proprio di questo periodo l’anno scorso Confindustria riceveva proiettili inviati ai propri presidenti, pacchi bomba, assalto alla nostra sede di Napoli, l’assalto alla nostra sede di Cosenza.
Ha fatto bene il presidente del Consiglio ad andare presso la sede della Cgil perché, forse, se ci fosse stata una reazione così forte già l’anno scorso può essere che non si arrivava a questi eccessi”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“C’è qualcuno che soffia sui problemi del Paese, perchè vuole creare sfiducia, vuole minare quella coesione sociale che il Paese sta ritrovando”; “Credo che il mondo del lavoro è fortemente sotto attacco, sono sotto attacco i corpi intermedi perché stanno cercando di costruire un patto per l’Italia, un patto importante perché l’Italia dovrà fare delle riforme importantissime, mettere a terra i miliardi che arriveranno con il Pnrr”, avverte il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, ospite di Porta a Porta con il leader della Cisl, Luigi Sbarra, a cui dice: “Condivido l’appello ad una grande responsabilità nazionale collettiva” .
“Non dimentichiamo che proprio di questo periodo l’anno scorso Confindustria riceveva proiettili inviati ai propri presidenti, pacchi bomba, assalto alla nostra sede di Napoli, l’assalto alla nostra sede di Cosenza.
Ha fatto bene il presidente del Consiglio ad andare presso la sede della Cgil perché, forse, se ci fosse stata una reazione così forte già l’anno scorso può essere che non si arrivava a questi eccessi”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Alitalia: La storia, dal boom alla crisi
Ha portato lo stile, l’eleganza, la tradizione italiana e anche il Papa in giro per il mondo. Arriva Ita, newco interamente partecipata dallo Stato
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 ottobre 2021
21:36
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ha portato lo stile, l’eleganza, la tradizione italiana e anche il Papa in giro per il mondo ma il 14 ottobre dopo 74 anni di soddisfazioni e tribolazioni, per Alitalia sarà l’ultimo volo. La compagnia chiuderà per sempre i portelloni per lasciare i cieli alla newco Ita.
Fondata nel 1946 come Aerolinee Italiane Internazionali, Alitalia ha avuto i suoi momenti di gloria negli anni del dopoguerra e del boom.
Nel 1960 è lo sponsor ufficiale dei Giochi Olimpici di Roma. L’anno successivo viene aperto l’aeroporto di Fiumicino che diventa l’hub principale di Alitalia. Negli anni ’70 e ’80 prosegue la crescita della flotta e vengono aperte nuove rotte verso le Americhe e l’estremo Oriente. A metà degli anni ’90, però, la brusca virata: la compagnia entra in crisi economica. Iniziano i primi colloqui con Air France, che non porteranno a nulla, e quindi nel 1997 i primi contatti con Klm per una fusione che parte sotto forma di joint-venture integrale nel novembre 1999. L’accordo di fusione prevede lo spostamento dell’hub da Roma-Fiumicino a Milano-Malpensa e la conseguente chiusura di tutti i voli dallo scalo di Milano-Linate, eccezion fatta per i voli verso Roma. Ma nell’aprile 2000, Klm comunica ad Alitalia la scelta di interrompere l’alleanza immediatamente in quanto venne bocciata dal consiglio di amministrazione. La crisi della compagnia di bandiera si acuisce ed iniziano i primi tentativi di privatizzazione, che si protraggono fino al 2007, quando viene accettata in forma esclusiva l’offerta di Air France-Klm. Ma ad un passo dall’accordo definitivo con Air France monta la protesta contro la vendita ai francesi, che si ritirano nel 2008 in quanto Silvio Berlusconi non garantisce di accettare l’offerta del gruppo franco-olandese in caso di sua vittoria alle elezioni. Parte così il viaggio dei cosiddetti ‘capitani coraggiosi’, una cordata di imprenditori pilotata da Roberto Colaninno e di cui fanno parte Benetton e Ligresti, Caltagirone e Tronchetti Provera che fanno nascere Cai.
Il nuovo vettore, che unisce Alitalia ed Airone, con Air France Klm partner strategico con il 25% del capitale in mano decolla ufficialmente il 13 gennaio 2009 ma la navigazione non sarà mai tranquilla con piani industriali aggiornati di continuo e di continuo superati, complice anche la crisi e il rincaro del prezzo del petrolio e quindi del carburante. Nel giro di cinque anni, la compagnia cambia tre amministratori delegati e nell’ultimo trimestre 2013 è necessaria una ricapitalizzazione, nella quale Air France non partecipa, diminuendo così, la sua quota in Alitalia. A febbraio 2014, dopo che Etihad Airways mostra interesse in Alitalia, l’allora premier Enrico Letta, media con il governo di Abu Dhabi per portare avanti le trattative. Una successiva ricapitalizzazione, a luglio 2014, vede l’ingresso in Alitalia di Poste italiane, con un contributo pari a 75 milioni di euro, mossa necessaria per il salvataggio della compagnia. L’8 agosto 2014, Etihad Airways annuncia che avrebbe acquisito il 49% di Alitalia.
Sembrava che con gli sceicchi di Abu Dhabi si dovesse finalmente vedere la luce in fondo al tunnel. E invece dopo il rinnovo di marchio e livrea, nel 2017 Alitalia deve affrontare una nuova crisi finanziaria, rendendo necessari una ricapitalizzazione e un nuovo piano industriale, che viene però respinto dai dipendenti con un referendum aziendale ad aprile.
Il 2 maggio poi l’assemblea dei soci della compagnia aerea approva l’ingresso in amministrazione straordinaria dell’azienda decretando quindi l’uscita di Etihad e di tutti i soci di minoranza dalla società. Il governo per tenere in volo Alitalia eroga quindi due prestiti ponte, rispettivamente da 900 e 400 milioni di euro, che finiranno poi sotto la lente dell’Antitrust Ue. Infine, col decreto-legge Cura Italia del 2020 viene autorizzata la costituzione della newco interamente partecipata dallo Stato, Italia Trasporto Aereo, che decollerà venerdì.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fed: riduzione acquisti asset non segnala aumento tassi
Calo sarà graduale
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 ottobre 2021
21:22
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il processo di riduzione degli acquisti di asset non è un segnale per un aumento dei tassi di interesse. Lo afferma la Fed nei verbali della riunione di settembre secondo cui la riduzione sarà graduale: potrebbe iniziare a metà novembre o metà dicembre e concludersi entro la metà del prossimo anno .
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cambi: euro poco mosso a 1,1592 dollari
Moneta unica scambiata a 131,6200 yen
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
08:07
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Euro poco mosso rispetto al dollaro questa mattina sui mercati valutari. La moneta unica europea è scambiata a 1,1592 dollari con un calo dello 0,02%.

Guadagna invece rispetto allo yen ed è scambiato a 131,6200 yen con una crescita dello 0,24%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro: prezzo poco mosso a 1.793 dollari
-0,15%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
08:18
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro poco mosso questa mattina sui mercati delle materie prime. Il metallo prezioso con consegna a dicembre passa di mano a 1.793,10 dollari l’oncia con un calo dello 0,09%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: greggio sale ancora, è a 81,11 dollari
Brent a 83,91 dollari
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
08:21
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tornano a salire le quotazioni del dollaro: il barile di greggio con consegna a novembre è scambiato a 81,11 dollari al barile, sui massimi raggiunti nei giorni scorsi con un aumento su ieri dello 0,83%. Il Brent con consegna a dicembre passa di mano a 83,91 dollari al barile con una crescita dello 0,88%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Asia positiva malgrado prezzi produzione in Cina
. Cede solo Hong Kong. Stretta monetaria a Singapore
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
08:46
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borse asiatiche nel complesso positive dopo che Wall Street ha interrotto una serie di tre sedute in perdita mentre i futures americani indicano il sereno anche per la giornata odierna. Resta alta l’attenzione sulle pressioni inflazionistiche alla luce dei prezzi alla produzione in Cina, che hanno segnato la crescita più alta degli ultimi 26 anni, mentre i prezzi al consumo negli Stati Uniti non hanno impensierito i mercati dal momento che non hanno registrato strappi inattesi all’insù.

In Cina gli indici azionari sono poco mossi: Shanghai (+0,07%) e Shenzhen (+0,31%). Hong Kong cede invece lo 0,43% a seduta ancora aperta. Bene Tokyo (+1,56%) e Seul (+1,51%), in leggero aumento gli indici di Singapore dopo l’inattesa stretta monetaria da parte della locale banca centrale che ha avuto l’effeto di raffrozare il dollaro di Singapore.
I treasuries Usa intanto sono scivolati, riducendo il recente rally ma il rendimento a 10 anni è rimasto sotto l’1,6%. Sul fronte delle materie prime il petrolio si è stabilizzato sopra gli 80 dollari al barile e l’oro è sceso dal livello più alto dell’ultimo mese.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano apre in rialzo (+0,63%)
Indice Ftse Mib a 26.122 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
14 ottobre 2021
09:07
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza Affari apre in rialzo.
L’indice Ftse Mib guadagna lo 0,63% a 26.122 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp Bund apre in lieve aumento a 104 punti
Tasso decennale italiano allo 0,92%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
09:15
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread tra Btp e Bund apre in lieve rialzo a 104 punti. Il tasso del titolo decennale italiano è allo 0,92%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa apre positiva, Parigi la migliore (+0,82%)
In rialzo i futures americani
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
09:16
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Apertura positiva per le Borse europee. Francoforte sale dello 0,66%, Parigi fa meglio e guadagna lo 0,82% mentre Londra in avvio segna una crescita dello 0,63 per cento.

All’indomani di una buona seduta e dei generali rialzi segnati dai listini in Asia i futures americani danno buoni segnali e contribuiscono a rinvigorire le piazze finanziarie del Vecchio Continente.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano bene intonata (+0,57%), corre Banco Bpm
Eni beneficia dell’aumento del prezzo del petrolio
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
09:36
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
E’ bene intonata Piazza Affari al pari degli altri listini. L’inflazione negli Usa alla vigilia, che non è salita troppo oltre la soglia del 5% non ha destato troppi timori.
Allo stesso modo il balzo in avanti dei prezzi alla produzione in Cina è stati accolti dai mercati come una conferma di una economia in recupero malgrado sullo sfondo restino i timori legati al rialzo dell’energia. Non ha caso col greggio ancora in salita a 81 dollari al barile sono bene intonati i petroliferi.
A Milano brilla Eni (+1,5%) seguita da Saipem (+0,92%) e Tenaris (+0,90%). Tra le banche corre Banco Bpm (+2%) e va bene inoltre Unicredit (+1,01%). In luce Stellantis (+1,4%) e Ferrari (+1,1%) mentre nella stessa scuderia è in fondo al paniere Cnh (-0,57%). Segno meno anche per Enel (-0,15%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Alitalia dà l’addio ai cieli, Ita pronta al decollo
Si lavora a chiudere su brand. Volotea batte Ita per la Sardegna
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
13:38
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’Alitalia dà l’addio ai cieli. L’ex compagnia di bandiera, dopo quasi 75 anni ad alta quota, portando il tricolore italiano in giro per il mondo, si prepara all’atterraggio definitivo. Oggi l’ultimo volo segnerà di fatto la fine della storia dell’aviolinea. Una storia di successi ma anche di declino, tra fiumi di denaro pubblico e scelte sbagliate, dopo che nemmeno la gestione dei privati è riuscita a risollevarne le sorti.
L’accordo raggiunto con l’Ue per l’avvio della nuova società Ita ha di fatto sacrificato la vecchia compagnia, che in nome della discontinuità deve spegnere i motori. Lo storico marchio però potrebbe sopravvivere e continuare a volare sulle ali di Ita, sempre che la compagnia riesca ad aggiudicarsi la gara. Su questo, secondo quanto si apprende, ci sarebbero dei progressi e si sta lavorando alacremente per arrivare alla cessione in tempo per il decollo di venerdì: c’è la volontà di tutte le parti di chiudere positivamente questo passaggio. Va infatti evitata l’ipotesi peggiore, il fallimento, che non è ancora scongiurato. In questo scenario si registra anche un certo dispiacere per un passaggio che comunque non si poteva evitare, con cui si chiude una pagina di storia italiana.
L’uscita di scena di Alitalia sarà oggi, a tarda sera, con l’ultimo volo della giornata, l’AZ1586 Cagliari-Roma, che partirà alle 22.05 dal capoluogo sardo per atterrare a Fiumicino alle 23.10. A trasportare gli ultimi passeggeri con un biglietto Alitalia sarà un Airbus 320 (proveniente da AirOne), intitolato a Primo Levi, che volerà pieno con tutti i suoi 180 sedili occupati. Alla cloche il comandante Andrea Gioia, 55 anni, 15mila ore di volo, formatosi alla scuola di volo di Alitalia. Dopo 560 chilometri (303 miglia) e poco più di un’ora di viaggio, calerà il sipario. Un volo che assume una valenza ancor più simbolica visto che sarà l’ultimo collegamento ‘tricolore’ con la Sardegna, destinazione storica di Alitalia, da sempre servita dalla compagnia italiana: nella gara per la continuità territoriale con l’isola, infatti, la low cost spagnola Volotea ha avuto la meglio su Ita. Con l’ultimo volo, si chiude anche il programma di riallineamento della compagnia, che consegnerà ad Ita una flotta tutta basata su Roma e Linate.
Ieri alla vigilia dell’ultimo giorno tra i lavoratori (che proseguono la mobilitazione con un presidio oggi al terminal 3 a Fiumicino) si respiravano sentimenti di amarezza e rabbia. “E’ una sconfitta per l’Italia”, hanno detto due lavoratori da oltre 20 anni in servizio nella compagnia. E c’è anche tanta commozione, come quella di un’assistente di volo nata col sogno di fare la hostess, che dopo oltre 25 anni saluta così la sua compagnia: “Ciao Mamma Alitalia”.
Era il maggio di 74 anni fa quando iniziava la storia ‘gloriosa’ dell’Alitalia. Un decollo targato Alitalia-Aereolinee Italiane Internazionali che porta la data del 5 maggio 1947, con il primo volo nazionale Torino-Roma-Catania, seguito due mesi dopo dal primo volo internazionale da Roma a Oslo con 38 passeggeri a bordo. Tre anni dopo arrivano le prime hostess, con le divise delle sorelle Fontana, entrano in linea i quadrimotori DC4 e si introducono pasti caldi. Dieci anni dopo l’Alitalia cresce, diventa Alitalia-Linee Aeree Italiane, una compagnia con 3.000 dipendenti e 37 aerei che scala la classifica internazionale dal 20esimo al 12esimo posto. Di lì è un crescendo che la porta nel 1960 a diventare la compagnia ufficiale delle olimpiadi di Roma e a trasportare per la prima volta oltre un milione di passeggeri; nel 1969-70 arriva l’iconica ‘A’ tricolore sugli aerei al posto della ‘Freccia Alata’; negli anni Ottanta viene rinnovata la flotta, nel 1991-92 le divise e gli interni portano la firma di Giorgio Armani. E’ negli anni Novanta però che arrivano le prime difficoltà, complice la liberalizzazione del trasporto aereo. Una serie di scelte sbagliate fa lievitare le perdite. Nel 2008, per evitare la vendita ad Air France-Klm, viene creata una cordata di imprenditori italiani, i cosiddetti ‘Capitani coraggiosi’, ma l’avventura di Alitalia Cai non dura molto.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nel 2015 ci riprova Etihad, ma nemmeno il ricco investimento da 1,7 miliardi riesce ad evitare l’amministrazione straordinaria, che scatta il 2 maggio 2017 e arriva ai giorni nostri.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Benzina: Qe, self sale a 1,728 euro, volano Gpl e metano
Diesel fai da te sfiora 1,6 euro al litro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
09:49
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Prezzi dei carburanti ancora in crescita: il prezzo medio della benzina in modalità self – secondo le rilevazioni di Quotidiano energia – arriva a 1,728 euro al litro dai 1,722 di ieri con i diversi marchi compresi tra 1,726 e 1,738 euro al litro (no logo 1,709). Il prezzo medio praticato del diesel, sempre in modalità self, sale a 1,588 euro al litro (ieri 1,582) con le compagnie posizionate tra 1,586 e 1,598 euro al litro (no logo 1,572).

Quanto al servito, per la benzina il prezzo medio praticato cresce a 1,863 euro al litro (ieri 1,856) con gli impianti colorati che mostrano prezzi medi praticati tra 1,803 e 1,939 euro al litro (no logo 1,757). La media del diesel va a 1,731 euro al litro (ieri 1,724) con i punti vendita delle compagnie con prezzi medi praticati compresi tra 1,670 e 1,803 euro al litro (no logo 1,622).
I prezzi praticati del Gpl vanno da 0,807 a 0,823 euro al litro (no logo 0,793). In crescita, infine, anche il prezzo medio del metano auto, che si posiziona tra 1,538 e 1,884 euro al litro (no logo 1,553).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ultimo volo Alitalia da Cagliari a Fiumicino. Il saluto commosso della hostess
Il marchio va a Ita per 90 milioni di euro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
23:40
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
E’ decollato alle 22.36, con mezz’ora di ritardo, il volo AZ 01586 Cagliari-Roma, l’ultimo della storia di Alitalia. Alle 23.22 è atterrato a Fiumicino, chiudendo così una storia lunga quasi 75 anni per l’ex compagnia di bandiera.
Nasce l’era di Ita. Aereo praticamente pieno, con circa 180 passeggeri a bordo, alla cloche il comandante Andrea Gioia, 55 anni, 15mila ore di volo, formatosi alla scuola di volo di Alitalia. Un volo che assume una valenza ancor più simbolica visto che è stato anche l’ultimo collegamento ‘tricolore’ con la Sardegna, da sempre servita da Alitalia. Nella gara per la continuità territoriale, infatti, Volotea ha avuto la meglio su Ita e da domani sarà il vettore spagnolo low cost a garantire i collegamenti dai tre aeroporti sardi con Roma e Milano a tariffe agevolati per i residenti nell’Isola.
“Signori e signori innanzitutto volevo ringraziavi per averci accompagnato durante questi 74 anni. E’ il nostro ultimo volo Alitalia e di cuore grazie per aver volato sempre con noi e per averci dato fiducia”. Questo il messaggio commosso di saluto della hostess Laura Canto che ha postato il video sulla sua pagina Facebook. “E ora voglio avere io l’onore di fare l’ultimo annuncio per questo volo. Signori e signori buongiorno, siamo pronti per l’imbarco del volo Alitalia AZ1581 con destinazione Cagliari attraverso l’uscita E23. Imbarchiamo i passeggeri dalla fila 31 alla fila 15. Alitalia ringrazia per aver scelto i propri servizi e vi augura buon volo”, ha concluso la hostess.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tra gli obiettivi a cui punta la newco, quella di essere la compagnia aerea più verde in Europa. “Mi impegno a far sì che entro il 2025 Ita sia la compagnia aerea non low cost più ecologica d’Europa, e questo grazie agli accordi con Airbus per la fornitura di aerei di ultima generazione”, ha detto Altavilla, ma il presidente si impegna anche “affinché Ita metta davvero il cliente al centro della politica commerciale” e che “rispetti i canoni di corretta gestazione economica”.
Ita decollerà ufficialmente alle 6.20 di venerdì 15 con il volo Milano Linate-Bari, avrà una flotta di 52 aerei e una forza lavoro di 2.800 persone, contro i 10.500 lavoratori della vecchia Alitalia. E proprio su questi numeri si è consumato uno scontro tra l’azienda e i sindacati con scioperi, proteste e manifestazioni di piazza.
Prosegue a Fiumicino la mobilitazione permanente, giunta al 47esimo giorno, dei lavoratori della ex compagnia di bandiera. Oltre 400 dipendenti, molti in divisa, hanno mostrato con “orgoglio” t-shirt e cartelli con loghi e simboli di Alitalia o slogan come “Insorgiamo” e “Resistenza”. Tra i lavoratori, dopo gli interventi dei sindacalisti, si sono susseguiti capannelli di “congedo” e commozione, comprese foto ricordo di gruppo di piloti ed assistenti di volo. E la mobilitazione proseguirà anche in occasione del decollo di Ita dalle 10 alle 18. Le sigle sindacali chiedono, in particolare, “garanzie” sui rami handling e manutenzione, “garanzie sull’assunzione” dei lavoratori Alitalia da parte di Ita, la “cancellazione del regolamento aziendale” con applicazione del Contratto collettivo nazionale di lavoro.
Il marchio Alitalia va a Ita per 90 milioni di euro. Come si legge in una nota si è conclusa, in data odierna, la procedura di offerta pubblica avente per oggetto il marchio Alitalia Spa e il dominio http://www.Alitalia.com. Ad aggiudicarsi l’oggetto della procedura competitiva è stata la società ITA Spa ad un valore di 90 mln di euro.
Intanto, ai lavoratori di Alitalia è stata accreditata questa mattina la metà restante degli stipendi di settembre. I dipendenti sono stati avvertiti ieri sera dai commissari straordinari Gabriele Fava, Giuseppe Leogrande e Daniele Santosuosso, con una comunicazione interna: “Possiamo ora confermarvi che abbiamo dato mandato affinché sia accreditato il rimanente 50% degli stipendi”. Questo segnala di fatto lo sblocco della partita sulla cessione del marchio: i commissari avevano spiegato a fine settembre che la restante metà sarebbe stata accreditata non appena avessero avuto evidenza “sull’esito del bando del marchio”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Caritas-Migrantes, 26% famiglie stranieri povertà assoluta
‘Effetto pandemia’: meno presenze e arrivi immigrati,calo lavoro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
10:03
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
I cittadini stranieri sono più esposti alla povertà. Se negli anni pre-pandemia la povertà assoluta nelle famiglie di soli stranieri si attestava al 24,4% (quasi un nucleo su quattro, secondo i parametri Istat, non arrivava a un livello di vita dignitoso), con il Covid-19 la situazione è peggiorata: oggi risulta povera in termini assoluti più di una famiglia su quattro (il 26,7%), a fronte di un’incidenza del 6% registrata tra le famiglie di italiani.
In un anno, l’incidenza è salita del +2,3%, portando il numero di famiglie straniere povere a 568mila. E’ quanto emerge dal Rapporto Immigrazione 2021 di Caritas e Migrantes.
L’effetto pandemia risulta anche dalla quantità di popolazione di origine straniera, che è passata dai 5.306.548 del 2020 agli attuali 5.035.643 (-5,1%). Gli arrivi sono calati del 42% rispetto alla media del quinquennio 2015-2019.
Il Covid ha causato anche la perdita di molti posti di lavoro per la popolazione straniera, soprattutto per le donne.
Infine i due enti della Conferenza Episcopale Italiana denunciano “ritardi strutturali” nel piano di vaccinazione con riferimento alle persone non italiane.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa lima i guadagni, corrono i titoli minerari
Con rialzo rame, nickel e zinco. Cede Cnh. Gas sopra 100 euro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
10:11
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
I principali listini europei hanno ridotto i guadagni segnati in apertura in linea coi futures Usa.
Londra sale dello 0,49%, Parigi lo 0,40% e Francoforte lo 0,46%.

I mercati temono, più che i dati sui prezzi al consumo (ieri negli Usa) e alla produzione (oggi in Cina) il possibile rallentamento delle economie dovuto alle carenze sul fronte dell’offerta, dai chip alle materie prime passando per l’energia. Il petrolio in aumento (Wti a 81 dollari, Brent a 83,9) dà una mano ai titoli petroliferi mentre il gas ad Amsterdam è tornato sopra i 100 euro per megawattora malgrado le rassicurazioni di Putin.
L’aumento dei metalli come rame, nickel e zinco vedono i gruppi minerari guadagnare terreno in Borsa come a Varsavia (+2,8%) KGHM e a Londra Antofagasta (+2%), Anglo American (+2,8%), Glencore (+2,7%) e Rio Tinto (+1,99%).
Ad Amsterdam (+1,81%) il gigante dell’acciaio ArcelorMittal beneficia intanto del giudizio outperform di Credit Suisse.
A Piazza Affari (+0,60%) invece è debole Cnh (-0,82%) che, come fatto da tante altre grandi gruppi, chiuderà temporaneamente diversi siti produttivi per le interruzioni alla catena di fornitura e alla carenza di componenti come i semiconduttori.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tabacco: Cervesato, serve semplificazione sistema fiscale
Mancanza programmazione è nemica di innovazione e sostenibilità
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
11:31
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nella filiera del tabacco “la situazione richiede l’intervento congiunto di tutti i player, a tutela di imprese e produttori, lavorando insieme per la semplificazione del sistema fiscale, in modo che possa funzionare da stimolo per la programmazione degli investimenti con l’obiettivo di rendere il Paese più forte e attrattivo anche a livello internazionale”. Così il presidente e amministratore delegato di Japan tobacco international Italia, Gian Luigi Cervesato, nel corso dell’incontro “La filiera del tabacco tra tradizione e innovazione”, organizzato da Jti e Confagricoltura.

Durante il dibattito è emerso come l’Italia si confermi primo produttore di tabacco in Europa, con una quota di quasi il 30% del totale prodotto in Ue. Tuttavia, ha spiegato Cervesato, “la mancanza di certezze e di programmazione è nemica dell’innovazione e della sostenibilità, perché non consente di programmare nel tempo gli investimenti e di adattarsi velocemente ai mutamenti del mercato”. “Ciononostante – ha sottolineato – Jti Italia da sempre crede nel potenziale di questo Paese, e lo dimostra il fatto che negli ultimi 20 anni ha investito oltre 600 milioni di euro nei territori in cui opera, di cui oltre 350 destinati allo sviluppo e il miglioramento della filiera del tabacco seguendo i principi delle buone pratiche agricole”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
i-modello business
Futuro ristorante-azienda fra analisi dati-modello business
Forum Ristorazione, automazioni, e-commerce e merchandising
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
12:35
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Automazioni, robotica, raccolta e analisi di dati e modelli di business che esulano dal servizio in sala come l’e-commerce o lo sviluppo di merchandising. Sono alcuni degli aspetti che caratterizzeranno i ristoranti nei prossimi 30 anni: è quanto è emerso, fra l’altro, al Forum della Ristorazione, in corso a Bologna all’interno di Fico, organizzato dall’agenzia RistoratoreTop e dall’Osservatorio Ristorazione per circa 300 operatori del settore chiamati a confrontarsi sul tema degli scenari futuri.

Se sul piano del cibo assisteremo a pochi cambiamenti rispetto alla situazione attuale, nonostante una progressiva verticalizzazione e specializzazione dell’offerta gastronomica, con numerose contaminazioni provenienti dall’estero, la vera rivoluzione – è stato sottolineato – investirà la figura dei ristoratori e il loro approccio al business, chiamati a trasformarsi in una vera e propria struttura aziendale, a prescindere dalle dimensioni del locale, per stare al passo con le trasformazioni del mercato e delle abitudini di consumo accelerate negli ultimi mesi dalla pandemia.
A riprova di questa tesi è stata presentata una ricerca.
L’analisi dati della web app Plateform, installata su 770 ristoranti in Italia, sugli ordini di 1,69 milioni di coperti da gennaio ad ottobre 2021 ha messo in luce che il 33,57% delle prenotazioni oggi arriva da web (con mediamente 43,98 ore di anticipo), il 54,4% da telefono (con 1,5 giorni di anticipo) e solo il restante 12,03% da clienti di passaggio. Cresce progressivamente anche il numero di clienti che intende dare un’opinione: uno su tre compila i sondaggi proposti dal locale, mentre uno su 25 lascia una recensione sugli appositi portali o sui social. Si registra anche un prevedibile calo degli ordini di delivery e take away, con -61,5% da marzo a giugno, e di una altrettanto prevedibile crescita esponenziale delle prenotazioni in presenza, con +988%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Pronte istruzioni bonus casa under 36, vale anche per box
Chiarimenti Agenzia Entrate su agevolazione del Sostegni bis
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
14:30
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Pronte le istruzioni per il bonus “Prima casa under 36” previsto dal Dl Sostegni bis per i giovani con meno di 36 anni e un Isee non superiore 40mila euro che acquistano un’abitazione entro il 30 giugno 2022. Una circolare del direttore dell’Agenzia delle Entrate traccia il perimetro della nuova agevolazione che prevede l’esenzione dall’imposta di registro, ipotecaria e catastale e il riconoscimento di un credito d’imposta in caso di acquisto soggetto a Iva.
Il documento chiarisce che il nuovo bonus si applica anche alle pertinenze dell’immobile agevolato, come il box,e che le imposte sono azzerate anche per gli atti soggetti a Iva. Il bonus, che vale per gli atti stipulati tra il 26 maggio 2021 e il 30 giugno 2022, ricorda l’Agenzia delle Entrate, prevede inoltre l’esenzione dall’imposta sostitutiva per i mutui erogati per l’acquisto, la costruzione e la ristrutturazione di immobili ad uso abitativo.
L’agevolazione non è invece applicabile ai contratti preliminari di compravendita, essendo prevista per i soli atti traslativi o costitutivi a titolo oneroso.
Il bonus prevede diversi vantaggi, che si estendono anche all’acquisto delle pertinenze dell’abitazione principale. In primo luogo, è prevista l’esenzione dal pagamento dell’imposta di registro, ipotecaria e catastale e, in caso di acquisto soggetto a Iva, è riconosciuto anche un credito d’imposta pari all’imposta pagata per l’acquisto, che potrà essere utilizzato a sottrazione delle imposte dovute su atti, denunce e dichiarazioni dei redditi successivi alla data di acquisto o usato in compensazione tramite F24. Agevolazioni anche per i finanziamenti collegati all’acquisto, alla costruzione e alla ristrutturazione dell’immobile: con il bonus prima casa under 36, infatti, non è dovuta l’imposta sostitutiva delle imposte di registro, di bollo, ipotecarie e catastali e delle tasse sulle concessioni governative. Per godere dell’esenzione il beneficiario dovrà dichiarare la sussistenza dei requisiti nel contratto o in un documento allegato.
Semaforo verde, infine, per gli immobili acquistati tramite asta giudiziaria, che possono accedere comunque al beneficio.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Intesa, da assemblea via libera a dividendo per 1,9 miliardi
Messina, a novembre ulteriore cedola da 1,4 miliardi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
12:52
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’assemblea ordinaria di Intesa Sanpaolo, alla quale ha partecipato per il tramite del rappresentante designato il 56,57478% del capitale sociale, ha deliberato la distribuzione di parte della riserva straordinaria a valere sui risultati 2020. L’assemblea ha approvato, con il voto favorevole del 99,92% delle azioni rappresentate, la distribuzione cash di parte della riserva straordinaria per un ammontare complessivo di oltre 1,9 miliardi di euro, corrispondente ad un importo unitario di 9,96 centesimi di euro per azione.

Tale distribuzione, aggiungendosi ai 694 milioni di dividendi cash, deliberati ad aprile e corrisposti a maggio 2021, porta al pagamento di un ammontare complessivo per il 2020 corrispondente a un payout ratio pari al 75% dei 3.505 milioni di euro di utile netto consolidato rettificato, in linea con il Piano di Impresa 2018-2021.
“Prevediamo una ulteriore distribuzione di 1,4 miliardi da pagare, sotto forma di interim dividend, il 24 novembre 2021”, afferma Carlo Messina, consigliere delegato e ceo di Intesa Sanpaolo. “Dei 4 miliardi di dividendi complessivamente distribuiti nel 2021, circa 1,5 miliardi – aggiunge – sono direttamente a favore delle fondazioni bancarie – a sostegno della loro azione inclusiva nei confronti del territorio, delle iniziative sociali e culturali e delle persone in difficoltà – e a favore di famiglie e privati”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Piaggio avvia collaborazione con la stilista Feng Chen Wang
Arrivano collezione e special edition scooter elettrico Piaggio1
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
13:15
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Piaggio ha avviato una collaborazione con la stilista che andrà oltre il co-branding.
Sarà un viaggio nella natura che esplora i concetti di funzionalità, design e stile per dare vita ad una capsule collection di capi unisex per lo streetwear.
Ma andrà oltre, sviluppando una special edition dello scooter elettrico Piaggio 1, pensato per i giovani, che verrà presentata in anteprima all’Eicma a Milano.
“Piaggio è un marchio sinonimo di mobilità e lifestyle nel mondo, profondamente radicato nella storia ma pioniere nell’innovazione. È la testimonianza di un ingegno autentico, distintivo, da cui è stato facile trarre tutta l’energia creativa per disegnare questa collezione che rimodella la tradizione per renderla speciale e contemporanea”, spiega Feng.
La collezione di Feng Chen Wang per Piaggio sarà disponibile da febbraio 2022. Nella collezione, il recupero della tradizione si combina visivamente con gli elementi naturali dell’acqua e il simbolo della Fenice, che nella mitologia cinese rappresenta la virtù e la grazia.
“Feng è una stilista sorprendente, che fonde in modo innovativo e coerente le radici della sua cultura asiatica con la vibrante creatività londinese. L’incontro con Feng è stata l’occasione per avviare una conversazione, attraverso il linguaggio della moda, sui concetti di funzionalità, sostenibilità e design al servizio di forme sempre più evolute di libertà di movimento personale. Concetti che da sempre Piaggio persegue ed esplora attraverso i propri marchi e prodotti in tutti i paesi del mondo”, sostiene Michele Colaninno, Chief of Strategy and Product del Gruppo Piaggio.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa positiva in attesa Wall Street, Milano +0,95%
Bene i Future Usa . Si conferma rialzo petrolio, spread stabile
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
13:19
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee si confermano a metà seduta in rialzo così come i future su Wall Street. I mercati tirano il fiato nonostante, da una parte, le materie prime ed in particolare il gas, restino in tensione e, dall’altra, rimanga sotto traccia l’allarme sull’inflazione.
L’indice d’area, lo stoxx 600, sale di quasi un punto percentuale con l’evidenza di tlc ed energia mentre il petrolio sale ancora con il wti a 81,4 dollari al barile e il brent a 84,2 dollari al barile. Stabile lo spread tra Btp e Bund a 104 punti con il rendimento del decennale allo 0,87%. Sul fronte valutario l’euro si apprezza sul dollaro. La moneta unica scambia a 1,1610 sul biglietto verde.
Tra le singole Piazze Londra guadagna lo 0,7%, Parigi lo 0,92%, Francoforte lo 0,85%. Milano sale dello 0,95% con il Ftse Mib ampiamente sopra i 26mila punti. Strappa Banco Bpm (+4%) che Jefferies promuove a ‘buy sull’opportunità di internalizzare il business assicurativo. Salgono anche Bper (+2%) anche Fineco (+2,88%) che ha emesso un bond senior da 500 milioni con ordini che, a book aperti, superano i 2,75 miliardi. Ben comprate poi Atlantia (+2,35%) e Nexi (+2,16%) . Sul versante opposto resta Cnh (-1,1%) che come fatto da tante altre grandi gruppi, chiuderà temporaneamente diversi siti produttivi per le interruzioni alla catena di fornitura e alla carenza di componenti come i semiconduttori.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lavoro: panificazione in stato di agitazione, il 18 ottobre presidi a Roma
I sindacati: ‘La mancanza di contratto è una grave ingiustizia’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
15:35
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il contratto nazionale per gli addetti della panificazione è scaduto da 3 anni. “Si tratta di una grave ingiustizia per i lavoratori che hanno garantito, anche nel periodo più duro della pandemia, il pane sulle tavole degli italiani”, denunciano i sindacati di categoria Fai-Cisl, Flai-Cgil e Uila-Uil.
Il settore occupa 80mila addetti in 20mila imprese, sia a carattere artigianale che industriale. Le trattative, nel corso dei mesi scorsi, si sono sviluppate con le controparti, Federpanificatori e Fiesa-Confesercenti, in due tavoli separati. “Ma in entrambi i contesti – hanno dichiarato nella conferenza stampa odierna Fai Flai e Uila – constatiamo ad oggi la loro mancata volontà a giungere, in tempi brevi, alla sigla del rinnovo del CCNL”. Per questi motivi, Fai Flai e Uila hanno proclamato il 27 luglio scorso lo stato di agitazione con il conseguente blocco delle prestazioni in regime di flessibilità e di straordinario. In quest’ambito, lunedì prossimo, 18 ottobre, dalle 10 alle 13, sono previsti due presidi a Roma: uno davanti alla sede di Federpanificatori ed uno non lontano dalla sede di Confesercenti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano (+1,2%) accelera con Europa dopo dati Usa
Banco Bpm guida rialzi, bene Eni ed Enel, debole Cnh
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
15:45
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Discreta corrente di acquisti sui mercati azionari del Vecchio continente dopo i dati macroeconomici dagli Stati Uniti (a partire dalle richieste di disoccupazione inferiori alle stime degli analisti) e l’avvio positivo di Wall street: Amsterdam sale dell’1,5%, Parigi dell’1,3%, Piazza Affari con Francoforte dell’1,2% mentre Madrid è in rialzo dell’1,1%. Più cauta Londra, che sale poco meno di un punto percentuale.

A Milano, che guarda anche alla discesa dello spread a quota 102, spicca sempre Banco Bpm che cresce del 4% a 2,8 euro dopo il ‘buy’ assegnato da Jefferies con una target price a quota 3,5. Fineco (+3,8%) la segue da vicino, mentre Bper cresce del 2,4%. Atlantia, Nexi, Saipem e Campari sono in rialzo poco sopra i due punti percentuali, forti Eni ed Enel in aumento di qualche frazione sotto questa soglia.
Tra i titoli principali di Piazza Affari in calo evidente solo Cnh, che perde l’1,2% a 13,9 euro.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Leonardo: scivolone improvviso in Borsa, -5%
Titolo brevemente sospeso, ipotesi problemi per Boeing 787
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
19:22
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Improvvisa corrente di vendite in Piazza Affari su Leonardo: il titolo, che viaggiava in discreto rialzo, è sceso bruscamente e in pochi minuti è stato posto in asta di liquidità: al rientro cede oltre il 5% tra scambi molto intensi e nervosi.
Secondo Bloomberg, Boeing starebbe riscontrando difetti su parti del 787 Dreamliner.
in merito alle notizie sul riscontro di difetti nei componenti prodotti per il B787, Leonardo fa sapere che si fa riferimento al subfornitore Manufacturing Processes Specification Srl (MPS), qualificato anche da Boeing.
“Il suddetto subfornitore è sotto indagine da parte della magistratura per cui Leonardo risulta parte lesa e pertanto non si assumerà potenziali oneri a riguardo. Inoltre Manufacturing Processes Specification S.r.l. (MPS) non è più fornitore di Leonardo”. Lo si legge in una nota del gruppo.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Green Pass: Uniport, confidiamo responsabilità lavoratori
Presidente Barbera, evitiamo ingenti danni al Paese
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
17:24
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Confidiamo nel supporto delle istituzioni e nella responsabilità di tutti i lavoratori del settore portuale per evitare ingenti danni all’economia del Paese, già pesantemente provata a seguito di quasi due anni di crisi pandemica”. E’ questo il commento e l’auspicio espresso da Federico Barbera – Presidente UNIPORT (l’Associazione che rappresenta tutte le imprese che operano in ambito portuale), a margine del Comitato di Presidenza dell’Associazione, in merito all’entrata in vigore, fissata per domani, dell’obbligatorietà del green pass per l’accesso nei luoghi di lavoro e ai possibili risvolti che potrebbero verificarsi sull’attività nei porti, in particolare modo su quello di Trieste.

“In particolare, auspichiamo che il settore portuale affronti questa ennesima prova con la stessa responsabilità e prontezza che ha caratterizzato la gestione dei momenti di difficoltà vissuti negli ultimi 18 mesi, garantendo il normale flusso delle merci sia a livello nazionale, che internazionale” ha concluso.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude in rialzo, Ftse Mib +1,2%
Indice dei principali titoli di Piazza Affari a 26.277 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
14 ottobre 2021
17:39
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Seduta ampiamente positiva per Piazza Affari: l’indice Ftse Mib ha concluso in crescita dell’1,23% a 26.277 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ismea, dal vino al cioccolato al caffè l’export mette le ali
Rapporto AgriMercati II trimestre 2021. Cresce la fiducia
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
17:48
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Largo a vini, formaggi stagionati, mele, caffè, cioccolata e florovivaismo, i prodotti italiani di punta dell’e esportazioni agroalimentari nel secondo trimestre 2021. Dopo un inizio di anno tiepido, con gennaio e febbraio in calo rispetto ai primi mesi del 2020, da marzo si registrano aumenti a doppia cifra per le vendite all’estero, con giugno che fa segnare una crescita del 23% su base tendenziale.
A dirlo è il nuovo report AgriMercati di Ismea, evidenziando la fase di recupero a tutto tondo dell’economia mondiale avviatasi dal terzo trimestre del 2020. Il consuntivo dell’export del primo semestre, infatti, sfiora i 25 miliardi di euro (+12,2% su base annua), recuperando quote di mercato negli Usa (+14%), che diventa la seconda destinazione dopo la Germania (+8%) e prima della Francia (+8%).

Anche le importazioni agroalimentari aumentano nei primi sei mesi attestandosi a +7,6% rispetto allo stesso periodo del 2020, grazie in particolare a pomodori, vini e olio d’oliva. Dinamiche che hanno comunque confermato il segno positivo del saldo della bilancia commerciale nel primo semestre, che raggiunge 1,8 miliardi di euro. Una situazione che ha dato una spinta di fiducia degli operatori, dagli industriali agli agricoltori. Gli intervistati sono molto ottimisti riguardo alle prospettive a 2-3 anni, meno sulla situazione corrente, sebbene anche su questo aspetto i pareri risultino in notevole miglioramento rispetto ai trimestri precedenti. Pesano però le forti tensioni sui prezzi dei mangimi accanto a una domanda nazionale ed estera poco dinamica, che stanno mettendo a dura prova la redditività degli allevamenti. Per il 2021, si prospetta una flessione della domanda interna ed estera dei prodotti trasformati, dopo gli acquisti record di pasta nel 2020, che potrebbe limitare lo squilibrio tra offerta di materia prima e domanda industriale.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa conclude forte, Francoforte +1,4%
Bene anche Parigi, leggermente più cauta Londra
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
18:01
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mercati azionari del Vecchio continente in salute, con una chiusura per tutti in chiaro rialzo: Francoforte ha concluso in aumento dell’1,4%, Parigi dell’1,3%, mentre Londra si è mantenuta leggermente più cauta con una crescita finale dello 0,9%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund: chiude in calo a 102 punti base
Il rendimento del prodotto del Tesoro allo 0,83%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
18:30
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Differenziale tra Btp a 10 anni e Bund tedeschi in ribasso: lo spread ha chiuso a 102 punti base rispetto ai 104 dell’avvio della seduta.
Il rendimento del prodotto del Tesoro è allo 0,83%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Confindustria: Moschini nuovo presidente giovani Lombardia
Prende il posto di Matteo Dell’Acqua
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
18:54
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il Comitato regionale dei Giovani Imprenditori di Confindustria Lombardia ha eletto Jacopo Moschini Presidente per il triennio 2021-2024. Moschini succede a Matteo Dell’Acqua, che ha guidato il Comitato regionale Giovani imprenditori della Lombardia dal 2018 al 2021.

Imprenditore di prima generazione, classe 1985, Moschini ha cominciato il suo percorso in ambito startup nel 2009 quando, a partire dalla tesi del master Sda Bocconi, ha fondato la sua prima startup. Successivamente ha lavorato come responsabile dell’e-commerce PosteShop nel gruppo Poste Italiane, ruolo che ha mantenuto fino al 2012 quando ha fondato MyChicJungle. Dal 2018 è anche Co-founder e coo di Japal.it, l’e-commerce ufficiale dei brand del mondo del largo consumo.
Significativa anche l’esperienza confindustriale: Moschini è iscritto dal 2014 al Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria, ex Vicepresidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Assolombarda con Delega a Innovazione e Digital Transformation, e Coordinatore dello steering committee Blockchain di Assolombarda.
“Rappresentare i Giovani Imprenditori lombardi in questo periodo storico mi riempie di una enorme responsabilità, ma è questo il momento di mettersi in gioco come fanno quotidianamente le nostre aziende”, afferma Moschini.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nexi: Antitrust autorizza la fusione di Sia, con condizioni
In ambito nazionale, su processing bancomat e servizi non Sepa
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
19:00
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’Antitrust ha autorizzato con condizioni la fusione per incorporazione di Sia in Nexi.
L’operazione, che comporta l’aggregazione dei due operatori, interessa numerose attività nell’ambito dei pagamenti digitali, come i servizi di merchant acquiring, processing, emissione delle carte di pagamento, compensazione al dettaglio dei pagamenti, trasmissione dei dati interbancari, nonché i servizi per la fornitura e la manutenzione degli atm.

“L’ambito competitivo nel quale si deve valutare l’effetto prospettico dell’operazione – viene rilevato dall’Autorità – è spesso sovranazionale e comprende importanti operatori esteri che risultano in grado di offrire valide alternative ai clienti nazionali dell’entità post-merger. Alcuni elementi di specificità e temporaneità continuano tuttavia a caratterizzare un ristretto ambito di mercati interessati dalla fusione, che restano definiti dal punto di vista geografico a livello nazionale”. In particolare, l’Autorità ha rilevato che l’operazione di concentrazione “è idonea a produrre la costituzione o il rafforzamento della posizione dominante dell’entità post-merger nei mercati nazionali del processing delle carte del circuito bancomat e dei servizi di clearing dei prodotti non-Sepa (Single Euro Payments Area, ovvero l’area unica dei pagamenti in euro), sebbene l’evoluzione prevista per tali mercati indichi che questa situazione sia solo temporanea”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano forte con banche ed energia, scivola Leonardo
Corre Banco Bpm con report Jefferies, piatte Generali e Unipol
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
19:09
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le trimestrali delle banche statunitensi in genere sopra le attese degli analisti e la tenuta abbastanza agevole del prezzo del petrolio sopra gli 80 dollari al barile hanno spinto le Borse internazionali: in Piazza Affari l’indice Ftse Mib ha concluso in crescita dell’1,23% a 26.277 punti, l’Ftse All share in rialzo dell’identico 1,23% a quota 28.852.
Ma sono tutti i mercati azionari del Vecchio continente che hanno mostrato buona salute, con una chiusura generale in chiaro rialzo: Francoforte ha concluso in aumento dell’1,4%, Parigi dell’1,3%, mentre Londra si è mantenuta più cauta con una crescita finale dello 0,9%.

A Milano andamento nettamente controcorrente per Leonardo: dopo la forte corrente di vendite a meno di due ore dalla chiusura, il titolo ha concluso in calo 7% a 6,66 euro sulle ipotesi che Boeing abbia riscontrato dei problemi sulle forniture del suo 787 Dreamliner, la cui fusoliera è realizzata dal gruppo italiano.
Ma Piazza Affari, che ha guardato anche al differenziale tra Btp a 10 anni e Bund tedeschi in ribasso a 102 punti base, è stata sostenuta dal settore del credito, dove ha spiccato il Banco Bpm cresciuto del 4,3% a 2,8 euro dopo il ‘buy’ assegnato da Jefferies con una target price a quota 3,5. Molto bene anche Fineco (+3,7%), con Nexi in crescita del 2,7%.
Nel comparto energia, acquisti sia su Enel (+1,6%) sia su Eni (+1,3%), mentre tra i finanziari hanno chiuso piatte Generali e Unipol, quest’ultima limata di qualche frazione. In rialzo finale dello 0,1% Cnh dopo aver segnato in corso di seduta i cali più consistenti tra i titoli principali di Milano. Invece nel paniere a bassa capitalizzazione piatta Mps a 1,1 euro, mentre ha chiuso in calo dell’1,6% Carige a quota 0,65.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fitch, rating Italia dipenderà da debito e riforme
‘Cruciali’ per rilanciare la crescita
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
19:19
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le prospettive del rating sull’Italia dipenderanno dalla sostenibilità del debito e dalla crescita, dove sono “cruciali” le riforme e l’uso dei fondi del recovery.
Lo scrive l’agenzia Fitch, che a giugno aveva confermato un BBB- con prospettive stabili.
Fitch prefigura una azione negativa sul rating se gli effetti negativi della pandemia sulla crescita dovessero trascinarsi, o se il Governo “non riuscisse a stabilizzare il debito/Pil oltre il 2021″. Al contrario, una strategia di consolidamento dei conti di medio termine sarebbe ‘”rating positive”, così come “una ripresa economica più forte e maggior fiducia nelle prospettive di crescita di medio termine, specie se suffragata da riforme strutturali”.
Dopo la giustizia, dove Fitch riconosce il cambiamento dopo i passati tentativi falliti, “altre riforme sono programmate ma non è chiaro se la loro approvazione avrà lo stesso successo. Ci aspettiamo che trovare un accordo fra i partiti della ‘grande coalizione’ sulla riforma del fisco e sulla concorrenza sarà più difficile”.
Fitch prevede una crescita del 5,7% per il 2021, del 4,3% nel 2022 e del 2,5% nel 2023, L’andamento favorevole di crescita e bilancio pubblico hanno portato l’agenzia di rating a rivedere in meglio la traiettoria del debito a 155% del Pil a fine 2021 (prima era 159%), e successivamente “cali soltanto marginali fino al 2030”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Venduto a 22 milioni Banksy ‘semidistrutto’, è record
Nel 2018 era stato battuto sempre da Sotheby’s a 1,3 milioni
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 October 2021
13:34
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato battuto da Sotheby’s a Londra al prezzo record di 18,5 milioni di sterline (quasi 22 milioni di euro) ‘Love is in the Bin’ dell’artista inglese Banksy. L’opera, chiamata in origine ‘Girl with Balloon’, nel 2018 era stata semidistrutta clamorosamente tramite un meccanismo nascosto nella cornice subito dopo esser stata venduta per quasi 1,1 milioni di sterline (1,3 milioni di euro) nella sede britannica della casa d’aste a Bond Street.
Le stime di vendita alla vigilia erano fra i 4-6 milioni di sterline (5-7 milioni di euro).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: chiude in rialzo a New York a 81,31 dollari
Quotazioni salgono dell’1,1%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
14 ottobre 2021
20:37
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il petrolio chiude in rialzo a New York, dove le quotazioni salgono dell’1,1% a 81,31 dollari al barile.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Alitalia: marchio va a Ita per 90 milioni di euro
Anche dominio Alitalia.com
c
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2021
21:00
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il marchio Alitalia va a Ita per 90 milioni di euro. Come si legge in una nota si è conclusa, in data odierna, la procedura di offerta pubblica avente per oggetto il marchio Alitalia Spa e il dominio http://www.Alitalia.com.

Ad aggiudicarsi l’oggetto della procedura competitiva è stata la società ITA Spa ad un valore di 90 mln di euro.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
rtito da Cagliari l’ultimo volo
Alitalia: partito da Cagliari l’ultimo volo
Diretto a Roma Fiumicino con 180 passeggeri a bordo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
14 ottobre 2021
22:41
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
E’ decollato alle 22.36, con mezz’ora di ritardo, il volo AZ 01586 Cagliari-Roma, l’ultimo della storia di Alitalia. Tra meno di un’ora atterrerà a Fiumicino, chiudendo così una storia lunga quasi 75 anni per l’ex compagnia di bandiera.
Da domani nasce l’era di Ita.
Aereo praticamente pieno, con circa 180 passeggeri a bordo, alla cloche il comandante Andrea Gioia, 55 anni, 15mila ore di volo, formatosi alla scuola di volo di Alitalia. Un volo che assume una valenza ancor più simbolica visto che è stato anche l’ultimo collegamento ‘tricolore’ con la Sardegna, da sempre servita da Alitalia. Nella gara per la continuità territoriale, infatti, Volotea ha avuto la meglio su Ita e da domani sarà il vettore spagnolo low cost a garantire i collegamenti dai tre aeroporti sardi con Roma e Milano a tariffe agevolati per i residenti nell’Isola.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cambi: euro in rialzo a 1,1605 dollari
Moneta unica passa di mano a 132,48 yen
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
08:17
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Euro in rialzo in avvio di giornata sui mercati valutari. La moneta unica europea passa di mano a 1,1605 dollari, con un guadagno dello 0,07% (1,1597 dollari ieri dopo la chiusura di Wall Street) e a 132,48 yen con una crescita dello 0,47%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Auto: in Europa a settembre -25,2%, Stellantis -30,4%
Dati Acea su Ue, Efta e Uk. Nei 9 mesi +6,9% mercato
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
15 ottobre 2021
08:35
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le immatricolazioni in Unione Europea, Paesi Efta e Regno Unito sono state a settembre 972.723, il 25,2% in meno dello stesso mese del 2020. Il totale dei nove mesi è 9.161.918, con una crescita del 6,9% sull’analogo periodo dell’anno scorso.
I dati sono dell’Acea, l’associazione dei costruttori europei.
Stellantis ha immatricolato 179.117 auto, il 30,4% in meno dello stesso mese del 2020. La quota è del 18,4% rispetto al 19,8%.
Nei nove mesi le immatricolazioni del gruppo sono 1.863.391, l’8,1% in più dello stesso periodo del 2020, con la quota che passa dal 20,1% al 20,3%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: prezzo ancora in salita, Wti sopra 82 dollari
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Brent passa di mano a 84,83 dollari al barile
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
08:36
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ancora in salita le quotazioni del petrolio: il greggio Wti con consegna a novembre sale sopra gli 82 dollari al barile (82,04 dollari, +0,89%). In rialzo anche il Brent con consegna a dicembre che arriva a 84,83 dollari al barile (+0,99%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Asia forte su trimestrali banche Usa, corre Taiwan
Leggero rialzo per i future sull’avvio dei listini europei
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
08:43
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ultima seduta di settimana chiaramente positiva per i mercati azionari asiatici e dell’area del Pacifico, con Taiwan sugli scudi in rialzo del 2,4%. Ai listini della zona hanno fatto ancora bene le trimestrali delle banche statunitensi generalmente sopra le attese degli analisti e anche la tenuta del prezzo del petrolio attorno agli 82 dollari al barile.

Tokyo segna un aumento dell’1,8% e Hong Kong dell’1,3%, mentre le Borse cinesi si muovono poco sopra la parità nonostante la forte immissione di liquidità decisa da Pechino per sostenere i mercati. Bene anche Seul (+1%) e Sidney, dove sono quotati diversi titoli che possono anticipare l’andamento dei loro settori in Europa, che sale dello 0,6%.
Dopo la giornata di ieri ampiamente positiva, leggermente in rialzo i future sull’avvio dei mercati azionari del Vecchio continente.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro: prezzo spot in lieve calo a 1.791,58 dollari l’oncia
La quotazione del metallo prezioso segna -0,24%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
08:50
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Quotazioni dell’oro in lieve calo sui mercati, con il prezzo spot del metallo prezioso che segna 1.791,58 dollari l’oncia, con uno -0,24%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano apre in rialzo, Ftse Mib +0,61%
In aumento anche l’indice Ftse All share, +0,57%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 ottobre 2021
09:03
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio positivo per Piazza Affari: il primo indice Ftse Mib segna una crescita dello 0,61%, l’Ftse All share un rialzo dello 0,57%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa parte lievemente positiva, Londra +0,3%
In leggero rialzo anche Parigi e Francoforte
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
09:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mercati azionari del Vecchio continente tutti sopra la parità in avvio di seduta: Londra ha aperto in crescita dello 0,3%, con Parigi positiva dello 0,4% e Francoforte dello 0,1%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano sale con Cnh e Banco Bpm, cauta Leonardo
Piazza Affari di poco migliore rispetto ai mercati europei
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
09:46
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Primi scambi in leggero rialzo per la Borsa di Milano, con l’indice Ftse Mib che sale dello 0,6%, facendo meglio di qualche frazione delle altre Borse europee (Parigi +0,5%, Londra +0,2%, Francoforte +0,1%).
In Piazza Affari, che guarda anche allo spread a 103 punti base, Cnh, Banco Bpm e Tenaris salgono di due punti percentuali, con Unicredit e Intesa in aumento di poco più dell’1%.
Cauta Leonardo, in aumento di circa un punto percentuale dopo lo scivolone di ieri a quota 6,7 euro. Fiacca Tim limata dello 0,7% in avvio, mentre fuori dal paniere principale Mps è poco mossa a 1,1 euro.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ft,cinque Paesi Ue, prepararsi a guerra commerciale con Gb
Tra questi, l’Italia. Oggi i colloqui Frost-Sefcovic
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
15 ottobre 2021
09:51
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
I rappresentanti di “Italia, Francia, Germania, Spagna e Paesi Bassi hanno incontrato in settimana il vicepresidente della Commissione europea, Maros Sefcovic, negoziatore post Brexit per l’Ue, per chiedergli di elaborare piani di emergenza per una possibile guerra commerciale”. Lo riferisce il Financial Times.
Tra le opzioni la “limitazione dell’accesso del Regno Unito alle forniture energetiche Ue, l’imposizione di dazi sulle esportazioni britanniche” e, in “circostanze estreme, la risoluzione dell’accordo commerciale tra le due parti”. Sefcovic oggi incontrerà Lord David Frost, il ministro britannico del dopo Brexit.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Brunetta entra con il green pass, “tutto regolare”
“Ci siamo preparati, non ci saranno problemi”
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
15:46
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Anche il ministro della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, entra con il green pass negli uffici del dipartimento funzione pubblica. Poco dopo le 8 varca il portone del ministero a bordo dell’auto di servizio ma subito esce e con in mano il telefonino rientra dalla portineria per il controllo del green pass.
Il ministro saluta i 5 dipendenti in attesa di mostrare il certificato e affronta lo scanner che misura la temperatura e verifica anche il possesso del documento verde. Dopo l’apertura del tornello Brunetta mostra sorridente il cellulare con il Qr code. “Ci siamo preparati – dice – tutto regolare. Non ci saranno problemi”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa tiene in attesa dati Usa, Milano +0,6%
Spread oscilla tra 103 e 104 punti base. Fiacche A2A e Tim
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
10:56
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mercati azionari del Vecchio continente tutti sempre di qualche frazione sopra la parità, in attesa della raffica di dati dagli Stati Uniti della giornata, a partire dalle vendite al dettaglio e finire a metà pomeriggio con il ‘sentiment’ rilevato dall’Università del Michigan. In questo quadro le Borse di Milano e Madrid salgono dello 0,6%, con Amsterdam in rialzo di mezzo punto percentuale, Parigi in crescita dello 0,4%, mentre Francoforte e Londra appaiono lievemente più caute in aumento dello 0,2%.

Con lo spread tra 103 e 104 punti base il rendimento del Btp a 10 anni allo 0,86%, in Piazza Affari spiccano come in avvio Cnh (+3%), Tenaris (+2,9%) e Banco Bpm, che sale del 2,3%. Leonardo cresce sempre attorno al punto percentuale dopo lo scivolone della vigilia, mentre cedono l’1% sia A2A sia Tim.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Atterrato a Bari il primo volo Ita, arriva da Milano
Da Fiumicino è per Linate , 37 passeggeri
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
11:08
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
E’ atterrato alle 7.35 il primo volo Ita AZ 1637 Milano Linate-Bari. Sulla pista dell’aeroporto di Bari-Palese il battesimo della nuova compagnia i cui operatori, sull’aeromobile, indossano la divisa dell’Alitalia.

Da Fiumicino è decollato alle 8 in perfetto orario per Milano Linate con 37 passeggeri a bordo, il primo volo Ita (AZ2016) partito dall’aeroporto di Roma.
Il D-day della NewCo guidata dal presidente esecutivo, Alfredo Altavilla, che proprio ieri, a conclusione della procedura di offerta pubblica, si è aggiudicata ad un valore di 90 mln di euro il marchio Alitalia Spa e il dominio http://www.Alitalia.com, segna il passaggio di consegne tra Alitalia, che ha cessato di esistere nella giornata di ieri con l’arrivo poco prima delle 23.30 al Leonardo da Vinci dell’ultimo volo da Cagliari (AZ1586), e Ita nata dalle ceneri della prima dopo una lunga trattativa con l’Unione europea. Anche se la NewCo prende di fatto il posto di Alitalia, la Commissione europea ha comunque richiesto una forte discontinuità tra le due compagnie.

 

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Confcommercio: Pil e consumi rallentano, rischio inflazione
Indicatore Icc a settembre +0,8%, dato più basso da marzo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
11:18
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Dopo le profonde oscillazioni al rialzo osservate in primavera e in estate, la ripresa italiana si avvia a una fase di normalizzazione, anche se sono prevedibili ulteriori rimbalzi statistici per la fine dell’anno in corso”. Lo afferma Confcommercio nella sua analisi congiunturale di ottobre sottolineando che “nel mese di settembre l’indice Icc (indicatore dei consumi Confcommercio) indica, nel confronto annuo, una variazione dello 0,8%, il dato più basso da marzo”.
Fra i fattori frenanti di consumi Confcommercio indica l’aumento dell’inflazione, che a parere dell’organizzazione “non è meramente transitorio”. Inoltre “i ritardi delle campagne di vaccinazione in aree svantaggiate del mondo rappresentano un rischio concreto di non riuscire a debellare la pandemia in modo definitivo e in tempi ragionevoli”.
“La minore tonicità dei consumi associata al persistere di disfunzioni sul versante produttivo, comincia a determinare dinamiche del Pil più contenute. Nel mese di ottobre, stando alle nostre stime, questo indicatore dovrebbe registrare una crescita dello 0,1% su settembre e del 4,1% nel confronto annuo.
Dunque, la parte finale del 2021, seppure caratterizzata da una crescita diffusa sembra mostrare la compresenza di una molteplicità di fattori frenanti, anche in relazione allo scenario internazionale, sia per le strozzature presenti nei sistemi di approvvigionamento sia per la ripresa del processo inflazionistico, oggi non più semplicisticamente derubricato a meramente transitorio”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Istat riduce stime inflazione, a settembre prezzi +2,5%
In calo dello 0,2% sul mese. Dato annuale al top dal 2012
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
11:25
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Inflazione migliore delle attese a settembre: i prezzi al consumo per l’intera collettività (Nic) al lordo dei tabacchi sono diminuiti dello 0,2% su base mensile mentre sono aumentati del 2,5% su base tendenziale (-0,1% e +2,6% rispettivamente nella stima preliminare.) L’inflazione acquisita per il 2021 resta pari all’1,7%. Lo indica l’Istat, rivedendo le stime preliminari.
L’inflazione annua rimane al top da novembre 2012.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Commercio estero: Istat, ad agosto import +31,7% anno
Export +17,8%. Sul mese importazioni +5,4%, esportazioni +0,6%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
11:29
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ad agosto 2021 si stima una crescita congiunturale per entrambi i flussi commerciali con l’estero, più intensa per le importazioni (+5,4%) che per le esportazioni (+0,6%). Lo rileva l’Istat sottolineando che su base annua si registra un aumento dell’export del 17,8% ed un incremento delle importazioni molto più sostenuto (+31,7%).
La stima del saldo commerciale ad agosto 2021 è pari a +1.316 milioni di euro (era +3.929 ad agosto 2020). Al netto dei prodotti energetici il saldo è pari a +4.502 milioni (era +5.521 ad agosto dello scorso anno).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bankitalia: debito record a 2.734 mld, prestiti Ue a 43 miliardi
Aumentano le entrate tributarie
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
11:37
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il debito pubblico italiano segna un nuovo record salendo a fine agosto di 8,5 miliardi a 2.734,4 miliardi. Lo si legge nella pubblicazione su finanza pubblica della Banca d’Italia.

I dati includono il prefinanziamento dei prestiti del Dispositivo di ripresa e resilienza europeo (Recovery and Resilience Facility) per 15,9 miliardi. “Alla fine del mese i prestiti (Sure e Rrf) erogati dalle istituzioni europee al nostro Paese ammontavano nel complesso a 43,4 miliardi”, fa sapere Bankitalia.
Le entrate tributarie sono state pari a 44,9 miliardi ad agosto, in lieve aumento (+0,3 miliardi) rispetto al corrispondente mese del 2020, e nei primi otto mesi del 2021 segnano un aumento di 29,8 miliardi a 288,2 miliardi, che risente anche degli slittamenti di alcune imposte di competenza del 2020.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: Brent sale a 85 dollari, massimo da ottobre 2018
Mercato guarda a greggio come alternativa a gas troppo caro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
12:02
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nuova fiammata del Brent. Il petrolio di riferimento europeo, quotato a Londra, è salito dell’1,3% superando di pochi centesimi la soglia degli 85 dollari al barile.
Si tratta del massimo – segnala Bloomberg – da ottobre 2018.
I prezzi del greggio stanno salendo da settimane sulla scia di quelli del gas. Come spiegato pochi giorni fa dall’Agenzia internazionale per l’energia, di fronte all’impennata del gas naturale il mercato si sta infatti riorientando verso il petrolio, con un aumento della domanda che sta spingendo le quotazioni.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il Mef lancia nuovo Btp Futura, taglia la durata a 12 anni
Sottoscrizioni dall’8 al 12 novembre
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
13:09
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il Tesoro lancia una nuova emissione del Btp Futura dedicato al risparmio privato: sottoscrizioni da lunedì 8 novembre a venerdì 12 novembre 2021 (salvo chiusura anticipata) e durata del titolo ridotta a 12 anni rispetto ai 16 dell’ultima emissione. Lo si legge in una nota.

Confermato il doppio premio fedeltà, collegato alla crescita dell’economia nazionale durante il periodo di vita del titolo, che sarà corrisposto al termine dei primi otto anni e a scadenza. Confermate anche le cedole nominali semestrali calcolate sulla base di tassi fissi predeterminati e crescenti nel tempo secondo il meccanismo step-up, che verranno comunicati al pubblico venerdì 5 novembre 2021, e potranno essere rivisti al rialzo in base alle condizioni di mercato.
Sarà possibile sottoscrivere Btp Futura in banca, alla posta o tramite il proprio home banking se abilitato alle funzioni di trading, da lunedì 8 novembre a venerdì 12 novembre 2021 (fino alle ore 13.00), salvo chiusura anticipata. L’importo minimo acquistabile è pari a 1.000 euro.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Torna 4 Weeks 4 Inclusion, aderiscono 200 aziende
Dal 22 ottobre maratona per valorizzare diversità e inclusione
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
13:31
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Dal 22 ottobre al 22 novembre prende il via la seconda edizione della 4 Weeks 4 Inclusion, il più grande evento interaziendale dedicato all’inclusione che quest’anno, per la prima volta in Italia, vede impegnate oltre 200 imprese per valorizzare insieme i temi della diversità e dell’inclusione, con un ricco programma di eventi digitali dedicati ai 700mila dipendenti delle aziende partner.
In questa edizione otto eventi particolarmente rilevanti saranno trasmessi in streaming al link e aperti a tutti con l’obiettivo di promuovere un dibattito interdisciplinare con i rappresentanti di istituzioni, business community e associazioni sindacali.

Per la giornata inaugurale l’appuntamento principale sarà ‘Storie di inclusione’ nel corso del quale si affronterà il tema dello sviluppo sociale ed economico, partendo dalle politiche aziendali sull’inclusione. Alla plenaria parteciperanno rappresentanti delle istituzioni e del mondo aziendale tra i quali Roberto Fico, Presidente della Camera dei Deputati, Elena Bonetti, Ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia, Salvatore Rossi, Presidente di Tim, Laura Nurra, Direttore Risorse Umane di American Express Italia, Ernesto Ciorra, Head of Innovability di Enel e Paola Angeletti, Chief Operating Officer di Intesa Sanpaolo.
I lavori della giornata si concluderanno nel pomeriggio con ‘Uguali perché diversi’ con la partecipazione di Maurizio Landini Segretario Generale CGIL, Luigi Sbarra, Segretario Generale CISL, Pierpaolo Bombardieri Segretario Generale UIL che faranno il punto sull’inclusione nel mondo del lavoro e sul ruolo delle parti sociali.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ita: Lazzerini, il nuovo nome è Ita Airways, livrea azzurra
Altavilla, break even operativo nel 2023
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
13:42
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oggi “nasce la compagnia di bandiera” ed è Ita Airways il nuovo nome di Ita. Lo ha annunciato l’a.d.

di Ita Fabio Lazzerini durante la conferenza stampa per il decollo della nuova compagnia. “Dovevamo dirlo con un nome preservando la nostra freschezza. Abbiamo un nuovo nome che oggi siamo pronti a far vedere”, ha detto, mostrando il nuovo nome Ita Airways. “Da oggi il nome dell’azienda è questo. E’ un nome che guarda avanti, guarda al futuro”, ha aggiunto, precisando che però rimane un po’ di passato. “Abbiamo voluto mantenere i colori, verde e rosso sono gli stessi di Alitalia, e l’acquisto del marchio di ieri rispecchia questa logica: non disperdere un valore”. Un aereo tutto azzurro, con il logo Ita Airways in oro bianco, ali bianche, tricolore sulla coda sarà la nuova livrea di Ita Airways, ha aggiunto l’a.d, spiegando poi che il Piano industriale “prevede tre obiettivi principali: profittabilità, sostenibilità e connettività”. Mentre il presidente esecutivo Alfredo Altavilla ha sottolineato che “in questo momento il nostro piano strategico prevede il raggiungimento del break even operativo nel corso del 2023”. Circa l’acquisto del brand Alitalia, Altavilla ha poi spiegato: “In realtà nella mia testa Ita Airways c’è sempre stata, ma anche il desiderio e la necessità acquistare marchio Alitalia. Il marchio Alitalia non poteva appartenere a nessun altro che alla nuova compagnia di bandiera del paese”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa in rialzo con banche, Parigi +0,3%
Su scudi Hsbc, Bnp Paribas, Deutsche Bank e Intesa Sanpaolo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
13:43
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La seduta di scambi per i mercati azionari in Europa prosegue in rialzo. Londra sale dello 0,16%, Parigi dello 0,39%, Francoforte dello 0,26%, Madrid dello 0,24% e Milano dello 0,35 per cento.
A sostenere i listini sono i titoli bancari (indice di settore +1,7%): Hsbc guadagna l’1,9%, Bnp Paribas il 2,3%, Deutsche Bank il 2,9% e a Milano Intesa Sanpaolo è tra i maggiori contributori al rialzo dell’indice (+1,59%) anche se il guadagno maggiore è quello segnato da Banco Bpm (+2,5%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Alimentare: i kit per pasti di HelloFresh sbarcano in Italia
Multinazionale delivery apre ufficio e centro logistico
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
13:49
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
I kit di ingredienti per preparare pasti a casa di HelloFresh sbarcano in Italia. Le attività della multinazionale tedesca che si occupa di delivery di meal-kit, si legge in una nota, saranno coordinate nel nostro Paese da un ufficio a Milano che opererà insieme al nuovo centro logistico a Tavazzano con Villavesco (Lodi), con la previsione di creare 80 posti di lavoro.

HelloFresh si candida come alternativa all’acquisto di cibo al supermercato, consegnando a domicilio ingredienti pre-porzionati e un’ampia varietà di ricette. Fondata a Berlino nel 2011 e quotata alla Borsa di Francoforte, HelloFresh ha chiuso il 2020 con 3,7 miliardi di euro di fatturato, impiegando più di 16 mila persone nel mondo e offrendo una gamma di 10 mila ricette diverse. Lo sbarco in Italia, dove HelloFresh sta creando una catena di approvvigionamento locale, si inserisce nel percorso di crescita internazionale del gruppo, già attivo in 15 paesi.
“Le abitudini di consumo delle persone stanno cambiando profondamente sia in Italia che nel mondo. Siamo entusiasti di offrire agli italiani un’alternativa più comoda e sostenibile alla spesa al supermercato”, commenta Stefano Cracco, chief operating officer di HelloFresh Italia.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sanpellegrino accetta sfida Carbon neutral challenge di Gucci
Lanciata ai ceo da Bizzarri per ridurre le emissioni
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
14:16
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Stefano Marini, amministratore delegato del gruppo Sanpellegrino, azienda leader in Italia nel settore delle acque minerali e delle bevande analcoliche, accetta la “Ceo Carbon Neutral Challenge” lanciata da Marco Bizzarri, presidente e ceo di Gucci, per affrontare i cambiamenti climatici e la perdita di biodiversità.
Sanpellegrino si unisce alla call to action lanciata nel novembre del 2019, quando Bizzarri aveva pubblicato una lettera aperta rivolta ai ceo di aziende attive in ogni settore, chiedendo un impegno collettivo per affrontare il cambiamento climatico e per ridurre le emissioni di gas serra generate dalle proprie attività commerciali allo scopo di dar vita a un’azione condivisa per il clima e la natura.

“Abbiamo accolto con entusiasmo l’invito di Bizzarri, perché crediamo che l’unico modo per affrontare il cambiamento climatico, ripristinare la biodiversità e salvaguardare il pianeta, sia lavorare tutti insieme con l’obiettivo di ridurre le emissioni generate” ha dichiarato Marini. “Come aziende – ha commentato Bizzarri – abbiamo infatti la responsabilità delle emissioni dell’intera catena di fornitura, che rappresentano la maggior parte della nostra impronta, e di agire al tempo stesso per preservare la natura. La Challenge vuole creare una via verso un’economia net zero, positiva per la natura”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Usa: vendite al dettaglio settembre +0,7%, sopra le attese
Analisti si attendevano calo dello 0,2%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
15 ottobre 2021
14:41
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le vendite al dettaglio negli Stati Uniti sono salite in settembre dello 0,7%. Il dato è migliore delle attese degli analisti, che scommettevano su un calo dello 0,2%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund: in rialzo verso 104 punti
Il rendimento del decennale italiano in salita allo 0,86%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
14:47
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il differenziale tra Btp e Bund è a 103,7 punti, in salita rispetto ai 102 punti della chiusura de giorno precedente. Secondo i dati della piattaforma Bloomberg, nella seduta finora ha fatto registrare un minimo a 102,3 punti verso le 9 e un massimo a 104,5 punti intorno alle 12.

Il rendimento del decennale italiano è allo 0,865%, in salita rispetto allo 0,83% della chiusura del giorno prima e ha fatto segnare al momento un minimo dello 0,843% intorno alle 8.10 e un massimo dello 0,882% verso le 11.35.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano migliora (+0,8%), bene banche e petroliferi
Guadagnano le auto, in calo le utility, perdono Tim e Poste
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
15:36
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Migliora leggermente Piazza Affari (+0,8%) nel primo pomeriggio con petroliferi e banche in cima al listino principale, alla vigilia dei ballottaggi per le amministrative in alcuni grandi centri del Paese e nella prima giornata in cui l’obbligo del green pass entra in vigore per i lavoratori sia pubblici che privati. Molto bene i petroliferi, col greggio i rialzo (wti +0,8%) a 81,9 dollari l’oncia e il brent a 84,8 dollari, con l’impiantistica di Tenaris in rally (+3%) e forti guadagni per Eni (+1,2%) e Saipem (+1%).
In salita le quotazioni delle banche, cominciando da Banco Bpm (+2,5%), da cui si attende il piano al 2024 il 5 novembre, Intesa (+2,3%), Fineco (+1,9%), Unicredit (+1,2%). In controtendenza Bper (-0,5%). Lo spread Btp-Bund è a 103,7 punti, con il rendimento del decennale italiano allo 0,86%. Tra le banche d’affari bene Mediobanca (+1,2%) e Banca Generali (+1%). Poco mossa la paytech Nexi (+0,2%), il giorno dopo l’autorizzazione, con condizioni, da parte dell’Antitrust alla fusione per incorporazione di Sia.
Guadagni decisi per Cnh (+2,8%), in rialzo le auto, da Stellantis (+1%) a Ferrari (+1,1%), nonostante i dati in calo del mercato a settembre.
In fondo al listino principale Tim (-1,1%), male le utility, a iniziare da Hera (-0,8%) e A2a (-0,6%). In calo Poste (-0,7%), Atlantia (-0,6%). Tra i titoli a minore capitalizzazione tonfo per Titanmet (-3,5%), rally di Seri Industrial (+8,6%), molto bene Safilo (+3,9%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Eni avvia produzione biocarburante per trasporto aereo
Nel breve-medio termine contribuirà a decarbonizzazione settore
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
15:36
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Eni ha avviato la produzione di carburanti sostenibili alternativi per l’aviazione (Sustainable Aviation Fuel o Saf) che rappresentano nel breve-medio termine un modo per contribuire significativamente alla decarbonizzazione del trasporto aereo. Lo comunica il gruppo petrolifero spiegando che i Saf Eni sono prodotti esclusivamente da scarti e residui, in linea con la decisione strategica di non utilizzare olio di palma dal 2023.

Eni prevede il raddoppio, entro il quadriennio, dell’attuale capacità di bioraffinazione di 1,1 milioni di tonnellate/anno e il suo incremento fino a 5/6 milioni di tonnellate/anno entro il 2050.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Wall Street apre positiva, Dj +0,59%, Nasdaq +0,28%
S 500 sale dello 0,45%
c
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
15 ottobre 2021
15:36
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Wall Street apre positiva con le trimestrali e il dato sulle vendite al dettaglio americane sopra le attese degli analisti. Il Dow Jones sale dello 0,59% a 35.132,44 punti, il Nasdaq avanza dello 0,28% a 14.863,84 punti mentre lo S&P 500 mette a segno un progresso dello 0,45% a 4.458,31 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bitcoin vola a 60.000 dollari, ottimismo su ok a primo Etf
Attesa per la decisione della Sec
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
15 ottobre 2021
16:13
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il Bitcoin vola a 60.000 dollari e poi cala a 59.920 dollari. A spingere le quotazioni è l’ottimismo dei trader sulla possibilità che la Sec approvi il primo Etf in Bitcoin.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: l’Europa sale con l’apertura positiva di Wall Street
Bene banche, petroliferi, auto e semiconduttori, giù le utility
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
16:19
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Migliorano le principali Borse europee, dopo l’apertura positiva di Wall Street, mentre negli Usa le vendite al dettaglio di settembre sono cresciute oltre le attese. La Piazza migliore è Madrid (+0,9%), seguita da Parigi (+0,8%), Francoforte (+0,7%) e Londra (+0,4%).
In linea Milano (+0,8%), con lo spread Btp-Bund a 103,6 punti e il rendimento del decennale italiano allo 0,87%. Calmo l’oro (-1%) a 1.781 dollari l’oncia. In rialzo il greggio (wti +1,2%) a 82,2 dollari al barile e il brent a 84,9 dollari, intorno ai massimi da ottobre. In netto ribasso, dopo i rialzi dei giorni precedenti, le quotazioni del gas, ad Amsterdam (-4,9%) a 97,2 euro al MWh.
L’indice d’area del Vecchio continente, Stoxx 600, guadagna lo 0,6%, sostenuto soprattutto da finanza e energia. I rosso i servizi di comunicazione e le utility. Tra le banche, quasi tutte positive, spiccano Banco Bilbao (+3,3%) e Danske Bank (+3,2%), con Bnp Paribas (+3%) e Credit Agricole (+2,8%). Fra i petroliferi i migliori sono Royal Dutch (+2%) e Omv (+3,2%), in controtendenza Neste (-1,4%). Guadagni per le auto, cominciando da Renault (+3,6%) e Porsche (+2,2%), nonostante i dati in netto calo delle vendite in Europa a settembre. Nel lusso forti soprattutto Adidas (+2,2%) e Essilux (+1,9%). Nel comparto dei semiconduttori bene la maggioranza, in particolare Be Semiconductor e Ams (+2% entrambi).
In rosso le utility, iniziando da Severn (-2,3%) e Pennon (-1,9%). Male l’editoria, con un picco per Pearson (-12,4%) e un calo per altri, come Schibsted (-1,2%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano positiva (+0,7%), su le banche, non le utility
In rialzo i petroliferi col greggio, guadagnano le auto
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
17:18
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Prosegue positiva verso fine seduta Piazza Affari (+0,7%), con Cnh in testa al listino principale (+3,2%). Bene i petroliferi col greggio in rialzo (wti +1%) a 82,2 dollari al barile e il brent a 84,7 dollari, con l’Eia che ha aumentato le stime sulla domanda di petrolio nel suo rapporto mensile.
Il titolo migliore è l’impiantistica di Tenaris (+2,9%), seguita da Eni (+1,6%) e Saipem (+0,6%). Bene le banche, come nel resto d’Europa, con fonti stampa che hanno ipotizzato l’estensione per ulteriori sei mesi delle attività fiscali differite da parte del Mef. La migliore è Intesa (+2,2%), seguita da Fineco (+1,2%), Banco Bpm (+0,9%), da cui si attende il piano al 2024 il 5 novembre, e Unicredit (+0,5%).
Male Bper (-1%). Guadagna qualcosa la paytech Nexi (+0,5%), il giorno dopo il via libera con condizioni dell’Antitrust alla fusione per incorporazione di Sia. In rialzo Leonardo (+0,7%), che il giorno prima era stato protagonista di un tonfo in seguito alle notizie di un problema per i componenti difettosi di un subfornitore per le componenti del Boeing 787, che in giornata Leonardo ha precisato no essere più un proprio fornitore. Nell’industria spicca Buzzi (+1,7%). Bene le auto, da Ferrari (+1,5%) a Stellantis (+1%), nonostante i dati negativi delle vendite in Europa a settembre e con il rinnovo dell’ecobonus in arrivo. In calo Tim (-0,9%), già Atlantia (-0,5%), con i dati sul traffico in rallentamento in Italia, mentre crescono in Spagna e in Francia, in discesa le utility, iniziando da Hera (-0,6%) e A2a (-0,5%). In rosso Poste (-0,6%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: l’Europa in rialzo, bene banche e energia
Deboli le utility. Sale il greggio, in calo l’oro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
17:36
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Proseguono in rialzo verso fine seduta le principali Borse europee, con andamento analogo di Wall Street, sostenuta dalle prime trimestrali del periodo. La migliore in Europa è Madrid (+0,8%), seguita da Francoforte e Parigi (+0,7% entrambe) e Londra (+0,3%).
In calo l’oro (-1%) a 1.781 dollari l’oncia, i rialzo il greggio (wti +1,2%) a 82,3 dollari al barile e il brent a 84,8 dollari, sui massimi da ottobre, con l’Eia che ha aumentato le stime sulla domanda di petrolio nel suo rapporto mensile. Si accentua il calo del gas naturale in Europa, con le quotazioni ad Amsterdam che fanno segnare un -8,3% a 93,7 euro al MWh, dopo i rialzi dei giorni precedenti. In rialzo la sterlina sul dollaro, a 1,375, e sull’euro, a 1.186. Stabile l’euro sul dollaro, a 1,16.
L’indice d’area del Vecchio continente, Stoxx 600, guadagna lo 0,7%, sostenuto da energia, auto e finanza, mentre stentano le utility.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude positiva (+0,8%)
Il Ftse Mib a 26.489 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 ottobre 2021
17:39
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Chiusura positiva per Piazza Affari. Il Ftse Mib guadagna lo 0,81% a 26.489 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: l’Europa chiude in rialzo
Francoforte e Madrid (+0,8%), Parigi (+0,6%), Londra (+0,3%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
18:00
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Chiusura in rialzo per le principali Borse europee. Le migliori sono state Francoforte e Madrid (+0,81%), rispettivamente a 15.587 punti e 8.997 punti, Parigi (+0,63%) a 6.727 punti e Londra (+0,37%) a 7.234 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund: chiude in rialzo a 103,7 punti
Il rendimento del decennale italiano è salito allo 0,86%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
18:06
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il differenziale tra Btp e Bund ha chiuso a 103,7 punti, in rialzo rispetto ai 102 punti della chiusura del giorno precedente. Secondo i dati della piattaforma Bloomberg, nella seduta ha fatto registrare un minimo a 102,3 punti verso le 9 e un massimo a 104,6 punti intorno alle 16.30.

Il rendimento del decennale italiano ha terminato allo 0,868%, in salita rispetto allo 0,83% della chiusura del giorno prima e ha fatto segnare al momento un minimo dello 0,843% intorno alle 8.10 e un massimo dello 0,883% intoro alle 15.40.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: bene Milano (+0,8%) con banche e petroliferi
In calo le utility. Male Tim, Atlantia e Poste
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
18:36
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ultima seduta di settimana all’insegna di un cauto ottimismo a Piazza Affari (+0,8%), in linea con le altre principali Borse europee e con l’andamento di Wall Street, dove le prime trimestrali tengono su i listini. A Milano ha corso Cnh (+3,3%) e sono andati bene i petroliferi, col greggio in rialzo (wti +1% a sera) a 82,1 dollari al barile e il brent a 84,6 dollari, con l’Eia che ha aumentato le stime sulla domanda di petrolio nel suo rapporto mensile.
Vola l’impiantistica di Tenaris (+3,1%) e sono stati in rialzo Eni (+1,9%) e meno Saipem (+0,2%). Bene le banche, , come nel resto d’Europa, con ipotesi di stampa sull’estensione per ulteriori sei mesi delle attività fiscali differite da parte del Mef. La migliore è Intesa (+2%), seguita da Fineco (+1,3%), Banco Bpm (+0,9%), da cui si attende il piano al 2024 il 5 novembre, e Unicredit (+0,7%). Male Bper (-1,4%). In rialzo la paytech Nexi (+0,5%), il giorno dopo il via libera con condizioni dell’Antitrust alla fusione per incorporazione di Sia.
Bene Leonardo (+0,8%), che il giorno prima era stato protagonista di un tonfo in seguito alle notizie di un problema per i componenti difettosi di un subfornitore per le componenti del Boeing 787, che in giornata Leonardo ha precisato no essere più un proprio fornitore. Positivi Buzzi (+1,4%) e Campari (+1,3%). Bene le auto, da Ferrari (+1,5%) a Stellantis (+1%), nonostante i dati negativi delle vendite in Europa a settembre e con il rinnovo dell’ecobonus in arrivo. In calo Tim (-1%), giù Atlantia (-0,6%), con i dati sul traffico in rallentamento in Italia, mentre crescono in Spagna e in Francia, in discesa le utility, iniziando da Hera (-0,7%) e A2a (-0,4%). In rosso Poste (-0,6%).
Tra i titoli a minore capitalizzazione rally di Seri (+8,9%) e Carel (+7,7%), pesanti Cia (-3,6%) e Titanmet (-3,4%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Green Pass: Barbera (Uniport) ha prevalso il buon senso
Lavoratori portuali hanno mostrato responsabilità
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2021
19:03
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Ha prevalso il buon senso e il senso di responsabilità che auspicavamo ieri”. Lo afferma il presidente di Uniport l’Associazione che rappresenta tutte le imprese che operano in ambito portuale, Federico Barbera in merito alle proteste contro il green pass che però non hanno, nemmeno al porto di Trieste, completamente bloccato l’attività “consentendo a chi voleva di lavorare”.

Barbera, raggiunto telefonicamente, ha spiegato: “Il nostro settore ha fino a ora risolto i problemi senza grandi contrasti ma va compreso nel nostro paese che la logistica e la portualità sono fondamentali quanto la produzione” per la crescita dell’economia. “Se i porti si fermano si rischia il blocco del paese” ha aggiunto sottolineando come nella maggior parte dei porti i lavoratori sono “per la stragrande maggioranza vaccinati”. Al momento “i tamponi per i dipendenti non vaccinati li paghiamo noi”, “non ci sono altre soluzioni: o si vaccina o si controlla se si è sani”. Barbera ha quindi aggiunto come occorra pensare a ridefinire l’infrastruttura portuale in Italia spostandola dai centri abitati e dotandola di strutture adeguate. .
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cresce il mercato dei libri, nel 2021 tra +11 e +16%
Librerie fisiche superano quelle online, in calo peso bestseller
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
15 ottobre 2021
19:58
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Continua a crescere l’editoria libraria italiano: il mercato di varia – libri a stampa di narrativa e saggistica venduti nelle librerie fisiche e online e nella grande distribuzione – potrebbe chiudere il 2021 con una crescita a due cifre, tra l’11% e il 16%. I dati fanno parte dell’analisi periodica dell’Associazione Italiana Editori (Aie) con Nielsen IQ, presentata nella seconda giornata del Salone del Libro di Torino.

Le librerie fisiche, aiutate dal web, tornano a essere primo canale di vendita: sono a quota 499,9 milioni (362,5 milioni nel 2020), contro i 479,1 milioni delle librerie online (383,4 milioni nel 2020) e i 58,1 milioni della grande distribuzione (57,9 milioni nel 2020). A livello di quote di mercato le librerie hanno il 48,2%, tre punti percentuali in più rispetto al 2020 ma oltre dieci in meno rispetto al 2019. L’online pesa per il 46,2%, la grande distribuzione per il 5,6%.
Sono in crescita uniforme tutti i generi, con picchi per i libri su giochi e tempo libero (+251%), fumetti (+202%) e attualità politica (+66%). E’ però più contenuto il mercato dei bestseller: i primi 50 libri più venduti pesano sul mercato solo il 6,2% a valore e il 5,5% a numero di copie. “I dati dei primi nove mesi confermano la crescita strutturale dell’editoria italiana di varia e ci consegnano due fatti su cui riflettere.
Il primo: dopo il sorpasso subito nel 2020, le librerie fisiche sono tornate a vendere di più delle librerie online, che comunque dopo la pandemia confermano il loro ruolo di primo piano. Il secondo: l’editoria italiana è sempre meno dipendente dai best seller e dalle novità, cresce il ruolo del catalogo e le vendite sono diffuse su un maggior numero di titoli” ha spiegato Levi durante l’incontro al quale hanno partecipato Enrico Selva Coddè (Mondadori Libri), Stefano Mauri (Gems), Isabella Ferretti (66thand2nd), Vittorio Anastasia (Ediciclo editore) e Aldo Addis (vicepresidente Associazione Librai Italiani). “La politica ci ha ascoltato perché abbiamo parlato con una voce sola”, ha sottolineato.
Nei primi nove mesi dell’anno le vendite nel settore della varia sono state pari a 1.037 milioni di euro, in crescita del 29% sul 2020 e del 16% sul 2019. Come numero di copie, i nove mesi si attestano a 72 milioni di copie, in crescita del 31% sul 2020 e del 18% sul 2019. Il prezzo medio di copertina del venduto è infatti in calo e pari a 14,35 euro (-1,9% sul 2020 e -1,7% sul 2019). L’Inverno dei leoni di Stefania Auci è in testa alla classifica dei primi dieci libri più venduti, ma restano nella ‘top ten’ titoli pubblicati nel 2019 e nel 2020, come Cambiare l’acqua ai fiori di Valerie Perrin “a sfatare il mito secondo cui un libro “resiste” sul mercato solo pochi mesi”, fa notare l’Aie.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Caritas: nell’anno del Covid aiutate 2 milioni di persone
Per la metà era la prima volta, il 30% continua a ‘non farcela’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 ottobre 2021
09:04
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nel 2020 la Caritas in Italia ha complessivamente supportato 1,9 milioni di persone, una media di 286 individui per ciascuno dei 6.780 servizi gestiti dallo stesso circuito delle Caritas diocesane e parrocchiali. Delle persone sostenute nell’anno di diffusione del Covid19, quasi la metà, il 44%, ha fatto riferimento alla rete Caritas per la prima volta.
Tra le regioni con più alta incidenza di “nuovi poveri” si distinguono Valle d’Aosta (61,1%) Campania (57,0), il Lazio (52,9), la Sardegna (51,5%) e il Trentino Alto Adige (50,8%). Per i giovani adulti di età compresa tra i 18 e i 34 anni le nuove povertà pesano per il 57,7%.
Quasi il 30 per cento dei ‘nuovi poveri’, quelli legati alla pandemia che mai si erano rivolti alla Caritas prima del 2020, ha continuato ad avere bisogno di aiuto anche in questo 2021.
“Dei nuovi poveri seguiti nel 2020, le cui richieste di aiuto possiamo immaginare fortemente correlate alla crisi socio-sanitaria legata alla pandemia, oltre i due terzi (esattamente il 70,3%) non ha fatto più ricorso ai servizi Caritas. È un dato, questo, che si presta a una lettura ambivalente. Da un lato può essere preso come un segnale di speranza e di ripartenza; al contempo però – sottolinea il dossier della Caritas ‘Oltre l’ostacolo’ – non possiamo non occuparci e preoccuparci di quel 29,7% di persone che ancora oggi nel 2021 continuano a ‘non farcela’ e che rischiano di vedere in qualche modo ‘ossificarsi’ la propria condizione di bisogno”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Whirlpool conferma i licenziamenti, lettere dal 22/10
Confermati incentivi all’esodo o trasferimenti presso il sito in provincia di Varese
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 ottobre 2021
11:48
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Whirlpool conferma la chiusura della procedura di licenziamento collettivo per il sito di Napoli”.
Così una nota diffusa alle due del mattino da Whirlpool al termine dell’incontro con i sindacati.
La Società mantiene l’impegno a non inviare le lettere di licenziamento fino al 22 ottobre. E conferma gli incentivi all’esodo nella misura di 85.000 euro o il trasferimento di tutti i lavoratori presso l’unità di produzione di Cassinetta di Briadronno in provincia di Varese nonché la disponibilità a proseguire la trattativa per il trasferimento di asset. Lo si legge nella nota.
“Pur riconoscendo gli sforzi profusi dal Governo e dalle Regioni per trovare una soluzione idonea per consentire una nuova missione industriale al sito di Napoli” la società, si legge nella nota, considera “i progetti presentati ancora in una fase non compatibile con le esigenze tempistiche espresse dalla Società”. La Società quindi considera “il procedimento di licenziamento concluso il 15 ottobre senza alcun accordo”. L’azienda mantiene l’impegno a non inviare le lettere di licenziamento fino al 22 ottobre. Confermati gli incentivi all’esodo nella misura di 85.000 euro o il trasferimento di tutti i lavoratori presso l’unità di produzione di Cassinetta di Briadronno in provincia di Varese nonché la disponibilità a proseguire la trattativa per il trasferimento di asset.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Whirlpool conferma la chiusura della procedura di licenziamento collettivo per il sito di Napoli”.
Così una nota diffusa alle due del mattino da Whirlpool al termine questa notte dell’incontro con i sindacati.
La Società mantiene l’impegno a non inviare le lettere di licenziamento fino al 22 ottobre ma non concede altri giorni per esaminare i progetti di riconversione sostenibile del sito di Napoli.
Restano confermati quindi gli incentivi all’esodo nella misura di 85.000 euro o il trasferimento di tutti i lavoratori nel Nord Italia cioè presso l’unità di produzione di Cassinetta di Briadronno in provincia di Varese, La società ha mantenuto solo la disponibilità a proseguire la trattativa per il “trasferimento di asset”.
“Pur riconoscendo gli sforzi profusi dal Governo e dalle Regioni per trovare una soluzione idonea per consentire una nuova missione industriale al sito di Napoli” la società, si legge nella nota, considera “i progetti presentati ancora in una fase non compatibile con le esigenze tempistiche espresse dalla Società”. Dura la reazione dei sindacati. La Uilm stigmatizza il coportamento dei ministri Orlando e Giorgetti che “all’ultimo incontro di procedura con Whirlpool, hanno limitato la loro partecipazione ad un breve collegamento online”.
“Alle 3.00 di questa mattina, Whirlpool ha sbattuto la porta in faccia ai lavoratori. L’azienda ha rifiutato qualsiasi mediazione non mettendoci in condizione di valutare l’ipotesi d’accordo del progetto consortile sulla mobilità sostenibile” ha detto la Fil-Cisl. Whirlpool, ha infatti negato la possibilità di una proroga per il prolungamento della procedura di licenziamento di 59 giorni, tempo necessario per poter valutare il passaggio dei lavoratori nel progetto “hub mobilità” su cui il Ministero dello Sviluppo Economico sta lavorando dal 6 agosto scorso. Martedì 19 ottobre è previsto un nuovo incontro al Mise.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bonomi, serve manovra che accompagni Paese fuori dalle emergenze
Ripresa ben avviata ma rischi, tenere la guardia alta
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 ottobre 2021
10:46
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il leader di Confindustria Carlo Bonomi invoca “una manovra di bilancio che, nel rispetto del sentiero di riduzione del debito pubblico, accompagni il Paese verso l’uscita dalla crisi economico-sociale legata alla pandemia, attraverso una progressiva uscita dalle misure emergenziali”, che preveda “risorse per sostenere la transizione energetica ed ambientale” e “per attuare le riforme strutturali che rappresentano la chiave per irrobustire in modo duraturo il potenziale di crescita del paese” e che, “nello spirito del messaggio lanciato dal Presidente del Consiglio Draghi” all’assemblea degli industriali, non preveda “nuove tasse”.
E sul fronte della congiuntura economica, di fronte ad una ripresa dalla crisi “ben avviata”, il presidente di Confindustria rileva che “nonostante le prospettive positive lo scenario presenta alcuni rischi”.
E avverte: “La guardia va quindi tenuta alta sia per garantire che il rimbalzo in atto sia ampio a sufficienza per colmare il divario causato dalla recessione 2020, sia per fare in modo che il tasso di crescita del Pil italiano dal 2022 in avanti sia solido e duraturo”. E “questa è la vera sfida per l’Italia”, dice il leader degli industriali: E’ “una sfida che implica rompere con il passato, un passato che vede l’Italia agli ultimi posti tra i Paesi avanzati in termini di crescita economica”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il leader di Confindustria Carlo Bonomi invoca “una manovra di bilancio che, nel rispetto del sentiero di riduzione del debito pubblico, accompagni il Paese verso l’uscita dalla crisi economico-sociale legata alla pandemia, attraverso una progressiva uscita dalle misure emergenziali”, che preveda “risorse per sostenere la transizione energetica ed ambientale” e “per attuare le riforme strutturali che rappresentano la chiave per irrobustire in modo duraturo il potenziale di crescita del paese” e che, “nello spirito del messaggio lanciato dal Presidente del Consiglio Draghi” all’assemblea degli industriali, non preveda “nuove tasse”.
E sul fronte della congiuntura economica, di fronte ad una ripresa dalla crisi “ben avviata”, il presidente di Confindustria rileva che “nonostante le prospettive positive lo scenario presenta alcuni rischi”.
E avverte: “La guardia va quindi tenuta alta sia per garantire che il rimbalzo in atto sia ampio a sufficienza per colmare il divario causato dalla recessione 2020, sia per fare in modo che il tasso di crescita del Pil italiano dal 2022 in avanti sia solido e duraturo”. E “questa è la vera sfida per l’Italia”, dice il leader degli industriali: E’ “una sfida che implica rompere con il passato, un passato che vede l’Italia agli ultimi posti tra i Paesi avanzati in termini di crescita economica”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Giornata alimentazione: Fao, sfida ardua ma abbiamo energie
Direttore generale QU Dongyu apre le celebrazioni
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 ottobre 2021
10:49
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Celebriamo la Giornata Mondiale dell’alimentazione in un momento in cui le sfide poste dalla fame mondiale, dalla crisi climatica e dalla pandemia da Covid-19 rimangono formidabili, ma si registra un nuovo slancio e nuove energie nell’impegno per trasformare i sistemi agroalimentari e renderli più adatti ad affrontare la situazione di oggi”. Lo ha detto il Direttore generale della Fao, QU Dongyu, nella cerimonia di apertura della Giornata che si celebra il il 16 ottobre di ogni anno per commemorare la fondazione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura.
Nonostante le difficoltà causate dalla pandemia di Covid-19, il direttore generale ha precisato che “nell’ultimo anno abbiamo anche acquisito resilienza e forza”.
In particolare Qu Dongyu ha reso omaggio a “tutti i nostri Food Heroes, che nel mondo che hanno continuato a lavorare contro ogni previsione per assicurarci di avere cibo”. Anche prima della pandemia centinaia di milioni di persone in tutto il mondo erano afflitte dalla fame, rileva la Fao e questo numero è aumentato nell’ultimo anno, arrivando ad un totale di 811 milioni. Il direttore ha anche sottolineato che il 14% del cibo viene perso e il 17% viene sprecato. Alla cerimonia è intervenuto il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, che ha precisato che “il modo in cui produciamo, consumiamo e sprechiamo sta mettendo a dura prova il nostro pianeta, una pressione storica sulle nostre risorse naturali che ci costa trilioni di dollari l’anno. Ma il potere di cambiare è nelle nostre mani”. Al suo appello hanno fatto eco i capi delle altre due agenzie alimentari delle Nazioni Unite con sede a Roma. “Per costruire sistemi alimentari più giusti ed equi, dobbiamo ascoltare le voci della piccola scala produttori e comunità rurali”, ha affermato Gilbert F. Houngbo, presidente dell’Ifad. “Riusciremo a porre fine alla fame solo se garantiremo che i nostri i sistemi alimentari siano adatti per il ventunesimo secolo”, ha precisato il direttore esecutivo del programma World Food David Beasley, che ha ribadito le attuali sfide senza precedenti per la sicurezza alimentare mondiale.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Giornata alimentazione: con emergenza clima 189 mln alla fame
Wfp, eventi climatici estremi più gravi dei conflitti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 ottobre 2021
10:50
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Se non si interviene presto ed efficacemente ”la crisi climatica porterà a una carestia senza precedenti”. “La crisi climatica alimenta quella alimentare con una crescita esponenziale della fame nel mondo”.
E’ quanto denuncia il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (Wfp) in occasione della Giornata Mondiale dell’Alimentazione. Le stime dell’agenzia delle Nazioni Unite rilevano che un aumento di 2° C della temperatura media globale, rispetto ai livelli preindustriali, porterà altre 189 milioni di persone a lottare contro la fame.
Il Wfp sottolinea come le comunità vulnerabili, la stragrande maggioranza delle quali dipendono dall’agricoltura, dalla pesca e dall’allevamento e che contribuiscono meno alla crisi climatica, continueranno a subire la maggior parte dei danni causati dagli eventi climatici estremi, con mezzi limitati per far fronte a queste crisi.
”Vaste aree del globo, dal Madagascar all’Honduras al Bangladesh, sono nella morsa di una crisi climatica che è ormai una realtà quotidiana per milioni di persone”, ha dichiarato il Direttore Esecutivo del WFP David Beasley. Nel frattempo, decine di migliaia di vite sono a rischio, ad esempio, nel sud del Madagascar, uno dei tanti luoghi in tutto il mondo in cui i cambiamenti climatici hanno portato a condizioni di fame.
L’estrema siccità ha fatto precipitare quasi 1,1 milioni di persone nella fame estrema. Fino al 63% della popolazione che vive al sud del Paese sono agricoltori che hanno visto crollare i loro mezzi di sussistenza e la loro unica fonte di cibo prosciugarsi a causa della siccità. “I conflitti nel mondo stanno portando alla fame milioni di persone, ma la crisi climatica potrebbe oscurare il conflitto come la principale causa delle carestie di domani”, ha detto Beasley.
“C’è un urgente bisogno di investire in sistemi di allerta precoce e programmi di adattamento e resilienza al clima per evitare questa imminente catastrofe umanitaria”, ha concluso Beasley.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Giornata alimentazione: in Italia si buttano 400 kg di cibo a settimana
Il risultato di un’indagine triennale di Crea-Consiglio
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 ottobre 2021
11:55
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
In Italia vengono sprecati 399 kg di cibo a settimana, pari al 4,4% del peso del cibo acquistato, con un valore totale dei prodotti alimentari buttati di 1.052 euro, pari al 3,8% della spesa alimentare. E’ il risultato di un’indagine triennale di Crea-Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria, su un campione rappresentativo di 1.142 famiglie italiane.

Lo studio, pubblicato sulla rivista internazionale Foods, ha inteso valutare per la prima volta lo spreco alimentare delle famiglie italiane, sia sotto il profilo quantitativo che quello monetario. “E’ emerso – afferma Vittoria Aureli del Crea Alimenti e Nutrizione e investigatore principale del lavoro – che in Italia i rifiuti sono completamente inutilizzati o parzialmente utilizzati e che, in generale, tutto il cibo cotto viene consumato, portando a una percentuale generalmente piccola di avanzi”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Confindustria stima +6,1% Pil 2021, risalita più forte di attese
Economia può tornare a livelli pre-crisi già in prima metà 2022
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 ottobre 2021
11:13
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Per gli economisti di via dell’Astronomia “la risalita del Pil italiano nel 2021 è più forte delle attese”. Il Centro studi di Confindustria “prevede un +6,1%, due punti in più rispetto alle stime di aprile, seguito da un ulteriore +4,1% nel 2022”; E spiega: “Questa robusta ripartenza del Pil, pari a oltre +10% nel biennio, dopo il quasi -9% del 2020, riporterebbe la nostra economia sopra i livelli pre-crisi nella prima metà del 2022, in anticipo rispetto alle attese iniziali”, che collocavano il traguardo nell’ultimo trimestre del prossimo anno.
“La revisione al rialzo è spiegata prevalentemente dall’impatto più contenuto, rispetto a quanto si temeva, della variante Delta del Covid”.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Green pass: Cgia; carenza tamponi, lunedì 2mln a casa
Sud con più alto numero no vax
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
16 ottobre 2021
11:23
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lunedì prossimo 2 milioni di lavoratori rimarranno a casa perché impossibilitati a farsi il tampone per avere il Green pass. Secondo le stime del Governo sarebbero 3 mln i lavoratori senza il certificato verde, il 13% degli occupati in Italia.
Persone che per accedere al posto di lavoro entro fine anno dovranno fare ogni 2 giorni il tampone per avere il green pass. Attualmente l’offerta è molto inferiore: ieri, ad esempio, sono stati fatti 506 mila tamponi.
Ipotizzando un aumento della produttività da parte delle farmacie e delle strutture dedicate a fare questi test, dopodomani il numero complessivo potrebbe salire fino a 700 mila che sommati alle oltre 300 mila persone che per ragioni di salute non sono obbligate al possesso della certificazione, rimarrebbero senza pass in 2 mln. La regione più no vax è la Sicilia (24,3%) con 625.565 non vaccinati. Poi la Calabria (23,4%,226.745), la Provincia Autonoma di Bolzano (22,7%, 63.570), la Valle d’ Aosta (21%,13.017) e le Marche (20,4%,156.724). Le regioni più virtuose, invece, sono: Lombardia (14,3% i non vaccinati), Lazio (14,2%) e Toscana (13,8%). Tra le 4 macro aree del Paese è il Sud con il più alto numero di non vaccinati (2.143.769, il 20% del totale della popolazione tra i 20 e i 59 anni). In Italia, infine, i “no vax” in età lavorativa sono 5.432.118, pari al 17,4% della coorte 20-59 anni.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bonomi: ‘Serve una manovra che accompagni il Paese fuori dalla crisi’
‘L’economia può tornare a livelli pre-crisi già in prima metà 2022’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 ottobre 2021
11:32
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il leader di Confindustria Carlo Bonomi invoca “una manovra di bilancio che, nel rispetto del sentiero di riduzione del debito pubblico, accompagni il Paese verso l’uscita dalla crisi economico-sociale legata alla pandemia, attraverso una progressiva uscita dalle misure emergenziali”, che preveda “risorse per sostenere la transizione energetica ed ambientale” e “per attuare le riforme strutturali che rappresentano la chiave per irrobustire in modo duraturo il potenziale di crescita del paese” e che, “nello spirito del messaggio lanciato dal Presidente del Consiglio Draghi” all’assemblea degli industriali, non preveda “nuove tasse”.
Per gli economisti di via dell’Astronomia “la risalita del Pil italiano nel 2021 è più forte delle attese”. Il Centro studi di Confindustria “prevede un +6,1%, due punti in più rispetto alle stime di aprile, seguito da un ulteriore +4,1% nel 2022”; E spiega: “Questa robusta ripartenza del Pil, pari a oltre +10% nel biennio, dopo il quasi -9% del 2020, riporterebbe la nostra economia sopra i livelli pre-crisi nella prima metà del 2022, in anticipo rispetto alle attese iniziali”, che collocavano il traguardo nell’ultimo trimestre del prossimo anno.
“La revisione al rialzo è spiegata prevalentemente dall’impatto più contenuto, rispetto a quanto si temeva, della variante Delta del Covid”
Il Centro studi di Confindustria “stima una forte risalita del PIL italiano nel 2021 (+6,1%), seguita da un ulteriore rilevante aumento nel 2022”. Nell’analisi degli economisti di va dell’Astronomia “la dinamica attesa per il 2021 è rivista significativamente al rialzo rispetto alle ultime previsioni, diffuse ad aprile, quando si stimava un recupero del +4,1%”. Così, “il recupero del livello pre-crisi del PIL italiano, dunque, verrebbe anticipato tra il primo e il secondo trimestre del 2022, dal quarto stimato in precedenza. Il gap rispetto al pre-pandemia al momento rimane tuttavia più ampio di quello degli altri principali partner europei, perché la caduta del 2020 in Italia è stata maggiore che altrove: nel secondo trimestre 2021 era del -3,8% sul quarto 2019; in Germania del -3,3%, in Francia del -3,2% mentre gli Stati Uniti hanno raggiunto già il livello pre-crisi nel secondo trimestre 2021”.
A partire dal quarto trimestre del 2021 “l’espansione del Pil si attesterà su un profilo più moderato. Si va infatti esaurendo la spinta legata al gap da colmare, dopo la caduta”. Secondo lo scenario del CsC “l’Italia crescerebbe nel corso del 2022 a un ritmo intorno al +0,7% in media a trimestre, comunque molto più del +0,3% a trimestre registrato nel periodo 2015-2018. I motivi principali della maggior crescita attesa nel 2022 rispetto al passato pre-crisi sono: da un lato l’ancora incompleto recupero dei volumi di consumi privati e di scambi con l’estero (di servizi), che quindi dovrebbe proseguire l’anno prossimo; dall’altro, gli effetti benefici del Pnrr e della politica di bilancio espansiva (di cui comunque non si tiene conto nella previsione visto che il Ddl Bilancio non è ancora stato presentato), che alimenteranno ulteriormente gli investimenti”. I questa fase della ripresa dopo lo shock Covid, rilevano ancora gli economisti di via dell’Astronomia, “i consumi stanno progressivamente subentrando all’export come traino della risalita, ponendosi al fianco degli investimenti” ed “i servizi stanno diventando più dinamici rispetto all’industria, che era già ripartita tra la seconda metà del 2020 e inizio 2021”; “Nella seconda metà del 2021 e poi nel 2022, come già in primavera, si prevede un recupero della spesa delle famiglie soprattutto in servizi. In particolare per le spese fuori casa e per i viaggi, penalizzati fino ad aprile dalle limitazioni per la pandemia”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
LA MANIFESTAZIONE, LA DIRETTA
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 ottobre 2021
14:20

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Farmaceutici: bene i conti, mercati premiano big dei vaccini
Trimestrali alle porte. Capitalizzazioni top, da Pfizer a J
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 ottobre 2021
14:34
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Per la maggior parte dei grandi gruppi farmaceutici europei e statunitensi si attendono conti del terzo trimestre in crescita e guidance riviste al rialzo. La prima trimestrale in calendario è quella di Johnson & Johnson il 19 ottobre negli Usa.
I mercati intanto continuano a premiare soprattutto i big dei vaccini: le capitalizzazioni salgono, da Pfizer e Biontech, a Moderna e AstraZeneca, con qualcosa in meno per J&J, comunque al top nel confronto.
Direttamente correlati al coronavirus vengono previsti dagli analisti i conti di Merck, Pfizer, Eli Lilly e Roche. Per Merck per quanto conterà il molnupiravir, la pillola per il Covid, e per Pfizer per il peso del vaccino, per Eli Lilly e Roche per gli anticorpi. Per altri, come AbbVie, Bristol Myers e Sanofi il fattore determinante potrebbero essere le prestazioni di farmaci chiave per altre importanti patologie.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Papa: cambiare economia, tornare al passato è suicida
‘In nome di Dio, date vaccini’. Salario minimo e meno ore
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
16 ottobre 2021
15:45
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Papa Francesco torna a chiedere un modello economico dal “volto umano”. Nel videomessaggio per l’incontro dei Movimenti Popolari chiede di voltare pagina dopo la pandemia.
“Si tratta di cambiamenti che segnano punti di non ritorno, punti di svolta, crocevia in cui l’umanità è chiamata a scegliere” e “ritornare agli schemi precedenti sarebbe davvero suicida e, se mi consentite di forzare un po’ le parole, ecocida e genocida”.
Per cambiare il modello economico occorrerebbe introdurre “il salario universale e la riduzione della giornata lavorativa”, è la sua proposta. Per Papa Francesco è dunque necessario cambiare “i nostri modelli socio-economici, affinché abbiano un volto umano, perché tanti modelli lo hanno perso”. “A tutti voglio chiedere in nome di Dio. Ai grandi laboratori, che liberalizzino i brevetti. Compiano un gesto di umanità e permettano che ogni Paese, ogni popolo, ogni essere umano, abbia accesso al vaccino”. “Voglio chiedere, in nome di Dio, ai gruppi finanziari e agli organismi internazionali di credito di permettere ai Paesi poveri di garantire i bisogni primari della loro gente e di condonare quei debiti” fatti contro gli interessi dei popoli.
Infine chiede di agire tutti insieme contro i populismi e ‘benedice’ il movimento Black Lives Matter definendo i promotori delle proteste “samaritani collettivi”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Whirlpool: assemblea lavoratori, oggi striscione allo stadio
Rappa (Fiom-Cgil), comincia una settimana di mobilitazione
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
17 ottobre 2021
11:57
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“I lavoratori sono determinati a continuare la lotta: sarà una settimana ‘calda’ che comincia oggi con l’esposizione allo stadio Maradona, nel corso della partita Napoli-Torino, dello striscione della Whirlpool.
Facciamo appello a tutto il mondo della cultura e dello spettacolo affinché continuino a far sentire la loro voce al fianco di questa vertenza”.
Così Rosario Rappa, segretario generale Fiom-Cgil Napoli, al termine dell’assemblea con i lavoratori di via Argine promossa da Fim, Fiom e Uilm Napoli per illustrare le 48 ore di trattativa conclusesi ieri al Mise con la conferma da parte dell’azienda dei licenziamenti.
Rappa spiega le prossime iniziative: “Martedì prossimo, se viene confermato l’incontro con i ministri Orlando e Giorgetti organizzeremo i bus per Roma, mentre per venerdì è attesa la pronuncia del Tribunale di Napoli sul ricorso presentato da Fim, Fiom e Uilm contro i licenziamenti dei 320 lavoratori di via Argine. Ma tutta la settimana sarà scandita da iniziative di lotta. Domani pomeriggio è previsto il coordinamento nazionale Whirlpool in cui proporremo altre iniziative di lotta in tutto il gruppo: andremo avanti fin quando la vertenza non troverà soluzione”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Salone Libro: entusiasmo editori, vendite oltre il 2019
Folla negli stand e a incontri con autori, file per firmacopie
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
17 ottobre 2021
13:35
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
A un giorno dalla chiusura della XXXIII edizione il bilancio del Salone del Libro per gli editori – grandi e piccoli – è ottimo, superiore alle attese. Le vendite sono superiori a quelle del 2019, ultima edizione in presenza.
C’è folla negli stand e agli incontri con gli autori, code infinite ai firmacopie. Molte case editrici segnalano un’età media del pubblico più bassa, con tanti giovani che scelgono i libri e fanno incetta di titoli.
Laterza, che al Salone festeggia i 120 anni, parla di vendite “superiori al 2018, anno d’oro”, per Mondadori sono maggiori del 2019, per Sellerio la crescita è del 30% sul 2019, per Giulio Perrone Editore del 60%,. Soddisfatti anche i piccoli: “Un’edizione senza precedenti per la grande voglia di tornare al Salone. Le vendite vanno molto bene per tut0ti, decisamente di più del passato. Non ce l’aspettavamo, abbiamo finito titoli e rifornito velocemente. Mi aspettavo un buon successo ma non di questo portata” sottolinea Gianmario Pilo, direttore della casa editrice indipendente torinese Add.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Vinitaly riparte dal business, 3 giorni di special edition
Presenti 400 aziende e i top buyer da 35 nazioni,
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
VERONA
17 ottobre 2021
15:37
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Più di 400 aziende e consorzi espositrici tra i più prestigiosi dell’Italia del vino, tre padiglioni occupati, 200 top buyer esteri selezionati direttamente da Veronafiere e Ice Agenzia provenienti da 35 nazioni, oltre a quelli accreditati dalle aziende o a partecipazione diretta; Sono questi i numeri di Vinitaly Special Edition, l’iniziativa business & professional, apertasi oggi alla Fiera di Verona, che fino al 19 ottobre 2021, in contemporanea anche con Enolitech, Sol&Agrifooda, sarà caratterizzata anche da un programma di 50 degustazioni e 12 convegni. Verona torna capitale internazionale del vino, con una edizione del salone dedicata al business, in attesa del ritorno, dopo la pandemia, del Vinitaly aperto al pubblico, la 54/a edizione, che si terrà dal 10 al 13 aprile 2022.

All’inaugurazione presenti stamane il ministro delle politiche agricole Stefano Patuanelli, Pier Carlo Padoan, presidente di Unicredit; Luca Zaia, presidente della Regione del Veneto, e Federico Sboarina, sindaco di Verona; In contemporanea, lunedì 18 e martedì 19 nel PalaExpo di Veronafiere andrà in scena anche wine2wine business forum che presenta più di 100 relatori internazionali, 17 aree tematiche, più di 1.500 operatori e manager, 70 speed meeting sulle tematiche più attuali del momento per le aziende e la community del vino.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lavoro: Orlando,banca dati sicurezza per qualificare imprese
Per vedere chi si è comportato bene e chi ha violato la legge
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 ottobre 2021
19:15
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Abbiamo approntato un meccanismo che costringe tutti i soggetti che fanno verifiche e controlli a riversare i dati dentro una banca. Questo lavoro sarà importante per arrivare ad avere una qualificazione delle imprese, cioè vedere le imprese che nel tempo si sono comportate bene e quelle che hanno violato la legge e far conseguire a questo anche una serie di determinate conseguenze”.
Lo sottolinea il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, spiegando su Facebook le novità in materia di sicurezza sul lavoro introdotte nel decreto fiscale approvato dal consiglio dei ministri di venerdì.
Si tratta, afferma, di un primo passo “importante”, ma dovranno seguirne “molti altri”. “Nelle prossime settimane – aggiunge – convocherò le parti sociali per verificare quali ulteriori passaggi fare e come accompagnare con il dialogo sociale ulteriori scelte”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Salone Libro: edizione super, file e boom vendite
Bilancio superiore alle attese, tantissimi i giovani
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
18 ottobre 2021
13:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
E’ il Salone del Libro dei record.
Alle porte del Lingotto le file sono lunghissime, tutto il giorno.
Il bilancio per gli editori – grandi e piccoli – è ottimo, meglio delle più rosee aspettative. Le vendite sono superiori a quelle del 2019, ultima edizione in presenza, per alcuni un vero boom. C’è folla negli stand e agli incontri con gli autori, code ai ‘firmacopie’. Molte case editrici segnalano un’età media del pubblico più bassa del solito, con tanti giovani che non si limitano a fare un giro, ma fanno incetta di titoli. Sbancano libri come ‘Spillover’ di David Quammen, il profeta del Covid, che giovedì si è collegato con il Salone, ma è solo un esempio.
“Una cosa del genere non era immaginabile. Una fiumana di gente, tanto affetto. Saranno più o meno i visitatori del 2019, ma avevo previsto la metà. Non dimentichiamo che ci sono 20.000 studenti in meno. Numeri stupefacenti” sottolinea il direttore Nicola Lagioia che domani farà il bilancio del Salone.
Mondadori segnala per tutte le case editrici del gruppo un incremento medio delle vendite oltre il 30% sul 2019, per Laterza, che al Salone festeggia i 120 anni, “sono superiori al 2018, anno d’oro”. La Sellerio registra una crescita del 30% sull’ultimo Salone, Giulio Perrone Editore stima un aumento del 60%, per E/O che ha tra i punti di forza i libri di Valerie Perrin l’incremento è del 50%. In crescita anche la Adelphi con la Contessa di Benedetta Craveri e Yoga di Emmanuel Carrere.
“Sta andando meglio delle aspettative, ieri è stata una giornata bella. All’incontro con Alberto Angela c’erano più di mille persone. Le vendite sono agli stessi livelli di due anni fa, un ottimo risultato. Tra i titoli più venduti quelli di Alberto Angela, di Sabina Guzzanti, di Antonella Lattanzi, ma anche novità come Il segreto dello speziale di Sarah Penner e Thoni di Giuseppe Ferrario, finalista dello Strega ragazzi. Il bilancio è positivo sia dal punto di vista qualitativo sia tra gli addetti al lavori. C’è un grande entusiasmo per la ripresa e tanto calore del pubblico, tantissimi bambini, davvero un .bellissimo rientro” dice Laura Donnini, amministratrice delegata della Harpercollins Italia. “E’ un Salone molto bello, abbiamo visto molti giovani. Le vendite sono in crescita del 30%, trainate da titoli come Bolle di Sapone di Malvaldi e Mastro Geppetto di Fabio Stassi”, spiega Antonio Sellerio. “Un’edizione straordinaria, abbiamo ritrovato una Torino vogliosa e volenterosa, c’è tanta voglia di libri. Le nostre vendite superano del 60% quelle del 2019 e del 2018 con Aixa De La Cruz, candidata al Premio Strega Europa e i libri della nuova collana Mosche d’oro diretta da Nadia Terranova”, afferma Antonio Sunseri (Giulio Perrone Editore).
Soddisfatti anche i ‘piccoli’. “Un’edizione senza precedenti per la grande voglia di tornare al Salone. Le vendite vanno molto bene per tutti, decisamente di più del passato. Non ce l’aspettavamo, abbiamo finito titoli e rifornito velocemente. Mi aspettavo un buon successo ma non di questo portata” sottolinea Gianmario Pilo, direttore della casa editrice indipendente torinese Add.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
In 20 anni quintuplicate vendite diritti titoli all’estero
Sulla piattaforma NewItalianBooks 260 editori e 1.700 novità
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
17 ottobre 2021
19:53
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Negli ultimi due decenni le vendite di diritti dei titoli italiani all’estero sono quintuplicate. La traduzione è lo strumento fondamentale per la diffusione delle opere degli autori italiani nel mondo, e va sostenuta e promossa.
È il messaggio che arriva dall’incontro al Salone del Libro ‘Il libro italiano nel mercato internazionale’, promosso dal Centro per il libro e la lettura in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e Treccani. Appuntamento che si inserisce in un percorso di riflessione e avvicinamento al Salone del Libro di Parigi 2023 e alla Buchmesse di Francoforte 2024, in cui l’Italia sarà il Paese ospite d’onore.
La crescita è stata favorita dagli interventi delle istituzioni pubbliche, mirati al sostegno dell’editoria italiana sul mercato internazionale. Si concentra su NewItalianBooks, curata da Paolo Grossi: una piattaforma trilingue (in italiano, inglese e francese) pensata per diffondere le novità editoriali italiane sul mercato internazionale. “Il sito conta a oggi l’adesione di 260 editori e ha un catalogo di più di 1700 novità, ed è alimentato dagli editori stessi,”, spiega Grossi che annuncia che presto il sito sarà anche in tedesco, in vista dell’appuntamento del 2024 alla Buchmesse di Francoforte. La piattaforma “è anche una vetrina per le attività degli Istituti Italiani di Cultura, un osservatorio della situazione del mercato italiano e un centro di monitoraggio sullo stato di traduzione dei nostri autori”, aggiunge.
L’impegno economico del Ministero degli Esteri – spiega la dirigente culturale Paola Pugno – è in continua crescita: nel 2021 l’erogazione complessiva dei bandi tocca i 520.000 euro e, grazie al radicamento sui territori degli Istituti Italiani di Cultura, sono arrivate domande di partecipazione da 50 paesi stranieri.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
A Roma l’Insurance Summit, l’evento di Ania sulla sostenibilità
Due giorni di incontri con il focus sui cambiamenti climatici
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2021
11:13
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Al via a Roma la due giorni dell’Insurance Summit, evento internazionale organizzato per la prima volta in Italia dall’ANIA. Il tema centrale del Summit sarà la sostenibilità: verranno approfonditi, in particolare, gli aspetti legati agli investimenti, ai cambiamenti climatici e al sistema di welfare, evidenziando il contributo offerto dal mondo assicurativo.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La prima giornata, dal titolo “Ensuring a prosperous future for people and the planet”, organizzata con il supporto della Federazione Internazionale delle Associazioni Assicurative (GFIA), nell’ambito delle iniziative del G20, sarà dedicata all’analisi dello scenario internazionale, mentre la seconda si concentrerà sul contesto italiano: le priorità del mercato, gli effetti della crisi economica generata dalla pandemia, le prospettive di rilancio anche alla luce delle misure previste dal PNRR.
Al Summit interverranno rappresentanti del Governo, vertici delle compagnie di assicurazione, e autorità nazionali e internazionali.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Tokyo, apertura piatta (+0,03%)
Attesa dati Pil e vendite al dettaglio in Cina
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
18 ottobre 2021
02:17
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Tokyo inizia la prima seduta della settimana all’insegna della cautela, nonostante il progresso degli indici azionari statunitensi, in attesa dei dati dalla Cina, con la crescita del Pil nel terzo trimestre, e le vendite al dettaglio in settembre. L’indice di riferimento Nikkei apre a quota 29.078,58 (+0,03%).
Sul fronte valutario prosegue l’indebolimento dello yen sul dollaro, a un valore di 114,30, e sull’euro a 132,50.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cina: + 4,9% Pil terzo trimestre, frena ai minimi 12 mesi
Delude le attese anche la crescita congiunturale, a +0,2%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
PECHINO
18 ottobre 2021
09:21
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il Pil della Cina ha segnato un marcato rallentamento a luglio-settembre, salendo del 4,9% annuo, ai minimi degli ultimi 12 mesi, dopo il +7,9% del secondo trimestre e contro il +5,2% atteso dagli analisti. In base ai dati diffusi dall’Ufficio nazionale di statistica, la crescita congiunturale è stata dello 0,2%, a fronte dell’1,5% dei tre mesi precedenti e dello 0,5% atteso.
Il trend sconta la crisi energetica, i problemi del settore immobiliare con la crisi di Evergrande e i focolai della variante Delta del Covid-19.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Facebook investe in Europa, 10mila posti lavoro in 5 anni
Spinge sul metaverso, la piattaforma informatica del futuro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2021
11:38
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Facebook investe in Europa, creerà 10mila nuovi posti di lavoro in cinque anni tutti dedicati al metaverso, la piattaforma tecnologica del futuro, un insieme interconnesso di esperienze che coinvolge sia il mondo digitale sia quello fisico. “La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l’accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche”, spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs, e Javier Olivan, Vice Presidente Central Product Services nel dare l’annuncio.
Nella regione, cruciale per il colosso dei social network, è in atto da tempo un dibattito istituzionale su concorrenza e privacy.
“Questo investimento è un voto di fiducia nella forza dell’industria tecnologica europea e nel potenziale del talento tecnologico europeo. L’Europa è estremamente importante per Facebook”, sottolineano Clegg e Olivan ricordando gli investimenti già messi in campo dalla società come “il laboratorio europeo di ricerca sull’Intelligenza Artificiale in Francia e la sede dei Facebook Reality Labs a Cork”. “Una delle più urgenti priorità – aggiungono – è quella di trovare ingegneri altamente specializzati, una campagna di reclutamento avverrà in tutta la regione”. “E’ un voto di fiducia nella forza dell’industria tecnologica e nel talento europeo, anche qui in Italia. Facebook è all’inizio di un percorso entusiasmante per contribuire a costruire la piattaforma informatica del futuro e saranno i talenti europei a plasmarla fin dall’inizio”, commenta Luca Colombo, Country Director di Facebook Italia.
Il termine metaverso è stato usato per la prima volta da Neal Stephenson nel romanzo Snow Crash, un classico del genere cyberpunk pubblicato nel 1992. Viene considerata la nuova frontiera di Internet, un nuovo grande mondo virtuale dove gli utenti, per mezzo dei loro avatar, vivono esperienze interattive multimediali. Una specie di evoluzione del fenomeno Second Life, su cui stanno già puntando i colossi del ‘gaming’. Mark Zuckeberg mesi fa ha già anticipato di voler investire in questo settore che si sposa con gli investimenti che sta facendo da tempo nella realtà virtuale e nei visori a realtà aumentata. Un primo passo di Facebook verso il metaverso può essere considerato lo strumento Horizon Workrooms, lanciato qualche mese fa che permette di lavorare in un ambiente virtuale condiviso in cui si interagisce con il movimento delle mani.
Il metaverso potrebbe essere dunque un nuovo eldorado digitale, un grande spazio condiviso come lo è ora Internet, in cui diverse aziende tecnologiche costruiranno le proprie ‘case’ in cui si muoveranno gli avatar degli utenti con gli smartphone o altri dispositivi. E come tutti gli spazi digitali si porranno problemi di regole. “Per far nascere tutto questo sarà necessaria la collaborazione e la cooperazione tra aziende, sviluppatori, creator e politici”, osserva Facebook che si rivolge all’Ue. “Ha un ruolo importante da svolgere nel definire le nuove regole di internet – concludono Clegg e Olivan – I politici europei sono in prima linea nell’aiutare a includere valori europei come la libertà di espressione, privacy, trasparenza e i diritti delle persone, nel funzionamento quotidiano di internet. Facebook condivide questi valori e nel corso degli anni abbiamo intrapreso azioni significative per sostenerli. Speriamo nel completamento del Mercato Unico Digitale per sostenere ulteriormente gli attuali punti di forza dell’Europa, così come la stabilità sui flussi di dati internazionali che sono essenziali per una fiorente economia digitale”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cambi: euro apre in calo dello 0,19% a 1,157 dollari
Yen stabile a 114
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2021
08:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio in calo per l’euro sui mercati.
La moneta unica passa di mano a 1,157 dollari con un ribasso dello 0,19%.
In Asia lo yen scambia a 114.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: prezzo prosegue rialzo, Brent vicino a 86 dollari
Aumento dell’1%. Wti a 83,4
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2021
08:23
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Partenza in deciso rialzo per il prezzo del petrolio che estende la crescita della scorsa settimana sulla scia della crescente domanda post pandemia e delle tensioni nelle quotazioni di gas e carbone che si estendono anche al greggio. Il Brent del Mare del Nord ha toccato, nei primi scambi ,gli 86 dollari al barile e ora quota a 85,7 dollari con un aumento dello 0,98%, aggiornando i massimi degli ultimi tre anni.
Il Wti del Texas sale a 83,4 dollari.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro: prezzi in calo a 1763 dollari l’oncia
Ribasso dello 0,21%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2021
08:24
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Prezzi dell’oro in calo sui mercati internazionali. Il metallo con consegna immediata cede lo 0,21% a 1763 dollari l’oncia.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Asia in calo con Pil Cina e timori inflazione
Corre petrolio, inflazione record in Nuova Zelanda. Giù i future
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2021
08:31
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Seduta negativa per le Borse asiatiche che scontano i timori per l’avanzata dell’inflazione e per il dato del pil cinese, cresciuto nel trimestre del 4,9%, sotto le attese e al minimo degli ultimi 12 mesi. Tokyo ha perso lo 0,15%, Seul cede lo 0,3%, Hong Kong lo 0,8% e i listini cinesi di Shanghai e Shenzhen, rispettivamente, lo 0,4% e lo 0,3%.
In calo di qualche decimo di punto percentuale anche i future sulle principali piazze del Vecchio Continente e su Wall Street.
I dati dalla Cina su pil, investimenti e produzione industriale hanno deluso gli analisti, mettendo in luce come crisi energetica carenza di materie prime, vicenda Evergrande e stretta contro le imprese private stiano frenando la crescita del Paese.
Intanto l’inflazione in Nuova Zelanda ha registrato l’aumento più forte degli ultimi dieci anni (+4,9%) mentre il petrolio continua a correre con il wti che vede ormai quota 64 dollari (+1,5% a 83,48 dollari) e il brent quota 86 dollari (+1,1% a 85,76 dollari). Ne è conseguita un’impennata dei rendimenti dei bond governativi sia in Nuova Zelanda che in Australia, dove sono saliti fini a un massimo di 18 punti base. I Treasury, i cui rendimenti avanzano di 3 punti base, fanno rotta verso l’1,6%.
“Stiamo iniziando a vedere qualche crepa nella narrativa che sentiamo da un po’ sul fatto che l’inflazione sarà transitoria”, ha dichiarato Meera Pandit, global market strategist di Jp Morgan asset management.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp/Bund apre stabile a 104 punti
Rendimento del decennale allo 0,89%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2021
08:39
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Apertura stabile per lo spread fra Btp e Bund. Il differenziale segna 104 punti, sullo stesso livello della chiusura di venerdì.
Il rendimento del decennale italiano è pari allo 0,89%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano apre in calo (-0,59%)
L’indice Ftse Mib scende a 26.335 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
18 ottobre 2021
09:08
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Apertura in sensibile ribasso per Piazza Affari. L’indice Ftse Mib ha avviato le contrattazioni in calo dello 0,59% a 26.335 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: prezzo prosegue rialzo, Brent vicino a 86 dollari
Aumento dell’1%%. Wti a 83,4
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2021
09:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Partenza in deciso rialzo per il prezzo del petrolio che estende la crescita della scorsa settimana sulla scia della crescente domanda post pandemia e delle tensioni nelle quotazioni di gas e carbone che si estendono anche al greggio. Il Brent del Mare del Nord ha toccato, nei primi scambi ,gli 86 dollari al barile e ora quota a 85,7 dollari con un aumento dello 0,98%, aggiornando i massimi degli ultimi tre anni.
Il Wti del Texas sale a 83,4 dollari.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa parte in calo, Parigi -0,5%
Londra -0,2% e Francoforte -0,4% con Pil Cina, timori inflazione
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2021
09:20
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Apertura in calo per le principali Borse europee, che risentono dei timori per l’inflazione e dei dati macroeconomici dalla Cina, incluso quello sul pil, inferiori alle attese. Dopo i primi scambi l’indice Dax di Francoforte arretra dello 0,43% a 15.520 punti, a Parigi il Cac 40 cede lo 0,5% a 6.693 punti mentre a Londra il Ftse 100 lascia sul terreno lo 0,2 % a 7.219 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: su Milano pesa stacco cedole, bene banche e utility
Male Mediolanum, Unipol, Intesa e Generali, bene Banco e Bper
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2021
09:39
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio in calo per Piazza Affari, con l’indice Ftse Mib (-0,64%) che risente anche dello stacco della cedola da parte di alcuni big. con Mediolanum (-5,4%), Generali (-2,1%), Intesa (-2,9%) e Unipol (-4,1%), le blue chip che oggi pagano il dividendo, in testa ai ribassi sul listino milanese.
Faticano anche Diasorin (-1,5%), Moncler (-1,4%), Interpump (-1,2%) e Recordati (-1,2%). Il possibile prolungamento di sei mesi dei benefici fiscali per le fusioni bancarie sostiene ancora i titoli del credito che potrebbero essere coinvolti nel risiko come Banco Bpm (+1%) e Bper (+0,9%).
In luce il risparmio gestito con Banca Generali (+1,5%), FinecoBank (+1%) e Azimut (+0,8%), tengono le utilities e l’energia con Eni ed Enel (+0,4% entrambe). Poco mossa Mps (+0,1%) mentre si parla di un maxi aumento di capitale, in vista del matrimonio con Unicredit (-0,2%), ma anche di una possibile proroga di sei mesi dei tempi della cessione da parte del Mef, segno che non tutto sarebbe ancora pronto per la vendita.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Assicurazioni:Farina, ruolo primario in crescita sostenibile
Al via la due giorni dell’Insurance Summit dell’Ania
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2021
09:59
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Il settore assicurativo ha la consapevolezza di svolgere un ruolo di primo piano per la crescita economica e per una transizione sostenibile, nella sua accezione più ampia, non solo ambientale ma anche sociale e finanziaria”. Così la presidente dell’Ania (Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici) Maria Bianca Farina, aprendo la due giorni dell’Insurance Summit organizzato dall’Ania.
“Abbiamo ritenuto di strutturare l’Insurance Summit – ha spiegato – in tre panel di discussione: Investimenti sostenibili; Cambiamento climatico ed eventi catastrofali; Un nuovo sistema di welfare”. “L’industria assicurativa a livello mondiale, con oltre 30.000 miliardi di dollari di asset gestiti, ha la capacità e l’interesse a investire in attivi sostenibili e di lungo termine. Può contribuire, quindi, a finanziare la transizione verso economie a emissioni zero, efficienti sotto il profilo delle risorse e più sostenibili”, ha spiegato Farina.
Sul fronte dei cambiamenti climatici, ha ricordato, “è sempre più urgente rafforzare la resilienza delle imprese e delle famiglie attraverso una maggiore diffusione di strumenti di mitigazione, prevenzione e trasferimento del rischio”. Sui rischi per salute e vecchiaia, la presidente Farina ha sottolineato come “il tema del finanziamento di un sistema di protezione più ampio ed inclusivo, possa essere efficientemente affrontato nell’ambito di una più stretta integrazione tra sicurezza sociale e assicurazioni private”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Istat, 3,5 milioni di lavoratori irregolari nel 2019
In calo dell’1,6% rispetto all’anno precedente
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2021
14:55
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nel 2019 le unità di lavoro irregolari erano 3 milioni 586 mila , in calo di oltre 57mila rispetto all’anno precedente (-1,6%). Lo rileva l’Istat nello studio sull’economia non osservata.
Il valore della sotto-dichiarazione e del lavoro irregolare nel 2019 è pari a 167 miliardi.
Nel 2019 l’economia ‘non osservata’ vale 203 miliardi di euro, pari all’11,3% del Pil. Rispetto al 2018 si riduce di oltre 5 miliardi (-2,6%) confermando la tendenza in atto dal 2014. Lo rileva ancora l’Istat sottolineando che la componente dell’economia sommersa ammonta a poco più di 183 miliardi di euro, mentre quella delle attività illegali supera i 19 miliardi.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa giù timori inflazione e Pil Cina, male lusso
Avanza petrolio, scende il gas. Milano -0,6% con stacco cedole
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2021
10:34
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Proseguono in territorio negativo le principali Borse europee a un’ora dall’avvio delle contrattazioni, allineandosi alla chiusura dei listini asiatici e ai future sulla Borsa di New York, in calo frazionale. Agli investitori non sono piaciuti i dati sul pil cinese, inferiore alle attese e in frenata, mentre tengono banco le preoccupazioni sull’inflazione, con il mercato che, annotano gli analisti di Mps Capital Serices, accorcia i tempi per un rialzo dei tassi da parte delle principali banche centrali mondiali.

Parigi cede l’1%, Milano lo 0,6%, Francoforte lo 0,4% e Londra lo 0,2% mentre lo spread Btp-Bund si mantiene a 105 punti base. Il petrolio continua a correre, con il wti in rialzo dell’1,2% a 83,27 dollari e il brent che sale dello 0,8% a 85,53 dollari, mentre il gas naturale perde il 9% ad Amsterdam, a quota 92,8 euro. In Europa vanno male i titoli dell’abbigliamento e del lusso (-2%), che potrebbero risentire della frenata cinese, con kering che cede il 3,3% e Lvmh il 3% mentre tengono utilities (+0,3%) ed energia sono gli unici settori in lieve rialzo.
A Milano Mediolanum (-5%), Unipol (-3,4%), Intesa (-3%) e Generali (-1,9%) scontano lo stacco della cedola mentre tengono bancari e risparmio gestito, con Banca Generali (+2,2%), Banco Bpm (+1,8%) e Bper (+1,4%) in testa ai rialzi.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Istat: economia non osservata 2019 a 203 mld, -2,6%
11,3% Pil; Sommerso 183 mld, 19 mld illegale
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2021
10:47
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nel 2019 l’economia non osservata vale 203 miliardi di euro, pari all’11,3% del Pil. Rispetto al 2018 si riduce di oltre 5 miliardi (-2,6%) confermando la tendenza in atto dal 2014.
Lo rileva l’Istat sottolineando che la componente dell’economia sommersa ammonta a poco più di 183 miliardi di euro mentre quella delle attività illegali supera i 19 miliardi. Sono 3 milioni 586 mila le unità di lavoro irregolari nel 2019, in calo di oltre 57mila rispetto all’anno precedente.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Franco, ancora incertezza, continuare a sostenere l’economia
Ministro economia a Insurance summit Ania
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2021
10:59
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Con il consolidamento della ripresa oggi possiamo guardare al futuro con cauto ottimismo ma dobbiamo continuare a sostenere le nostre economie perché c’è ancora molta incertezza all’orizzonte”. Lo ha detto il ministro dell’Economia Daniele Franco all’Insurance Summit 2021 dell’Ania.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cantieri stradali a rischio, costo bitume +40% da gennaio
Imprese a governo, prorogare compensazione costi materiali
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2021
11:24
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Da gennaio a oggi il costo del bitume (prodotto di derivazione petrolifera essenziale per la costruzione e la manutenzione delle strade e non solo) è aumentato del 40%. Per evitare che il caro materiali produca più danni alle imprese di quelli prodotti del COVID negli ultimi due anni, va previsto anche per il secondo semestre 2021 il meccanismo promosso dal Governo per la compensazione dei costi dei materiali da costruzione che hanno subito un incremento superiore all’8%”.
Lo scrive in un comunicato l’Associazione SITEB – Strade ITaliane E Bitume in una lettera indirizzata al Presidente del Consiglio dei Ministri – Mario Draghi, al Ministro dell’Economia e delle Finanze – Daniele Franco, al Ministro dello Sviluppo Economico – Giancarlo Giorgetti e al Ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili – Enrico Giovannini.
L’energica ripresa dell’attività in edilizia (stimolata dai provvedimenti governativi riguardanti le agevolazioni per i lavori di riqualificazione energetica e sismica degli edifici) e dei lavori di manutenzione stradale si sta scontrando da alcuni mesi con l’incremento dei costi delle materie prime e anche con la carenza sistematica dei prodotti necessari per eseguire i lavori. A mancare sono soprattutto le materie prime di derivazione petrolifera, ma non solo.
Tale situazione si è ulteriormente complicata dalla fine dell’estate. Al rialzo dei prezzi sono andati infatti a sovrapporsi, a partire da settembre, incrementi inimmaginabili del petrolio e dell’energia elettrica, che registra aumenti del 60% e termica (il costo del gas è più che raddoppiato). Tutto questo si tramuta in grosse difficoltà di gestione dei cantieri avviati, sia in termini di avanzamento lavori, che di aggiornamento dei prezzi in corso d’opera.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Milano vince l’Earthshot Prize del Principe William
Premiati con 1 mln sterline gli Hub contro lo spreco alimentare
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
18 ottobre 2021
12:09
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La città di Milano, con il progetto della Food policy degli hub di quartiere contro lo spreco alimentare, ha vinto la prima edizione del prestigioso premio internazionale Earthshot Prize sulle migliori soluzioni per proteggere l’ambiente. Ad annunciare la vittoria di Milano è stato nella notte di domenica il Principe William, dopo la valutazione di un comitato di esperti internazionale che ha scelto Milano tra 750 iniziative candidate da tutto il mondo.

A Milano la BBC, come spiegano dal Comune, ha preparato un collegamento con Londra da una terrazza con vista Duomo, al quale ha preso parte la vicesindaca Anna Scavuzzo, con rappresentanti di tutti i partner che rendono vivo questo progetto.
Il premio di un milione di sterline verrà utilizzato per potenziare sempre più questi Hub, aprirne di nuovi, garantendone la sostenibilità sul lungo periodo e replicare questa virtuosa buona pratica nella rete delle città che lavorano con Milano sulle food policy, partendo dalla rete delle città di C40 e del Milan Urban Food Policy Pact.
Il progetto è nato da un’alleanza, nel 2017, tra Comune di Milano, Politecnico di Milano, Assolombarda, Fondazione Cariplo e il Programma QuBì. La realizzazione del primo Hub ha poi coinvolto Banco alimentare della Lombardia e ha permesso di salvare oltre 10 tonnellate di cibo al mese, assicurando in un anno un flusso di 260.000 pasti equivalenti, che hanno raggiunto 3.800 persone, grazie al contributo di 20 supermercati, 4 mense aziendali e 24 enti del Terzo settore. A seguire, è stato avviato l’Hub di Lambrate mentre il terzo Hub, al Gallaratese, è gestito da Terre des hommes con il contributo di Fondazione Milan. Il prossimo Hub, in fase di progettazione, sarà quello del Corvetto, con la gestione del Banco Alimentare della Lombardia e il contributo della Fondazione Snam.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fisco: Bonomi, serve riforma organica ma governo non univoco
‘Più soldi agli italiani e meno tasse alle imprese’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2021
14:28
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Noi siamo per una riforma organica del fisco. Poi guardiamo la composizione del governo e ci accorgiamo che non c’è una posizione univoca.
Da tempo diciamo che bisogna fare un intervento massiccio sul cuneo fiscale con più soldi agli italiani e meno tasse alle imprese. Il reddito sul fronte della povertà va bene ma va rivisto”. Lo ha detto il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, nel corso della presentazione dell’accordo con Intesa Sanpaolo.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Intesa: Messina, impegnati a far crescere il nostro Paese
‘E’ un momento decisivo per il futuro’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2021
13:03
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Noi vogliamo prenderci l’impegno di lavorare per far crescere il Paese. Questo è un impegno che abbiamo preso con tutti i governi, ma in questa fase è ancora più importante visto il momento che stiamo affrontando.
Questo è il momento decisivo per il nostro Paese”.. Lo ha detto il ceo di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina, nel corso della presentazione dell’accordo con Confindustria.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bce: Visco, mantenere flessibilità anche post Covd
Aumento acquisti bond Ue è opzione
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2021
13:28
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Bce dovrebbe “mantenere la flessibilità” anche dopo la fine della pandemia e “dobbiamo certamente discutere come mettere a punto i nostri programmi di acquisto” di asset. Lo afferma il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco in un’intervista a Bloomberg tv.
“Aiuterà – spiega contro shock imprevisti e ad evitare la frammentazione che può tornare a crescere”. Per il governatore inoltre la possibilità che la Bce aumenti il limite di acquisti di obbligazioni emesse dalla Ue con il Next Generation Eu, è un’opzione che però deve essere ancora discussa.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa teme corsa prezzi, in rialzo petrolio e gas
Milano maglia nera, scivola Mps. Tengono solo banche ed energia
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2021
14:29
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza Affari peggiora nel corso della mattinata e, a metà seduta, si ritrova ad indossare la maglia nera tra le Borse del Vecchio Continente, tutte in negativo sui timori che l’inflazione possa accelerare un stretta monetaria da parte delle banche centrali e deluse dai dati macro provenienti dalla Cina, dove il Pil del terzo trimestre è cresciuto solo del 4,9%. Londra cede lo 0,2%, Francoforte lo 0,6% mentre Milano e Parigi arretrano dello 0,9%.

Mentre il petrolio continua a correre, con il wti a 83,60 dollari (+1,6%) e il brent a 85,75 (+1%) anche il gas ha ripreso a volare, dopo che è emerso che la Russia manterrà limitate le forniture all’Europa a novembre, con il TTF, l’indicatore benchmark per il gas europeo, che avanza del 17,7% a 103,2 euro.
Gli analisti temono che la corsa dei prezzi possa essere meno transitoria di quanto le banche centrali cercano di far credere e sul mercato monetario si scommette per un anticipo del rialzo dei tassi.
A Piazza Affari soffrono Banca Mediolanum (-6%), Unipol (-4,1%), Intesa (-3%) e Generali (-2,1%), penalizzate dallo stacco della cedola. Si appesantisce anche Mps (-1,7%), su cui aleggia l’ipotesi di una ricapitalizzazione superiore ai 5 miliardi, funzionale al matrimonio con Unicredit (-0,7%) e mentre in Borsa crollano i bond subordinati di Siena. In controtendenza qualche bancario per cui si scommette sul risiko, come Banco Bpm (+1,8%) e Bper (+1,3%), e i titoli del risparmio gestito, a partire da Banca Generali (+1,9%). Male anche Campari (-1,6%), Hera (-1,5%) e Atlantia (-1,4%). In Europa tengono solo gli energetici (+0,6%), spinti dai rialzi dei prezzi, e le banche (+0,2%), che sperano nel rialzo dei tassi.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: in rialzo a New York a 83,49 dollari
Quotazioni salgono dell’1,47%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
18 ottobre 2021
15:07
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il petrolio è in rialzo a New York, dove le quotazioni salgono dell’1,47% a 83,49 dollari al barile.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano peggiora (-1,07%) con Europa e Wall Street
Bene il settore energia. A Piazza Affari pesa stacco cedole
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2021
15:49
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee perdono terreno con l’avvio negativo di Wall Street in una mercato che continua a guardare con qualche timore ai rialzi dei prezzi dell’enegia, greggio e gas in testa. A Milano (-1,07%) sono spaccati in due i titoli finanziari con Mediolanum in forte discesa (-7%) per lo stacco del dividendo come Unipol (-4,64%), Intesa (-3,57%) e Generali (-2,34%).
Chi non paga oggi il dividendo è invece in testa al listino: Banca Generali (+1,25%), Bper (+1,08%), Banco Bpm (+1,05%). Segno meno per Unicredit (-0,58%) e per Mps (-2,29%) sulle ipotesi di un maxi-aumento di capitale e di uno slittamento della fusione insieme agli incentivi fiscali.
Altrove Parigi cede l’1,02%, Francoforte lo 0,92% e Londra lo 0,58%: solo i titoli del’energia si muovono con sicurezza in positivo.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Snam: Alverà, 150 progetti da imprenditori sull’idrogeno
Tra 5 anni potrà costare 50 euro a Mwh, nel 2030 la metà
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2021
16:54
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Abbiamo 150 richieste di progetti di imprenditori che vogliono sperimentare sull’idrogeno. Stiamo lavorando con aziende grandi dell’acciaio, della ceramica e del vetro, e stiamo vedendo cosa significa mettere l’idrogeno belle fabbriche”.
Lo ha detto l’amministratore delegato di Snam, Marco Alverà, nel corso dell’assemblea di Confindustria Brescia.
“L’idrogeno verde – ha aggiunto – tra 5 anni potrà costare 50 euro a Mwh e la scommessa che stiamo facendo è portarlo a 25 euro al 2030. Ed ecco la transizione ecologica che ci da un combustibile verde che costa meno. L’idrogeno viaggia nel tubi e la Germania dovrà importarlo dagli altri Paesi attraverso l’Italia. Noi siamo per la neutralità tecnologica, crediamo nel gas, nell’idrogeno di diverso colore e nel bio metano.
L’importante è non fare scommesse su cose di cui poi possiamo pentirci. Dobbiamo immaginare una transizione che crea posti di lavoro, rispetta l’ambiente e ci fornisce energia ad un costo più basso. Sul fronte dell’idrogeno l’Italia ha una serie di vantaggi, dalla rete allo stoccaggio e quindi partiamo bene”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Accordo Intesa Sanpaolo-Confindustria, 150 miliardi alle imprese
Per la crescita su competitività, Innovazione e sostenibilità
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2021
13:19
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, e il consigliere delegato e Ceo di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina, hanno firmato il nuovo accordo per la crescita delle imprese italiane. Il nuovo percorso congiunto “Competitività, Innovazione, Sostenibilità” metterà a disposizione delle imprese italiane 150 miliardi di euro per promuovere l’evoluzione del sistema produttivo su questi tre driver fondamentali per la crescita e in coerenza con il Pnrr.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Clima: premio Earthshot, Italia vince due categorie su 5
Iniziativa principe William, premiate Milano e società Enapter
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2021
10:59
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’Italia si è aggiudicata ieri sera due categorie su cinque della prima edizione dell’Earthshot Prize, un’iniziativa voluta dal principe William per premiare ogni anno le migliori soluzioni alla crisi climatica.
Finanziato dallo stesso primogenito di Carlo e Diana insieme alla Royal Foundation, il premio assegna un milione di sterline (1,17 milioni di euro) a ciascuna delle cinque categorie (‘Proteggi e ripristina la natura’, ‘Pulisci l’aria’, ‘Rianima gli oceani’, ‘Costruisci un mondo senza rifiuti’ e ‘Ripristina il nostro clima’).
I fondi contribuiranno allo sviluppo dei progetti scelti.
L’Italia è salita sul podio di ‘Costruisci un mondo senza rifiuti’ con la città di Milano e di ‘Ripristina il nostro clima’ con la società Enapter, che ha la sua sede principale a Crespina Lorenzana (Pisa).
Co-fondata da Vaitea Cowan, la Enapter produce generatori di idrogeno modulari ad alta efficienza, una “tecnologia verde” – si legge sul sito web dell’Earthshot Prize – che “potrebbe cambiare il modo in cui alimentiamo il nostro mondo”. Il Comune di Milano è stato premiato per i suoi hub di quartiere creati per contrastare lo spreco di cibo e per dare allo stesso tempo sostegno alle persone in difficoltà.
“Milano è la prima grande città ad applicare una politica contro lo spreco alimentare a livello cittadino che comprenda enti pubblici, banche alimentari, enti di beneficenza, Ong, università e imprese private. E sta funzionando – recita la motivazione del premio -. Oggi la città ha tre Food Waste Hub, ognuno dei quali recupera circa 130 tonnellate di cibo all’anno o 350 kg al giorno, equivalenti a circa 260.000 pasti”.
Il Costa Rica ha vinto il premio nella categoria ‘Proteggi e ripristina la natura’, la società indiana Takachar si è aggiudicata il premio ‘Pulisci l’aria’ e al progetto Coral Vita (Bahamas) per la rigenerazione delle barriere coralline è andato il premio nella categoria ‘Rianima gli oceani’.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il Salone del Libro chiuderà con 150.000 visitatori
Lagioia, è il record di sempre
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
18 ottobre 2021
17:40
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 148.000 alle 16 le persone che hanno visitato il Salone del Libro, la chiusura è prevista a 150.000. Lo ha comunicato Piero Crocenzi, a.d.
Salone Libro Srl, nella conferenza stampa di chiusura. “È il Salone con più visitatori di sempre. Ne avevo ipotizzati 70-80.000”, ha detto il direttore Nicola Lagioia.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude in calo (-0,83%)
Indice Ftse Mib a 26.268 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
18 ottobre 2021
17:41
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza Affari chiude in calo la prima seduta della settimana. L’indice Ftse Mib ha perso lo 0,83% a 26.268 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa termina negativa, Francoforte -0,72%
Parigi ha perso lo 0,81%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2021
18:03
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee hanno chiuso in ribasso. Francoforte ha perso lo 0,81%, Parigi lo 0,81% mentre Londra nelle ultime battute ha ceduto lo 0,42 per cento.

La Tua opinione è importante! Vota questo articolo, grazie!
No votes yet.
Please wait...

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.