Economia tutte le notizie. Tutte, complete, sempre approfondite ed aggiornate. Leggile e condividile!
Aggiornamenti, ECONOMIA, Notizie, Ultim'ora

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE: TUTTI GLI APPROFONDIMENTI ED AGGIORNAMENTI DAL MONDO ECONOMICO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE: LEGGI!

Tempo di lettura: 158 minuti

Ultimo aggiornamento 24 Novembre, 2021, 01:06:08 di Maurizio Barra

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 00:33 DI MARTEDÌ 16 NOVEMBRE 2021

ALLE 01:06 DI MERCOLEDÌ 24 NOVEMBRE 2021

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa: Tokyo, apertura poco variata (-0,09%)
Cautela da Wall Street, attesa vertice Cina e Usa
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
16 novembre 2021
00:33
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Tokyo inizia gli scambi all’insegna della cautela, seguendo il ritracciamento degli indici azionari statunitensi e in attesa del faccia a faccia virtuale tra il presidente americano Joe Biden e il leader cinese Xi Jinping.
Il Nikkei fa segnare una variazione appena negativa dello 0,09%, a quota 29.749.71.
Sul mercato dei cambi lo yen è stabile sul dollaro a 114,10 e sull’euro a 129,70.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: apre in rialzo a 81,5 dollari (+0,8%)
Brent sale a 82,9 dollari
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
08:06
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sale, all’avvio di giornata, il prezzo del petrolio.
Gli investitori restano in attesa delle mosse dell’amministrazione Usa che potrebbe ricorrere alle riserve strategiche per calmierare il mercato.
Il greggio Wti del Texas sale dello 0,8% a 81,5 dollari al barile mentre il Brent del Mare dle Nord avanza dell’1% a 82,9 dollari.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro: prezzo stabile a 1864
Variazione di +0,09%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
08:09
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Prezzo dell’oro stabile sui mercati.

Il metallo con consegna immediata passa di mano a 1864 dollari l’oncia (+0,09%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cambi: euro poco mosso a 1,1376 dollari
Yen a 114 (+0,07%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
08:13
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Euro poco mosso alla partenza di giornata.
La moneta unica passa di mano a 1,1376 dollari (+0,04%).
In Asia anche lo yen è stabile a 114 (+0,07%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa:Asia in rialzo, guarda a Biden-Xi
Tokyo +0,11%, Hong Kong +1,1%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
08:32
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse in Asia si sono mosse in rialzo ma sul finale ripiega la CIna con l’indice di Shanghai in calo dello 0,33% e lo Shenzen dello 0,5 per cento.
Guida i rialzi invece Hong Kong (+1,10%) dove il listino sale scommettendo sul vertice USA-Cina ma anche sulla spinta degli attesi guadagni per il Casinò di Macao.
Tokyo ha guadagnato lo 0,11 per cento.
L’indice MSCI Asia Pacific è salito dello 0,3%, sulla buona strada per la sua più lunga serie di vittorie giornaliere dall’inizio di settembre. I settori dei beni di consumo e della tecnologia sono quelli che hanno fornito il maggiore impulso al benchmark.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp/Bund apre stabile a 122 punti
Rendimento del decennale italiano allo 0,99%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
08:38
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Apertura stabile per lo spread fra Btp e Bund tedesco.
il differenziale segna 122 punti.
Il rendimento del decennale italiano è pari allo 0,99%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano apre in rialzo dello 0,23%
Ftse MIb a quota 27.932 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 novembre 2021
09:05
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano apre in rialzo.

Il Ftse Mib in avvio segna un +0,23% a quota 27.932 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa in avvio positiva, Parigi +0,25%
Francoforte +0,16%, Londra +0,11%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
09:09
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee aprono in positivo.
Parigi registra un +0,25% con il Cac 40 a quota 7.146 punti.
Francoforte segna un +0,16% con il Dax a 16.174 punti.
Londra è a +0,11% con il Ftse 100 a 7.360 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano conferma rialzo (+0,21%) con Tim in luce
Acquisti anche su Tenaris, Eni e Cnh, spread stabile a 122 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
09:32
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano conferma il passo dell’avvio con il Ftse Mib che guadagna lo 0,21% a ridosso dei 28mila punti.
Tra i titoli in evidenza Tim (+2%) nel giorno di una serie di appuntamenti programmati, quali il comitato controllo e rischi e quello per le nomine così come il collegio sindacale.
Segue Tenaris (+1,17%) e sempre nell’energia Eni (+0,89%) mentre il petrolio è in salita a 81,5 dollari al barile. Acquisti poi su Cnh (+1,1%), Unipol (+0,79%), Ferrari (+0,84%), Exor (+0,57%) .
Sul fronte opposto del listino Hera (-0,98%), Italgas (-0,75%), Amplfon (-0,57%) , Generali (-0,42%). Lo spread tra Btp e Bund resta stabile nell’area dei 122 punti con il rendimento del decennale italiano allo 0,99 per cento.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa in positivo, guarda a inflazione e Biden-Xi
Spread sale a 123 punti, l’euro è debole sul dollaro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
10:05
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee resistono in positivo anche se iniziano a limare con lo sguardo rivolto, da una parte ,all’inflazione e, dall’altra, al primo vertice Biden-Xi.
L’indice d’area, lo stoxx 600, sale di quasi un quarto di punto con l’energia che tira i listini.
Il petrolio conferma il rialzo con il wti a 81,6 dollari al barile e il brent che sfiora gli 83 dollari al barile.
Il focus è soprattutto sugli Stati Uniti con una serie di macro: dalle vendite al dettaglio alla produzione industriale, dalle scorte delle imprese ai prezzi alle importazioni. Così come sono attesi una serie di interventi di diversi membri Fed.
Attenzione anche in Europa al pil dell’eurozona. Tra le singole Piazze Parigi registra un +0,29%, Francoforte un +0,16%. Mentre Londra è sulla parità e Milano segna un +0,11% sempre con l’evidenza di Tim (+1,86%). Lo spread tra Btp e Bund sale a 123 punti con il rendimento del decennale italiano allo 0,99%.
L’euro è a 1,1373 sul dollaro.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Prezzi: Istat, inflazione mai così alta dal 2012
Trainata da beni energetici. Inflazione acquisita all’1,8%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
10:28
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’inflazione, aumentata a ottobre per il quarto mese consecutivo, si è portata da una variazione negativa registrata a dicembre 2020 “a una crescita di un’ampiezza che non si registrava da settembre 2012 (quando fu pari a +3,2%)”.
E’ quanto sottolinea l’Istat precisando che “i Beni energetici continuano a essere protagonisti, contribuendo per più di due punti percentuali all’inflazione e spiegando buona parte dell’accelerazione rispetto a settembre”.
L’inflazione acquisita per il 2021 è pari a +1,8% per l’indice generale e a +0,8% per la componente di fondo.
L’Istat rivede al rialzo le stime di inflazione. Nel mese di ottobre, comunica l’Istituto di statistica, si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registri un aumento dello 0,7% su base mensile e del 3,0% su base annua (da +2,5% del mese precedente); la stima preliminare era +2,9%. L’ulteriore accelerazione dell’inflazione è in larga parte dovuta, anche in ottobre, ai prezzi dei beni energetici. Accelerano rispetto al mese di settembre, ma in misura minore, anche i prezzi dei servizi relativi ai trasporti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Traffico strade ai livelli pre-Covid, ancora deboli aerei e treni
Il rapporto Mims sul terzo trimestre, indietro anche il Tpl
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
11:06
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il trasporto stradale di merci e passeggeri è, nel terzo trimestre, tornato ai livelli pre-Covid, mentre il trasporto ferroviario, quello aereo per passeggeri e il trasporto pubblico locale ancora non recuperano i flussi pre-lockdown.
E’ quanto emerge dal Rapporto dell’Osservatorio sulle tendenze di mobilità, elaborato dalla Struttura Tecnica di Missione del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (Mims) .
Nel trasporto stradale resta una lieve contrazione (-2%) del traffico rispetto allo stesso periodo del 2019 per i veicoli leggeri sulla rete Anas, mentre sulle autostrade si è registrato un aumento del 3%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Prezzi: Istat, rivede inflazione a rialzo, +3% a ottobre
Aumento prezzi su mese +0,7%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
10:48
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’Istat rivede al rialzo le stime di inflazione.
Nel mese di ottobre, comunica l’Istituto di statistica, si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registri un aumento dello 0,7% su base mensile e del 3,0% su base annua (da +2,5% del mese precedente); la stima preliminare era +2,9%.
L’ulteriore accelerazione dell’inflazione è in larga parte dovuta, anche in ottobre, ai prezzi dei beni energetici.
Accelerano rispetto al mese di settembre, ma in misura minore, anche i prezzi dei servizi relativi ai trasporti.
L’inflazione, aumentata a ottobre per il quarto mese consecutivo, ha toccato una crescita di un’ampiezza che non si registrava da settembre 2012 (quando fu pari a +3,2%).
L’inflazione acquisita per il 2021 è pari a +1,8% per l’indice generale e a +0,8% per la componente di fondo.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Gucci: Bizzarri, torniamo alle sfilate di febbraio e settembre
Amministratore delegato al 26/o Fashion Summit Pambianco-PwC
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
11:39
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Oggi non c’è più ragione di stare fuori dalle Fashion Week com’era prima.
Ci siamo messi nelle condizioni di riprendere ciò che era prima della pandemia.
Gucci quindi parteciperà alle sfilate di febbraio e di settembre”. Ad annunciarlo è stato Marco Bizzarri, presidente e ceo di Gucci, al 26/o Fashion Summit Pambianco-PwC, a Palazzo Mezzanotte a Milano, dal titolo “La fashion Industry e i nuovi paradigmi.
Accelerazione digitale, ricerca e competenze”.
“Questi cinque anni – ha affermato ripercorrendo il suo lavoro nella maison – sono stati una cavalcata, a parte l’anno scorso, che è stata un’esperienza un po’ drammatica. Da allora abbiamo più o meno triplicato il fatturato e quest’anno chiuderemo più o meno in linea col 2019”.
“A marzo del 2020 – ha aggiunto – abbiamo pensato che fosse il momento di un cambiamento sia di business che di estetica.
Abbiamo voluto fare con Alessandro Michele, il direttore creativo, una scelta importante per il marchio, rivedendo il wholesale a favore del retail. Quanto ai tempi delle sfilate, ogni marchio avrà l’autonomia di poter scegliere ciò che vuole.
Con Aria ad aprile, con Love Parade a Los Angeles, non c’è più ragione di stare fuori dalle Fashion Week”. Quanto poi alla sostenibilità, “dal 2015 – ha riferito – abbiamo ridotto l’impatto ambientale del 47%, tuttavia l’impatto rimane ed essendo un ceo non sono abituato ad avere obiettivi al 2050. Se inquini, paghi e se i governi non sono in grado di farlo, lo facciamo da soli”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano si appiattisce in scia inflazione, svetta Tim
Deboli i bancari, lo spread scende a 121 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
11:41
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano si appiattisce e finisce sulla parità (Ftse Mib a 27.868 punti) con l’inflazione in Italia, aumentata a ottobre per il quarto mese consecutivo, che non è mai stata così alta dal 2012.

Ad incidere sul listino che è controcorrente rispetto alle altre Piazze europee, la debolezza dei bancari mentre lo spread tra Btp e Bund si riduce a 121 punti base con il rendimento del decennale italiano che scende allo 0,97 per cento.
Banco Bpm cede lo 0,36%, Unicredit lo 0,39%, Intesa Sanpaolo lo 0,42%. Tra gli altri maglia nera nel listino Ampifon (-2%), seguita da Hera (-1,15%) e Banca Generali (-1,14%) .
Prosegue invece il buon passo di Tim (+2,2%) con una serie di appuntamenti programmati, quali il comitato controllo e rischi e quello per le nomine così come il collegio sindacale.
In evidenzia nell’energia Eni (+1,2%) con il petrolio in lieve rialzo a 81,2 dollari al barile. Nel paniere delle Pmi all’esordio +23% per i caschi Racing Force.
Tra le altre Borse è piatta anche Londra mentre Parigi e Francoforte guadagnano un quarto di punto così come l’indice d’area, lo stoxx 600.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Confesercenti, italiani più poveri, persi 35/40mld consumi
De Luise, ripresa consumi sarà più lenta di quella del Pil
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
11:47
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“La maggiore inflazione potrebbe sottrarre, in 2 anni, 9,5 miliardi di euro di consumi: circa 4 miliardi quest’anno e 5,5 miliardi del 2022”, avverte la presidente di Confesercenti, Patrizia De Luise, all’assemblea annuale: “La ripresa dei consumi sarà più lenta di quella del Pil.
A fine 2022 il volume dei consumi potrebbe rimanere al di sotto del livello pre-pandemico, con uno scarto residuo di circa 20 miliardi”; “La pandemia ha impoverito gli italiani.
A fine 2021 il reddito medio delle famiglie sarà ancora 512 euro inferiore ai livelli pre-crisi”, e la prudenza ha portato ad una perdita di consumi “fra 35 e 40 miliardi annui”.
Sul calo dei consumi “incide la crisi del lavoro”, avverte Confesercenti: “Dall’inizio dell’anno, sono stati recuperati solo 340.000 posti di lavoro dei 720.000 persi nel 2020: meno della metà. Per i lavoratori indipendenti, poi, è stata una vera e propria strage: sono 356.000 in meno rispetto al pre-covid”, sottolinea la presidente, Patrizia De Luise, nella sua relazione all’assemblea annuale.
“E c’è un paradosso – rileva – : nel turismo e nei servizi non si trovano professionalità disponibili. Una domanda di 100.000 lavoratori da parte delle imprese non trova risposte”. Sono 100mila “posti vacanti per assenza di personale”, sottolinea Confesercenti, perché l’incertezza creata dall’emergenza Covid in alcuni settori “ha ridotto anche il personale specializzato disponibile”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Agricoltura: 120mila euro a progetti di inclusione sociale
Premiati i vincitori di “Agro-social”, iniziativa Confagri-Jti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
11:52
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Hasta l’Huevo!” di San Vito dei Normanni (Brindisi), “R.Accogliere” di Rocca Massima (Latina) e “PRO J.O.B.
(Just One Bike)” di Roma, che coinvolge una pluralità di soggetti in Regioni diverse, sono le tre realtà che si sono aggiudicate il premio di 40.000 euro ciascuna, messo in palio nella seconda edizione del bando “Agro-Social: Seminiamo valore”, nato dalla collaborazione tra Confagricoltura e Jti Italia (Japan Tobacco International).
Ideato con l’obiettivo di selezionare, premiare e supportare tre iniziative di agricoltura sociale quest’anno il riconoscimento, a seguito della pandemia, è stato dedicato alle tre categorie che hanno subito le maggiori difficoltà: le imprese femminili, le aree interne e il meridione d’Italia. Ad aggiudicarsi il premio “Sviluppo per il Sud” è stato il progetto “Hasta l’Huevo!” di Xfarm, iniziativa di rete tra l’azienda agro-ecologica, la cooperativa sociale Qualcosa di Diverso, 180 Amici Puglia Onlus e Arci Brindisi. Il premio per il “Rilancio delle aree interne” è andato a “R.Accogliere”, un progetto di collaborazione tra varie realtà del territorio dei Monti Lepini. Ha vinto invece il “Premio per impresa donna” l’iniziativa “PRO J.O.B. (Just One Bike)”, che ha lo scopo di valorizzare i prodotti delle fattorie sociali e delle aziende agricole laziali e dell’Italia centrale, creando nuovi posti di lavoro.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Benzina: prezzo inverte rotta, lieve ribasso a 1,750 euro
In calo anche il gasolio, continua a salire il Gpl
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
12:23
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
I prezzi dei carburanti invertono rotta dopo due mesi e mezzo di rialzi ininterrotti.
Secondo le rilevazioni settimanali del Ministero della Transizione ecologica, la benzina in modalità self costa nella media nazionale 1,750 euro al litro (da 1,751 del precedente monitoraggio) e il diesel si attesta a 1,613 euro (da 1,614 della settimana precedente).
Ancora un lieve rialzo invece per il Gpl che segna 0,834 euro al litro da 0,832 euro della scorsa rilevazione.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Brembo:Bombassei lascia, Tiraboschi sarà il nuovo presidente
Fondatore diventa presidente emerito,Daniele Schillaci sarà ceo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
12:41
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Alberto Bombassei lascia il ruolo di presidente di Brembo e diventerà emerito.
Al suo posto arriva Matteo Tiraboschi attuale vice Presidente esecutivo.
Nel ruolo di ceo ci sarà Daniele Schillaci. E’ quanto emerso nel corso del consiglio d’amministrazione della società che ha convocato per il prossimo 17 dicembre 2021 l’assemblea.
In tale occasione sarà innanzitutto sottoposta agli azionisti, in seduta straordinaria, la proposta di modificare lo statuto introducendo il ruolo del Presidente Emerito e prevedendo la possibilità, per il Consiglio di Amministrazione, di costituire un Comitato di Indirizzo Strategico dotato di funzioni propositive e consultive e chiamato ad esprimersi sulle linee strategiche e sulle azioni finalizzate allo sviluppo del gruppo Brembo.
Da tempo “ho espresso l’intenzione di rinunciare alle mie deleghe operative. Oggi, coerentemente con questa volontà, ho scelto di lasciare la carica di Presidente”, afferma Alberto Bombassei. “È un passo aggiunge – che compio con grande serenità. Sono certo, infatti, di garantire a Brembo una guida sicura e soprattutto capace di affrontare con successo le nuove sfide che il settore della mobilità pone in questa fase di radicale trasformazione”.
“Esprimo la mia più profonda gratitudine ad Alberto Bombassei, che alla guida di Brembo ha reso il Gruppo un’autentica eccellenza italiana. Da sempre, il suo lavoro e il suo impegno rappresentano l’esempio da cui tutti noi traiamo ispirazione”, sostiene Matteo Tiraboschi.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Poste: pacchi consegnati in 90 minuti con servizio online
Su Roma e Milano consegne “Instant” anche di sera e festivi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
13:22
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Poste lancia Instant, il nuovo servizio di consegna veloce su Roma, Milano e presto nei principali centri urbani, per privati e professionisti che hanno l’esigenza di spedire documenti urgenti e pacchi fino a 20kg di peso con dimensioni non eccedenti le misure di 120 x 80 x 60 cm.

Il servizio, si legge in una nota, “è attivo tutti i giorni fino alle 23.00, con consegne anche di sabato e domenica ed è effettuato tramite il partner di servizi pony express PonyU”.
Il servizio, spiega Poste, è accessibile tramite il portale on line Poste Delivery Web all’indirizzo https://postedeliveryweb-retail.poste.it/postedeliveryweb/retail, dove è possibile visualizzare tre opzioni di consegna: in città, in Italia o all’estero.
Selezionando l’opzione “in città” si può verificare la disponibilità del servizio Instant, inserendo il Cap del mittente e quello del destinatario. Se la tratta è coperta si procede con l’acquisto scegliendo tra le soluzioni di consegna veloci disponibili: la consegna Instant, che prevede ritiro e consegna in città entro 90 minuti, oppure Today o Tomorrow che prevedono il ritiro e la consegna in giornata o il giorno dopo, in mattinata, il pomeriggio o la sera. Inoltre, conclude la nota, per effettuare questo invio non è necessario stampare alcuna etichetta, in modo veloce e totalmente green.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: Crif, prestiti famiglie sui livelli pre-pandemia
In ottobre richieste +25%, ‘riallineamento’ rispetto al 2019
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
13:35
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nel mese di ottobre si consolida ulteriormente la crescita del numero di richieste di prestiti da parte delle famiglie italiane che, nell’aggregato di domande personali e finalizzate, sono aumentate del 25,3% rispetto allo stesso mese del 2020, confermando il trend positivo iniziato lo scorso marzo.
Nei primi 10 mesi dell’anno si registra, rispetto al corrispondente periodo del 2020, un incremento delle richieste pari al 21% “con un sostanziale riallineamento rispetto ai volumi del 2019 pre-pandemia”.
Lo affermano i dati Eurisc, il Sistema di informazioni creditizie gestito da Crif.
La crescita è sostenuta primariamente dall’andamento dei prestiti finalizzati all’acquisto di beni e servizi (quali auto e moto, arredo, elettronica ed elettrodomestici, energie rinnovabili), con le richieste che nell’ultimo mese di osservazione hanno fatto segnare un balzo del 41,1%, che porta la variazione complessiva dall’inizio dell’anno a un +32% rispetto ai primi 10 mesi del 2020 e a un +15,4% rispetto al corrispondente periodo 2019, “a conferma della decisa ripresa dei consumi delle famiglie sostenuti da un credito rateale concesso a tassi d’interesse ancora contenuti”, aggiunge Crif.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Festival Futuro Verona, si parte con la sfida tecnologica
Dal 18/11, 3 giorni per parlare del mondo che verrà
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
VERONA
16 novembre 2021
13:38
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La sfida tecnologica di fronte al ritmo forsennato dell’innovazione, la sanità e le nuove politiche per la salute dopo la pandemia Covid, la ‘space economy’ e la sostenibilità nell’epoca del riscaldamento globale sono i temi sui quali si svilupperà l’edizione 2021 del Festival del Futuro di Verona.
Tre giorni di confronto – dal 18 al 20 novembre a Veronafiere – tra scienziati, imprenditori, innovatori, progettisti ‘visionari’ dell mondo che verrà.

Un’iniziativa promossa dal gruppo editoriale Athesis – editore de l’Arena, Il Gioirnale di Vicenza, Bresciaoggi – che quest’anno torna con alcune novità; come la Future Arena, il nuovo format dedicato alle start up e all’innovazione.
L’apertura della manifestazione, giovedì 18, vedrà subito un tuffo nella tecnologia, con il racconto della strategia tecnologica che ha permesso al Pastificio Rana di superare in pochi anni il miliardo di fatturato, vincendo per tre anni consecutivi il titolo IRI-BCG come azienda a maggiore crescita sul mercato americano. Ad anticipare questo focus, sarà la tavola rotonda “La sfida tecnologica: come fare fronte al ritmo esponenziale dell’innovazione”, con interventi, tra gli altri, di Fabio Moioli, (Microsoft) Massimo Portincaso (Hello Tomorrow), Anna Grassellino, Senior Scientist Director, e Rosario Sica, (Open Knowledge-Bip Group). Dopo la tecnologia, spazio alla salute con il panel “Dopo la pandemia: come affronteremo le future crisi globali”, dove si confronteranno Roberto Giacobazzi, pro-Rettore, Università di Verona, Mario Nava Direttore generale per le riforme della Commissione Ue, Alberto Mantovani (Humanitas) e Sergio Abrignani (Università di Milano) Per seguire il Festival e Future Arena è necessaria la registrazione sul sito http://www.FestivaldelFuturo.eu. I lavori possono essere seguiti anche in streaming su L’Arena, Bresciaoggi, Il Giornale di Vicenza e Futura Network oltre che sul sito del Festival.

TECNOLOGIA   MEDICINA SALUTE E BENESSERE   SCIENZA   POLITICA

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Ariston in Borsa il 26 novembre, vale fino a 3,9 miliardi
Paolo Merloni, valutazione prova percorso di successo del gruppo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
13:58
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
E’ atteso per il 26 novembre il primo giorno di quotazione a Piazza Affari di Ariston, il gruppo che produce caldaie controllato dalla famiglia Merloni.
Il prezzo indicativo delle azioni oggetto dell’ipo è stato fissato in un range compreso tra 10,25 a 12 euro, che implica una capitalizzazione tra i 3,375 e i 3,9 miliardi di euro a valle dell’offerta.
Lo comunica Ariston Holding nella nota in cui annuncia l’ammissione a quotazione su Euronext Milan. Il periodo di offerta, riservata agli investitori istituzionali, avrà inizio giovedì 18 e si concluderà il 24 novembre, salvo chiusura anticipata dell’offerta L’offerta si articolerà in un collocamento di azioni di nuova emissione. da cui la società prevede di raccogliere circa 300 milioni di euro da dedicare alla crescita organica e per acquisizioni, e in quello di massime 49 milioni di azioni da parte degli attuali soci Merloni Holding e Amaranta, che incasseranno una cifra compresa tra i 502 e i 588 milioni e concederanno a Mediobanca, in qualità di responsabile incaricato della stabilizzazione del titolo, un’opzione di over allotment per l’acquisto di ulteriori 11 milioni di azioni.
“La fascia di prezzo per l’offerta implica una capitalizzazione di mercato compresa tra 3,375 e 3,9 miliardi di euro, che riteniamo testimoni il percorso di successo del nostro gruppo fino ad ora, sulla base dei solidi fondamentali di mercato, del nostro profilo globale nel settore del riscaldamento e dell’acqua calda sanitaria, del nostro portafoglio di prodotti e servizi rinnovabili e ad alta efficienza, della nostra comprovata crescita organica e del nostro solido track record di M&A”, ha commentato Paolo Merloni, presidente esecutivo di Ariston group.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Banche: Abi; calo sofferenze, no timori da fine moratoria
A settembre scese a 15,5 mld, basso flusso nuovi npl
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
15:01
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Prosegue il calo delle sofferenze nette bancarie e l’Abi stima, dopo un fisiologico aumento nel 2022 con la fine delle moratorie, una nuova discesa già nell’anno successivo.
Secondo il rapporto mensile dell’associazione bancaria, a settembre, le sofferenze nette sono scese a 15,5 miliardi di euro rispetto ai 16,6 miliardi di agosto e ai 24,3 di settembre 2020.
Il vice dg Gianfranco Torriero sottolinea come le banche arriveranno così a fine dicembre, quando scadranno le misure anti Covid, in buone condizioni con un basso flusso di nuovi crediti deteriorati certificato anche dalla Banca d’Italia. “C’è una rischiosità molto contenuta” rileva e per le famiglie “a livelli precedenti alla crisi finanziaria del 2007”. Si tratta anche dell’effetto “delle misure messe in campo dalle istituzioni e della banche” che ha evitato “quei rischi di aumento degli Npl che alcuni avevano paventato” nei mesi scorsi.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Musica: Afi, un settore che vale 2 miliardi di euro l’anno
Ricavi calati del 48,4% nel 2020 per l’emergenza Covid
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
16:10
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Un giro d’affari che vale circa 2 miliardi l’anno, nonostante la crisi dell’intero comparto economico causato dall’emergenza pandemica degli ultimi due anni.
Questi i numeri della musica in Italia che vale circa 250 milioni come discografia, mentre i concerti dal vivo valgono circa 500 milioni l’anno, il diritto d’autore vale 200 milioni, mentre la musica tra discoteca/ballo vale circa 1 miliardo l’anno.

Al Senato è stato presentato il rapporto “La musica che conta. Studio sul valore e lo stato economico dell’industria musicale italiana”, condotto da AFI Associazione Fonografici Italiani in collaborazione con Deloitte e GFK. Con il Covid c’è stato un calo dei ricavi del -48,4%, mentre le nuove pubblicazioni sono cresciute del 15,3%, nonostante un calo dei ricavi fisici del -23,7%. L’incidenza dei ricavi per eventi dal vivo e tour sul totale è stato del -9,6%, con un calo del -2% sui dipendenti nel comparto.
Secondo la ricerca l’88% degli italiani ascolta musica, con il 38% degli italiani l’ascolta spesso. Guardando ai mezzi utilizzati, il 56% ascolta la radio, il 34% lo streaming, con un 30% che utilizza lo streaming gratuito e un 9% di italiani quello a pagamento. Il 22% vede canali televisivi musicali, mentre cd e vinili valgono il 15% dell’ascolto degli italiani.
Guardando, nello specifico, alla musica indipendente è stato sottolineato come questa sia diffusa su tutto il territorio nazionale, a differenza della majors più concentrate a Milano. Questo significa un valore economico diffuso anche in zone più depresse economicamente, con le etichette indipendenti che valgono 104 milioni di valore aggiunto rispetto al Pil italiano. “Dobbiamo fare informazione, dobbiamo ricordare il valore della musica che da quarant’anni non è stato considerato dalle istituzioni. Oggi fare buona politica significa fare buona economia e questo studio sarà uno strumento di lavoro in cui daremo i numeri da cui la politica dovrà partire” ha dichiarato Sergio Cerruti, presidente Afi.   SPETTACOLI MUSICA E CULTURA

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Pensioni, tavolo fino a marzo. ‘Draghi ha detto ci sarà’
Lo ha affermato Bombardieri lasciando Palazzo Chigi dopo l’incontro tra governo e sindacati
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
20:34
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
E’ terminato, dopo oltre due ore, l’incontro tra il governo con il premier Mario Draghi ed i sindacati sulle pensioni e il fisco a Palazzo Chigi.

Il governo è disponibile ad aprire una discussione sulle pensioni con incontri che verranno fissati “a breve, già a partire da dicembre”.
Lo affermano fonti di governo al termine del tavolo a Palazzo Chigi con i sindacati. Nella legge di bilancio, affermano le stesse fonti, “non ci sono le risorse per affrontare una riforma strutturale delle pensioni”.
Scambio di battute sull’orizzonte del governo al tavolo sulle pensioni tra il premier Mario Draghi e il segretario della Uil Pierpaolo Bombardieri. Il sindacalista, come ha riferito lui stesso al termine dell’incontro, ha chiesto al premier garanzie sulla riforma delle pensioni: “Visto che il confronto sulle pensioni parte a dicembre ho domandato a Draghi se terminerà in tempi brevi o se l’orizzone è il Def” atteso tra fine marzo e inizio aprile “e lui ha confermato che quello è il tempo previsto. Poi gli ho chiesto – ha raccontato Bombardieri – se lo faremo ancora con lui e ha risposto: sì, lo farete come me”.
C”è stato “un confronto articolato su due temi principali. Su fisco hanno ascoltato le nostre tesi, ci siamo confrontati e si apre un confronto anche con simulazioni tecniche. E abbiamo preso l’impegno ad aprire i primi giorni dicembre un confronto su riforma legge Fornero. Intanto si avvierà un confronto con i ministri Franco e Orlando per capire se e dove ci sono spazi per intervenire nella manovra in corso”. Un confronto “per capire se ci sono disponibilità economica e volontà politica”, aggiunge.
Sull’insieme dei temi relativi a pensioni e fisco “abbiamo registrato una disponibilità ad un confronto” da parte del governo. “C’è la certezza dei risultati? No. Ad oggi abbiamo la possibilità di un confronto che non era scontata”. Così il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, al termine dell’incontro a Palazzo Chigi. “Dobbiamo vedere quali saranno le risposte”, intanto gli “approfondimenti” partiranno a breve, sottolinea.
Dal governo “c’è l’impegno”, e questo “nei prossimi giorni verrà discusso anche in Consiglio dei ministri”, “ad avviare il confronto dai primi di dicembre per una verifica e una riforma più complessiva della legge Fornero. Questo per noi vuol dire flessibilità in uscita, pensione di garanzia per i giovani, ragionare sui sistemi di calcolo in base alla gravosità dei lavori”, afferma Landini. Ci sarà “un approfondimento con i ministri Franco, Orlando e Brunetta. Dovremo fissare già la prossima settimana incontri che riguardano sia le modifiche che possono essere inserite in legge di Bilancio, su donne, giovani, lavoratori precoci”, e poi “avviare il confronto dai primi di dicembre” sulla riforma complessiva.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Il governo si è impegnato ad aprire un tavolo di confronto sulla revisione della legge Fornero. Un confronto che partirà a breve”. Così il segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra, al termine dell’incontro a Palazzo Chigi. “Nei prossimi giorni partirà un tavolo al ministero dell’Economia per definire le modalità di ripartizione degli 8 miliardi contenuti in legge di Bilancio sul fisco. Per noi queste risorse vanno destinate interamente a ridurre il peso della tassazione sui lavoratori e i pensionati”, ha aggiunto Sbarra.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude in lieve calo, Ftse Mib -0,2%
Indice dei principali titoli di Piazza Affari a 27.804 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 novembre 2021
17:44
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Seduta leggermente negativa per la Borsa di Milano: l’indice Ftse Mib ha segnato un ribasso finale dello 0,23% a 27.804 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa conclude incerta, Londra -0,3%
Leggermente positive Francoforte e Parigi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
18:00
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mercati azionari del Vecchio continente senza una direzione precisa: Londra ha chiuso in calo dello 0,3%, mentre la Borsa di Francoforte ha segnato un rialzo dello 0,6% e Parigi un aumento dello 0,3%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund: chiude a 121 punti base
Rendimento del prodotto del Tesoro allo 0,96%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
18:11
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread tra Btp e Bund tedeschi a 10 anni in tenuta: il differenziale ha chiuso una seduta piuttosto tranquilla a 121 punti base rispetto ai 122 dell’avvio.

Il rendimento del prodotto del Tesoro è allo 0,968%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Generali: Caltagirone compra ancora e sale al 7%
Patto con Del Vecchio e Crt arriva al 13,8% del capitale
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
18:14
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Francesco Gaetano Caltagirone compra azioni Generali e sale al 7%.
Secondo quanto emerge dall’ internal dealing della Consob il costruttore ed editore romano ha acquistato 3,38 milioni di titoli pari allo 0,214% del capitale e si è portato al 6,964% o al 7,027% se si considera lo 0,063% riconducibile a una società collegata del gruppo Caltagirone.

Il patto stretto con Leonardo Del Vecchio e Fondazioni Crt arriva così al 13,81% o al 13,87% se si considera anche lo 0,063%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ue apre a più aiuti di Stato per le aziende di chip
Domani la proposta di Bruxelles per nuovo approccio concorrenza
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
16 novembre 2021
19:02
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Commissione europea presenterà domani una proposta per rendere più flessibili le regole sugli aiuti di Stato per l’industria dei semiconduttori, consentendo più margini di finanziamento da parte dei governi a sostegno delle aziende europee produttrici di microchip.
Lo si apprende da fonti vicine al dossier.

L’intenzione di Bruxelles è anche quella di autorizzare più alleanze nel settore e aumentare la resilienza della catena di approvvigionamento.
La proposta sarà contenuta in un’apposita sezione della comunicazione sulla revisione della politica di concorrenza Ue che il collegio dei commissari adotterà in mattinata.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Pensioni: incontri per la riforma da dicembre
Fonti Governo, in manovra non ci sono risorse strutturali
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
19:21
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il governo è disponibile ad aprire una discussione sulle pensioni con incontri che verranno fissati “a breve, già a partire da dicembre”.
Lo affermano fonti di governo al termine del tavolo a Palazzo Chigi con i sindacati.

Nella legge di bilancio, affermano le stesse fonti, “non ci sono le risorse per affrontare una riforma strutturale delle pensioni”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il governo è disponibile ad aprire una discussione sulle pensioni con incontri che verranno fissati “a breve, già a partire da dicembre”.
Lo affermano fonti di governo al termine del tavolo a Palazzo Chigi con i sindacati.

Nella legge di bilancio, affermano le stesse fonti, “non ci sono le risorse per affrontare una riforma strutturale delle pensioni”.

Per quanto riguarda invece il fisco e in particolare la ripartizione degli 8 miliardi previsti dalla Manovra per far calare la pressione, si avviera’ nei prossimi giorni un tavolo di confronto al Ministero dell’Economia.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano debole con Generali, solide Campari e Tim
Banche generalmente negative. Bene Cnh, Diasorin e Interpump
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
19:30
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza Affari leggermente più fiacca delle altre Borse dell’Unione europea, con l’indice Ftse Mib che ha segnato un ribasso finale dello 0,23% a 27.804 punti e l’Ftse All share un calo dello 0,26% a quota 30.449.

In generale i mercati azionari del Vecchio continente si sono mossi senza una direzione precisa, in attesa di segnali più chiari dai tassi d’inflazione e quindi dalle banche centrali, a iniziare dalla Fed.
In questo quadro Londra ha chiuso in calo dello 0,3%, mentre la Borsa di Francoforte ha segnato un rialzo dello 0,6% e Parigi un aumento dello 0,3%.
Lo spread tra Btp e Bund tedeschi a 10 anni è comunque in tenuta, con il differenziale che ha chiuso una seduta piuttosto tranquilla a 121 punti base e il rendimento del prodotto del Tesoro che resta sotto la soglia del punto percentuale.
In Borsa a Milano il movimento più importante viene da Generali, che ha chiuso in calo del 2,4% a 18,7 euro tra scambi forti ma non eccezionali, pari a 9,4 milioni di azioni contro i 3,8 milioni della vigilia e i sei milioni di venerdì, con il titolo che nelle ultime sedute era ai massimi da circa due anni. Debole anche Amplifon, che ha ceduto l’1,7% finale, seguito da Terna (-1,6%), Banca Generali (-1,4%), Bper che ha perso l’1,3% finale, Unicredit (-1,2%) e Mediobanca (-1,1%).
Tra i titoli principali di Piazza Affari bene invece Campari (+1%), Tim (+1,2% finale dopo rialzi molto maggiori nel giorno della riunione di diversi comitati interni), Cnh (+1,3%) e Diasorin, che ha chiuso in rialzo dell’1,4%. Forte Interpump, salita del 3,2% finale a 63,4 euro.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: chiude in calo a New York a 80,76 dollari
Quotazioni perdono lo 0,2%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
16 novembre 2021
20:39
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il petrolio chiude in calo a New York, dove le quotazioni perdono lo 0,2% a 80,76 dollari al barile.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Biden detta i tempi, in 4 giorni il presidente della Fed
Il presidente americano ha vietato l’ingresso negli Usa al presidente del Nicaragua Daniel Ortega
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
16 novembre 2021
21:43
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Joe Biden annuncia: in circa quattro giorni ci saranno informazioni sulla nomina a presidente della Fed.
Biden offre così una tempistica per rassicurare i mercati che attendono da tempo di conoscere la sua decisione su chi guiderà la banca centrale.
In corsa ci sono Jerome Powell e Lael Brainard.
Inoltre il presidente americano ha vietato l’ingresso negli Usa al presidente del Nicaragua Daniel Ortega, a sua moglie e al vicepresidente Rosario Murillo, nonché ad un ampio ventaglio di ministri e responsabili del Paese, denunciando i loro “attentati” alla democrazia. “La repressione e gli abusi del governo Ortega e di quelli che lo sostengono impongono agli Stati Uniti di agire”, afferma il presidente americano, dopo la contestata rielezione del leader nicaraguense.   MONDO

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa: a Tokyo apertura in leggero rialzo (+0,21%)
Cambi: yen più debole su dollaro ed euro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
17 novembre 2021
02:21
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Tokyo avvia le contrattazioni col segno più, seguendo l’accelerazione degli indici azionari Usa in scia ai dati incoraggianti dalle vendite al dettaglio negli Stati Uniti nel mese di ottobre.
In apertura di seduta il Nikkei segna un aumento dello 0,21% a quota 29.871.73, aggiungendo 63 punti.
Sul mercato valutario lo yen si deprezza sul dollaro a 114,80 e sull’euro poco sopra a un livello di 130.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: avvio in calo, Wti a 80,25 dollari al barile
Brent scende a 81,93 dollari al barile
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
08:19
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio di giornata in calo per le quotazioni del petrolio che continuano a scendere in attesa del possibile rilascio delle riserve da parte degli Usa per allentare la pressione sui prezzi.
Il greggio Wti perde così lo 0,66% e passa di mano a 80,25 dollari al barile ; il Brent scende dello 0,61% a 81,93 dollari al barile.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro: in rialzo, a 1.855 dollari l’oncia
Guadagna lo 0,25%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
08:21
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Quotazioni dell’oro in lieve rialzo in avvio di giornata.
Il lingotto con consegna immediata passa di mano a 1.855 dollari l’oncia, in aumento dello 0,25%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cambi: euro in lieve calo a 1,1316 dollari
Su yen a 129,9
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
08:38
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Euro in lieve calo sui mercati internazionali in avvio di giornata: la moneta unica europea passa di mano a 1,1316 dollari (-0,35%).Sullo yen l’euro è a quota a 129,9
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp Bund: stabile in avvio a 121,2 punti base
Rendimento del decennale del Tesoro allo 0,96%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
08:40
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread tra Btp e Bund tedeschi a 10 anni stabile in avvio di giornata a 121,2 punti base, sugli stessi livelli della chiusura di ieri sera.
Il rendimento del titolo decennale del Tesoro è allo 0,96%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Asia contrastata, pesa rialzo dollaro, Tokyo -0,4%
Timori su inflazione, attesa per nomina presidente Fed
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
08:57
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borse contrastate in Asia e Pacifico, con il dollaro in rialzo e le esportazioni giapponesi inferiori alle stime (+9,4% contro il +13% atteso).
Positive solo Shanghai (+0,44%), ancora in fase di contrattazioni, e Taiwan (+0,4%), deboli invece Tokyo (-0,4%), Seul (-1,16%), Sidney (-0,68%), Hong Kong (-0,44%), ancora aperta insieme a Mumbai (-0,31%).
Negativi i futures sull’Europa, contrastati invece gli analoghi contratti sui listini Usa all’indomani dei timori per gli effetti dell’inflazione sulla crescita economica esternati dal presidente della Fed di Saint Louis James Bullard.
C’è attesa inoltre per la decisione del presidente Usa Joe Biden sulla presidenza della Banca Centrale Usa, che potrebbe essere confermata all’uscente Jerome Powell o affidata a Laer Brainard.
Dopo una serie di dati dal Regno Unito i mercati attendono il report della Bce sulla stabilità finanziaria, mentre dagli Usa sono attese le richieste di mutui, le concessioni edilizie e le scorte settimanali di greggio secondo l’Eia.
In calo il greggio (Wti -0,8% a 80,11 dollari al barile) e l’insieme dei metalli, mentre continua a salire il gas (+4,12% a 98,45 euro al Mwh), che in Europa sfiora i 100 euro per unità termica. Segno meno sulla piazza di Tokyo per gli automobilistici Nissan (-1,97%), Honda (-1,57%) e Toyota (-0,63%). Bene invece i produttori di semiconduttori Tokyo Electron (+3,31%), Advantest (+3,23%) e Screen Holdings (+3,53%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano apre in rialzo, +0,12%
Indice Ftse Mib a quota 27.835 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
17 novembre 2021
09:02
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio di seduta in rialzo per Piazza Affari.
L’indice Ftse Mib guadagna lo 0,12% a 27.835 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa fiacca in avvio, Parigi -0,05%, Londra -0,21%
In lieve rialzo Madrid (+0,05%), invariata Francoforte
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
09:10
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Apertura di seduta fiacca per le principali borse europee.
Londra cede lo 0,21% a 7.311 punti e Parigi lo 0,05% a 7.149 punti.
In lieve rialzo Madrid (+0,05% a 9.044 punti), invariata invece Francoforte a 16,248 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano sale (+0,2%), bene Tim e Prysmian, giù Diasorin
Spread sale a 122,5 punti, banche in ordine sparso, tiene Eni
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
09:31
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Si conferma positiva Piazza Affari nella prima mezz’ora di scambi.
L’indice Ftse Mib guadagna lo 0,21% a 27.861 punti, mentre si muove all’insù anche lo spread tra Btp e Bund tedeschi, che raggiunge quota 122,5 punti, con il rendimento annuo dei titoli decennali in crescita di 1,7 punti allo 0,984%.
Prosegue la risalita di Tim (+1,33%), al terzo rialzo consecutivo dopo un’apertura brillante (+2,01% a 0,34 euro). Bene anche Prysmian (+1%), Campari (+0,87%), Moncler (+0,72%) e Terna (+0,66%), insieme ad Stm (+0,6%), Exor (+0,57%) ed Enel (+0,44%).
Fanno da contraltare Diasorin (-0,91%), Banca Generali (-0,71%) e Tenaris (-0,63%), con il greggio e l’acciaio in ribasso, tiene invece Eni (+0,21%) mentre si muovono in ordine sparso le banche. Unicredit (+0,07%) si mantiene sopra la parità, invariate Bper e Mediobanca, poco mossa Banco Bpm (-0,04%), deboli invece Mediolanum (-0,26%), Intesa (-0,2%). In lieve calo Carige (-0,13%), in simmetrico rialzo Mps (+0,08%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Orlando: ‘Il taglio delle tasse soprattutto ai lavoratori’
‘Ripreso confronto positivo con i sindacati. Tavolo da dicembre su flessibilità, giovani e differenze lavori’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
09:49
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il taglio delle tasse, con gli 8 miliardi stanziati e che i sindacati chiedono sia indirizzato ai lavoratori, “credo debba essere prevalentemente destinato in questa direzione.
Le imprese devono essere aiutate, ma credo che in questo momento ci sia un tema di perdita del potere d’acquisto dei lavoratori.
Se resta un po’ spazio, credo l’attenzione debba essere rivolta alle piccole imprese che hanno sofferto di più durante la pandemia”. Così il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, a Radio 24, indicando in queste “le priorità principali di questo ragionamento”.
“Il dialogo che avevamo auspicato ha preso la strada giusta. E’ stato un confronto molto positivo. Ancora possiamo e dobbiamo lavorare. Mi pare che la giornata di ieri abbia migliorato il quadro della situazione”, ha detto ancora Orlando, a Radio 24, all’indomani dell’incontro tra governo e sindacati, a Palazzo Chigi, su pensioni e fisco. In particolare sul tema delle pensioni, il ministro rimarca che sono stati “individuati i punti principali” del tavolo che partirà a dicembre e che “la volontà emersa è quella di affrontare le questioni di carattere strutturale” del sistema cercando “di superare le distorsioni”. I punti principali, sottolinea, “sono sostanzialmente tre: come si introduce un elemento di flessibilità, come si introduce una garanzia per i giovani e come si tiene conto della differenza e della gravosità dei lavori”.
Sul salario minimo “ci sono idee diverse” ma “sicuramente c’è un problema di perdita verticale del potere d’acquisto e di difficoltà della contrattazione a farvi fronte. Spero che si sblocchi un confronto che su questo tema è fermo da troppo tempo, perché se non si vuole il salario minimo bisogna adeguare in qualche modo le regole della contrattazione. Se la contrattazione resta ferma, il salario minimo diventa una opzione”. “Non possiamo accettare lo stato dell’arte – aggiunge -, negli ultimi tre anni i lavoratori italiani sono quelli che hanno perso di più in termini di potere d’acquisto. E’ un problema per loro e di caduta della domanda interna”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Da Intesa Sanpaolo un miliardo per il turismo sostenibile
L’iniziativa rientra nell’ambito del programma Motore Italia
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
10:04
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Intesa Sanpaolo mette a disposizione un miliardo di euro per il rilancio delle imprese del settore turistico colpito dalla pandemia e favorire gli investimenti lungo la direzione del turismo sostenibile, in linea con il percorso del Pnrr.

Il gruppo bancario guidato da Carlo Messina affiancherà le aziende del comparto per cogliere le sfide e le opportunità del cambiamento.
L’iniziativa, che si avvale anche della sinergia con Sace, rientra nell’ambito di Motore Italia, il programma con un plafond da 50 miliardi. Il turismo è stato inevitabilmente uno dei settori più “esposti alla pandemia. Sin da subito abbiamo offerto il nostro sostegno mettendo a disposizione 2 miliardi di euro per far fronte alle immediate esigenze di liquidità delle imprese”, afferma Stefano Barrese, responsabile della Divisione Banca dei Territori.
Questo accordo con “Intesa Sanpaolo aggiunge un ulteriore tassello all’impegno di Sace a supporto dell’attuazione del Green New Deal”, sostiene Pierfrancesco Latini, amministratore delegato di Sace.
Il nuovo intervento annunciato da Intesa Sanpaolo consentirà di accompagnare le piccole e medie imprese del settore turismo nella transizione. “Apprezziamo la disponibilità di Intesa Sanpaolo nel sostenere la ristrutturazione degli alberghi italiani”, evidenzia il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca.
Il pacchetto degli interventi individuati è “calibrato molto bene per il settore”, dichiara Maria Carmela Colaiacovo, presidente di Associazione Italiana Confindustria Alberghi. Da Intesa Sanpaolo arriva un “supporto al settore termale”, sostiene Massimo Caputi, presidente Federterme Confindustria.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bce: Paesi ad alto debito sensibili ad evoluzione tassi
Se anche crescita rallenta rischio su spread
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
10:11
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La situazione debitoria dei Paesi dell’Eurozona ha beneficiato della ripresa e delle condizioni di finanziamento favorevoli.
Tuttavia “se i costi di finanziamento dovessero salire e la crescita economica risultasse inferiore alle aspettative, ciò potrebbe mettere la dinamica del debito sovrano in una traiettoria sfavorevole, specie nei Paesi a più alto debito, e contribuire a una certa rivalutazione del rischio sovrano da parte dei mercati”.

E’ uno dei rischi evidenziati dalla Financial Stability Review della Bce. Secondo il documento, “anche se questi eventi, in particolare il ritorno del differenziale interesse-crescita alla media storica, non hanno un’alta probabilità, è bene continui il monitoraggio dei rischi”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa contrastata, bene futures Usa, Milano +0,3%
Inflazione batte stime nel Regno Unito (+3,4%), occhi su Bce
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
10:17
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Si muovono a due velocità le principali borse europee, con Londra (-0,15%) in calo dopo il dato sull’inflazione (+3,4%) salita oltre le stime (+3,1%) nel Regno Unito.
Segno meno anche per Madrid (-0,03%), mentre tiene Parigi (+0,11%).
Fanno meglio Francoforte (+0,21%) e Milano (+0,3%), con i futures Usa in rialzo. Dopo il report della Bce sulla stabilità finanziaria sono in arrivo dagli Usa le richieste di mutui, le concessioni edilizie e le scorte settimanali di greggio secondo l’Eia. Gli occhi degli investitori sono puntati poi sulla Fed, il cui presidente sarà presto nominato dal presidente Usa Joe Biden. Tra i nomi circolano l’uscente Jerome Powell e Laer Brainard.
Scende a 121,5 punti lo spread tra Btp e Bund tedeschi insieme al rendimento annuo dei titoli decennali (-0,8 punti allo 0,959%). In calo il greggio (Wti -0,45% a 80,4 dollari al barile) insieme ai metalli, mentre si conferma in rialzo il gas (+4,73% a 98,64 euro al Mwh). Contrastati gli automobilistici.
Cede Volkswagen (-0,85%), dopo il taglio della raccomandazione di Exane a ‘underperform’ (rendimento inferiore all’indice), salgono invece Renault (+0,4%) e Daimler (+0,44%), Bene il comparto del lusso con Richemont (+1,67%), spinta dalla raccomandazione d’acquisto degli analisti di Stifel. Lieve calo per Shell (-0,17%), poco mossa TotalEnergies (+0,02%), positiva Eni (+0,4%). In campo bancario si evidenziano NatWest (+1,84%), Commerzbank (+1,72%) e Lloyds (+1,58%), seguite da SocGen (+0,7%) e Bnp (+0,65%). Migliorano Unicredit (+0,82%), Banco Bpm (+0,4%) e Bper (+0,39%) in Piazza Affari, dove gira al rialzo Intesa (+0,08%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bce: Paesi ad alto debito sensibili ad evoluzione tassi
Se anche crescita rallenta rischio su spread
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
10:11
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La situazione debitoria dei Paesi dell’Eurozona ha beneficiato della ripresa e delle condizioni di finanziamento favorevoli.
Tuttavia “se i costi di finanziamento dovessero salire e la crescita economica risultasse inferiore alle aspettative, ciò potrebbe mettere la dinamica del debito sovrano in una traiettoria sfavorevole, specie nei Paesi a più alto debito, e contribuire a una certa rivalutazione del rischio sovrano da parte dei mercati”.

E’ uno dei rischi evidenziati dalla Financial Stability Review della Bce. Secondo il documento, “anche se questi eventi, in particolare il ritorno del differenziale interesse-crescita alla media storica, non hanno un’alta probabilità, è bene continui il monitoraggio dei rischi”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Da Intesa Sanpaolo un miliardo per il turismo sostenibile
L’iniziativa rientra nell’ambito del programma Motore Italia
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
10:04
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Intesa Sanpaolo mette a disposizione un miliardo di euro per il rilancio delle imprese del settore turistico colpito dalla pandemia e favorire gli investimenti lungo la direzione del turismo sostenibile, in linea con il percorso del Pnrr.

Il gruppo bancario guidato da Carlo Messina affiancherà le aziende del comparto per cogliere le sfide e le opportunità del cambiamento.
L’iniziativa, che si avvale anche della sinergia con Sace, rientra nell’ambito di Motore Italia, il programma con un plafond da 50 miliardi. Il turismo è stato inevitabilmente uno dei settori più “esposti alla pandemia. Sin da subito abbiamo offerto il nostro sostegno mettendo a disposizione 2 miliardi di euro per far fronte alle immediate esigenze di liquidità delle imprese”, afferma Stefano Barrese, responsabile della Divisione Banca dei Territori.
Questo accordo con “Intesa Sanpaolo aggiunge un ulteriore tassello all’impegno di Sace a supporto dell’attuazione del Green New Deal”, sostiene Pierfrancesco Latini, amministratore delegato di Sace.
Il nuovo intervento annunciato da Intesa Sanpaolo consentirà di accompagnare le piccole e medie imprese del settore turismo nella transizione. “Apprezziamo la disponibilità di Intesa Sanpaolo nel sostenere la ristrutturazione degli alberghi italiani”, evidenzia il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca.
Il pacchetto degli interventi individuati è “calibrato molto bene per il settore”, dichiara Maria Carmela Colaiacovo, presidente di Associazione Italiana Confindustria Alberghi. Da Intesa Sanpaolo arriva un “supporto al settore termale”, sostiene Massimo Caputi, presidente Federterme Confindustria.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Alitalia: pubblicato bando per cessione società MilleMiglia
Scade alla mezzanotte dl 10 dicembre. Prezzo base 50,563milioni
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
10:32
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato pubblicato il bando per la cessione del 100% della società Alitalia Loyalty spa che gestisce il programma MilleMiglia di Alitalia.
La cessione nell’ambito della procedura di amministrazione straordinaria della compagnia.
Le richieste di ammissione dovranno arrivare entro il 10 dicembre. Il prezzo base a base di gara è di 50,563 milioni. Il prezzo di gara -si legge nel bando-“ricomprende il valore della posizione finanziaria netta della Società calcolata secondo i criteri indicati in Data Room che negli ultimi 12 mesi antecedenti alla pubblicazione del presente Invito è stata mediamente positiva per Euro 30,7 milioni”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bce: Guindos, oggi meno rischi per le banche europee
Attenzione a livelli elevati Borse e asset rischiosi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
10:40
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
I rischi di un’intensificazione dei default aziendali e di perdite bancarie a causa dello shock pandemico “sono ora significativamente più bassi rispetto a sei mesi fa”.
E in tutta l’Eurozona “la dipendenza dai sostegni economici è scesa, con numerosi meccanismi che sono scaduti senza creare effetti dirompenti”.

Lo scrive il vicepresidente della Bce, Luis de Guindos, nell’introduzione al Rapporto sulla stabilità finanziaria. “Nel frattempo – nota de Guindos – si sono tuttavia intensificate numerose altre vulnerabilità. I mercati azionari e gli asset rischiosi hanno mantenuto valutazioni notevoli, il che li rende più suscettibili a correzioni”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Commercio: Istat, settembre export +10,3% import +22,5 annui
Congiunturale -1,3% export -1,7% import. Saldo scende, +2,45 mld
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
13:21
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
A settembre la bilancia commerciale italiana segna, su base annua, un incremento tendenziale delle esportazioni del 10,3% e delle importazioni del 22,5%.
Lo stima Istat.
La variazione congiunturale, rispetto al mese precedente, registra una flessione dopo tre mesi di crescita, più intensa per le importazioni (-1,7%) che per le esportazioni (-1,3%).
La stima del saldo commerciale a settembre 2021 è pari a +2.454 milioni di euro (era +6.039 a settembre 2020). Al netto dei prodotti energetici il saldo è pari a +5.956 milioni (era +7.707 a settembre dello scorso anno).A settembre 2021 i prezzi all’importazione crescono dello 0,8% su base mensile e del 12,3% su base annua.
Nel terzo trimestre 2021, rispetto al precedente, l’export cresce del 2,8%, l’import del 5,5%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Asta record di 35 milioni dollari per il quadro di Frida Kahlo
Venduto l’autoritratto ‘Diego y Yo’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
09:45
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le lacrime scorrono sul volto di Frida Kahlo e a colpi di puntate l’autoritratto “Diego e io” della pittrice messicana vola a 34,9 milioni di dollari polverizzando due record precedenti: quello per il quadro più costoso dell’artista dopo “Due Nudi in una Foresta”, battuto da Christie’s nel 2016 per 8 milioni di dollari, e quello per l’opera di un artista latino-americano finora detenuto da “I Rivali” di Diego Rivera, il marito della Kahlo, che in questo quadro lei ritrae in un medaglione al centro della fronte.
Completato circa cinque anni prima di morire nel 1954 e offerto da Sotheby’s a New York, il dipinto a olio è uno degli autoritratti finali della Kahlo e un esempio di quella inquietante intimità che ha convinto collezionisti ed esperti a puntare su di lei come una delle figure più rappresentative nel panorama artistico del Novecento.
L’autoritratto, su cui un anonimo aveva irrevocabilmente impegnato 30 milioni di dollari prima ancora che partisse l’asta, apre una finestra sul turbolento matrimonio con il muralista, ritratto da Frida al centro della fronte come un metaforico terzo occhio sopra quelli veri di lei da cui sgorgano le lacrime.
Quell’anno Diego si era imbarcato in una relazione con l’attrice Maria Felix: “Il quadro esprime angoscia e dolore, ma quella di stasera non è solo il massimo della vendetta: è anche la conferma del talento straordinario e del fascino globale esercitato da Frida”, ha detto Anna Di Stasi, la specialista di Sotheby’s per l’arte latino-americana che ha raccolto al telefono la puntata vincente. Un portavoce della casa d’aste ha identificato l’acquirente Eduardo F. Costantini, il fondatore del Malba (Museo de Arte Latinoamericano de Buenos Aires di Buenos Aires), che lo ha destinato alla sua collezione privata. Frida Kahlo e Rivera si erano sposati due volte, la prima nel 1928 e poi nel 1940: lui era già un pittore famoso di 36 anni quando lei, studentessa d’arte ancora teenager, gli aveva messo gli occhi addosso. “Ho avuto due grandi incidenti nella vita: il primo quando un autobus mi ha investito, l’altro incidente è stato Diego”, aveva scritto lei della tempestosa relazione. L’affare con la Felix divenne uno scandalo pubblico e sui giornali dell’epoca si disse che Diego avrebbe voluto sposare l’amante una volta divorziato da Frida: “Adoro Frida ma la mia presenza fa male alla sua salute”, aveva detto il muralista. Quanto a Frida pubblicamente ci scherzava su, ma nell’autoritratto “Diego e Io” le sue emozioni sono sotto gli occhi di tutti: con la treccia usualmente ben annodata sciolta sulle spalle che sembra quasi volerla strangolare e lo sguardo velato dalle lacrime come quello di una Madonna dei sette dolori.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano tiene (+0,15%), bene Prysmian, si sgonfia Tim
Spread scende a quota 121 punti, contrastate Unicredit e Intesa
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
11:19
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Si mantiene in rialzo Piazza Affari dopo 2 ore di scambi (Ftse Mib +0,15%), con lo spread tra Btp e Bund tedeschi in calo a 121,2 punti e il rendimento invariato allo 0,968%.
Accelera Prysmian (+1,73%), che si porta su nuovi massimi storici a 34,7 euro per azione, mentre si sgonfia Tim (-0,44%), che gira in negativo dopo essere salita fino al 2%.

Nuovo record anche per Campari (+1,18% a 13,31 euro), con l’approssimarsi della stagione natalizia e dopo un report degli analisti di Bloomberg sulle stime per il 2022 nel settore delle bevande. Acquisti su Moncler (+0,67%), sulla scia della corsa di Richemont (+1,17%), promossa dagli analisti di Stifel. Bene anche Stm (+0,88%), e Ferrari (+0,6%).
Contrastate le banche. Salgono Unicredit (+0,7%) e Bper (+0,26%), poco mossa Intesa (-0,1%), deboli Banco Bpm (-0,22%) e Bps (-0,16%), poco mosse Carige (-0,06%) ed Mps (-0,02%).
Acquisti marginali su Generali (+0,59%), Terna (+0,36%) ed Azimut (+0,48%), mentre gira in calo Eni (-0,22%). Segno meno anche per Tenaris (-1,07%), banca Generali (-1,06%), Stellantis (-0,72%)Hera (-0,7%) ed A2a (-0,67%). Giù Cnh (-0,45%), Italgas (-0,4%) e Saipem (-0,41%) a differenza di Snam (+0,44%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Turchia: Erdogan, crisi lira? Solleveremo la schiena
La valuta turca ha oggi segnato un nuovo record negativo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
ISTANBUL
17 novembre 2021
11:55
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Solleveremo la schiena della nostra nazione dal peso dei tassi di interesse”.
Lo ha affermato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan in un discorso al gruppo parlamentare del suo partito Akp dove ha promesso che darà battaglia ai tassi di interesse fino a che ricoprirà la carica di presidente.

Dopo le parole del leader turco la lira ha continuato a svalutarsi segnando un nuovo record negativo sfondando la soglia di 1 dollaro per 10,48 lire turche.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bankitalia: migliorano attese famiglie e propensione spesa
Più cautela fra nuclei meno abbienti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
11:55
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Migliorano le attese delle famiglie sull’economia italiana.
E’ quanto scrive la Banca d’Italia nelle sue note Covid.
“In ripresa la propensione a spendere nei comparti più colpiti tra cui alberghi, bar e ristoranti” e “cautela nelle prospettive di spesa soprattutto tra i meno abbienti”. Per l’istituto centrale “Il saldo tra attese di miglioramento e peggioramento della situazione economica e del lavoro è positivo per la prima volta da primavera 2020; le famiglie che prefigurano un peggioramento sono calate di oltre il 10%”. Circa un terzo delle famiglie afferma di essere riuscito ad accantonare qualche risparmio a partire dall’inizio della pandemia; la quota è più ampia per i nuclei il cui capofamiglia è laureato La percentuale di famiglie che ritiene di riuscire a risparmiare nei prossimi dodici mesi è rimasta sostanzialmente stabile, al 44 per cento.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mobilità: dopo Covid boom di e-bike ma auto torna sul podio
Rapporto Audimob (Isfort), ancora 12 mln di vetture ‘vecchie’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
12:33
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Gli italiani tornano a muoversi e nei loro spostamenti post-emergenza Covid sono più attenti alla svolta green.
Ma la fotografia che ne viene fuori è contrastante: i cittadini amano le e-bike ma snobbano il tpl.
E l’auto, ancora troppo vecchia, rimane la prediletta tornando a intasare le città.
È quanto emerge dal 18° Rapporto Audimob sulla mobilità degli italiani, curato da Isfort in collaborazione con il CNEL e con i contributi scientifici della Struttura Tecnica di Missione del Mims, di Agens e di Asstra.
L’indagine, che prende in considerazione tutte le limitazioni alla mobilità intervenute per decreto e le nuove tendenze determinate dallo smart working, evidenzia che il parco dei mezzi elettrici è senza dubbio in forte crescita: a fine giugno 2021 si registrano oltre 83.463 auto (+57% rispetto a fine 2020, +267,2% rispetto al 2019), 18.635 ciclomotori (+12,3% rispetto a fine 2020), 12.471 scooter e moto (+32,7%), 8.352 quadricicli (+18,2%). L’immatricolazione delle auto ibride, da febbraio 2021, è superiore a quella diesel. Dato che fa conquistare all’Italia il podio in Europa, ma resta ancora in ritardo nella vendita di auto ibride plug-in (PHEV) ed elettriche pure (BEV).
Si tratta di uno slancio buono ma non buonissimo, considerato che ci sono ancora oltre 12 milioni di auto vecchie che non superano lo standard emissivo Euro 3 (quasi un terzo del totale).
Una parte degli italiani poi, all’auto e ai mezzi pubblici, ha preferito un mezzo più ecologico, complici anche i bonus, e ha acquistato una e-bike, il cui mercato ha di fatto registrato un boom. Secondo i dati dell’Ancma, nel 2020 sono state vendute in Italia oltre 2 milioni di biciclette, di cui 280mila e-bike (pari al 14% del totale, erano appena il 3,5% nel 2015), ovvero il 17% in più rispetto al 2019 (+14% le bici tradizionali, +44% le bici elettriche). E nei primi sei mesi del 2021, di e-bike ne sono state già vendute 157.000 (+12% rispetto allo stesso periodo del 2020). Un mercato quello delle biciclette che è quindi in forte espansione.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bankitalia: migliorano le attese delle famiglie e propensione spesa
Più cautela fra nuclei meno abbienti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
15:25
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Migliorano le attese delle famiglie sull’economia italiana.
E’ quanto scrive la Banca d’Italia nelle sue note Covid.
“In ripresa la propensione a spendere nei comparti più colpiti tra cui alberghi, bar e ristoranti” e “cautela nelle prospettive di spesa soprattutto tra i meno abbienti”. Per l’istituto centrale “Il saldo tra attese di miglioramento e peggioramento della situazione economica e del lavoro è positivo per la prima volta da primavera 2020; le famiglie che prefigurano un peggioramento sono calate di oltre il 10%”. Circa un terzo delle famiglie afferma di essere riuscito ad accantonare qualche risparmio a partire dall’inizio della pandemia; la quota è più ampia per i nuclei il cui capofamiglia è laureato. La percentuale di famiglie che ritiene di riuscire a risparmiare nei prossimi dodici mesi è rimasta sostanzialmente stabile, al 44 per cento.
Dall’indagine, compiuta fra fine agosto e inizio settembre su 2000 nuclei familiari, si rileva come “i comportamenti di consumo restino condizionati dall’emergenza sanitaria, ma appaiono in progressivo miglioramento. Rispetto alla rilevazione di aprile la percentuale di famiglie che dichiarano di avere ridotto le spese per alberghi, bar e ristoranti nel confronto con il periodo prepandemia è diminuita di 15 punti percentuali, pur restando elevata (al 71 per cento; aveva toccato quasi il 90 per cento nelle fasi più acute della pandemia). Tra le motivazioni che hanno frenato la spesa, “è rimasta invariata l’importanza attribuita alla paura del contagio; è sensibilmente diminuita quella associata alle misure di contenimento, in connessione con il venire meno delle restrizioni a partire dalla primavera. Permane tuttavia una certa cautela nelle attese di spesa a tre mesi, in particolare tra le famiglie con maggiori difficoltà economiche e tra quelle che nel mese precedente l’intervista hanno percepito un reddito più basso rispetto a prima della pandemia” rileva l’indagine”.
Si rafforzano “i segnali di pressioni al rialzo sui prezzi di vendita” delle abitazioni e “per la prima volta dall’inizio della rilevazione nel 2009, la quota di operatori che ravvisa un aumento delle quotazioni nel terzo trimestre rispetto al precedente è superiore, seppur lievemente, a quella di chi ne indica un calo”. E quanto emerge dal sondaggio congiunturale della Banca d’Italia condotta presso gli agenti immobiliari dal 27 settembre al 22 ottobre 2021. Anche le attese di crescita delle quotazioni nel trimestre in corso sono divenute prevalenti rispetto alle aspettative di un calo dei listini.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa rallenta, effetto contagi, Milano +0,05%
Bce teme correzione mercati, futures contrastati, occhi su Fed
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
12:49
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Accorciano l’andatura le principali borse europee a fine mattinata da Milano (+0,05%), che resta positiva, a Londra (-0,25%) e Madrid (-0,15%), mentre Francoforte guadagna lo 0,11% e Parigi lo 0,13%.
Pesa il rialzo dei contagi da coronavirus in tutto il Continente, con numeri in crescita anche in Italia e timori di possibili nuove restrizioni, mentre la Bce che ha diffuso oggi il report sulla stabilità finanziaria, teme correzioni sulle “sacche di esuberanza” che si sono verificate sui mercati.
Contrastati i futures Usa in attesa delle richieste settimanali di mutui, delle concessioni edilizie e delle scorte settimanali di greggio secondo l’Eia. Gli occhi degli investitori sono puntati poi sulla Fed, il cui presidente sarà presto nominato dal presidente Usa Joe Biden. Tra i nomi circolano l’uscente Jerome Powell e Laer Brainard.
Risale a 122,5 punti lo spread tra Btp e Bund tedeschi, così come inverte la rotta il rendimento annuo dei titoli decennali (+0,8 punti allo 0,975%). Scende sotto quota 80 dollari al barile il greggio Wti (-1,36% a 79,68 dollari), mentre è ormai a un soffio dai 100 euro il gas naturale (+5,74% a 99,6 euro al Mwh ad Amsterdam). In calo invece i metalli ad eccezione dell’oro (+0,07% a 1.860 dollari l’oncia) e dell’argento (+0,07% a 25,07 dollari l’oncia).
Deboli gli automobilistici Volkswagen (-1,54%), dopo il taglio della raccomandazione di Exane a ‘underperform’ (rendimento inferiore all’indice), Stellantis (-0,95%), Renault (-0,76%) e Bmw (-0,71%). In controtendenza il comparto del lusso con Kering (+1,45%) e Swatch (+1%), mentre si sgonfia Richemont (+0,3%), spinta inizialmente dalla raccomandazione d’acquisto degli analisti di Stifel. Prevale il segno meno tra i petroliferi Shell (-0,77%), TotalEnergies (-0,54%) e Bp (-0,59%), più cauta invece Eni (-0,22%). Contrastati i bancari, con rialzi per Lloyds (+1,1%), Commerzbank (+1,05%) e NatWest (+0,98%), Unicredit (+0,9%) e Credit Agricole (+0,58%). Cedono invece Bankinter (-1,53%), Sabadell (-1,16%), Bbva (-0,48%) e, in Piazza Affari, Banco Bpm (-0,47%). Poco mossa Intesa (+0,06%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Abi: Patuelli confermato presidente per biennio 2022-2024
Via libera Comitato esecutivo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
12:59
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il comitato esecutivo dell’Abi “ha indicato Antonio Patuelli per la conferma a presidente nel biennio 2022-2024”.
È quanto si legge in una nota diffusa al termine della riunione dell’esecutivo che ha approvato un pacchetto di modifiche statutarie.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Casa: Bankitalia, prima volta da 2009 atteso rialzo prezzi
Sondaggio fra agenti immobiliari, anche per trimestre in corso
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
13:07
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Si rafforzano “i segnali di pressioni al rialzo sui prezzi di vendita” delle abitazioni e “per la prima volta dall’inizio della rilevazione nel 2009, la quota di operatori che ravvisa un aumento delle quotazioni nel terzo trimestre rispetto al precedente è superiore, seppur lievemente, a quella di chi ne indica un calo”.
E quanto emerge dal sondaggio congiunturale della Banca d’Italia condotta presso gli agenti immobiliari dal 27 settembre al 22 ottobre 2021.
Anche le attese di crescita delle quotazioni nel trimestre in corso sono divenute prevalenti rispetto alle aspettative di un calo dei listini.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Allianz, la prima assicuratrice Vita straniera in Cina
Balbinot,rafforzati in mercato strategico con Allianz China Life
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
13:16
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Allianz sarà la prima compagnia assicuratrice Vita ad operare in Cina con azionariato totalmente straniero.
Lo Shanghai Regulatory Bureau della China Banking and Insurance Regulatory Commission ha infatti autorizzato Citic Trust a trasferire il 49% della sua partecipazione in Allianz China Life, la joint venture aperta nel 1999, ad Allianz (China) Insurance Holding.

“Allianz è orgogliosa di essere il primo gruppo assicurativo a beneficiare dalle misure di apertura annunciate dal Governo cinese. La Cina è un importante mercato strategico e l’odierna approvazione ci mette in una posizione tale da massimizzare il nostro contributo allo sviluppo del panorama dei servizi finanziari in Cina” ha commentato Sergio Balbinot, membro del Board di Allianz e presidente di Allianz China Holding. “La trasformazione di Allianz China Life rafforzerà ulteriormente la nostra posizione di mercato, massimizzando le opportunità di business” ha sottolineato Solmaz Altin, Executive Director e Chief Executive Officer di Allianz China Holding. “La compagnia continuerà a consolidare la sua posizione come pioniere e società di spicco nel segmento di clientela a medio e alto reddito” ha precisato Chunjun Xu, Executive Director e Chief Executive Officer di Allianz China Life.
Un altro passo nella ‘strategia cinese’ del Gruppo sviluppata sotto la leadership e regia di Sergio Balbinot. Nel novembre 2019, sono i passaggi fondamentali precedenti, Allianz ha ricevuto l’approvazione della China Banking and Insurance Regulatory Commission a costituire una holding assicurativa interamente a capitale straniero, Allianz China Holding, con sede a Shanghai, presieduta da Sergio Balbinot e nel luglio del 2021, il gruppo ha ottenuto dalle autorità locali l’autorizzazione a costituire la prima società di asset management assicurativo ad azionariato interamente straniero ed è stata così costituita Allianz Insurance Asset Management (“Allianz China IAMC”), con quartier generale a Pechino.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Abi: Patuelli confermato presidente per biennio 2022-2024
Via libera Comitato esecutivo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
13:20
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il comitato esecutivo dell’Abi “ha indicato Antonio Patuelli per la conferma a presidente nel biennio 2022-2024”.
È quanto si legge in una nota diffusa al termine della riunione dell’esecutivo che ha approvato un pacchetto di modifiche statutarie.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Autostrade: To-Mi ‘parla’ con auto, Astm investe 600 milioni
Progetto pilota testato con Volkswagen, connessa entro 2030
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
14:22
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Astm ha lanciato un piano di connessione totale tra autostrada, auto o mezzi pesanti che percorrono la Torino-Milano, con un primo progetto pilota già attivo e testato su cinque chilometri, mentre la tratta Milano-Novara sarà dotata di molte dotazioni entro il 2024 e l’intero percorso completato entro il 2030.
“L’investimento totale sarà attorno ai 600 milioni ed è uno dei primi progetti mondiali operativi in questo campo”, annuncia Umberto Tosoni, amministratore delegato del gruppo Astm.

Gli operatori stradali e i conducenti avranno quindi la possibilità di scambiarsi informazioni in tempo reale per ottimizzare gli spostamenti, riducendo così incidenti, congestioni ed emissioni inquinanti – è stato spiegato durante un incontro organizzato in Torre PwC a Milano da Astm Group e Volkswagen Group Italia – con un sistema che raccoglie e aggrega le informazioni relative allo scenario del momento e, tenendo conto dei fattori di rischio, attiva il piano di risposta attraverso messaggi geolocalizzati. Il software Emeras, sviluppato da Sinelec, società tecnologica del gruppo Astm, garantisce l’integrazione con i sistemi ITS (Intelligent Transportation Systems) su strada e rende possibile l’interconnessione bidirezionale in tempo reale tra veicoli e infrastrutture.
Le tecnologie in questo caso evolvono da sistemi intelligenti a sistemi ‘cooperativi’, dove la cooperazione tra veicoli e infrastruttura fornisce servizi di migliore qualità per la sicurezza, il comfort e la riduzione della congestione, aumentando il livello di supervisione dell’ambiente circostante al veicolo e diventando così un abilitatore tecnologico per un futuro basato anche sulla guida autonoma.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Dl fisco: cashback contro cash, sfida fra emendamenti
FdI, rinviare limite contante 1.000 euro. M5S punta su digitale
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
15:32
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Pagamenti digitali contro contante.
È uno dei temi che si profila nel dibattito sugli emendamenti al decreto fiscale.
Domani la Commissione finanze del Senato dovrebbe definire la lista dei ‘segnalati’, e fra i 913 presentati in origine dai partiti ce ne sono due in particolare che insistono sulla questione. Il M5s spinge per rilanciare il cashback, il sistema di rimborso per gli acquisti con moneta digitale, con alcune modifiche, fra cui l’abrogazione dei rimborsi speciali. In altra direzione va un emendamento di FdI che punta a far slittare di un anno, al primo gennaio 2023, il divieto di pagamenti in contante sopra i mille euro. In queste ore sono in corso le valutazioni dei partiti per definire quali emendamenti verranno portati avanti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa:Europa in ordine sparso dopo Wall Street,piatta Milano
In calo energia e le utility. Sale il gas, in flessione petrolio
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
16:03
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee proseguono in ordine sparso dopo l’avvio in calo di Wall Street.
L’attenzione dei mercati si concentra sull’aumento dei contagi da coronavirus e le eventuali misure di contenimento.
Tiene banco il tema dei rincari delle materie prime con il gas che segna nuovi rialzi e mentre la Bce ha diffuso il report sulla stabilità finanziaria.
L’indice d’area stoxx 600 avanza dello 0,2%. In rialzo Parigi e Francoforte (+0,1%), Londra (-0,4%), Madrid (-0,3%) mentre è piatta Milano (+0,03%). Sui listini pesa l’energia (-0,8%), con il gas che sale ancora. Ad Amsterdam il prezzo sale del 6,5% a 100 euro al Mwh . A Londra cresce del 5% 252 penny per Mmbtu, l’unità termica britannica equivalente a 28,26 metri cubi. Il petrolio Wti scende dello 0,9% a 80,06 dollari al barile e il Brent a 81,98 dollari (-0,56%). Andamento negativo anche per le Tlc (-0,5%) e le utility(-0,1%). In rialzo l’informatica ( +0,6%) e la farmaceutica (+0,2%).
A Piazza Affari scivolano Diasorin (-4,5%), Nexi (-3,9%) e Amplifon (-2,8%). Sugli scudi Ferrari (+2,7%) e Prysmian (-2,5%). Bene anche Campari (+1,7%) e Stm (+0,8%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Energia: Giorgetti, è urgente sterilizzare gli aumenti
Sono molto preoccupato. Dirottare parte risorse manovra
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
16:45
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Serve una riflessione seria sul prezzo dell’energia.
È urgente è prioritario sterilizzare questi aumenti che rischiano di mettere in ginocchio famiglie e imprese già nelle prossime settimane.
Sono molto preoccupato e per questo credo che tutti dovremmo pensare di dirottare una parte delle risorse della manovra alla riduzione delle bollette energetiche”. Così il ministro dello sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Permira: 150 milioni in AllTrails,la app del trekking
Spectrum Equity resta azionista maggioranza
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
16:55
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
AllTrails, la app più popolare per tracciare percorsi e fare trekking ha tra i suoi azionisti anche il fondo Permira che ha deciso di investire 150 milioni di dollari, attraverso il suo Growth Fund.
Il private equity americano Spectrum Equity rimarrà l’azionista di maggioranza della società, precisa una nota, e i nuovi capitali serviranno ad “accelerare lo sviluppo del prodotto dell’azienda e l’espansione internazionale”.

AllTrails ospita la più grande raccolta di guide digitali sui sentieri, con oltre 300.000 percorsi per escursioni, corsa e mountain bike in tutto il mondo e una comunità di oltre 30 milioni di appassionati di outdoor. L’app è stata scaricata più di 40 milioni di volte e vanta una copertura di percorsi in 190 paesi, 30 territori e in tutti e 7 i continenti. “AllTrails ha impiegato un decennio a creare i contenuti necessari per diventare la piattaforma definitiva per le persone che esplorano la vita all’aria aperta. Siamo entusiasti di sostenere Ron e di collaborare nuovamente con Spectrum Equity e Tim Sullivan” commenta Bruce Chizen, Senior Advisor di Permira ed ex CEO di Adobe che entrerà nel cda.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Assegno Unico, ecco come funziona
Da 50 a 175 euro, aiuti fino a 21 anni. A famiglie numerose oltre 1000 euro, 2 anni residenza stranieri
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
13:31
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Dal 2022 lo Stato sosterrà tutte le famiglie con figli, dagli incapienti ai più benestanti.
E accompagnerà i figli dal settimo mese di gravidanza oltre la maggiore età, fino a 21 anni, a patto che i ragazzi studino, facciano tirocini con redditi minimi o anche il servizio civile universale.
Arriva, con l’ultimo decreto attuativo che sarà sul tavolo del Consiglio dei ministri, la definizione a regime dell’Assegno Unico universale per i figli, che interesserà sia i lavoratori dipendenti sia gli autonomi e che sarà sempre erogato dall’Inps, su domanda dei nuclei interessati. Il nuovo assegno terrà conto delle famiglie numerose che arriveranno a ricevere, combinando più requisiti, fino a oltre 1000 euro al mese. Il passaggio in Consiglio dei ministri è in realtà il penultimo step, perché il provvedimento dovrà ancora passare il vaglio delle commissioni parlamentari ed essere pronto per andare in Gazzetta prima della fine dell’anno. La nuova misura sarà infatti operativa a decorrere da marzo 2022 ma le domande si potranno presentare dal primo gennaio, per un periodo che andrà da marzo al febbraio dell’anno successivo, mentre ora gli assegni familiari vanno da luglio a giugno dell’anno dopo. Arriva anche una proroga fino a fine febbraio per allineare l’assegno temporaneo per gli autonomi a queste nuove scadenze. Insieme alla domanda, a differenza dei vecchi assegni parametrati al reddito, andrà presentata anche la dichiarazione Isee ma chi non la presenta riceverà comunque l’assegno al minimo. Potranno richiederlo tutti i residenti da almeno due anni, compresi i cittadini extracomunitari.
Gli importi saranno parametrati all’Isee: due in linea generale i limiti individuati, sotto i 15mila euro di Isee per avere il massimo dei benefici, oltre i 40mila per avere comunque almeno il minimo. Nessuna famiglia, se vorrà, resterà quindi fuori dal contributo che andrà dai 50 ai 175 euro al mese che diventano da 25 a 85 per i figli tra i 18 e i 21 anni. Saranno previste una serie di maggiorazioni in base al numero di figli e alla presenza di disabili, ma si terrà conto anche del fatto che entrambi i genitori lavorano, mentre una maggiorazione ad hoc, 20 euro al mese indipendentemente dall’Isee, andranno alle mamme under 21. A partire dal terzo figlio è prevista una maggiorazione tra i 15 e gli 85 euro a figlio in base all’Isee, mentre i nuclei con “quattro figli o più” riceveranno un’ulteriore “maggiorazione forfettaria” da 100 euro al mese. Se entrambi i genitori lavorano e l’Isee è basso, si avranno altri 30 euro in più, che si azzerano oltre i 40mila euro. In sostanza un nucleo con Isee fino a 15mila euro riceverà 175 euro al mese con 1 figlio, 350 con due, 610 con tre e 970 con 4 che diventano 1090 euro al mese se entrambi i genitori lavorano (30 euro per 4 figli, 120 euro in più). A questa cifra vanno aggiunti i 20 euro al mese a figlio in caso di mamma giovanissima. I nuclei che superano i 40mila euro di Isee invece riceveranno 50 euro al mese con un figlio, 100 euro con due figli, 165 euro con tre figli, 330 euro con 4 figli.
Anche in questo caso vanno aggiunti i 20 euro a figlio se la mamma ha meno di 21 anni mentre non opera la maggiorazione per entrambi i genitori lavoratori. Attenzione anche alle famiglie con figli disabili che riceveranno l’assegno unico “senza limiti di età” dei figli. Per i minorenni si riceveranno 105 euro al mese in più “in caso di non autosufficienza”, 95 euro “in caso di disabilità grave” e 85 euro “in caso di disabilità media”. In presenza di maggiorenni disabili e fino a 21 anni si riceveranno 50 euro al mese in piu’ (che si sommano all’assegno previsto tra i 18 e i 21 anni) mentre oltre i 21 anni si continuerà a ricevere un assegno in base all’Isee che andrà da 85 a 25 euro al mese. Per la nuova misura, che assorbe i vecchi aiuti alla famiglia dal bonus bebé agli assegni familiari, ci saranno circa 15 miliardi nel 2022 che saliranno progressivamente fino a 19 miliardi e mezzo a decorrere dal 2029.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Stellantis: a Melfi contratto di solidarietà al 60%
Dall’1 dicembre al 31 marzo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
POTENZA
17 novembre 2021
17:29
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nello stabilimento Stellantis di Melfi (Potenza) dal 1 dicembre al 31 marzo 2022 sarà riattivato un contratto di solidarietà “difensivo”, al 60 per cento.
Lo prevede un accordo firmato oggi dall’azienda e e dai sindacati.

In un comunicato congiunto di Fim, Fiom, Uilm, Fismic, Ugl e Aqcf è sottolineato che il contratto di solidarietà “utilizzato dall’1agosto, a seguito dell’accordo siglato il 25 giugno” era stato “purtroppo sospeso nei mesi di settembre ed ottobre, per effetto della crisi globale di semiconduttori”.
Oggi l’azienda – secondo quanto reso noto dalle organizzazioni sindacali – ha comunicato che “la crisi dei semiconduttori persiste, sebbene in quantità minore” e “ha palesato la possibilità di poter programmare diversamente le produzioni e nel contempo di poter riattivare il contratto di solidarietà, come da ripetute richieste sindacali, con una percentuale del 60 per cento”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude poco mossa (+0,07%)
L’indice Ftse Mib a 27.824 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
17 novembre 2021
17:42
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano chiude poco mossa con l’indice Ftse Mib (+0,07%) che sfiora i 28 mila punti (27.824).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa:Europa chiude in ordine sparso,tornano timori pandemia
Londra (-0,49%), Parigi (+0,06%) e Francoforte (+0,02%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
17:58
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee chiudono in ordine sparso con gli investitori che temono nuove misure restrittive per contenere i contagi da coronavirus.
L’attenzione dei mercati si concentra anche sul rincaro delle materie prime con il gas che ad Amsterdam, dopo una fiammata iniziale, torna sotto i 100 euro al Mwh (94,15 euro).
Fari puntati anche sulle prossime mosse delle banche centrali, in particolare della Bce nel giorno del report sulla stabilità finanziaria.
Archiviano la seduta in calo Londra (-0,49%) e Madrid (-0,52%), piatte Parigi (+0,06%) e Francoforte (+0,02%). Sul fronte valutario l’euro sul dollaro è in flessione a 1,1311.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread tra Btp e Bund chiude in lieve rialzo a 122 punti
Il rendimento del decennale italiano sale allo 0,97%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
18:07
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread tra Btp e Bund chiude in lieve rialzo a 122 punti base, rispetto ai 121 punti dell’avvio di seduta.
Il rendimento del decennale italiano sale allo 0,97% rispetto allo 0,96% dell’inizio di giornata.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude piatta, scivolano Nexi e Diasorin
Corrono Ferrari e Prysmian. Spread Btp-Bund a 122 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
18:22
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano (+0,07%) chiude piatta, in linea con la gran parte dei listini europei.
A Piazza Affari scivolano Nexi (-4,6%) e Diasorin (-4,1%).
Lo spread tra Btp e Bund tedesco archivia la seduta in lieve rialzo a 122 punti, con il rendimento del decennale italiano allo 0,97%.
Seduta in rosso anche per i titoli legati al petrolio, con il prezzo del greggio in calo. In flessione Tenaris (-2,1%), Saipem (-0,0,8%), piatta Eni (-0,05%). Vendite anche su Amplifon (-2,7%) e Banca Generali (-2,3%). Male le utility con Hera (-1,5%), A2a e Enel (-0,3%), mentre sono in controtendenza Snam (+0,8%) e Terna (+0,6%).
Corrono Ferrari (+3,2%) e Prysmian (+2,8%). In ordine sparso le banche con Unicredit (+0,5%), con il titolo che cerca la via dei 12 euro dopo che Jefferies la inserisce come ‘top-picks’, insieme alla spagnola Bbva. In calo Mps (-0,4%), con indiscrezioni sull’aumento di capitale, Bper (-0,3%) e Banco Bpm (-0,5%). Piatta Intesa (-0,02%). Fuori dal listino principale sale Brembo (+0,7%), dopo le decisioni sulla governance.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Banche:Ghisolfi confermato in cda Casse Risparmio Mondiali
All’assemblea plenaria del Wsbi. Fainè presidente
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
20:00
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Beppe Ghisolfi è stato riconfermato oggi nel Consiglio di amministrazione di Wsbi, l’istituto mondiale delle casse di Risparmio, nell’assemblea plenaria svoltasi a Parigi.
Ghisolfi è l’unico rappresentante in carica dell’Italia nell’istituto.

Alla Presidenza è stato riconfermato lo spagnolo Isidro Faine’.
Beppe Ghisolfi , Tesoriere e Vicepresidente del Gruppo Europeo delle Casse di risparmio (e già vicepresidente Abi) ,è al suo secondo mandato e resterà in carica fino al 2024.
L’istituzione raggruppa 6.000 istituti ed enti bancari che contano oltre un miliardo di consumatori e 15.000 miliardi di dollari di patrimonio. Relativamente all’Italia, aderiscono all’istituto mondiale l’associazione tra le casse di risparmio Acri.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fondi S.Sede: legale, abbiamo chiesto sia sentito il Papa
Durante la quarta udienza del processo in Vaticano
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
20:15
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Due avvocati difensori nel processo per la gestione dei fondi della Santa Sede, Cataldo Intrieri e Massimo Bassi, legali del funzionario vaticano Fabrizio Tirabassi, hanno chiesto al Tribunale di valutare l’opportunità di sentire papa Francesco su cosa lui conoscesse della trattativa col broker Gianluigi Torzi sull’acquisto del palazzo di Sloane Avenue a Londra.
Questo alla luce di quanto avvenuto oggi in aula nella quarta udienza, in cui l’altro legale Carlo Panella, facendo ascoltare un passo di un interrogatorio di mons.
Alberto Perlasca, ha rilevato che i magistrati hanno contestato al testimone dichiarazioni rese loro dal Papa.
Dedicata ancora alle richieste dei legali, che hanno eccepito di nuovo la nullità della citazione a giudizio per incompletezza degli atti depositati, la 4/a udienza del processo in Vaticano per la gestione dei fondi della Segreteria di Stato. Il Tribunale si è riservato la decisione all’udienza fissata al 1/o dicembre. Ma in aula l’avv. Carlo Panella, facendo ascoltare un passo di un interrogatorio di mons. Alberto Perlasca, ha riferito che i magistrati hanno contestato al testimone dichiarazioni rese loro dal Papa. “Di cui non esiste verbale” ha aggiunto. Ma il pg Alessandro Diddi ha smentito che sia mai stato sentito il Pontefice.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: chiude in calo a New York a 78,36 dollari
Quotazioni perdono il 3%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
17 novembre 2021
20:41
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il petrolio chiude in calo a New York, dove le quotazioni perdono il 3% a 78,36 dollari al barile.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: a Tokyo apertura in calo (-0,29%)
Attesa piano di stimolo economico in Giappone
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
18 novembre 2021
01:24
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Tokyo inizia gli scambi in negativo, seguendo l’andamento ribassista delle piazze azionarie statunitensi, e in attesa dell’introduzione del piano di stimolo economico in Giappone.
L’indice di riferimento Nikkei cede lo 0,29% a quota 29.600.77, con una perdita di 87 punti.

Sul mercato dei cambi lo yen arresta la fase di deprezzamento e torna a guadagnare terreno sul dollaro a 114,20, e sull’euro a 129,20.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: Wti in calo 1% su possibile rilascio riserve Cina
Brent scende sotto gli 80 dollari al barile
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
08:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio in netto calo questa mattina dopo la notizia secondo cui la Cina starebbe valutando il rilascio delle proprie riserve di petrolio.
Il Wti perde l’1,06%, attestandosi a 77,53 dollari al barile, il minimo delle ultime sei settimane.
Il Brent scende invece a 79,84 dollari, con un calo dello 0,55%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro: prezzo spot in lieve calo a 1.865 dollari l’oncia
Sui mercati asiatici flessione dello 0,13%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
08:15
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il prezzo spot dell’oro è in lieve calo questa mattina.
Il metallo prezioso con consegna immediata scende a 1.865 dollari l’oncia, in flessione sui mercati asiatici dello 0,13%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cambi: euro stabile a 1,1318 dollari in avvio
Moneta unica poco mossa anche rispetto allo yen
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
08:18
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’euro è stabile rispetto al dollaro in avvio di giornata.
La moneta unica segna 1,1318 dollari, con una variazione minima pari a -0,01%.
Il movimento è quasi impercettibile anche nei confronti dello yen a 129,17 (+0,02%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Asia in calo con tecnologici, tonfo Evergrande
Male Hong Kong, Tokyo tiene con piano stimolo governo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
09:06
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Seduta negativa per le Borse asiatiche, con Hong Kong in deciso ribasso (-1,4%) in scia alle vendite sui titoli tecnologici cinesi, penalizzati dai risultati di Baidu e Bilibili, che hanno evidenziato un rallentamento della raccolta pubblicitaria.
Ad alimentare l’avversione al rischio sui listini contribuiscono i timori per gli effetti di una possibile accelerazione nella riduzione degli aiuti e nel rialzo dei tassi da parte delle banche centrali.

Tokyo ha ridotto le perdite allo 0,3% dopo le indiscrezioni del quotidiano Nikkei su un piano di stimolo del governo da 55,7 trilioni di yen (488 miliardi di dollari). Shanghai sta cedendo lo 0,5% e Shenzhen lo 0,6% mentre il colosso immobiliare Evergrande perde il 5% dopo aver raccolto 270 milioni di dollari dalla vendita a sconto della quota nella società di produzione cinematografica HengTen. Giù anche Seul (-0,5%) mentre ha resistito Sydney (+0,1%).
In deciso calo il petrolio con il Brent sotto gli 80 dollari (-1,1% a 79,4%) e il Wti verso quota 77 (-1,5% a 77,18%), in scia alla volontà di Pechino di rilasciare parte delle sue riserve. in rialzo frazionale i future su Wall Street, poco mossi quelli sull’Europa in una giornata in cui verranno diffusi i dati Usa sulle nuove richieste di disoccupazione e l’indice della Fed di Philadelphia.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano apre poco mossa (-0,03%)
Ftse Mib scende a 27.815 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
18 novembre 2021
09:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio poco mosso per Piazza Affari.

L’indice Ftse Mib ha iniziato le contrattazioni in flessione dello 0,03% a 27.815 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa apre incerta, Londra -0,3%
Francoforte e Parigi poco mosse
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
09:13
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio di seduta incerto per le principali Borse europee.
A Parigi l’indice Cac 40 cede lo 0,03% a 7.155 punti, a Londra il Ftse 100 perde lo 0,3% a 7.269 mentre a Francoforte il Dax sale dello 0,07% a 16.262 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Aspi: Atlantia, ok ministero a vendita a consorzio Cdp
Subordinata al rispetto degli obblighi della Convenzione Unica
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
09:24
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo il via libera dell’Antitrust Ue, è arrivato l’ok anche del ministero delle Infrastrutture e delle Mobilità Sostenibili per la cessione della quota di Atlantia in Autostrade per l’Italia al consorzio costituito da Cdp Equity, The Blackstone Group International Partners e Macquarie European Infrastructure Fund 6 SCSp.

Lo rende noto un comunicato di Atlantia, nel quale si precisa che “ieri il Ministero delle Infrastrutture e delle Mobilità Sostenibili ha approvato il trasferimento della partecipazione di ASPI in favore del Consorzio ai sensi della Convenzione Unica”.
“L’autorizzazione del MIMS è subordinata alla conferma dell’impegno da parte del Consorzio del rispetto degli obblighi di cui alla Convenzione Unica di ASPI nonché al completamento dell’iter di approvazione dell’Atto Aggiuntivo alla Convenzione e alla contestuale efficacia dell’Atto Transattivo e del Piano Economico Finanziario”, aggiunge la nota.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Auto: ottobre da profondo rosso per il mercato in Europa
Stellantis leader vendite,ma -31,6% rispetto a mese analogo 2020
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
18 novembre 2021
09:25
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nel mese di ottobre in Europa più Efta e Regno Unito sono state immatricolate 798.693 auto il 29,3% in meno dello stesso mese del 2020.
Nei dieci mesi le immatricolazioni – secondo i dati dell’Acea, l’associazione dei costruttori europei dell’auto – sono state complessivamente 9.960.706, in crescita del 2,7% sull’analogo periodo dell’anno scorso.

Il gruppo Stellantis a ottobre è il costruttore che ha venduto di più in Europa. A ottobre le immatricolazioni sono state 165.866 (quelle del gruppo Volkswagen sono 165.309), il 31,6% in meno dello stesso mese del 2020 con una quota del 20,8% a fronte del 21,5%. Il totale dei dieci mesi è di 2.029.330 auto vendute, in crescita del 3,2% sullo stesso periodo dell’anno scorso pari a una quota del 20,4% (era 20,3%).   PIEMONTE

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Aeroporti: Sea, traffico in ripresa; calo si riduce a -38%
Brunini, ritorno a livelli pre-Covid tra 2024-2025
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
09:38
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il traffico aereo è in ripresa negli scali di Milano Linate e Malpensa.
A dirlo è l’amministratore delegato di Sea, Armando Brunini.
“La ripresa si sente anche da noi – afferma Brunini -. Oggi il sistema milanese viaggia a circa -38%, rispetto a -85% dell’inverno scorso, con notevoli differenze tra segmenti di traffico e aeroporti. Linate, che è più vocato alle destinazioni domestiche ed europee, recupera più velocemente di Malpensa, che ha una quota importante di traffico intercontinentale. Questa parte soffre ancora e tarda a riprendersi, sebbene anche lì stiamo vedendo i primi segnali di ripresa”. Ad ogni modo “il 2021 resta ancora negativo”, precisa Brunini. “L’anno prossimo ci aspettiamo che il rimbalzo si consolidi, però un ritorno ai numeri pre-covid ce lo aspettiamo tra il 2024-2025”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano poco mossa, bene Amplifon e Cnh, giù Eni
In cauto rialzo Mediobanca, fiacca Generali, debole Mps
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
09:50
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza Affari si muove attorno alla parità (-0,04%) dopo i primi scambi con la cautela che appare il sentimento predominante sui listini europei, tutti poco mossi.

A Milano si mettono in luce Amplifon (+1,5%), Cnh Industrial (+1,3%), Moncler (+1,1%) e Prysmian (+1%).
Bene Mediobanca (+0,7%), che reagisce senza comporsi alle indiscrezioni sui ragionamenti in casa Delfin in merito alla possibilità di chiedere a Bce di salire sopra il 20% del capitale. Fiacca Generali (-0,1%) in scia ai rumor che vedono il gruppo De Agostini in uscita ma senza compromettere il sostegno alla lista della cda nella prossima assemblea. Bene anche Tim (+0,7%), con Nexi (+1,2%) e Interpump (+0,8%) mentre dall’altra parte del listino scivolano Eni (+2,1%), che risente del calo delle quotazioni del greggio, e Ferrari (-1,2%). Deboli i bancari Bper (-0,7%) e Mps (-0,7%), titoli sensibili al petrolio come Tenaris (-0,7%) e Saipem (-0,3%) e Atlantia (-1%), che ha incassato il via libera del Mite alla cessione di Aspi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa poco mossa nonostante Covid, giù petroliferi
Auto resistono a crollo vendite. Positivi future Usa
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
10:35
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee si muovono all’insegna della cautela, restando sui massimi nonostante l’aumento dei casi di Covid, che stanno spingendo i governi del Vecchio Continente ad adottare nuovamente misure restrittive, e il calo dei titoli petroliferi e minerari, che risentono della flessione delle commodities, in primis il greggio.

Francoforte e Parigi avanzano dello 0,2%, Londra cede lo 0,2% mentre Milano oscilla sulla parità.
Positivi i future su New York con il Nasdaq che avanza dello 0,5% e il Dow Jones dello 0,3% e gli investitori che guardano ai tempi della stretta della Fed: Jp Morgan scommette su un primo rialzo dei tassi a settembre, Goldman Sachs a luglio e Morgan Stanley dopo il 2022.
L’indice Stoxx dei petroliferi cede l’1,5%, peggior comparto in Europa, con Eni e Royal Dutch Shell che cedono l’1,4% in scia al calo del greggio. A Londra crolla Metro Bank (-18%) dopo lo stop alle trattative per un’acquisizione da parte del fondo di private equity Carlyle. In rialzo invece le auto, con Daimler (+1,9%) e Bmw (+1,1%) in testa, nonostante il crollo delle immatricolazioni in Europa ad ottobre, nella speranza che la carenza di chip e componenti abbia toccato il fondo.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Festival Futuro: Montan, trasformazione ci ha resi più forti
L’ad di Athesis, vogliamo creare valore per il lombardo-veneto
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
VERONA
18 novembre 2021
11:11
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Il Festival del Futuro è una grande occasione di raccogliere spunti e idee per la vita di tutti noi, e devo dire che è stato un passaggio fondamentale anche per noi stessi del Gruppo Athesis, facendo tesoro delle cose che abbiamo appreso per la trasformazione di questo mondo”.

Così Matteo Montan, amministratore delegato del Gruppo Athesis, in apertura della terza edizione del Festival del Futuro, in programma da oggi fino a sabato 20 novembre nell’auditorium di Veronafiere.

“E’ un’enorme soddisfazione essere di nuovo qua, in presenza” ha aggiunto Montan, sottolineando che “un progetto che arriva al terzo anno è sempre gratificante. Siamo passati attraverso tutto. In tre anni credo che siamo riusciti a mantenere, anzi, ad elevare il livello di questa iniziativa”. “E’ stata importante anche per noi – ha proseguito – la trasformazione che vissuta in questi tre anni, passando attraverso la pandemia e ritrovandoci più forti, non solo un editore di testate giornalistiche, ma una media company di un territorio straordinario, che ogni giorno cerca di creare valore per il nostri territorio, quello lombardo-veneto”.
Dopo i saluti istituzionali e gli interventi di apertura dell’ad di Athesis, del presidente di Gea Luigi Consiglio e di Enrico Sassoon, Direttore responsabile, Harvard Business Review Italia, la terza edizione del Festival del Futuro si è aperta con un dibattito su “La sfida tecnologica: come fare fronte al ritmo esponenziale dell’innovazione”, in collaborazione con il Politecnico di Milano.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fs:Ferraris,miglioreremo wi-fi,portarlo anche su regionali
Lavoriamo a piano decennale, lo presentiamo a febbraio
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
11:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sull’alta velocità “la connettività a bordo, il wi-fi, è migliorata ma non è ancora come dovrebbe essere.
Uno dei primi interventi che dovremo fare, sicuramente il prossimo anno, è sull’alta velocità agire per avere una qualità e un wi-fi in modo che si possa lavorare costantemente a bordo.
In più riteniamo che sia importante portare il wi fi anche sulle tratte regionali. E’ un progetto molto di più lungo periodo, ma vogliamo davvero aumentare la componente del trasporto su rotaia dobbiamo agire non solo sull’infrastruttura ma anche sulla connettività e sul viaggio a bordo”. Lo ha detto l’a.d. di Fs Luigi Ferraris in audizione alla commissione Trasporti della Camera.
Ferraris ha anche annunciato l’arrivo del nuovo piano industriale. “Stiamo lavorando sul piano industriale che avrà un respiro decennale. Lo presenteremo a febbraio”. “Nell’ambito del piano decennale la nostra attenzione sarà sul valorizzare gli asset che abbiamo già all’estero, ma la concentrazione più grossa è l’Italia dove dobbiamo realizzare importanti investimenti e quindi richiede il massimo sforzo e la massima attenzione”, ha aggiunto Ferraris, precisando che “complessivamente le attività all’estero valgono oggi il 10% dei ricavi”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La spesa online di Rohlik arriva in Italia con brand Sezamo
Andrea Colombo nominato ceo. Lancio in primavera 2022
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
12:00
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Rohlik, la startup ceca da qualcuno definita ‘l’anti Amazon’, arriva in Italia con il marchio Sezamo, un servizio di consegna di generi alimentari.
A guidare la controllata in Italia sarà Andrea Colombo, da 5 anni direttore generale di Coop Lombardia.
L’espansione oltre che all’Italia, dove i servizi saranno lanciati nella primavera, punta sulla Romania e alla Spagna, dove il servizio sarà lanciato nella seconda metà del 2022, portando a 7 i Paesi in cui è già presente. In ogni mercato sceglie un brand diverso, è Rohlik nella Repubblica Ceca ma si chiama Kilfi in Ungheria, Gurkel in Austria e viene lanciato come Knuspr in Germania.
Sezamo in Italia, che rappresenterà il secondo mercato dopo la Germania, promette di consegnare circa 8.000 diversi prodotti freschi a casa dei clienti entro 3 ore. Il magazzino italiano, con una superficie di circa 5.000 mq, è situato all’interno del Mercato Agroalimentare Milano, il polo agroalimentare della città. “Velocità di consegna, una gamma completa di prodotti alimentari di alta qualità, arricchiti con specialità tipiche locali, insieme all’inesorabile eccellenza nell’esecuzione sostenuta da una vera e propria etica della sostenibilità, sono gli ingredienti perfetti che ci permettono di differenziarci dalla concorrenza” spiega Colombo.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Anima, italiani più ottimisti e sempre ‘risparmiosi’
Dati Osservatorio semestrale, meno timori da pandemia
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
12:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ritorno ad un generalizzato ottimismo e meno timori per la pandemia Covid.
Questi i segnali principali dall’ultima edizione dell’Osservatorio semestrale realizzato da Anima Sgr, in collaborazione con la società di ricerche di mercato Eumetra, secondo il quale “il ‘progetto’ in vetta alle preferenze degli italiani resta comunque l’esigenza di risparmiare per affrontare nuove ed eventuali emergenze, non necessariamente di tipo sanitario”.

L’indagine, attraverso questionari erogati online, si propone un obiettivo ben preciso: analizzare i comportamenti finanziari, le abitudini di risparmio e i progetti delle famiglie italiane.
La rilevazione è stata condotta nel mese di ottobre su un campione di 1.013 adulti “bancarizzati” (cioè titolari di un conto corrente bancario o libretto bancario/postale), con accesso al web, rappresentativo di circa 35 milioni di persone.
All’interno di questo bacino, il 50%, oltre ad essere “bancarizzato” risulta anche investitore.
Secondo il report, diversi fattori supportano una visione più fiduciosa sulla situazione finanziaria attuale e futura del nostro Paese. “Il successo della campagna vaccinale, insieme all’attuazione degli investimenti importanti che saranno introdotti a partire dai prossimi mesi con l’avvento del PNRR, dovrebbero infatti fornire un ulteriore slancio alla crescita economica domestica (che potrebbe attestarsi nell’intorno del 6% nel 2021 e del 4% nel 2022)”, spiega l’Osservatorio di Anima Sgr.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano debole con Europa, giù petrolio, fiacche auto
Vendite su Eni, Recordati e Mps, bene Diasorin
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
12:27
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza Affari si indebolisce sul finire della mattinata in un contesto di cautela da parte delle Borse europee mentre gli investitori si misurano con i rischi legati alla ripresa dei contagi da Covid e con i timori per un rialzo dell’inflazione senza però arretrare dai massimi conseguiti nelle ultime settimane.

Il Ftse Mib cede lo 0,2%, appesantito da Recordati (-2,5%), Eni (-1,6%) e Tenaris (-1,4%), che risentono del calo del prezzo del petrolio.
Debole Mps (-1,4%) sulle indiscrezioni, giudicate premature dal Mef, di un aumento di 3,5 miliardi di euro mentre arrancano Ferrari (-1,4%), Bper e Buzzi (entrambe -1%).
Dall’altra parte del listino si mettono in evidenza Diasorin (+1%), Tim (+0,8%) e Nexi (+0,7%). Mediobanca è poco mossa (+0,4%), con la Borsa cauta sull’ipotesi di aumento della quota di De Vecchio oltre il 20%, mentre Generali cede lo 0,3%, con De Agostini che sta valutando l’uscita dal capitale del Leone.
In Europa Londra cede lo 0,2%, Francoforte avanza dello 0,1% e Parigi è invariata. Male i titoli dell’energia (-1,7%), in scia al calo del petrolio, mentre avanzano quelli legati al turismo e ai viaggi (+1,4%).Si indeboliscono le auto dopo i dati sulle immatricolazioni di ottobre, con Renault (-0,6%) e Volkswagen (-0,5%), mentre scivola Continental (-4,2%) dopo la rimozione del direttore finanziario per il suo coinvolgimento nell’inchiesta sul dieselgate.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Di Maio, puntiamo a 500 miliardi di export
‘Siamo sulla strada giusta’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
12:46
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“A partire dallo scorso anno, con l’adozione del Patto per l’Export, sono stati stanziati ben 5,4 miliardi di euro per rilanciare la competitività internazionale delle nostre imprese.
Siamo sulla strada giusta.
Con circa 332 miliardi di euro, il valore delle nostre esportazioni nei primi otto mesi di quest’anno ha segnato un nuovo record dopo quello registrato nello stesso periodo del 2019, 316 miliardi. Ora possiamo puntare con fiducia al traguardo dei 500 miliardi”. Lo ha detto il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, alla presentazione della VI edizione della Settimana della Cucina Italiana nel Mondo.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Vestager, evitare corsa a sussidi pubblici per i microchip
Pubblicata la revisione delle norme Ue sugli aiuti di Stato
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
18 novembre 2021
13:59
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“In considerazione della situazione eccezionale” nel settore dei semiconduttori, “della loro rilevanza e della dipendenza dall’offerta di un numero limitato di imprese in un contesto geopolitico difficile, la Commissione può prevedere l’approvazione di sussidi per colmare potenziali carenze di finanziamento”, in particolare per la creazione di “strutture uniche” europee.
Lo annuncia lo stesso esecutivo Ue pubblicando la revisione delle norme Ue sugli aiuti di Stato per renderle più adatte alle sfide del verde e della tecnologia.
Gli aiuti, si legge nel documento, “sarebbero soggetti a solide salvaguardie in materia di concorrenza”.
“Ogni caso” di sussidi pubblici per il settore dei semiconduttori “sarà valutato in modo vigoroso” per “evitare una corsa ai sussidi all’interno dell’Ue e oltre”, ha sottolineato la vice presidente della Commissione europea Margrethe Vestager presentando la revisione delle norme Ue sugli aiuti di Stato.
Nel settore semiconduttori “l’autosufficienza è un’illusione: quando si pensa alla portata di ciò che serve è chiaro che nessun Paese e nessuna azienda possono farcela da soli, ma non possiamo nemmeno fare affidamento su un Paese o un’azienda soli” ha aggiunto.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa contrastata attende Wall Street, Milano -0,2%
Pesano energie e utility. L’Euro sul dollaro prosegue debole
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
14:11
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee proseguono in ordine sparso in attesa dell’avvio di Wall Street dove i future sono in rialzo.
L’aumento dell’inflazione, l’aumento dei contagi da coronavirus e le ipotesi di nuove restrizioni e le difficoltà di approvvigionamento per le materie prime stanno rendendo gli investitori più cauti sulle prospettive.
Dopo la robusta stagione delle trimestrali i listini del Vecchio continente appaiono più rassicurati sull’andamento della ripresa economica.
Poco mosso l’indice d’area stoxx 600 (-0,06%), appesantito dal calo dell’energia (-1,8%) e le utility (-0,4%), con la flessione del prezzo del greggio e del gas. Il Wti scende a 77,69 dollari al barile mentre il Brent si attesta a 77,70 dollari. Ad Amsterdam il prezzo del gas è di 92,35 euro al Mwh (-2,79%); a Londra raggiunge i 231,90 penny (-2,97%) per Mmbtu , l’unità termica britannica equivalente a 28,26 metri cubi. Sul fronte valutario l’euro sul dollaro si attesta a 1,1344, ai minimi di 16 mesi. Tra le materie prime sono in rialzo l’oro (+0,26%) e l’argento (+0,33%).
In questo contesto si muovono in terreno negativo Londra (-0,18%), Madrid (-0,10%) e Milano (-0,2%) mentre sono in rialzo Parigi e Francoforte (+0,1%).
A Piazza Affari scivolano Recordati (-2,1%) e Mps (-1,9%), quest’ultima dopo le indiscrezioni di stampa sull’aumento di capitale. In calo i titoli legati al petrolio con Tenaris (-1,6%), Eni (-1,5%) e Saipem (-0,4%). In luce Cnh e Diasorin (+1,2%). Prosegue stabile Mediobanca (+0,5%), dopo le ipotesi di aumento della quota di De Vecchio oltre il 20%, mentre Generali cede lo 0,5%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Vestager, in stretto contatto con Roma su impegni di Mps
Da vedere che cosa significa lungo termine
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
18 novembre 2021
14:29
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Siamo in stretto contatto con le autorità italiane sulle diverse questioni che riguardano Mps e i loro impegni”.
Lo ha detto la vice presidente della Commissione europea, Margrethe Vestager, rispondendo alle domande dei giornalisti in conferenza stampa.
“Resta da vedere che cosa significa ‘lungo termine'” nella situazione del Monte dei Paschi, “torneremo sul caso più avanti”, ha aggiunto Vestager.
Dopo il fallimento delle trattative con Unicredit, il governo italiano sta trattando con la Ue una proroga del termine per l’uscita dal capitale di Mps, fissato per fine anno, a fronte della quale l’istituto senese dovrà presentare una serie di misure compensative che dovranno confluire nel nuovo piano industriale.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Euro: Passera, moneta digitale serve subito, non tra 5 anni
A.d. Illimity a dibattito promosso da Reply con la Repubblica
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
14:43
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“La creazione dell’euro digitale è tra le urgenze alle quali dobbiamo dare la massima priorità: se avremo l’euro digitale tra cinque anni, come sento dire, sarà troppo tardi”.
Lo afferma Corrado Passera, fondatore e amministratore delegato di Illimity.
“Dobbiamo accelerare nella creazione di uno strumento competitivo e alternativo al Dollaro Digitale o al Renminbi Digitale, che peraltro la Cina è già pronta a diffondere su larga scala nei prossimi mesi. C’è in gioco non solo una perdita di competitività, ma la nostra sovranità”, aggiunge Passera intervenendo al dibattito promosso da Reply con la Repubblica ‘Le nuove filiere della finanza digitale’ per indagare lo stato delle nuove filiere finanziarie e i benefici potenziali per i cittadini e le imprese del settore.
“Stiamo da anni lavorando sui temi tecnologici e di business connessi all’avvento delle nuove tecnologie basate su Blockchain DLT” aggiunge Claudio Bombonato, Senior Partner Reply, durante l’iniziativa alla quale hanno partecipato anche Banca Generali, Nexi e CeTIF. “I tempi sono oramai maturi perché a livello italiano ed europeo gli attori del mercato prendano coscienza dei grandi rischi e opportunità e si sviluppino le prime iniziative concrete sul campo”, conclude Bombonato.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Inps: nei primi otto mesi 2021 saldo 1mln contratti lavoro
Grazie soprattutto a contratti stagionali e a termine
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
14:55
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nei primi otto mesi del 2021 sono stati attivati 4,5 milioni di rapporti di lavoro nel settore privato (escluso il lavoro agricolo e domestico) mentre ne sono cessati 3,5 milioni.
La variazione netta supera quota un milione.
Emerge dall’Osservatorio Inps sul precariato secondo il quale la variazione netta per i contratti a tempo indeterminato (assunzioni, più trasformazioni meno cessazioni) è stata positiva per 103,519 posti. La variazione netta in otto mesi è stata positiva soprattutto per il lavoro a termine e stagionale.
Ad agosto la variazione netta totale è stata negativa per 143.086 contratti (-114.959 ad agosto 2020).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Inps: a ottobre ore cig autorizzate sotto 100 mln
Osservatorio su cassa integrazione
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
15:01
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
A ottobre 2021 l’Inps ha autorizzato 99,4 milioni di ore di cassa integrazione e fondi di solidarietà con un calo del 18,4% su settembre e una riduzione del 73,6% su ottobre 2020 all’inizio della seconda ondata.
Lo rileva l’Inps nel suo Osservatorio sulla cassa integrazione.
Le ore tornano sotto quota 100 milioni in un mese per la prima volta dall’inizio della pandemia.
Le ore autorizzate per emergenza sanitaria da aprile 2020 a ottobre 2021 sono state 6.445,2 milioni. Su 99,4 milioni di ore di integrazione salariale e fondi di solidarietà autorizzate ad ottobre. Il 76% sono state autorizzate con causale “emergenza sanitaria COVID-19”. Il tiraggio, ovvero l’uso effettivo delle ore autorizzate, nei primi 8 mesi del 2021 è sceso sotto il 40%, a livelli 2019. Tra gennaio ed agosto 2019 il tiraggio era del 38,10% ovvero 68,6 milioni di ore usate su 181,1 autorizzate.
Nei primi otto mesi del 2020 era stato del 47,97% con 1,4 miliardi di ore utilizzate su tre miliardi di autorizzate mentre nei primi otto mesi del 2021 sono state effettivamente utilizzate dalle aziende 923 milioni di ore di cassa su quasi 2,39 miliardi con un tiraggio del 38,66%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Generali: Alleanza punta a raccolta di oltre 6 mld nel 2021
Sprint nella Protection (+35%), punta a raddoppio clienti salute
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
15:02
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Alleanza Assicurazioni chiude i primi nove mesi del 2021 con una raccolta pari a 4,6 miliardi di euro, in crescita del 13% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, e punta a “superare la soglia di 6 miliardi” alla fine di quest’anno, rispetto ai 5,6 miliardi del 2020.
Lo ha detto l’amministratore delegato di Alleanza Assicurazioni, Davide Passero, durante la conferenza stampa di presentazione della nuova soluzione assicurativa ‘WSalute’.
In crescita anche la raccolta Protection che a settembre si attesta a 202 milioni di euro, segnando un +35% rispetto ai primi nove mesi del 2020, che si è chiuso con 209 milioni. Alleanza punta in particolare ad accelerare nel segmento salute, in cui, prevede di “continuare a crescere e di raddoppiare i clienti entro il 2024”, rispetto agli attuali 270mila.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Alibaba: -81% utili secondo trimestre, pesa stretta Cina
Ricavi di luglio-settembre a +29% in linea con tassi precedenti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
PECHINO
18 novembre 2021
15:27
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Alibaba chiude il secondo trimestre con profitti crollati dell’81%, a 5,37 miliardi di yuan (833 milioni di dollari), contro i 28,77 miliardi di yuan dello stesso periodo del 2020.
I ricavi del gruppo di Hangzhou, generati principalmente dalle operazioni di e-commerce, hanno raggiunto – si legge in una nota – i 200,7 miliardi di yuan (+29%), più o meno in linea con i tassi di crescita degli anni precedenti e poco sotto i 204,i miliardi.
I conti di Alibaba erano particolamente attesi nel mezzo della stretta di Pechino sui colossi tecnologici del Paese. Alibaba (-5,34% a Hong Kong) cede in preapertura a Wall Street il 7,94%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa fiacca con calo petrolio e dati Usa, Milano
A Piazza Affari scivola Tenaris. Euro sul dollaro debole
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
15:50
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee proseguono fiacche dopo l’avvio debole di Wall Street e le richieste in calo dei sussidi di disoccupazione.
Nel Vecchio continente tiene banco il tema della pandemia con l’aumento dei contagi ed i timori per nuove misure di contenimento.
Sui listini pesa il calo dell’energia (-1,7%) e le utility (-0,4%) con la flessione del prezzo del greggio, in particolare il Wti scende a 78,31 dollari al barile mentre il Brent sale a 80,45 dollari.
L’indice d’area stoxx 600 cede lo 0,17%. In flessione Londra (-0,27), Madrid (-0,73%) e Milano (-0,44%), piatte Parigi (+0,02%) e Francoforte (-0,04%). Vendite sulle banche (-0,7%) e le assicurazioni (-0,4%) mentre sono in rialzo le auto (+0,4%).
Sul fronte valutario l’euro sul dollaro è stabile sui minimi da 16 mesi a 1,1346.
Poco mosso il prezzo del gas. Ad Amsterdam si attesta a 93,78 euro al Mwh mentre a Londra raggiunge i 236 penny per Mmbtu, l’unità termica britannica equivalente a 28,26 metri cubi.
A Piazza Affari ampliano il calo Recordati (-2%) e Tenaris (-2,1%). Tra i titoli legati al petrolio sono in calo anche Eni (-1,5%) e Saipem (-0,6%). Vendite su Mps (-1,7%), mentre si rincorrono le voci sull’aumento di capitale. In luce Diasorin (+1,3%) e Hera (+1,1%). Mediobanca guadagna lo 0,4%, con Delfin che non commenta le ipotesi di stampa sull’aumento della quota di Piazzetta Cuccia. Generali cede lo 0,4%, mentre il gruppo De Agostini, che detiene una quota dell’1,44% si prepara a scendere.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Pmi: da Cdp-Mcc-Sella piano 100mln per sostegno crescita
Al via programma triennale di basket bond
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
15:54
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Finanziare i progetti di crescita delle PMI e Mid Cap italiane e aiutarle a essere più competitive a livello internazionale.
Questo, come spiega una nota, l’obiettivo del programma triennale di basket bond da 100 milioni di euro lanciato da Cassa Depositi e Prestiti (CDP), Mediocredito Centrale (MCC) e Sella.

A inaugurare il programma sono state due imprese italiane – Star7 (leader mondiale nei servizi linguistici) e Ciemme Alimentari (leader in Italia nella produzione di gnocchi e chicche di patate) – che hanno appena emesso minibond per un valore complessivo pari a 24,5 milioni di euro con l’obiettivo di raccogliere risorse per finanziare i rispettivi piani di investimento e sviluppo sul mercato nazionale e internazionale.
CDP e MCC hanno agito come anchor investor, ciascuna sostenendo il progetto attraverso la sottoscrizione del 40% delle emissioni, mentre Banca Sella ha sottoscritto il restante 20%.
Il piano, che proseguirà con altre emissioni di minibond da parte di aziende italiane fino al raggiungimento dei 100 milioni di euro di risorse previste, è stato promosso da Banca Sella in qualità di arranger tramite la divisione Corporate & Investment Banking. Gardant è intervenuta come servicer e corporate servicer, monitoring agent e altri ruoli ancillari, mentre lo studio legale Chiomenti ha agito come deal counsel.
Le emissioni obbligazionarie sono state quotate sull’ExtraMOT PRO3, il segmento di Borsa Italiana dedicato ai minibond, che garantisce visibilità sui mercati alle PMI e Mid-Cap che aderiranno all’iniziativa.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
‘Casa dolce casa’? Il lavoro domestico ai tempi dello smart working
Il convegno della Società italiana delle storiche alla casa internazionale delle donne a Roma
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
16:03
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Per chiunque lavori da remoto la “neodomesticizzazione” legata allo smart working in pandemia pare implicare alcuni vantaggi e molti rischi: la casa resta un ambito precluso agli ispettorati del lavoro, le postazioni sfuggono in gran parte alle norme che mirano agarantire la sicurezza e la salubrità dei luoghi di lavoro, la libertà di organizzare i propri tempi si traduce facilmente in lavoro senza orari, l’isolamento può rendere chi è dipendente più debole nella contrattazione con la parte datoriale; molti costi–elettricità, telefono, riscaldamento, pulizia, usura della strumentazione e dall’ambiente domestico –ricadono su lavoratori e lavoratrici.
E’ uno dei punti sui quali si sofferma la Società italiana delle storiche in un convegno, dal titolo ‘Casa dolce casa?’ alla Casa internazionale delle donne a Roma.
Molti gli spunti di riflessione per un ragionamento che vuole passare in rassegna tutti gli ambiti toccati da questo tema: non solo la prospettiva storica ma anche l’impatto sull’economia e su tutti gli ambiti della vita familiare.
D’altra parte, anche il risparmio di tempo negli spostamenti, il minor inquinamento che ne deriva, il minor affollamento dei centri urbani etc., se da un lato sono certamente aspetti positivi, dall’altro hanno comunque un profondo impatto sugli attuali assetti socio-economici, con conseguenze negative per molti esercizi commerciali e servizi legati al lavoro “in presenza”.
Senza dubbio – si sottolinea nella presentazione – stiamo assistendo a trasformazioni che difficilmente saranno completamente reversibili, anche se lentamente, grazie alla campagna vaccinale, molte attività tornano in presenza.
Verosimilmente, tali trasformazioni avranno effetti di lungo periodo sull’intera dimensione del quotidiano, sull’organizzazione della vita familiare e relazionale, nonché sul lavoro, i trasporti, l’architettura e l’urbanistica, la sostenibilità etc. Le modalità di lavoro misto, in presenza a distanza, verosimilmente saranno eredità di lungo periodo della pandemia. Se da un lato paiono essere la quadratura del cerchio, dall’altropossono comportare, almeno in certi casi, un aumento della difficoltà organizzativa.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lavoro: sindacati, Verti assicurazione annuncia 325 esuberi
Sindacati e dipendenti dicono no a piano
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
16:47
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Verti, la compagnia assicurativa online del gruppo Mapfre, ha annunciato 325 esuberi di dipendenti con un’età media sotto i 45 anni nella sede di Cologno Monzese (Milano).
Lo rendono noto i sindacati che hanno spiegato di essere stati convocati dall’azienda per l’apertura delle procedure contrattuali per rilevante ristrutturazione aziendale e dichiarazione di esuberi.

I sindacati di categoria di Cgil, Cisl, Uil, Snfia e Fna spiegano che la società vuole esternalizzare l’intera struttura Contact Center-Back Office. La decisione è stata motivata “da fattori di contesto che impongono di rivedere i modelli organizzativi/operativi e di intervenire sui costi fissi a partire dal costo del lavoro”. Dipendenti e rappresentanti sindacali di Verti, oltre a quelli territoriali e nazionali, esprimono “la propria contrarietà al progetto aziendale perché in contrasto con lo spirito e le previsioni dell’Area Contrattuale del contratto di lavoro Ania (proprio in queste settimane è stata definita la piattaforma unitaria per il rinnovo del contratto, che tra i vari temi mette al centro proprio il tema del rafforzamento dell’Area Contrattuale) e perché in contrasto con le logiche del sistema assicurativo italiano”.
“Non è accettabile che una Compagnia Diretta come Verti, che fa parte di Ania e di uno dei gruppi assicurativi più importanti in Europa, scelga di mettere in campo, come unica soluzione per essere più competitiva e primeggiare nel settore, gli esuberi e le esternalizzazioni, facendo pagare ai dipendenti le proprie criticità nel raggiungimento degli obiettivi che si pone – sottolineano -. L’annuncio di Verti è inaccettabile ancor più in un momento storico e sociale straordinario, come quello che stiamo vivendo, che richiede anche alle Imprese un fattivo contributo alla ripresa e al rafforzamento dell’economia reale del Paese”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Atr svela a Dubai 29 ordini da inizio anno ed i nuovi motori
“Forte potenziale di crescita” per la jv tra Leonardo e Airbus
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
16:35
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Atr “conferma la leadership nel mercato dell’aviazione regionale” e evidenzia “un forte potenziale di crescita”, sottolinea la joint venture tra Leonardo e Airbus, che dal Dubai Airshow annuncia nuovi ordini (dando per la prima volta evidenza dei 29 nuovi ordini da inizio anno) e presenta una nuova serie di motori.
E’ una conferma dei segnali di ripresa per il settore delle aerostrutture per l’aviazione civile, con un diretto impatto positivo per gli stabilimenti della divisione aerostrutture di Leonardo che hanno indirettamente sofferto del forte impatto della crisi Covid sulle compagnie aeree.

Con il lancio del nuovo motore Pratt & Whitney Canada PW127XT, Atr ha confermato – sottolinea una nota – “la strategia di offrire ai clienti la migliore proposta di valore migliorando l’economia operativa e la sostenibilità attraverso l’accesso alle ultime innovazioni non appena disponibili. Air Corsica, cliente di lancio di questa nuova serie di motori, beneficerà di una riduzione del 20% dei costi di manutenzione e di una riduzione del 3% del consumo di carburante”.
“Toki Air diventerà la prima compagnia aerea giapponese ad operare ATR 42-600S”. Mentre, nel dettaglio, i nuovi ordini da inizio ano riguardano 6 Atr 72-600 per Sky Express, 3 per Tarom, 4 per Binter Canarias, 5 per Air Corsica, 3 per Afrijet, altri 5 per un un cliente non reso noto. E’ stato poi ordinato un Atr 42-600 da Japan Air Commuter, ed altri due da un cliente non reso noto.
Il consorzio ATR, joint venture paritetica tra Leonardo e Airbus, è oggi il primo produttore mondiale di aerei a turboelica per i collegamenti regionali. Leonardo realizza per tutti i velivoli Atr l’intera fusoliera, completamente equipaggiata (nello stabilimento di Pomigliano D’Arco), e gli impennaggi di coda verticale ed orizzontale in materiale composito (nello stabilimento di Foggia).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano amplia calo con energia e banche
Scivola Tenaris. Lo spread tra Btp e Bund stabile a 121 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
16:38
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano (-0,7%) amplia il calo, in linea con gli altri listini europei.
A Piazza Affari vendite su Tenaris (-3%) insieme agli altri titoli legati al petrolio con Eni che cede il 2% e Saipem l’1,2%.
Lo spread tra Btp e Bund è stabile a 121 punti con il rendimento del decennale italiano allo 0,94%.
In fondo al listini principale anche Cnh (-2,1%) e Recordati (-1,9%). Tra le banche scivola Mps (-2,1%), con le voci sull’aumento di capitale. Male anche Bper (-1,7%), Unicredit (-1,4%), Banco Bpm (-1,2%) e Intesa (-0,8%). Mediobanca sale dello 0,2%, nel giorno delle indiscrezioni su un possibile aumento della quota di Delfin. In flessione Generali (-0,6%), con il gruppo De Agostini che si prepara a scendere.
In positivo le utility dove brillano Hera (+1,4%) e Italgas (+1,2%). Snam (+0,3%) e Terna (+0,1%) mentre è in controtendenza A2a (-0,6%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude in calo (-0,59%)
L’indice Ftse Mib a 27.661 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
18 novembre 2021
17:38
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano chiude in calo.

L’indice Ftse Mib cede lo 0,59% a 27.661 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fipe: Stoppani; consumi ancora deboli,ora politiche sostegno
In 2021 spesa alimentare sale ma -20% rispetto pre-covid
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
19:28
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nel 2021 la spesa degli italiani per consumi alimentari fuoricasa tornerà ad oltre 63 miliardi di euro, con un incremento del 17,2% rispetto al 2020, ma ancora sotto i livelli pre-covid per oltre 20 miliardi di euro.
Più contenuto l’aumento della spesa alimentare domestica: +0,8% rispetto allo scorso anno.
E’ quanto è emerso all’ assemblea della Federazione dei Pubblici Esercizi dove è stata presentata la “Carta dei Valori” della ristorazione italiana alla presenza del ministro Garavaglia e del presidente di Confcommercio Sangalli. “Sono necessarie politiche lungimiranti di sostegno e di sviluppo alla ristorazione, elementi qualificanti della nostra offerta turistica e strumenti formidabili di promozione del nostro patrimonio agroalimentare”. ha detto il presidente della Fipe Lino Enrico Stoppani L’impatto della pandemia sulla ristorazione è stato devastante anche a livello internazionale. In tutti i Paesi del vecchio continente la flessione dei consumi è stata superiore al 30%, con punte di oltre il 40% in Spagna sottolinea la federazione.
Prima della pandemia, la sola spesa turistica destinata alla ristorazione valeva 18,5 miliardi di euro, con 8,4 miliardi di euro garantiti dal turismo straniero, con un valore aggiunto pari a circa 7 miliardi. I rappresentanti di Fipe, Confagricoltura, Coldiretti, Unione Italiana Food, oltre a Siae per il ruolo della musica nei Pubblici Esercizi, hanno firmato la “Carta dei Valori” della ristorazione italiana, con i principi cardine per la valorizzazione condivisa del settore. Le nostre imprese – ha spiegato Stoppani – segnalano forti tensioni sui prezzi di acquisto delle materie prime e in taluni casi difficoltà di approvvigionamento ed è pertanto necessario un attento presidio da parte del Governo proprio per contrastare eventuali fenomeni speculativi”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa:Europa chiude in calo,effetto petrolio e quarta ondata
Francoforte (-0,18%), Parigi (-0,21%), Londra (-0,48%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
17:58
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee chiudono in calo, in scia con l’andamento debole di Wall Street.
Sui listini pesa il calo del petrolio, ai minimi degli ultimi sei mesi a New York, ed i timori per nuove misure di contenimento per l’aumento dei contagi da coronavirus.
Con l’impennate dell’inflazione l’attenzione degli investitori si concentra sulle prossime mosse delle banche centrali.
Concludono le contrattazioni in terreno negativo Francoforte (-0,18%), Parigi (-0,21%), Londra (-0,48%) e Madrid (-1%). Sul versante valutario l’euro sul dollaro è ai minimi di 16 mesi a 1,1355.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread tra Btp e Bund chiude in lieve calo a 119 punti
Il rendimento del decennale italiano allo 0,918%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
18:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread tra Btp e Bund tedesco chiude in lieve calo a 119 punti, rispetto ai 121 punti dell’avvio di seduta.
Il rendimento del decennale italiano scende allo 0,918%, rispetto allo 0,94% dell’inizio di giornata.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ast, notificata a Ue acquisizione Arvedi
Decisione prevista entro il 22 dicembre
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
18 novembre 2021
18:21
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’Antitrust Ue ha ricevuto la notifica dell’acquisizione dell’Ast di Terni da parte del gruppo Arvedi.
Lo si apprende dal registro aggiornato della direzione generale per la Concorrenza della Commissione europea.
Bruxelles analizzerà l’operazione in base alla procedura semplificata sulle concentrazioni. La scadenza, provvisoria, per la risposta è al momento fissata entro il 22 dicembre prossimo. L’annuncio della cessione del sito umbro specializzato nella produzione di acciaio inox da parte di ThyssenKrupp al gruppo Arvedi era stata ufficializzata lo scorso 16 settembre.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cina valuta rilascio riserve, giù prezzi del greggio
Ma non è chiaro se sia per le richieste di Biden a Xi del summit
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
PECHINO
18 novembre 2021
21:13
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Cina lavora al rilascio delle sue riserve strategiche di petrolio e contribuisce a far scivolare i prezzi del greggio ai minimi degli ultimi sei mesi.
La mossa, già fatta nei mesi scorsi per contenere il rialzo di materie prime e commodity, non è chiaro se sia da legare alla richiesta fatta dal presidente americano Joe Biden all’omologo Xi Jinping durante il summit virtuale tenuto all’inizio della settimana.
Secondo l’ipotesi riportata dal South China Morning Post, infatti, gli Stati Uniti hanno proposto a Pechino un’azione congiunta sul greggio come parte delle discussioni a tutto tondo sulla cooperazione economica. “Stiamo lavorando sul loro rilascio. E per qualsiasi dettaglio relativo, pubblicheremo una dichiarazione sul nostro sito Web”, ha detto una portavoce della National Food and Strategic Reserve Administration cinese, nel resoconto dei media locali.
L’amministrazione Biden è sottoposta alle crescenti pressioni interne dopo la recente impennata dell’inflazione, balzata a ottobre al 6,2% con il maggiore rialzo accusato dal 1990. Gli Usa hanno le maggiori riserve strategiche al mondo, pari a 727 milioni di barili, contro i circa 200 milioni attribuiti alla Cina. L’azione americana, tuttavia, ha avuto un raggio ancora più ampio dopo che il cartello dell’Opec e i suoi alleati hanno respinto le pressioni di Washington per un incremento della produzione. L’Agenzia internazionale per l’energia (Iea) e l’Opec hanno affermato nelle ultime settimane che nei prossimi mesi sarà disponibile più offerta, ma il proposto rilascio di riserve rappresenta una sfida senza precedenti per il cartello dei Paesi produttori perché coinvolge il loro principale importatore, la Cina.
Oltre a Pechino, le stesse sollecitazioni sono state fatte ai principali Paesi consumatori a livello mondiale, come Giappone, Corea del Sud e India, tra le esigenze di frenare i prezzi del greggio e sostenere l’economia ancora alle prese con le difficoltà della pandemia del Covid-19. Un funzionario del ministero dell’Industria nipponico ha ammesso la richiesta americana di cooperazione, precisando – secondo i media locali – che per legge, Tokyo non può usare le riserve per abbassare i prezzi. Seul ha chiarito che il governo sudcoreano sta valutando la possibilità di liberare parte delle sue riserve strategiche. “Stiamo esaminando la questione coi ministeri competenti”, ha affermato un funzionario citato in forma anonima dalla Yonhap, secondo cui sarà presa una decisione “nel mentre osserviamo i movimenti di altri Paesi che hanno ricevuto le stesse richieste”.
A fine agosto, Seul aveva circa 98 milioni di barili di riserve strategiche di petrolio, sufficienti per ‘resistere’ 106 giorni senza l’importazione di greggio. Il petrolio, intanto, è scivolato ai minimi degli ultimi sei mesi a New York nella girandola di indiscrezioni e di conferme sul possibile uso delle riserve strategiche da parte della Cina e sul pressing attivato da Biden per un’azione coordinata e mirata a raffreddare le tensioni sui prezzi dell’energia. Le quotazioni, nel primo pomeriggio di New York, hanno visto il barile scendere prima a 77,08 dollari al barile, per recuperare poi fino a quota 78,40.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude in calo con Europa, pesa l’energia
Male le banche, contrastate utility. Spread Btp-Bund a 119 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
19:28
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano (-0,59%) chiude in calo, in linea con gli altri listini europei.
Su Piazza Affari pesano l’energia, con il petrolio sui minimi degli ultimi sei mesi a New York.
Vendite su Tenaris (-2,8%), Eni (-1,3%) e Saipem (-1%). In lieve calo lo spread tra Btp e Bund che scende a 119 punti base, con il rendimento del decennale italiano allo 0,918%.
Seduta in calo anche per le banche. Scivolano Bper (-2,5%) e Mps (-2,1%), quest’ultima con le notizie sul tema dell’aumento di capitale. Male anche Banco Bpm (-1,2%), Unicredit (-1,%) e Intesa (-0,6%). Piatta Carige (+0,03%). In terreno positivo Mediobanca (+0,1%), nel giorno delle indiscrezioni di stampa su Del Vecchio che vorrebbe rafforzarsi ulteriormente nel capitale di Piazzetta Cuccia e Delfin che non commenta.
In flessione Generali (-0,8%), in linea con il settore assicurativo europeo e mentre il gruppo De Agostini, che detiene l’1,44% del Leone, si prepara a scendere. Nel listino principale in rosso anche Recordati (-1,9%) e Tim (-1,3%). Le vicende legate ai costi dell’energia spingono in ordine sparso le utility. Si mettono in mostra Hera (+1,6%), Italgas (+0,9%) e Iren (+0,4%) mentre sono in calo A2a (-0,7%) e Enel (-0,3%).
Poco mossa Snam (+0,06%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: a minimi 6 mesi, pressing Usa su riserve strategiche
Ribasso fino a 77 dollari al barile
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
18 novembre 2021
19:30
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il petrolio è sui minimi degli ultimi sei mesi a New York fra le indiscrezioni sul possibile uso delle riserve strategiche da parte della Cina e i rumors sul pressing di Joe Biden per un’azione coordinata per il rilascio delle riserve così da allentare le pressioni sui prezzi dell’energia.
Le quotazioni sono arrivate a scendere fino a 77,08 dollari al barile, per poi recuperare e salire a 78,40 dollari.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cybersecurity: Keyless acquisita da americana Sift
Società romana specializzata in autenticazione biometrica
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
20:56
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Keyless, società romana che si occupa di autenticazione biometrica di nuova generazione, ha annunciato oggi di aver firmato l’accordo definitivo per essere acquisita da Sift, un unicorn statunitense partecipato da Insights Partner e altri venture capital e leader nella Digital Trust & Safety.

Lo si legge in una nota che ricorda come la partnership tra Sift e Keyless aiuta le aziende in una delle aree più difficili da proteggere: il momento di iscrizione di un utente, il login e/o l’autenticazione in-app, ad esempio per i pagamenti”.

Il phishing, il furto di credenziali e l’acquisizione di account stanno raggiungendo livelli senza precedenti, sottolinea Keyless, e le aziende si trovano sotto pressione nella gestione della protezione delle identità digitali, nell’esperienza e fiducia degli utenti, nonché nel mantenimento della conformità.
Keyless consente a società altamente regolamentate, come banche e istituti finanziari, e a organizzazioni che gestiscono dati sensibili, come scuole e università, di identificare gli utenti con l’obiettivo di proteggere la loro privacy.
“Il nostro primo cliente è stata la Luiss University e siamo orgogliosi di essere il fornitore che ha permesso loro di proteggere oltre 15.000 identità di studenti, soprattutto a partire dal 2020 quando si è passati a un modello completamente da remoto. La Luiss è un istituto lungimirante e aveva bisogno di una soluzione innovativa alle sfide che si presentavano con l’introduzione dell’apprendimento a distanza, avendo bisogno dei più elevati livelli di sicurezza per proteggere e controllare gli accessi, gestire le presenze e facilitare gli esami”, ha dichiarato Andrea Carmignani, CEO e co-fondatore di Keyless.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: a Tokyo apertura piatta (+0,03%)
Cautela dopo vendite su settore tecnologico in Cina
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
19 novembre 2021
01:34
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Tokyo avvia la seduta all’insegna della cautela, seguendo la chiusura mista degli indici azionari statunitensi, e con gli occhi puntati al settore tecnologico in Cina, dopo la pesante correzione di ieri, che ha visto il listino tech Hang Seng perdere quasi il 3%.
L’indice di riferimento Nikkei parte senza variazioni a quota 29.608.92 (+0,03%).
Sul mercato dei cambi lo yen è stabile sul dollaro a 114,20, e sull’euro a 129,90.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Hong Kong apre a -1,52%, Alibaba affonda a -10,26%
Colosso e-commerce sconta trimestrale deludente e stretta Cina
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
PECHINO
19 novembre 2021
03:11
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Hong Kong apre la seduta con pesanti perdite, scontando il tonfo dei titoli tecnologici, a partire da Alibaba che ieri ha diffuso dati trimestrali deludenti: l’indice Hang Seng cede l’1,52%, a 24.934,40.
Il colosso dell’e-commerce è crollato a -10,26% nelle prime battute, dopo che gli utili di luglio-settembre sono caduti dell’81%, a 5,37 miliardi di yuan (833 milioni di dollari).
Il gruppo di Hangzhou fondato da Jack Ma ha rivisto al ribasso il target sui ricavi per il rallentamento dell’economia e gli effetti della stretta delle autorità di Pechino sul settore tecnologico. A Wall Street Alibaba ha perso oltre l’11%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro: stabile a 1.858 dollari l’oncia
Sui mercati asiatici
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
08:17
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Quotazioni dell’oro stabili sui mercati asiatici: il lingotto con consegna immediata passa di mano a 1858 dollari l’oncia senza variazioni di rilievo rispetto alle quotazioni della vigilia (-0,05%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bonifiche Ferraresi: Eni e Intesa entrano nel capitale
Dopo aumento dedicato, a entrambe il 3,32% di Bf
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
08:28
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Al via un alleanza strategica tra Bf (Bonifiche Ferraresi), Eni e Intesa: è stato sottoscritto un accordo per l’avvio di una collaborazione strategica tra le tre società, con la cessione di una partecipazione ai due nuovi partner.

Lo rende noto un comunicato di Bf, il cui Cda ha deliberato la convocazione per il 21 dicembre prossimo di una assemblea in sede ordinaria e in sede straordinaria.
L’investimento nel capitale sociale di Bf da parte di Eni e Intesa avverrà attraverso un aumento di capitale riservato al termine del quale le due società deterranno ognuna il 3,32% di Bf.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Asia positiva, su Hong Kong pesa crollo Alibaba
Leggermente in rialzo i future sull’avvio dei listini europei
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
08:36
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mercati asiatici e dell’area del Pacifico solidi nell’ultima seduta della settimana: Tokyo ha chiuso in rialzo dello 0,5%, con le Borse cinesi di Shanghai e Shenzhen in aumento nel finale di un punto percentuale.

Pesante invece Hong Kong, che si avvia alla chiusura in ribasso attorno all’1%, affossata dai titoli tecnologici e in particolare da Alibaba, che scivola del 10% dopo la trimestrale e l’outlook sui prossimi mesi deludenti.

Tra gli altri listini, in rialzo dello 0,8% Seul e di un timido 0,2% Sidney, dove sono quotati diversi titoli che possono anticipare l’avvio dei loro settori in Europa. Tra le Borse minori, in aumento dell’1% Giakarta.
Leggermente positivi i future sull’avvio dei mercati europei.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread tra Btp e Bund apre in lieve calo a 118 punti
Il rendimento del decennale italiano allo 0,91%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
08:39
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio di giornata in lieve calo per lo spread tra Btp e Bund tedesco che segna 118 punti a fronte dei 199 della chiusura di ieri.
Il rendimento del decennale italiano è stabile allo 0,91%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cambi: euro poco mosso in avvio a 1,1356 dollari
Moneta unica in lieve rialzo sullo yen
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
08:44
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’euro è poco mosso rispetto al dollaro in avvio di giornata.
La moneta unica segna quota 1,1356, con una variazione minima pari a -0,13%.
Sullo yen l’euro si apprezza leggermente a 129,83.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano apre in leggero rialzo, Ftse Mib +0,3%
In aumento anche l’indice Ftse All share, +0,4%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
19 novembre 2021
09:05
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio in crescita per Piazza Affari: il primo indice Ftse Mib segna un rialzo dello 0,34%, l’Ftse All share un amento dello 0,41%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa parte positiva, Londra +0,3%
In leggero rialzo anche Parigi e Francoforte, piatta Amsterdam
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
09:18
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mercati azionari del Vecchio continente generalmente in crescita in avvio di seduta: Londra ha aperto in rialzo dello 0,3%, con Parigi sullo stesso piano.

In aumento dello 0,2% Francoforte, piatta Amsterdam, solida Madrid che cresce dello 0,4%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano tiene (+0,3%) con Eni, fiacca Enel
Bene Recordati, prosegue scivolone di Mps ai minimi storici
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
09:57
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza Affari nei primis scambi conferma il trend leggermente positivo, pur fra qualche incertezza: l’indice Ftse Mib sale dello 0,3%, con Recordati che è il titolo migliore tra quelli a elevata capitalizzazione in aumento di due punti percentuali.

Molto bene anche Eni (+1,7%) dopo l’accordo con Bf, la holding di controllo di Bonifiche Ferraresi, che ha da parte sua ha faticato a fare prezzo di ingresso e ora cresce attorno ai due punti percentuali.
Fiacca Intesa (-0,4%), anch’essa verso l’entrata nel capitale di Bf.
Qualche vendita su Enel (-0,7%) e Leonardo (-0,9%), mentre nel paniere a bassa capitalizzazione continua lo scivolone di Mps (-1,6% a 0,95 euro) che corregge ancora i suoi minimi storici.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lagarde: ‘La stretta dei tassi ora sarebbe dannosa’
La presidente della Bce: ‘Colpirebbe i redditi disponibili delle famiglie, ponendo un freno alla ripresa’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
16:44
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Un rialzo dei tassi d’interesse adesso non avrebbe effetto sullo shock inflazionistico che sta colpendo l’economia europea ma colpirebbe i redditi disponibili delle famiglie, ponendo un freno alla ripresa. Lo ha detto la presidente della Bce Christine Lagarde al Congresso bancario di Francoforte.
Lagarde ha detto che alzare i tassi ora non influenzerebbe né i prezzi energetici e che “le strozzature all’offerta globale non possono essere risolte dalla politica monetaria”.

La Bce deve esercitare “pazienza e persistenza” per l’obiettivo di un’inflazione sostenibile intorno al 2%, e l’attuale fiammata dei prezzi oltre il 4%, essendo destinata ad esaurirsi, non realizza ancora le condizioni desiderate per poter cambiare orientamento di politica monetaria.
Lo ha detto la presidente della Bce Christine Lagarde al Congresso bancario di Francoforte. “Anche dopo l’attesa fine dell’emergenza pandemica – ha detto Lagarde – sarà ancora importante che la politica monetaria, e con essa un’adeguata calibrazione degli acquisti di bond, sorregga la ripresa e un ritorno all’inflazione sostenibile al 2%. Annunceremo le nostre intenzioni su questo a dicembre.
“Adesso bisogna evitare la tentazione di ritiri prematuri delle politiche espansive. Questa idea può venire dai ritmi di crescita e dall’inflazione ma dobbiamo continuare questo gioco di spinta della politica monetaria Bce e delle politiche di bilancio della commissione Ue. Ho visto le parole della presidente Lagarde che non ritiene che questo sia un momento di stretta per Bce e per le nostre politiche non è il momento di abbandonare il rilancio ma di renderle più selettive e mirate”. Così il commissario Ue agli Affari economici Paolo Gentiloni intervenendo all’assemblea di Confindustria Firenze.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Amazon: nel 2020 investimenti in Italia salgono a 2,9 mld
Nel 2021 creati 3.000 nuovi posti lavoro a tempo indeterminato
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
10:30
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Aumentano gli investimenti di Amazon in Italia: da 1,8 miliardi di euro nel 2019 a 2,9 miliardi nel 2020, per un totale di 8,7 miliardi dall’apertura di Amazon.it.

Lo rende noto il Gruppo, aggiungendo che nel 2021 sono stati creati 3.000 nuovi posti di lavoro a tempo indeterminato per un totale di oltre 12.500 dipendenti.
“Attraverso gli investimenti, Amazon ha contribuito alla creazione di nuovi posti di lavoro di qualità, alla crescita delle Pmi italiane online, allo sviluppo delle infrastrutture logistiche e di impianti di energia rinnovabile su larga scala”, spiega la società, sottolineando che ciò ha portato ad “un aumento della sua contribuzione fiscale” al Paese, a 345 milioni di euro nel 2020 da 234 milioni del 2019. Inoltre, ad ottobre è stata aumentata “dell’8% la retribuzione di ingresso dei dipendenti della rete logistica portandola a 1.680 euro”, fa presente Amazon.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Istat: fatturato industria a settembre +0,1%,+15,2% su anno
In terzo trimestre +2,4%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
10:32
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
A settembre si stima che il fatturato dell’industria, al netto dei fattori stagionali, sia aumentato dello 0,1% rispetto ad agosto.E’ quanto risulta dai dati dell’Istat.
Corretto per gli effetti di calendario, il fatturato totale cresce in termini tendenziali del 15,2% (+17,0% sul mercato interno e +11,6% su quello estero).
Nel terzo trimestre l’indice complessivo evidenzia un incremento del 2,4% rispetto ai tre mesi precedenti (+3,0% sul mercato interno e +1,5% su quello estero).
Rispetto a settembre 2020 si registrano incrementi tendenziali molto marcati per l’energia (+48,2%) e i beni intermedi (+28,6%), più contenuti per i beni di consumo (+7,1%) e quelli strumentali (+2,4%). Con riferimento al comparto manifatturiero, si evidenziano aumenti tendenziali per tutti i settori di attività economica, ad eccezione del comparto dei mezzi di traporto e di quello farmaceutico.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa peggiora dopo strette Covid, Milano -0,5%
Operatori attendono anche Biden su presidente Fed
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
10:53
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sensibile corrente di vendite sui mercati azionari del Vecchio continente: dopo un avvio in leggero aumento, le Borse europee sono scese sotto la parità (Londra -0,1%, Parigi e Francoforte -0,2%, Madrid -0,8%) con il chiaro peggioramento della situazione Covid e gli operatori in attesa della decisione del presidente Usa Biden sulla conferma alla presidenza della Fed di Jerome Powell oppure sulla nomina a nuovo numero uno della banca centrale di Lael Brainard.

Milano, che guarda anche al peggioramento dello spread tra Btp e Bund sopra i 120 punti base, scende dello 0,5% con l’indice Ftse Mib e accusa lo scivolone di Leonardo che cede oltre il 2,5%.

Mps è in calo di oltre due punti percentuali correggendo ancora i minimi, Stellantis, Intesa, Atlantia e Unicredit perdono circa un punto e mezzo. Tiene Recordati che cresce di oltre due punti percentuali.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Istat: fatturato industria a settembre +0,1%,+15,2% su anno
In terzo trimestre +2,4%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
10:42
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
A settembre si stima che il fatturato dell’industria, al netto dei fattori stagionali, sia aumentato dello 0,1% rispetto ad agosto.E’ quanto risulta dai dati dell’Istat.
Corretto per gli effetti di calendario, il fatturato totale cresce in termini tendenziali del 15,2% (+17,0% sul mercato interno e +11,6% su quello estero).
Nel terzo trimestre l’indice complessivo evidenzia un incremento del 2,4% rispetto ai tre mesi precedenti (+3,0% sul mercato interno e +1,5% su quello estero).
Rispetto a settembre 2020 si registrano incrementi tendenziali molto marcati per l’energia (+48,2%) e i beni intermedi (+28,6%), più contenuti per i beni di consumo (+7,1%) e quelli strumentali (+2,4%). Con riferimento al comparto manifatturiero, si evidenziano aumenti tendenziali per tutti i settori di attività economica, ad eccezione del comparto dei mezzi di traporto e di quello farmaceutico.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mps: stop al ribasso in Borsa, corregge minimi
Titolo in calo del 5% teorico a 0,92 euro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
11:05
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nella brusca corrente di vendite che si sta registrando sulle Borse europee a rimetterci è anche Mps il cui titolo, debole dall’avvio, in Piazza Affari è stato posto in asta di liquidità in calo del 5% teorico a 0,92 euro.

La banca toscana è molto debole da ieri e sta correggendo i suoi minimi storici.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano scivola (-1%), male le banche
Piazza Affari giù con Madrid e Vienna dopo misure Covid
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
11:31
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Si ampliano i ribassi sui mercati azionari del Vecchio continente dopo il chiaro peggioramento della situazione Covid in diversi Paesi e le misure di urgenza come il lockdown quasi immediato in Austria.

Le Borse che perdono maggiormente sono Madrid (-1,5%) e Milano, che cede l’1% con l’indice Ftse Mib, seguite da Vienna in ribasso di un punto percentuale.
Più cauti gli altri listini europei in calo al di sotto del mezzo punto, in una situazione molto nervosa e con forti oscillazioni.
La tensione sui titoli di Stato sta scendendo per le rassicurazioni della Lagarde, ma nei Paesi a debito più a rischio i tassi calano meno che negli altri casi, con lo spread tra Btp e Bund sopra i 120 punti base. In Piazza Affari soffrono le banche, con Intesa e Unicredit che perdono oltre il 3%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
A ottobre 1,35 milioni di famiglie con Rdc, 544 euro medi
Inps: circa tre milioni le persone interessate
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
11:42
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
A ottobre 2021 erano 1.357.171 le famiglie beneficiarie del reddito o della pensione di cittadinanza con un importo medio del sussidio di 544 euro.
Le persone interessate in questi nuclei sono 3.012.087.
Lo rileva l’Inps nell’Osservatorio sul reddito di cittadinanza dal quale emerge che i nuclei che hanno avuto almeno una mensilità tra gennaio e ottobre sono stati 1.713.101 per 3.843.354 persone interessate. A ottobre le famiglie con il reddito di cittadinanza sono state 1.218.327 per oltre 2,8 milioni di persone (575 euro medi il beneficio a nucleo) mentre quelle con la pensione di cittadinanza sono state 138.844.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mps: rientra pesante a scambi in Borsa dopo stop, -4%
Ftse Mib lima le perdite, sempre male le banche
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
11:44
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Monte dei Paschi è rientrata ai normali scambi di Piazza Affari in calo di oltre il 4% a 0,93 euro, con un minimo in corso di seduta a quota 0,92.
Elevati ma non eccezionali gli scambi: al momento sono passate di mano poco più di tre milioni di azioni della banca controllata dal Tesoro, le stesse dell’intera giornata di ieri.

Sempre pesanti anche le altre banche, con l’indice Ftse Mib (-0,8%) che ha leggermente ridotto il picco delle perdite: Unicredit scende del 3,3%, Intesa del 2,7%, Banco Bpm di due punti percentuali.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa incerta con strette Covid, Milano -0,9%
Male Vienna (-2%) dopo decisione lockdown, banche pesanti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
12:28
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Passata la fiammata di tensione dopo le strette di diversi Paesi per affrontare la pandemia Covid, a iniziare dal lockdown quasi immediato decretato dall’Austria, le principali Borse azionarie del Vecchio continente si mantengono incerte, con Londra che cede lo 0,3%, Parigi lo 0,1%, Francoforte e Amsterdam piatti.

Molto più pesanti i listini dei Paesi storicamente sotto la pressione dei mercati e una forte incidenza dei titoli bancari, con Madrid che perde un punto percentuale e Milano lo 0,9% nell’indice Ftse Mib.
Scivola Vienna, che perde oltre il 2%.
In Piazza Affari l’idea di ulteriori provvedimenti restrittivi in Europa penalizza Autogrill, che cede il 7% a 6,1 euro, ma le vendite in generale restano concentrate sulle banche: Mps e Unicredit perdono oltre tre punti percentuali, con Intesa in calo del 2,9%. Male anche Leonardo (-3,1%) mentre schizza al rialzo Tim, che cresce del 3% a 0,345 euro.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Prada: bene in Borsa (+5%) dopo il Capital Market Day
Titolo a Hong Kong brinda a risultati e prospettive del gruppo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
12:55
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ottima seduta per Prada in Borsa a Hong Kong dopo il Capital Markets Day dal quale sono emersi outlook positivi e l’idea di un passaggio di consegne dall’amministratore delegato, Patrizio Bertelli, al figlio Lorenzo, ora group marketing director: il titolo del gruppo della moda ha chiuso a Hong Kong in rialzo del 5,4% a 57,5 dollari del Paese asiatico.

Tra l’altro, Prada ha archiviato un terzo trimestre con un aumento del 18% nelle vendite retail rispetto allo stesso periodo del 2019, oltre ad aver previsto un'”ottima progressione nel quarto trimestre”, col canale online cresciuto del 400% e debiti azzerati.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cartello sui prezzi, maxi multa da 20 milioni a Conserve Italia
Per oltre 13 anni fissati i prezzi e le quote di mercato in tutta Europa su conserve e verdure in scatola
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
19 novembre 2021
13:30
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Commissione Europea ha sanzionato con una multa da 20 milioni di euro Conserve Italia Soc.
cooperativa agricola e la sua controllata Conserves France S.A.
per violazione delle norme antitrust dell’Ue. Bruxelles ha rilevato che, per più di 13 anni, Conserve Italia ha partecipato con altri operatori di mercato a un cartello per la fornitura di alcuni tipi di verdure in scatola a rivenditori e società di servizi di ristorazione nello Spazio economico europeo. “La sanzione che infliggiamo oggi a Conserve Italia riflette la gravità del loro comportamento”, ha commentato la vicepresidente della Commissione Margrethe Vestager.
Nel settembre 2019 la Commissione aveva già adottato una decisione di transazione nei confronti di Bonduelle, Coroos e Groupe CECAB per aver partecipato allo stesso cartello. Al contrario delle altre tre aziende, Conserve Italia aveva deciso di non patteggiare. Di conseguenza, l’indagine dell’Antitrust nei confronti del gruppo italiano è proseguita secondo la normale procedura, arrivando alla sanzione odierna. Conserve Italia ha beneficiato di una riduzione del 50% dell’ammenda per la sua cooperazione con l’indagine.
“Con la nostra decisione, possiamo mettere un coperchio alla vicenda del cartello delle verdure in scatola. Conserve Italia è stato l’unico produttore ad aver rifiutato la transazione, si è accordata con gli altri partecipanti all’intesa per spartirsi il mercato e fissare i prezzi di alcune conserve vegetali in tutta Europa. Per oltre 13 anni, quindi, i consumatori hanno subito le conseguenze di una minore concorrenza e di prezzi più elevati”, sottolinea Vestager.
L’Antitrust evidenzia come per oltre 13 anni (dal 15 marzo 2000 al primo ottobre 2013) Conserve Italia e gli altri partecipanti al cartello abbiano fissato i prezzi, concordato le quote di mercato e i volumi di vendita, ripartito clienti e mercati, scambiato informazioni commercialmente sensibili e coordinato le risposte alle gare d’appalto. Con il loro comportamento miravano a mantenere o rafforzare la rispettiva posizione sul mercato, mantenere o aumentare i prezzi di vendita praticati, ridurre l’incertezza circa la rispettiva condotta commerciale futura e controllare le condizioni di commercializzazione e di compravendita, così da sfruttare a loro vantaggio la situazione.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Inps: a ottobre 1,35 mln famiglie con Rdc, 739 mln spesa
Circa tre milioni persone interessate; 544 euro medi a famiglia
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
13:33
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
A ottobre 2021 erano 1.357.171 le famiglie beneficiarie del reddito o della pensione di cittadinanza con un importo medio del sussidio di 544 euro.
Le persone interessate in questi nuclei sono 3.012.087.
Lo rileva l’Inps nell’Osservatorio sul reddito di cittadinanza dal quale emerge che i nuclei che hanno avuto almeno una mensilità tra gennaio e ottobre sono stati 1.713.101 per 3.843.354 persone interessate. A ottobre le famiglie con il reddito di cittadinanza sono state 1.218.327 per oltre 2,8 milioni di persone (575 euro medi il beneficio a nucleo) mentre quelle con la pensione di cittadinanza sono state 138.844. La spesa nel mese per il sussidio è stata di 739,07 milioni di euro mentre la spesa totale nei primi 10 mesi del 2021 è stata di 7,27 miliardi.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa debole, male Milano (-1,4%), scivola Vienna
Pesano misure anti Covid, in Piazza Affari controtendenza Tim
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
13:46
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Resta alto il nervosismo sui mercati azionari del Vecchio continente dopo diversi provvedimenti contro la pandemia Covid: la Borsa peggiore è quella di Vienna, che cede il 2,6% dopo la decisione del governo austriaco di un lockdown quasi immediato.

Tra notevoli alti e bassi, male anche Madrid (-1,6%) e Milano che cede l’1,4% con l’indice Ftse Mib: sono i due mercati sui quali maggiormente pesa il settore bancario, molto debole.
Meno intensa la corrente di vendite sui listini di Amsterdam e Parigi (-0,7%), Londra (-0,6%) e Francoforte, che cede lo 0,3%.
In Piazza Affari prosegue il brusco calo di Autogrill (-8% a 6,1 euro) storicamente tra i titoli più penalizzati quando in Europa si parla di provvedimenti restrittivi. Sempre male Mps (-4,3%) e Unicredit (-4%), con Leonardo che perde il 3,9%, Intesa il 3,7% e Stellantis il 3,4%. Prosegue la forte controtendenza di Tim (+3,5%), che fa di qualche frazione meglio anche dei gruppi farmaceutici, con Recordati che sale del 3,3% e Diasorin del 3,2%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund: sale a 122 punti base
Dopo Lagarde e con attesa decisione Biden su presidente Fed
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
13:58
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread tra Btp e Bund tedeschi in rialzo fino a 122 punti base rispetto ai 118 dell’avvio di seduta, con il rendimento del prodotto del Tesoro allo 0,875%.

I tassi sui titoli di Stato europei stanno scendendo dopo le parole accomodanti della presidente della Bce Lagarde che vuole evitare una stretta prematura, ma ovviamente il calo è diverso per i prodotti dei singoli Paesi, con Italia e Spagna un po’ più penalizzate.

Gli operatori sono anche in attesa della decisione del presidente Usa Biden sulla conferma alla presidenza della Fed di Jerome Powell oppure sulla nomina di Lael Brainard a nuovo numero uno della banca centrale Usa.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Agroalimentare più forte, al via domande per ‘Ismea Investe’
Da 2 a 20 milioni, c’è tempo fino al 14 gennaio
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
14:43
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Si è aperto oggi lo sportello telematico per richiedere l’intervento finanziario “Ismea Investe” dedicato alle società di capitali attive nel settore agroalimentare.
Lo fa sapere l’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare, nel ricordare che si tratta di uno strumento che prevede interventi di equity, quasi equity, prestiti obbligazionari e strumenti finanziari partecipativi di importo compreso tra 2 e 20 milioni di euro per sostenere progetti di sviluppo nei settori della produzione primaria, trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli e agroalimentari, distribuzione e logistica.
Le domande potranno essere presentate fino al 14 gennaio 2022 e nel corso di questi due mesi lo sportello telematico sarà aperto nei giorni feriali dalle ore 9,00 alle ore 18,00.
Per la ricevibilità e l’ammissione alla successiva fase istruttoria, fa sapere Ismea, le domande di partecipazione saranno esaminate secondo l’ordine cronologico di presentazione.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Industria: Airi premia la ricerca, cinque borse di studio
Progetti come bioplastiche dai fondi caffè, Messa consegna premi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
15:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Fondi di caffè che diventano bioplastiche, concentratori solari più performanti dei pannelli fotovoltaici, scarti di allevamento ittico che azzerano la ruggine nelle navi, farmaci in grado di semplificare la cura della psoriasi, un detergente a basso impatto.
Sono questi i cinque progetti vincitori della prima edizione delle Borse di studio dell’Associazione Italiana per la ricerca Industriale, dedicate a Renato Ugo, chimico di fama mondiale, presidente dell’Airi dal 1983 al 2019 dell’Associazione Italiana per la Ricerca Industriale”.

I cinque laureandi hanno presentato i loro progetti oggi, nel corso della Giornata Airi, a Roma presso la sede di Unioncamere.
A premiarli il ministro dell’Università e della Ricerca, Cristina Messa. “Sia nel Pnrr che nella legge di bilancio – ha sottolineato, secondo quanto riporta una nota – ci sono capitoli di spesa importanti dedicati alla ricerca e all’Università. Si tratta di misure progressive, e per la politica è un’anomalia, perché guardiamo a lungo termine”.
Gli studenti premiati sono Elisabetta Borselleca dell’Università degli Studi di Napoli Federico II; Lorenzo Ferrando e Stefano Seccia dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca; Sofia Selmi dell’università di Modena e Reggio Emilia; Katia Galli dell’università di Parma. “La collaborazione con Airi è preziosa: è un interlocutore molto importante per il settore pubblico perché consente uno scambio diretto tra chi fa ricerca finalizzata e ricerca non finalizzata”, ha aggiunto il ministro.
“Abbiamo lanciato il bando a giugno, ricevendo 170 proposte da parte di studenti” ha indicato il presidente di Airi, Andrea Bairati, spiegando che anche per i non premiati “i curricula verranno resi disponibili, per eventuali contatti a fini di lavoro, alle 73 aziende associate ad Airi, che ogni anno investono 3,5 miliardi in ricerca”. A consegnare le borse di studio, con la ministra e Messa ed il presidente dellAiri Bairati, anche Diana Bracco, presidente di Fondazione Bracco; Marco Zibellini di Farmindustria; Lucio Pinto, Direttore della Fondazione Silvio Tronchetti Provera.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano resta pesante dopo Wall Street, male Unicredit
Vienna maglia nera. Soffrono titoli ciclici e petroliferi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
15:51
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza Affari resta pesante dopo l’avvio negativo di Wall, con l’indice Ftse Mib che cede l’1,4% in scia alle nuove misure restrittive adottate in Europa per contrastare l’impennata dei contagi di coronavirus.
L’indice delle blue chip milanesi si muove in linea con la Borsa di Madrid (-1,5%) mentre riducono il calo attorno al mezzo punto percentuale Londra (-0,4%), Parigi (-0,5%) e Francoforte (-0,2%).
Il listino più pesante resta quello viennese, che cede il 2,7%, penalizzato dall’annuncio di un nuovo lockdown nel Paese.
Pesano su Milano i titoli bancari con Mps che cede il 4,5%, Unicredit il 4,2%, Intesa il 3,5%, Bper il 2,4% e Banco Bpm il 2,1%. Male anche Leonardo (-3,7%), Stellantis (-2,7%), Saipem (-2,3%) e Generali (-2%), in una seduta resa particolarmente volatile, sui mercati azionari, dalla scadenze di una gran massa di opzioni azionarie.
Sui listini europei arrancano i titoli ciclici, più sensibili all’andamento dell’economia, come banche (-2,2%), auto (-1,6%), viaggi e leisure (-1,9%) mentre l’energia (-2,2%) sconta il calo del petrolio, in ribasso di oltre l’1,5%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Aerei:Tar boccia ricorso Ita,voli Sardegna restano a Volotea
I giudici, “interesse pubblico preminente”. Decisione a febbraio
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
19 novembre 2021
16:40
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Rigettata l’istanza cautelare presentata da Ita nei confronti della Regione Sardegna contro l’assegnazione a Volotea dei collegamenti di continuità territoriale fra i tre aeroporti sardi di Cagliari, Alghero e Olbia e gli scali di Roma Fiumicino e Milano Linate.
L’hanno deciso i giudici della Prima sezione del Tar Sardegna che hanno respinto la richiesta di sospensione e poi annullamento della gara.

L’ordinanza è stata firmata dal collegio presieduto da Dante D’Alessio – a latere Raffaello Scarpato e Tito Aru, che ha materialmente redatto il decreto. A presentare il ricorso era stata lta con gli avvocati Filippo Modulo, Giulio Napolitano, Emanuela Devoto Ticca, Alfredo Vitale e Luca Masotto, mentre la Regione si era costituita con Mattia Pani e Alessandra Putzu.
Presenti all’udienza cautelare in camera di consiglio anche l’Avvocatura di Stato per il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e i legali di Volotea, Laura Pierallini, Ilaria Gobbato e Michele Carpagnano.
Ita (erede di Alitalia) chiedeva di sospendere la determina del 13 ottobre scorso con cui si completava la procedura negoziata di emergenza per l’affidamento delle rotte in continuità a Volotea. Il Tar chiarisce che alcuni aspetti saranno affrontati nel merito nell’udienza già fissata per il 2 febbraio prossimo per la decisione in ordine alla prima gara.
“La richiesta di una misura cautelare di sospensione sollecitata da Ita – si legge nell’ordinanza – si pone, nella comparazione degli interessi coinvolti, in termini senz’altro recessivi rispetto al preminente interesse pubblico di non incorrere in interruzioni nel regolare svolgimento del servizio di trasporto aereo tra l’isola e il continente che Volotea ha già avviato”. Insomma, nell’attesa del giudizio di merito di febbraio, l’interesse più importante ora è preservare il servizio di continuità territoriale che, se sospeso, potrebbe causare enormi disagi ai cittadini sardi.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Moda: Lvmh, 2000 assunzioni in Italia entro 3 anni
Per mestieri eccellenza 30.000 nuovi posti entro 2024 nel mondo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
19 novembre 2021
17:30
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il gruppo del lusso Lvmh investe sui talenti dei mestieri d’eccellenza, tra creatività, artigianato e vendita, annunciando oltre 2.000 assunzioni in Italia entro 3 anni in questi settori, e un piano a livello globale da 8.000 nuovi posti nel 2022 e 30.000 entro il 2024, dopo che nel 2021, sempre a livello mondiale, ne sono stati creati 6.000.
Lo ha detto Chantal Gaemperle, direttrice risorse umane e sinergie del gruppo, parlando oggi a Show Me al Teatro Odeon, organizzato da Lvmh per celebrare il progetto Istituto dei mestieri d’eccellenza, fondato nel 2014 e dal 2017 attivo anche in Italia.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude in deciso ribasso (-1,17%)
L’indice Ftse Mib scenda a 27.337 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
19 novembre 2021
18:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Chiusura in deciso calo per Piazza Affari.
L’indice Ftse Mib ha terminato le contrattazioni in ribasso dell’1,17%, a 27.337 punti, scontando i timori legati all’avanzata del Covid in Europa e al rischio di nuovi lockdown dopo quello, annunciato oggi, dell’Austria.
Chiusura in rosso per le Borse europee, che scontano i timori legati all’impennata dei contagi da Covid-19 e il rischio del moltiplicarsi di misure restrittive che possono impattare sull’economia.
Maglia nera è stata Vienna, dove l’indice Atx Prime ha perso il 2,82% a causa dell’annuncio di un lockdown generale a partire da lunedì prossimo, seguita da Madrid (-1,54%). Hanno contenuto i cali entro il mezzo punto percentuale Londra (-0,45%), Parigi (-0,42%) e Francoforte (-0,38%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa chiude in rosso, ko Vienna e Madrid
Listino austriaco -2,8%, iberico -1,5%. Limitano danni gli altri
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
17:54
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Chiusura in rosso per le Borse europee, che scontano i timori legati all’impennata dei contagi da Covid-19 e il rischio del moltiplicarsi di misure restrittive che possono impattare sull’economia.
Maglia nera è stata Vienna, dove l’indice Atx Prime ha perso il 2,82% a causa dell’annuncio di un lockdown generale a partire da lunedì prossimo, seguita da Madrid (-1,54%).
Hanno contenuto i cali entro il mezzo punto percentuale Londra (-0,45%), Parigi (-0,42%) e Francoforte (-0,38%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bankitalia:con aumento prezzi non a rischio debiti famiglie
Rapporto, impatto ma situazione complessiva non preoccupa
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
18:00
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’aumento dei prezzi di queste settimane, che le banche centrali insistono sia ‘temporaneo’ non metterà a rischio, nel suo complesso, la capacità di rimborsare i debiti delle famiglie italiane che mostrano una “buona capacità” nei pagamenti di mutui e credito grazie anche ai bassi tassi di interesse.
E’ quanto emerge dal rapporto sulla stabilità finanziaria della Banca d’Italia secondo cui la situazione delle famiglie beneficia del miglioramento dell’economia e delle misure di sostegno con una crescita di risparmio e ricchezza, anche se non per tutti.
Anche per i nuclei più fragili la quota di debito “è contenuta”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bankitalia: imprese escono da moratoria senza tensioni
Ripresa economica traina anche bilanci aziende
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
18:00
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La ripresa economica, i bassi tassi e la liquidità accumulata trainano i bilanci delle imprese italiane e le aziende stanno uscendo “senza tensioni” dalle moratorie.
E’ quanto rileva il rapporto della stabilità finanziaria della Banca d’Italia secondo cui “il ricorso a questa misura è terminato per il 66 per cento delle aziende beneficiarie, la quasi totalità delle quali ha ripreso a pagare regolarmente.
Tra le imprese per cui la moratoria risulta ancora attiva, circa un quarto ne ha richiesto una proroga”. “L’andamento della vulnerabilità delle imprese dipenderà soprattutto dall’evoluzione del quadro economico” aggiunge il rapporto. Negli ultimi mesi le aziende hanno beneficiato di un incremento della redditività che “proseguirebbe anche nel prossimo anno. Gli utili per le società quotate attesi dagli analisti per il 2022, superiori rispetto a quelli previsti per l’anno in corso”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bankitalia:guardia alta banche su Npl, focus su piccole
Avviata specifica indagine dove stress test evidenzia debolezza
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
18:00
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le banche italiane devono mantenere alta la guardia sui crediti deteriorati che dovrebbero salire dopo la fine delle moratorie sebbene non ai livelli delle precedenti crisi.
Dal rapporto sulla Stabilità finanziaria della Banca d’Italia arriva un nuovo richiamo agli istituti di credito per un’ “elevata attenzione nella valutazione della capacità di rimborso dei prestiti e a conseguenti accantonamenti”.
E per le banche più piccole e tradizionali, sotto la sua diretta vigilanza, la Banca d’Italia ha avviato una specifica indagine dopo gli stress test dove è emersa una complessiva tenuta ma alcuni casi di debolezza.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: a Milano ko banche, Autogrill, Leonardo, corre Tim
Soffrono i petroliferi col calo del greggio, bene i farmaceutici
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
18:14
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Seduta in rosso per Piazza Affari, che sconta i timori legati all’ondata di Covid in Europa.
Il Ftse Mib, arrivato a perdere fino all’1,8% in corso di seduta, ha chiuso in calo dell’1,17%.
Male le banche che, come molti titoli ciclici, scontano i timori per gli effetti sull’economia di nuovi lockdown. Mps ha perso il 4,4%, Unicredit il 4,1%, Intesa il 3,4%, Bper il 2,7% e Banco Bpm il 2,6%. Male anche Leonardo (-3,5%), Stellantis (-2,5%) e Atlantia (-2,2%), i cui investimenti in aeroporti, autostrade e in Autogrill, maglia nera del listino (-6,8%), sono particolarmente sensibili ai rischi legati al Covid. Male i petroliferi, che hanno pagato il nuovo calo del greggio: Eni ha perso il 2,1%, Saipem il 3,1% e Tenaris il 2,6%. In controtendenza Tim (+3,6%), su cui S&P ha tagliato il rating a Borsa chiusa, come pure Recordati (+2,7%) e Diasorin (+2,4%), che hanno beneficiato degli acquisti su tutto il comparto farmaceutico.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund chiude poco mosso a 120 punti base
Rendimento in calo di quasi 6 punti allo 0,86%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
18:22
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Chiusura senza grandi variazioni per lo spread Btp-Bund in una giornata di tensione per i mercati azionari in Europa.
Il differenziale di rendimento tra i titoli di Stato italiani e tedeschi si è attestato a 120 punti base, dai 119 di ieri.
In calo invece il rendimento, sceso di quasi sei punti base allo 0,86%, in linea con l’andamento di tutto il mercato obbligazionario governativo.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Asta record da Sotheby’s per rara copia Costituzione americana
Con 43 milioni dollari un privato batte gruppo criptoinvestitori
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
19 novembre 2021
18:48
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Un collezionista privato si aggiudica da Sotheby’s per una cifra record un rarissimo primo esemplare della Costituzione americana e scoppia un caso: l’anonimo cliente che ha messo le mani sul documento, uno dei 13 arrivati fino a noi di “We the People”, ha battuto sul filo di lana ConstitutionDAO, un vasto gruppo di investitori in criptovalute che avevano raccolto 46 milioni di dollari per impadronirsene e rimetterlo “nelle mani del popolo”.
Alla fine, dopo otto minuti di puntate al rialzo, la somma pagata è stata di 43,2 milioni di dollari compresi i diritti d’asta, il doppio della stima di partenza.
Alla domanda perché ConstitutionDAO si sia fermato a 40 milioni, un portavoce ha spiegato che il gruppo aveva calcolato il suo tetto sulla base di costi aggiuntivi come assicurazione, conservazione e trasporto. Le sei pagine della Costituzione datate 1787 sono diventate così il documento più costoso passato di mano a un’asta, più del Codice Leicester di Leonardo che 27 anni fa il co-fondatore di Microsoft Bill Gates pagò 30,8 milioni di dollari e più della Magna Carta per la quale il co-fondatore del Carlyle Group David Rubenstein sborsò nel 2007 21,3 milioni. La Costituzione passata di mano da Sotheby’s è una delle due ancora in mano privata: fu stampata per i delegati alla Costituente e per il Congresso Continentale oltre 230 anni fa.
Solo 27 prime edizioni della Dichiarazione di Indipendenza sopravvivono, ma solo 13 copie originali della Costituzione sono ancora in circolazione.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Moda: Lvmh, 2000 assunzioni in Italia entro 3 anni
Per mestieri eccellenza 30.000 nuovi posti entro 2024 nel mondo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
19 novembre 2021
19:02
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il gruppo del lusso Lvmh investe sui talenti dei mestieri d’eccellenza, tra creatività, artigianato e vendita, annunciando oltre 2.000 assunzioni in Italia entro 3 anni in questi settori, e un piano a livello globale da 8.000 nuovi posti nel 2022 e 30.000 entro il 2024, dopo che nel 2021, sempre a livello mondiale, ne sono stati creati 6.000.
Lo ha detto Chantal Gaemperle, direttrice risorse umane e sinergie del gruppo, parlando oggi a Show Me al Teatro Odeon, organizzato da Lvmh per celebrare il progetto Istituto dei mestieri d’eccellenza, fondato nel 2014 e dal 2017 attivo anche in Italia.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Si lavora a taglio tasse,ipotesi 6 mld a Irpef, 2 a imprese
Su tavolo detrazioni e riduzione aliquota 38%,esenzione Irap Pmi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
19:15
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sei miliardi ai lavoratori e due alle imprese: nessuna decisione è ancora presa ma governo e maggioranza lavorano su questa ipotesi di suddivisione degli 8 miliardi per il taglio delle tasse stanziati in manovra.
Sul tavolo diverse ipotesi per intervenire sull’Irpef con un focus sul ceto medio, dalla riduzione dell’aliquota del 38% (che però aiuta anche i redditi alti) alla revisione delle detrazioni.
Per l’Irap l’idea è quella di fissare una soglia per esonerare le Pmi dall’imposta. Lunedì pomeriggio ci sarà un nuovo round tecnico al Mef tra Franco e i partiti ma l’intesa, viene spiegato, andrà poi confermata a livello politico.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bankitalia:con aumento prezzi non a rischio debiti famiglie
Rapporto, impatto ma situazione complessiva non preoccupa
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
20 novembre 2021
11:11
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’aumento dei prezzi di queste settimane, che le banche centrali insistono sia ‘temporaneo’ non metterà a rischio, nel suo complesso, la capacità di rimborsare i debiti delle famiglie italiane che mostrano una “buona capacità” nei pagamenti di mutui e credito grazie anche ai bassi tassi di interesse.
E’ quanto emerge dal rapporto sulla stabilità finanziaria della Banca d’Italia secondo cui la situazione delle famiglie beneficia del miglioramento dell’economia e delle misure di sostegno con una crescita di risparmio e ricchezza, anche se non per tutti.
Anche per i nuclei più fragili la quota di debito “è contenuta”.
Dal rapporto arriva anche un nuovo richiamo agli istituti di credito affinché mantengano alta la guardia sui crediti deteriorati che dovrebbero salire dopo la fine delle moratorie sebbene non ai livelli delle precedenti crisi. Serve un’ “elevata attenzione nella valutazione della capacità di rimborso dei prestiti e a conseguenti accantonamenti”. E per le banche più piccole e tradizionali, sotto la sua diretta vigilanza, la Banca d’Italia ha avviato una specifica indagine dopo gli stress test dove è emersa una complessiva tenuta ma alcuni casi di debolezza.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Petrolio: -3,5% a New York su timore di nuovi lockdown
Rischi per domanda mentre Usa e Cina rilasciano riserve
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
19:27
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Affonda il petrolio a New York, con il Wti che cede il 3,5% a 76,24 dollari al barile mentre il brent perde il 3,1% a 78,71 dollari.
Il greggio si accinge così a registrare la sua peggior performance settimanale dallo scorso agosto.
L’avanzata della quarta ondata di Covid 19 in Europa, che alimenta il rischio di nuovi lockdown, arriva mentre Cina e Usa hanno deciso di far affluire sul mercato parte delle proprie riserve strategiche.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tim: confermata convocazione cda 26 novembre
Prosecuzione board 11/11 su strategie, sfide, organizzazione
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
20 novembre 2021
10:38
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Trova conferma in ambienti finanziari l’indiscrezione, riportata da La Repubblica, di una convocazione di un cda straordinario di Tim, venerdì 26 novembre.
La riunione, viene riferito, si pone in continuità con il cda straordinario dello scorso 11 novembre, allora convocato su richiesta dei rappresentanti di Vivendi, scontenti per i risultati della gestione dell’ad, Luigi Gubitosi.

In quell’occasione il cda aveva “esaminato il difficile contesto di mercato e le sfide che attendono la Società in materia di strategia, performance aziendale e organizzazione, anche in vista della preparazione del Piano Strategico 2022-2024” e aveva “definito il percorso” per la sua preparazione, secondo quanto riportato in una nota del gruppo telefonico.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
CsC, manifattura Italia ha recuperato,ora traina Eurozona
Analisi Confindustria,Germania-Francia lontane da recupero shock
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
20 novembre 2021
11:13
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“A differenza di quanto accaduto con le precedenti crisi globali, la manifattura italiana, dopo il tracollo di oltre 40 punti percentuali nel bimestre di marzo e aprile del 2020, non solo ha recuperato stabilmente i livelli di attività precedenti lo scoppio della pandemia, ma è diventata uno dei principali motori della crescita industriale nell’Eurozona”.
Così il Centro studi di Confindustria in un rapporto sugli scenari industriali, spiegando che in Germania e Francia, “nonostante un calo meno drastico dei volumi di produzione nei mesi più critici del 2020, il pieno riassorbimento dello shock appare ancora lontano”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sindacati in piazza, 8 miliardi a lavoratori dipendenti e pensionati
Lo chiedono al governo i segretari Cgil e Cisl
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
20 novembre 2021
16:00
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Bisogna decidere che gli 8 miliardi destinati al Fisco debbano andare ai lavoratori dipendenti e ai pensionati.
E’ il momento di fare questa scelta vista la crescita dei prezzi, visto l’abbassamento delle pensioni e dei salari in questi anni”.
Così il segretario generale della Cgil Maurizio Landini rispondendo ai cronisti a margine della manifestazione regionale ad Ancona promossa da Cgil, Cisl e Uil su “Pensioni, Fisco, Lavoro, Sviluppo.

Analoga richiesta arriva anche dal leader della Cisl. “Noi chiediamo che gli otto miliardi della legge di stabilità vadano interamente a ridurre la tassazione fiscale che grava sui redditi da lavoro dipendente e da pensione”, ha detto Luigi Sbarra, a margine della manifestazione unitaria sulla manovra, a Mestre (Venezia). “Bisogna alzare – ha aggiunto – l’azione di contrasto contro l’evasione fiscale e prepararci ad affrontare poi la fase di riforma organica e strutturale del fisco nel nostro paese. Questa mobilitazione che abbiamo messo in campo è costruttiva, è responsabile, serve a migliorare l’impostazione politica economica del Governo”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fisco: Cgia, dalle tredicesime erario strappa 11,8mld euro
Interessati 33,8 mln italiani, numero più alto in Lombardia
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
20 novembre 2021
11:33
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Dalle tredicesime l’erario ‘strappa’ 11,8 miliardi di euro.
L’operazione scatterà giovedì prossimo per i pensionati, mentre per tutte le persone in quiescenza il pagamento è previsto l’1 dicembre.
I lavoratori dipendenti e quelli privati, infine, riceveranno l’importo entro Natale. Ma a far festa, per la Cgia, sarà, in particolar modo, l’erario. La Regione con il più alto numero di beneficiari è la Lombardia: tra lavoratori dipendenti e pensionati, le persone interessate saranno poco più di 6 milioni. Seguono il Lazio ( 3,25 milioni) e il Veneto (2,95 milioni).Le tredicesime quest’anno interesseranno 33,8 mln di italiani: 16 mln di pensionati e 17,8 milioni di lavoratori dipendenti per un ammontare lordo pari a 45,7 miliardi di euro. Se a questo importo si levano 11,8 miliardi di ritenute Irpef, in tasca rimarranno 33,9 miliardi netti. Buona parte di questa mensilità sarà spesa per pagare la rata del mutuo, le bollette, il saldo dell’Imu/Tasi della seconda abitazione e la Tari, ma è auspicabile che la rimanente parte venga usata per rilanciare i consumi natalizi. Molto dipenderà dall’andamento dell’ epidemia e delle eventuali chiusure che il Governo potrebbe introdurre nelle prossime settimane. La Cgia stima che la spesa per i regali natalizi quest’anno dovrebbe tornare alla stessa soglia del 2019, quando sfiorò i 9 miliardi, ben lontano dai 20 miliardi registrati prima della crisi 2008-2009. La contrazione in questi ultimi anni in parte è anche ascrivibile al fatto che molti anticipano a novembre l’acquisto dei regali, approfittando del “black friday” che ha penalizzato soprattutto i negozi di vicinato, mentre gli outlet la grande distribuzione organizzata sono riusciti ad ammortizzare il colpo. In vista della decisione che dovrà prendere il Parlamento in merito a quale imposta destinare il taglio da 8 miliardi di euro, per la Cgia la riduzione deve interessare l’Irpef e non l’Irap.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Landini,super Green pass? Proposto discutere obbligo vaccini
Su ipotesi rafforzamento, “qualcuno si sta svegliano in ritardo”
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
20 novembre 2021
11:45
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Un ‘super Green pass’? Ricordo che il sindacato sei mesi fa ha posto il problema di andare verso un obbligo vaccinale che fosse discusso, vedo che qualcuno si sta svegliando con un po’ di ritardo e penso che da questo punto di vista che l’obiettivo deve rimanere lo stesso in Italia e nel mondo”.
Così, rispondendo ai cronisti ad Ancona a margine di una manifestazione promossa da Cgil Cisl e Uil, il segretario generale Cgil Maurizio Landini a proposito dell’ipotesi di rafforzamento della certificazione verde ‘anti-Covid’.

“Tra l’altro – ha aggiunto il leader della Cgil – ci stiamo battendo perché si sospendano determinate logiche, perché il vaccino deve essere gratuito in tutto il mondo. Se noi vogliamo combattere il virus – ha detto ancora Landini – non c’è una semplice dimensione nazionale che affronta questo tema, c’è una dimensione internazionale. C’è bisogno che si faccia questa operazione con un respiro che abbia questo elemento e serve fare una campagna informativa che sia corretta e faccia superare anche quelle diffidenze e paure che tra le persone ancora esistono”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Balzano (Orrick),sale private debt, alternativa a banche
Crescono investimenti per acquisizioni, interesse esteri
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
20 novembre 2021
14:30
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
In Italia c’è sempre maggior spazio e interesse, anche dall’estero, per il private debt, quelle forme di finanziamento alle aziende da parte di operatori specializzati, spesso a servizio di un’acquisizione o cambio dei soci, che le banche non vogliono o non possono più realizzare direttamente.
Operazioni che rappresentano quindi un valido canale alternativo di credito.

Marina Balzano, partner nel dipartimento italiano di banking & finance di Orrick, sottolinea: “i buoni numeri di questi mesi, frutto anche della distinzione sempre più marcata fra banche commerciali e operatori sofisticati” in un mercato che si “sta evolvendo” ed è meno bancocentrico del passato. E poi, rileva, “registriamo in l’Italia anche molto interesse da soggetti internazionali per operazioni di acquisizione, più speculative, con una maggiore leva finanziaria”. “I fondi esteri – rileva – guardano all’Italia con grande interesse e si stanno strutturando qui in maniera stabile con delle sedi fisiche per seguire le operazioni “.
Non c’è un settore specifico nel radar, “la stella polare è il rendimento” aggiunge specificando come l’orizzonte temporale sia quello tipico del private equity: 3-5 anni. E quindi il mirino, in questi mesi e settimane, è stato puntato sui comparti giudicati a maggiore crescita quali “il farmaceutico, il packaging, la cybersecurity e le energie rinnovabili”. Un lato dolente è invece quello delle aziende in difficoltà. La complessità normativa e la lentezza della giustizia (ed una riforma del diritto fallimentare che non ha ancora dispiegato pienamente i suoi effetti) pongono ostacoli all’ingresso dei fondi internazionali specializzati in aziende in crisi per operazioni di risanamento. Un’opportunità, molto usata all’estero, e che potrebbe essere un driver di crescita visto il prevedibile moltiplicarsi di situazioni difficili nelle aziende quando scadrà la moratoria a fine anno.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sindacati a Giorgetti, in Tim si rischiano migliaia esuberi
Chiesto a Mise incontro urgente, accuse a governo su rete unica
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
20 novembre 2021
17:11
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Le notizie stampa di oggi su Tim non lasciano più spazio a qualsiasi ulteriore dilazione.
Si va profilando l’ennesimo affossamento dell’ex monopolista.

Un’azienda che aveva basato il proprio piano di rilancio industriale su un progetto infrastrutturale condiviso dal Governo vede ora rimesso tutto in discussione per il repentino e ad oggi tutt’altro che chiaro cambio di impostazione dell’Esecutivo. C’è in gioco la tenuta occupazionale di Tim con il rischio di migliaia di esuberi e la tenuta di tutto il settore Tlc”. Lo scrivono i sindacati al ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, chiedendo un incontro urgente.
Per le segreterie nazionali di Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil “è semplicemente inammissibile che Ella abbia ignorato ad oggi le nostre richieste di riconvocazione del tavolo che aprimmo al Mise lo scorso maggio. Di fronte all’oggettivo precipitare della situazione – si legge nella richiesta di convocazione – Le richiediamo per l’ennesima volta un incontro “ad horas””.
In caso di “ulteriore incomprensibile silenzio metteremo in campo in tempi brevissimi le mobilitazioni che riterremo più opportune. Ora il tempo è veramente scaduto”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Allarme dei sindacati, in Tim si rischiano migliaia di esuberi
Chiesto un incontro urgente al ministro Giorgetti al Mise, accuse al governo sulla rete unica
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
21 novembre 2021
20:19
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Acque agitate in Telecom Italia dove aumenta la pressione del consiglio sull’amministratore delegato, Luigi Gubitosi.
Undici dei quindici consiglieri del gruppo telefonico hanno scritto al presidente Salvatore Rossi chiedendo la convocazione di un nuovo cda straordinario per discutere della situazione del gruppo e delle strategie.
Non si tratta delle sole lettere (le missive sono state più d’una) ricevute da Rossi: anche i sindaci hanno espresso preoccupazione per il trend dei conti, che scontano due profit warning in quattro mesi e che hanno costretto S&P a tagliare a BB il rating del gruppo telefonico, ormai sempre più lontano dall’investment grade. Rossi ha convocato il cda per venerdì 26 novembre. Si tratta del secondo consiglio in due settimane, dopo quello dell’11 novembre chiesto dai consiglieri espressione di Vivendi, primo azionista del gruppo italiano e principale sponsor della necessità di un avvicendamento al vertice di Tim. All’ordine del giorno non figura il tema della governance ma si parlerà di “organizzazione” e “strategia”, così come era stato nel consiglio dell’11, nel corso del quale era stato esaminato “il difficile contesto di mercato e le sfide che attendono la società” e “definito il percorso per la preparazione e condivisione del Piano Strategico” al 2024. Ma la situazione, come accade in queste circostanze, è fluida e i rumor si rincorrono: da quelli su ulteriori difficoltà dei conti, fotografate ieri dal downgrade di S&P, a quelli sui nomi di possibili successori di Gubitosi, come l’interno Pietro Labriola, ceo di Tim Brasil. A quanto si dice Vivendi vorrebbe puntare su un manager del settore, italiano e in accordo con Cdp, che sulla vicende di Tim continua a mantenere il riserbo e l’attenzione che richiedono i destini di un’azienda strategica per il Paese e che dà lavoro a 40 mila dipendenti. Le tensioni che scuotono Tim provocano la dura reazione dei sindacati, che se la prendono con il governo, accusato di aver contribuito alle difficoltà del gruppo mettendo nel congelatore il progetto della rete unica (che sconta anche l’ostilità dell’Europa), e con un azionista, Vivendi, che punta “a ribaltare la Governance aziendale, anziché lavorare ad un piano industriale di sviluppo”, ha detto il segretario della Fistel-Cisl, Vito Vitale. “Un’azienda che aveva basato il proprio piano di rilancio industriale su un progetto infrastrutturale condiviso dal Governo vede ora rimesso tutto in discussione per il repentino e ad oggi tutt’altro che chiaro cambio di impostazione dell’Esecutivo.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
C’è in gioco la tenuta occupazionale di Tim con il rischio di migliaia di esuberi e la tenuta di tutto il settore Tlc”, hanno scritto Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil al ministro, Giancarlo Giorgetti, minacciando le mobilitazioni “più opportune”, incluso lo sciopero, se non dovesse arrivare una convocazione “ad horas” al Mise. Il campanello d’allarme trova ascolto nel Centrosinistra – Pd e in Leu – dalle cui fila vengono rilanciare le preoccupazioni dei sindacati mentre il deputato di Leu, Stefano Fassina, chiede ai ministri Giorgetti e Colao di riferire in Parlamento: “lo Stato italiano, secondo azionista attraverso CDP con quasi il 10% delle azioni Tim, che posizione ha?”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ferrari: ecco Daytona SP3, nuova auto della famiglia Icona
Prodotta in 599 esemplari e in vendita a 2 milioni di euro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
20 novembre 2021
18:28
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ricorda le gloriose Ferrari che negli anni 60 hanno partecipato e vinto nelle gare degli sport prototipi.
E’ la nuova Daytona SP3, presentata oggi a Firenze in occasione delle Finali Mondiali Ferrari 2021 al Mugello.
In particolare si ispira alla 24 Ore di Daytona del 6 febbraio 1967 quando la Ferrari compì una delle maggiori imprese della sua storia sportiva, piazzando tre vetture sul podio della prima gara del Campionato Mondiale Sport Prototipi. La Daytona SP3, prodotta in edizione limitata, è una vettura con carrozzeria di tipo ‘Targa’ ed entra a far parte del segmento ‘Icona’, nato nel 2018, che già comprende le Ferrari Monza SP1 e SP2.
L’ultima nata della casa di Maranello monta un motore V12 aspirato in posizione centrale-posteriore con cambio a 7 marce.
Eroga una potenza di 840 cv, 697 Nm di coppia e un regime massimo di 9500 giri/min. Prestazioni naturalmente da supercar con una velocità massima di oltre 340km/h e percorrenza da 0 a 200 km/h in 7,4 secondi e da 0 a 100 in soli 2,85 secondi.
La Daytona SP3 verrà prodotta in soli 599 esemplari, 100 in più rispetto a Monza SP1 e SP2, e sono tutte già prenotate. Il prezzo di vendita è di 2 milioni di euro e le prime consegne avverranno entro la fine del 2022. L’intera produzione sarà completata entro il 2024.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tim, l’Opa del fondo Kkr. Landini: ‘Il governo agisca’
Il segretario Cgil: ‘lo Stato italiano non può subire semplicemente la logica del mercato”. Il Mef vincola la sua decisione agli investimenti sulle infrastrutture e alla salvaguardia dell’occupazione
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
10:00
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il fondo americano Kkr ha presentato a Tim una manifestazione d’interesse per un’opa sul 100% delle azioni, a 0,505 euro l’una.
Il Mef vincola la sua decisione agli investimenti sulle infrastrutture previsti del Pnrr e alla salvaguardia e alla crescita dell’occupazione.
Tim vola in Borsa con la proposta di opa fatta da Kkr.
Il titolo, che aveva chuso a 0,34 euro venerdì, segna un guadagno teorico del 31% ma non riesce a fare prezzo in avvio di seduta. Dopo un breve stop in asta di volatilità Tim in un vortice di scambi (332 milioni di pezzi trattati) è rientrato in negoziazione a Piazza Affari dove il titolo guadagna il 22,8% a 0,42 euro. Si tratta di un balzo rispetto alla chiusura a 0,34 euro di venerdì scorso ma ancora lontano da 0,505 euro messo sul piatto da Kkr per un’opa amichevole sulla cui fattibilità pesano molte incognite.
Secondo il segretario della Cgil Maurizio Landini “in un settore strategico come quello delle telecomunicazioni lo Stato italiano non può subire semplicemente la logica del mercato”. Lo dice in un’intervista a ‘La Repubblica’ in cui sostiene la necessità di “un piano industriale finalizzato alla costruzione della rete unica senza escludere il ricorso al golden power se il progetto di Kkr dovesse essere in contrasto con l’interesse industriale ed occupazionale del Paese”. Il rischio di uno spezzatino, a suo avviso, “va scongiurato. Serve una visione d’insieme”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tim: convocato oggi cda. Corsera, proposta acquisto da Kkr
Sul tavolo una manifestazione di interesse per l’intero gruppo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
21 novembre 2021
10:04
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tim ha convocato per oggi un consiglio di amministrazione straordinario.
Sul tavolo – secondo quanto scrive oggi il Corriere della Sera – vi sarebbe la manifestazione di interesse avanzata da fondo statunitense Kkr per l’acquisto dell’intero gruppo.
Fonti della società interpellate in merito confermano la convocazione del consiglio per oggi, senza fornire indicazioni sui contenuti della riunione.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tim:Vivendi, collaboreremo con Italia per suo successo
Nessun contatto con fondi e Cvc per opa
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
21 novembre 2021
10:58
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Vivendi ribadisce la propria disponibilità e volontà a collaborare con le autorità e le istituzioni pubbliche italiane per il successo a lungo termine di Tim”.
E’ quanto fa sapere un portavoce della media company francese, primo azionista di Tim con il 24% circa del capitale, sottolineando che “Vivendi è un investitore di lungo termine in Telecom Italia e lo è stato fin dall’inizio”.

“Vivendi nega fermamente di aver avuto discussioni con qualsiasi fondo, e più specificamente, con Cvc” per una eventuale offerta pubblica di acquisto su Tim, in risposta alla proposta di Kkr, fa sapere un portavoce della media company francese.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Golden power, ‘scudo’ per gli asset strategici
Poteri speciali introdotti nel 2012, da difesa a 5G
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
21 novembre 2021
15:00
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il golden power è lo ‘scudo’ che il governo può usare con l’obiettivo di salvaguardare gli assetti delle imprese operanti in ambiti ritenuti strategici e di interesse nazionale.
Fornisce al governo ‘poteri speciali’ per dettare specifiche condizioni all’acquisto di partecipazioni, porre veti o imporre determinate delibere societari per alcuni settori delimitati.

Il golden power, introdotto nel 2012, ha di fatto superato in Italia lo strumento della ‘golden share’, che nel 2009 fu oggetto di una procedura di infrazione da parte della Commissione europea, che pur riconoscendo “legittimo e difendibile” il fine di salvaguardare gli interessi vitali dello Stato, ritenne che il sistema italiano andasse oltre tale obiettivo e dunque violasse la libera circolazione dei capitali.

La golden share, introdotta nell’ordinamento negli anni Novanta (legge n. 47/94), consentiva allo Stato, in caso di privatizzazione di imprese pubbliche, di conservare una partecipazione azionaria “con diritto di veto sulle scelte aziendali cruciali”.

Con il passaggio al golden power si passa dalle partecipazioni azionarie munite di prerogative speciali ad un potere di intervento dello Stato su specifiche operazioni in settori strategici. La materia dei poteri speciali esercitabili dal Governo nei settori della difesa e della sicurezza nazionale, nonché in alcuni ambiti ritenuti di rilevanza strategica nei settori dell’energia, dei trasporti, delle comunicazioni, è disciplinata con con il decreto-legge n. 21 del 15 marzo 2012 n. 21. Nel 2019 sono state introdotte alcune modifiche che allargano l’esercizio dei poteri speciali anche alle reti di telecomunicazione elettronica a banda larga con tecnologia 5G. Società come Tim, quindi nel settore delle telecomunicazioni con gestione della rete, hanno quindi dovuto adeguare la propria organizzazione interna alle regole del Golden Power prevedendo specifici presidi a tutela degli interessi strategici nazionali.

Un forte rafforzamento del golden power è arrivato nel 2020, con un’ulteriore estensione a nuovi settori. La legge di conversione del cosiddetto decreto Liquidità ha infatti esteso il controllo dai settori tradizionali delle infrastrutture critiche e della difesa, a quello finanziario, creditizio, assicurativo, energia, acqua, trasporti, salute, sicurezza alimentare, intelligenza artificiale, robotica, semiconduttori, cybersecurity.

L’approccio del governo Draghi su questo strumento è cauto. “Va usato quando è necessario ed è previsto dalla legge. E’ un uso di buon senso del golden power”, spiegava il premier ad aprile.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Green pass: Mims, nessuna ipotesi per mezzi pubblici
Sindacati in allarme, controlli sarebbero impossibili
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
21 novembre 2021
15:08
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nessuna conferma da parte del Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili dell’ipotesi di estensione del Green pass anche per il trasporto pubblico locale.

L’ipotesi trova contrari i sindacati dei trasporti.
Al momento, senza personale ad hoc, non ci sono le condizioni per l’introduzione del green pass su bus e metro, spiegano le sigle romane dei trasporti interpellate sull’ipotesi dell’allargamento del disco verde. “Pur considerando il green pass uno strumento di garanzia per tutti i cittadini, ad oggi non ci sono le condizioni né tecniche, né organizzative per controllare il green pass sui mezzi pubblici – dice senza mezzi termini il segretario della Filt Cgil Roma e Lazio Eugenio Stanziale -. I tempi del servizio pubblico verrebbero ampliati in maniera enorme, ma soprattutto mancano gli strumenti”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’azionariato di Tim,Vivendi e Cdp soci forti
Tra gli storici Bankitalia,Norges Bank e i pensionati canadesi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
21 novembre 2021
18:53
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La mappa dei soci di Tim è ormai stabile da oltre un anno, da quando Elliott si è disimpegnato ad aprile 2020.

I SOCI FORTI.
All’ultima assemblea, quella che ha rinnovato il board scegliendo i consiglieri da tre liste, quella del cda, quella di Vivendi e quella dei fondi, i francesi detenevano il 23,75%, Cdp il 9,81% e il fondo Canada Pension Plan Investment il 3,19 per cento.

SOPRA LA SOGLIA DEL 2% Aveva incuriosito a suo tempo, nell’autunno 2020, l’ingresso nel capitale del miliardario islandese Thor Bjorgolfsson, il chiacchierato imprenditore collegato ad almeno 50 delle società offshore presenti nei “Panama Papers” ma la sua partecipazione è rimasta sempre e solo finanziaria. Entrato prima con un veicolo, Partners Telecom, ha poi spostato il suo pacchetto di azioni in The Future Holdings, un trust con sede nel paradiso fiscale di Guernsey, un’isola nel canale della Manica, giuridicamente dipendenza della Gran Bretagna, i cui beneficiari sono Bjorgolfsson e i suoi figli e riconducibile a Novator Capital, un fondo di private equity fondato nel 2004 dallo stesso Bjorgolfsson.

AZIONARIATO DIFFUSO. Tra quelli che, in un azionariato sempre più simile a quello di una public company, possono definirsi storici ci sono poi Norges Bank con l’1,045% e Bankitalia con l’1,002% che rappresenta in pratica una replica degli “indici generali” di Borsa, come vuole la politica sugli investimenti di via Nazionale.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tim: anche fondi Cvc e Advent studiano dossier
Per ora nessuna proposta
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
21 novembre 2021
18:47
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Non c’è solo Kkr interessata a Tim.

“Advent e Cvc si dicono aperti al dialogo con tutti gli stakeholders per identificare in modo trasparente una soluzione di sistema per il rafforzamento industriale di Tim”, dichiara un portavoce dei fondi che parallelamente smentisce che ci siano stati contatti con Vivendi.

Non arriverà nessuna proposta per ora da i due fondi che stanno studiando la situazione.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tim: Kkr, il fondo che gestisce asset per 400mld
Società americana, fondata 45 anni fa è in 4 continenti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
21 novembre 2021
19:20
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il fondo americano Kkr, è una società globale di investimenti che offre soluzioni gestionali in ambito assicurativo, patrimoniale alternativo e dei mercati di capitali.
Non è un fondo considerato speculativo: l’obiettivo dichiarato è infatti quello di generare interessanti ritorni sugli investimenti grazie a un approccio prudente e disciplinato agli investimenti, richiamando collaboratori di livello mondiale e supportando la crescita delle società nel suo portafoglio e delle comunità.
KKR sponsorizza fondi di investimento mirati ai segmenti del private equity, creditizio e immobiliare, e opera con partner strategici attivi nella gestione dei fondi speculativi.
Fondato nel 1976 come Kohlberg Kravis Roberts & Co, dal 2010 è quotato alla Borsa di New York, ed è cresciuto in diversi settori, dalle infrastrutture al real estate, dall’immobiliare agli hedge funds l’azienda, completando 280 investimenti di private equity in società in portafoglio con quasi mezzo miliardo di valore. Il fondo ha uffici in 21 città in quattro continenti (America, Europa, Asia e Medio Oriente). Il fondo gestisce asset per 429 miliardi di dollari (quasi 400 miliardi di euro) e ha un portafoglio di 109 società nei propri fondi di private equity che generano circa 244 miliardi di dollari di ricavi annui. Il fondo vanta un team di oltre 1.700 dipendenti, consulenti e senior advisors, compresi circa 550 professionisti di investimenti.
I risultati relativi al terzo trimestre dell’anno hanno evidenziato ricavi superiori alle attese grazie ai proventi dalle venditi nella divisione equity.
Lo scorso anno Kkr è entrato in Fibercop a fianco di Tim e Fastweb, con il con 37,5% del capitale. Il fondo Usa è oggetto di rumors che vedono al centro Tim già dall’inizio di novembre.
Sull’ipotesi di un’offerta, un portavoce di Tim chiariva il 5 novembre che la società “non prevede una riduzione della quota in Fibercop”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tim: Kkr prepara offerta per 100%, a 50 cent per azione
Proposta non vincolante, soggetta a due diligence e golden power
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
21 novembre 2021
19:29
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Kkr ha presentato a Tim una manifestazione d’interesse “non vincolante e indicativa” per un’offerta pubblica di acquisto sul 100% delle azioni “volta al delisting”.
E’ stata qualificata da Kkr “amichevole”.
Il prezzo indicato da pagare interamente per cassa “sarebbe pari a 0,505 euro”. Lo si legge in una nota diffusa al termine del Cda, durato quasi 4 ore.
Kkr, prima di lanciare l’opa, vuole “svolgere una due diligence confirmatoria di durata stimata in quattro settimane”. La manifestazione di interesse è vincolata a questo e anche “al gradimento da parte dei soggetti istituzionali rilevanti”, ovvero al parere del Governo che ha sulla società la possibilità di esercitare il Golden Power.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tim: Kkr prepara offerta per 100%, a 50 cent per azione
Proposta non vincolante, soggetta a due diligence e golden power
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
21 novembre 2021
19:34
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Kkr ha presentato a Tim una manifestazione d’interesse “non vincolante e indicativa” per un’offerta pubblica di acquisto sul 100% delle azioni “volta al delisting”.
E’ stata qualificata da Kkr “amichevole”.
Il prezzo indicato da pagare interamente per cassa “sarebbe pari a 0,505 euro”. Lo si legge in una nota diffusa al termine del Cda, durato quasi 4 ore.
Kkr, prima di lanciare l’opa, vuole “svolgere una due diligence confirmatoria di durata stimata in quattro settimane”. La manifestazione di interesse è vincolata a questo e anche “al gradimento da parte dei soggetti istituzionali rilevanti”, ovvero al parere del Governo che ha sulla società la possibilità di esercitare il Golden Power.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tim: Mef,Governo prende atto, interesse positivo per Paese
Governo valuterà su rete e crescita occupazione
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
21 novembre 2021
20:49
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Il Governo prende atto dell’interesse per Tim manifestato da investitori istituzionali qualificati”.
Lo afferma il Ministero dell’economia e delle finanze in una nota, in cui aggiunge: “L’interesse di questi investitori a fare investimenti in importanti aziende italiane è una notizia positiva per il Paese.
Se questo dovesse concretizzarsi, sarà in primo luogo il mercato a valutare la solidità del progetto”.
“Tim è il maggiore operatore di telefonia del Paese. E’ anche la società che detiene la parte più rilevante dell’infrastruttura di telecomunicazione. Il Governo seguirà con attenzione gli sviluppi della manifestazione di interesse e valuterà attentamente, anche riguardo all’esercizio delle proprie prerogative, i progetti che interessino l’infrastruttura”, prosegue il Mef, che chiarisce: “L’obiettivo del Governo è assicurare che questi progetti siano compatibili con il rapido completamento della connessione con banda ultralarga, secondo quanto prefigurato nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, con gli investimenti necessari nello sviluppo dell’infrastruttura, e con la salvaguardia e la crescita dell’occupazione”.
A seguire i diversi aspetti della vicenda, fa sapere ancora il Tesoro, si è ritenuto che “sia un Gruppo di lavoro composto dagli esponenti di Governo titolari delle competenze istituzionali principalmente coinvolte, oltre che dalle Amministrazioni e da esperti”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Il Governo prende atto dell’interesse per Tim manifestato da investitori istituzionali qualificati”.
Lo afferma il Ministero dell’economia e delle finanze in una nota, in cui aggiunge: “L’interesse di questi investitori a fare investimenti in importanti aziende italiane è una notizia positiva per il Paese.
Se questo dovesse concretizzarsi, sarà in primo luogo il mercato a valutare la solidità del progetto”.
“Tim è il maggiore operatore di telefonia del Paese. E’ anche la società che detiene la parte più rilevante dell’infrastruttura di telecomunicazione. Il Governo seguirà con attenzione gli sviluppi della manifestazione di interesse e valuterà attentamente, anche riguardo all’esercizio delle proprie prerogative, i progetti che interessino l’infrastruttura”, prosegue il Mef, che chiarisce: “L’obiettivo del Governo è assicurare che questi progetti siano compatibili con il rapido completamento della connessione con banda ultralarga, secondo quanto prefigurato nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, con gli investimenti necessari nello sviluppo dell’infrastruttura, e con la salvaguardia e la crescita dell’occupazione”.
A seguire i diversi aspetti della vicenda, fa sapere ancora il Tesoro, si è ritenuto che “sia un Gruppo di lavoro composto dagli esponenti di Governo titolari delle competenze istituzionali principalmente coinvolte, oltre che dalle Amministrazioni e da esperti”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Tokyo, apertura in ribasso (-0,53%)
Attesa decisione tassi di interesse in Cina
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
22 novembre 2021
01:14
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Tokyo avvia la prima seduta della settimana col segno meno, appesantita dalla chiusura mista del mercato azionario statunitense e in attesa della decisione sui tassi di interesse in Cina, prevista in mattinata.
L’indice di riferimento Nikkei cede lo 0,53% a quota 29.587.72, con una perdita di 158 punti.
Sul mercato dei cambi lo yen è stabile sul dollaro a un livello di 114,10 e sull’euro a 128,60.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: a Tokyo chiusura poco variata (+0,09%)
Preoccupano aumenti casi da Covid in Europa, Usa
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
22 novembre 2021
07:27
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Tokyo conclude la prima seduta della settimana poco mossa, dopo la chiusura mista del mercato azionario statunitense, con gli investitori che guardano con timori agli aumenti dei casi di contagio da Covid in Europa e negli Stati Uniti.
L’indice Nikkei segna una variazione appena positiva dello 0,09%, a quota 29.774.11, con un guadagno di 28 punti.
Sul fronte valutario lo yen è poco mosso sul dollaro a un livello di 114,10, e sull’euro a 128,70.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: ancora in calo, Wti a 75,82 dollari al barile
Tra timori virus e rilascio riserve
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
08:19
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Quotazioni ancora intonate al ribasso per il petrolio in avvio di settimana: a pesare i timori per la ripresa della pandemia e l’orientamento di Usa e Cina a rilasciare le riserve strategiche per allentare i prezzi.
Il greggio Wti di riferimento passa così di mano a 75,82 dollari al barile (75,98 venerdì sera a New York); il Brent cede lo 0,30% a 78,66 dollari al barile.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro: in leggero calo a 1843 dollari l’oncia
Sui mercati asiatici
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
08:21
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Quotazioni dell’oro in lieve calo sui mercati asiatici: il lingotto con consegna immediata cede lo 0,14% e passa di mano a 1.843 dollari l’oncia .
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp Bund stabile a 120 punti base
Rendimento titolo decennale italiano allo 0,87%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
08:36
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio di settimana stabile per lo spread tra Btp e Bund tedesco che segna 120,5 punti base, senza sensibili variazioni rispetto alla chiusura di venerdì scorso.

Il rendimento del titolo decennale italiano è allo 0,87%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cambi: euro ancora in calo a 1,1266 dollari
Moneta unica a 128,72 sullo yen
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
08:40
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Euro ancora in lieve calo in avvio di settimana.
Dopo la netta discesa di venerdì scorso che ha portato la moneta unica a 1,1289 sul dollaro alla chiusura di Wall street, stamani la moneta unica europea passa di mano a 1,1266 sul dollaro.
Sullo yen l’euro è in leggerissimo calo a quota 128,72.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Asia contrastata, bene i listini cinesi
Investitori puntano su misure espansive della Bank of China
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
08:41
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Seduta contrastata sui mercati asiatici per i timori legati alla pandemia in Europa che hanno portato l’Austria in lockdown mentre i mercati temono una politica più restrittive della Fed per contenere l’inflazione.

Tokyo è poco mossa (+0,09%) , Seul ha guadagnato l’1,42% grazie ai dati sull’export, deboli invece Hong Kong (-0,51% a seduta ancora aperta) e Sydney (-0,59%).
Shanghai è salita dello 0,61% mentre gli analisti speculano sul fatto che la People’s Bank of China possa adottare misure espansive per rilanciare l’economia nonostante l’impennata dei prezzi nel paese. E ancora meglio fa Shenzhen (+1,42%) anche sulla scia del record toccato venerdì dal Nasdaq In leggero calo in greggio, crollato venerdì per i timori per il covid mentre gli Stati Uniti, la Cina e il Giappone stanno valutando se attingere alle proprie scorte per aiutare a contenere l’inflazione.
Sul mercati valutari debole l’euro per la paura di nuove misure restrittive a fronte dei contagi che interessano non solo l’Austria ma anche la Germania e altri Stati del Continente
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Piazza Affari apre in leggero cao (-0,24%)
Indice Ftse Mib a 27.272 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
22 novembre 2021
09:07
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza Affari ha aperto in leggero calo.
L’indice Ftse perde lo -0,24% a quota 27.272 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: in Europa avvio in cauto rialzo, Francoforte +0,18%
Parigi +0,25%, futures Usa sono positivi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
09:13
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio in ordine sparso sparso per i listini europei mentre permangono i timori di un ritorno ai lockdown dopo quello deciso in Austria, che ha piegato le Borse venerdì.

Parigi guadagna lo 0,25% e Francoforte lo 0,18% mentre Londra alle prime battute sale dello 0,33% guardando ai futures americani positivi.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tim: proposta di Kkr mette le ali al titolo a Piazza Affari
A aiuta anche Vivendi a Parigi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
09:58
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La proposta d’acquisto di Kkr mette le ali a Tim in Borsa.
Il titolo, in tensione già in preapertura, è entrato agli scambi in leggero ritardo dove ha segnato un massimo a 0,45 euro (+29%) per poi assestarsi, dopo assere finito per un breve lasso di tempo in asta di volatilità, a 0,42 euro con un rialzo di oltre il 21% e scambi boom.

Si tratta di una quotazione, per il gruppo telefonico, a metà strada fra 0,34 euro, segnato in chiusura di seduta venerdì quando il titolo si era risvegliato con un guadagno del 3,65%, e 0,505 euro messi sul piatto per un’opa da Kkr.
Beneficia del cambiamento di scenario anche il socio di riferimento di Tim: Vivendi a Parigi guadagna il 2,99% a 11,38 euro ai massimi da due mesi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tim, titolo sugli scudi, +30,2%. Vivendi boccia l’offerta
Il gruppo di lavoro creato dal governo potrebbe riunirsi già in settimana. Salvini: ‘Evitare lo spezzatino’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
09:02
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il gruppo di lavoro creato dal Governo per seguire la vicenda Tim potrebbe riunirsi già in settimana, per fare un primo esame delle carte, dopo la manifestazione di interesse presentata dal fondo americano Kkr per un’opa totalitaria sul gruppo italiano.
Lo si apprende da fonti istituzionali. Il gruppo di lavoro, come spiegato nel comunicato del Ministero dell’economia, è composto dagli esponenti di Governo titolari delle competenze istituzionali principalmente coinvolte (dovrebbero essere i ministri dell’economia Franco, dello sviluppo Giorgetti e dell’innovazione tecnologica Colao), oltre che dalle amministrazioni e da esperti. “A Tim, e quindi all’Italia, servono un partner ed un piano industriale che valorizzino e rafforzino l’azienda, non un’operazione finanziaria che rischia di portare ad uno spezzatino di una realtà così importante per il Paese.
Inoltre, visti i non brillanti risultati degli ultimi mesi, il cambio ai vertici auspicato da più parti pare tema non più rinviabile”. Così il segretario della Lega Matteo Salvini, interpellato da Affaritaliani.it, commenta la proposta d’acquisto di Tim da parte di Kkr, il fondo infrastrutturale americano.
Da parte sua Confindustria apprezza la sensibilità del governo sul tema. “Noi non entriamo, ovviamente, in nessun giudizio, essendo” la Tim “un’azienda quotata, apprezziamo però la sensibilità con cui il Governo sta tenendo in massima attenzione il dossier perché comunque parliamo di un settore strategico per il  Paese”. Così, a Potenza, a margine di un’iniziativa sul tema “Motore Mezzogiorno, Ripartenza Italia”, il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, ha risposto a una domanda dei giornalisti sulla questione Tim.
Vivendi, socio di riferimento di Tim, boccia l’offerta di Kkr. “L’offerta di Kkr non riflette il reale valore di Tim, è insufficiente”. È questa la posizione di Vivendi lasciano intendere fonti vicine al gruppo francese.
Intanto la proposta d’acquisto di Kkr mette le ali a Tim in Borsa. Il titolo ha terminato la seduta con un guadagno del 30,25% a 0,451 euro, rispetto agli 0,505 euro offerti da Kkr. Brillanti anche le azioni risparmio, che hanno chiuso con un +29,53% a 0,45 euro, sostanzialmente in linea con le ordinarie, le quali nella seduta hanno toccato un record si 0,459 euro verso le 16.45, tornando così sui valori di giugno. Il volume di scambio delle ordinarie è stato di 1.726.218.126 pezzi, per un controvalore di 758.218.374 euro, e per le risparmio di 418.444.326, per un controvalore di 185.630.659 euro. Beneficia del cambiamento di scenario anche il socio di riferimento di Tim: Vivendi a Parigi guadagna il 2,99% a 11,38 euro ai massimi da due mesi.  Secondo gli analisti di Ubs a Tim serviva un approccio ‘fuori dagli schemi’ per invertire tendenza e tornare alla redditività e lo può trovare con il sostegno di Kkr. “Un private equity esperto come KKR potrebbe rivelarsi una soluzione migliore per supportare il turnaround di Tim rispetto agli azionisti di riferimento che hanno controllato TI negli ultimi 20 anni, grazie al suo lungo orizzonte di investimento, alle sue ampie risorse finanziarie e alla flessibilità extra consentita dal delisting”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano in parità grazie a corsa di Tim e Inwit
Bene anche Saipem
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
10:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza Affari oscilla intorno alla parità (Ftse Mib -0,01%) in un listino dominato dal rally di Tim, ora in rialzo del 23,7% a 0,42 euro dopo la proposta d’opa di Kkr, che trascina anche la società delle torri Inwit (+5,45%).
Bene poi Saipem (+1,16%) grazie a un nuovo maxi-contratto in Brasile mentre sono pesanti Intesa (-2,71%), Atlantia (-1,41%) e Fineco (-1,38%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Istat: multinazionali estere in Italia con 1,5 mln addetti
Nel 2019
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
10:28
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le multinazionali italiane nel 2019 erano presenti in 173 paesi con 24.765 controllate (+4,2% rispetto al 2018), occupando quasi 1,8 milioni di addetti (-1%) e con un fatturato di circa 567 miliardi (+3,7%).
Lo si legge in un Report dell’Istat sulla struttura e competitività delle imprese multinazionali prima della pandemia.

Nel 2019 le imprese a controllo estero residenti in Italia erano 15.779 per 1,5 milioni di addetti e 624 miliardi di fatturato, la dimensione media è di 95,8 addetti (71,4 per le controllate estere di imprese italiane). Il fatturato delle imprese a controllo estero ha registrato un incremento decisamente più ampio di quello del totale delle imprese residenti in Italia (+5% contro +0,8%). Competenza e specializzazione della forza lavoro – scrive l’Istat sono tra i primi fattori di attrazione e persistenza in Italia.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa rialzo, guarda più alla Cina che al covid
Londra +0,42%, più cauta Francoforte (+0,14%), recupera Vienna
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
10:43
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sono in rialzo le Borse europee, dove restano i timori per la nuova ondata di contagi da covid che ha costretto l’Austria in lockdown ma si colgono piuttosto gli spunti di acquisto dalle possibili misure espansive da parte della Bank of China a sostegno dell’economia del colosso asiatico.
Anche da Wall Street, dove venerdì scorso il Nasdaq si è mosso in controtendenza ritoccando i massimi, arrivano segnali incontraggianti dai futures Usa in crescita.

Londra sale dello ‘0,42%, seguita da Parigi (+0,38%) mentre sono più caute Francoforte (+014%) e Milano (+0,10%) dove a dominare gli scambi è Tim (+22,8%), finito nel mirino di Kkr. Cerca il recupero Vienna: l’indice Atx Prime guadagna lo 0,51% dopo aver lasciato sul terreno il 2,82% venerdì scorso.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bat: 5 mld sterline ricavi al 2025 da prodotti ‘senza fumo’
Azienda da 20anni in Dow Jones Sustainability Index
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
11:11
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bat punta entro il 2025 a 5 miliardi di sterline di ricavi da podotti non soggetti a combustione.
Lo ha ribadito Kingsley Wheaton, Chief Marketing Office del Gruppo tabacchicolo che per il ventesimo anno consecutivo stata inserita nei Dow Jones Sustainability Indices (DJSI) “Ridurre l’impatto del nostro business sulla salute è uno dei principali obiettivi dell’intera attività di BAT.
Per questo motivo, stiamo accelerando il passaggio dalla produzione di sigarette a combustione a un maggiore investimento verso i prodotti a potenziale rischio ridotto da offrire ai nostri consumatori”, spiega l’azienda.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Assogestioni:70 miliardi raccolta 9 mesi, miglior dato dal 2017
Il patrimonio gestito cresce a 2.544 miliardi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
11:29
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nel terzo trimestre la raccolta netta dell’industria del risparmio gestito è stata pari a 18,5 miliardi di euro, grazie ai fondi aperti che hanno contribuito per 17 miliardi.
Un dato che ha portato il sistema a raggiungere la soglia dei 70 miliardi di sottoscrizioni nei primi 9 mesi dell’anno: è il risultato migliore dal 2017.
E’ quanto emerge dalla consueta mappa Assogestioni. Il patrimonio gestito ammonta a 2.544 miliardi, in crescita di 24 miliardi rispetto alla fine del secondo trimestre. È aumentata la quota delle masse investite nelle gestioni collettive, salita al 51,5% del totale. Hanno chiuso il trimestre con il segno più tutte le maggiori macro-categorie dei fondi aperti. I risparmiatori hanno preferito in particolare i prodotti bilanciati (+6,4 miliardi), gli azionari (+4 miliardi) e gli obbligazionari (+3,4 miliardi).
Segnali positivi anche dai Piani Individuali di Risparmio. I fondi aperti Pir compliant hanno registrato sottoscrizioni nette per 155 milioni, in miglioramento rispetto ai 106 milioni di flussi in entrata del trimestre precedente.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Black Friday: Confcommercio,picco da mezzo miliardo per moda
Bene ma attenzione a valorizzare negozi prossimità
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
11:41
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Federazione Moda Italia stima in occasione del Black Friday un incremento medio delle vendite del settore del 50% rispetto al 2020 ed in linea con quelle del 2019, con un volume d’affari che si aggira solo per i prodotti di moda sui 500 milioni di euro.
La stima positiva, sottolinea una nota della federazione di Confcommercio, deriva anche dalla spinta ai consumi registrata dall’inizio della primavera con vendite nei negozi di moda in costante crescita rispetto all’anno precedente, anche se ci voleva effettivamente ben poco, considerando la pressoché totale assenza degli stranieri e le ripetute chiusure dei fashion store in zone rosse.

“Il Black Friday attira l’interesse di milioni di consumatori a caccia dell’affare in vista della stagione natalizia nei negozi delle nostre città”, dice Renato Borghi, presidente di Federazione Moda Italia-Confcommercio. “Tuttavia, le stime sui volumi di vendita non vanno lette solo positivamente perché, pur attraendo l’attenzione degli amanti dello ‘sconto a tutti i costi’ e rappresentando una risposta del commercio al contenimento dell’inflazione, le promozioni in piena stagione, alle porte del Natale, danneggiano soprattutto quegli operatori dei negozi multibrand che sacrificano una marginalità che, dopo il tracollo delle vendite del 2020 e inizio 2021, è divenuta sempre più di sopravvivenza. Bene, quindi, contemperare gli interessi di sostenibilità economica ed ambientale, per cui il nostro consiglio è di acquistare sempre nei negozi di prossimità, quelli di fiducia, dove trasparenza e servizio, oltre che il prezzo, sono più che garantiti dal lunedì alla domenica”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa rallenta con allarme covid in Germania
Francoforte azzera guadagni, Milano la peggiore malgrado Tim
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
11:42
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee rallentano il passo con Francoforte in testa (+0,02%) dopo l’appello del ministro per la Salute tedesco cha ha invito i concittadini a vaccinarsi in un paese che rischia, come l’Austria, lockdown estesi con gli inevitabili effetti sull’economia.

La peggiore è tuttavia Milano (-0,21%), malgrado la corsa di Tim (+25% a 0,43 euro) fra scambi monstre (870 milioni di azioni finora passate di mano) grazie all’opa di Kkr che trascina anche Inwit (+4%).

Fanno meglio Londra (+0,35%) e Parigi (+0,23%) dove anche Vivendi (+2%) beneficia in parte dell’effetto della partecipata Tim.
A frenare Piazza Affari sono i finanziari Banca Generali (-5,1%), Mediobanca (-4,5%) e Intesa Sanpaolo (-2,64%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Generali, De Agostini avvia la vendita della quota
Manterrà i diritti di voto in assemblea e sosterrà Donnet
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
13:04
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il Gruppo De Agostini comunica di aver avviato un progetto di dismissione progressiva della propria partecipazione dell’1,44% in Generali.
In tale contesto, si legge in una nota, è stata data esecuzione ad una prima operazione consistente in uno strumento derivato su 2,25 milioni di azioni, pari allo 0,14% del capitale del Leone.

Le caratteristiche dell’operazione consentiranno a De Agostini di esercitare i diritti di voto all’assemblea delle Generali della prossima primavera, quando dovrà essere anche rinnovato il consiglio di amministrazione.
A tal riguardo De Agostini “esprime il proprio apprezzamento per l’operato del management della compagnia assicurativa, del quale ha condiviso obiettivi e valori, nonché la stima e sintonia nei confronti del ceo Philippe Donnet, che nel corso degli ultimi due mandati ha saputo distinguersi per la visione strategica, la competenza tecnica e la completezza manageriale. Qualità – conclude la nota – che si sono tradotte in eccellenti risultati industriali e finanziari”.
I proventi della vendita verranno utilizzati da De Agostini per perseguire nel prossimo futuro nuove opportunità di investimento.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il Gruppo De Agostini comunica di aver avviato un progetto di dismissione progressiva della propria partecipazione dell’1,44% in Generali.
In tale contesto, si legge in una nota, è stata data esecuzione ad una prima operazione consistente in uno strumento derivato su 2,25 milioni di azioni, pari allo 0,14% del capitale del Leone.

Le caratteristiche dell’operazione consentiranno a De Agostini di esercitare i diritti di voto all’assemblea delle Generali della prossima primavera, quando dovrà essere anche rinnovato il consiglio di amministrazione.
A tal riguardo De Agostini “esprime il proprio apprezzamento per l’operato del management della compagnia assicurativa, del quale ha condiviso obiettivi e valori, nonché la stima e sintonia nei confronti del ceo Philippe Donnet, che nel corso degli ultimi due mandati ha saputo distinguersi per la visione strategica, la competenza tecnica e la completezza manageriale. Qualità – conclude la nota – che si sono tradotte in eccellenti risultati industriali e finanziari”.
I proventi della vendita verranno utilizzati da De Agostini per perseguire nel prossimo futuro nuove opportunità di investimento.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Unicredit: rafforza squadra in Italia, Taricani guida network
Mastalia nuovo responsabile Corporate. Casini lascia gruppo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
14:51
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Unicredit rafforza la sua squadra manageriale a conferma della centralità dell’Italia come geografia autonoma all’interno del gruppo.

Remo Taricani, nominato responsabile network Italia, coordinerà la rete commerciale e i canali di distribuzione alternativi della banca.
Massimiliano Mastalia è il nuovo responsabile Corporate Italia. Mentre Andrea Casini, attuale responsabile Corporate Italia, lascia il gruppo dopo oltre 40 anni. Marica Campilongo, sarà responsabile Corporate Development Italia a riporto di Massimiliano Mastalia.
“Sono felice di dare un caloroso benvenuto a Massimiliano e Marica – sottolinea in una nota Niccolò Ubertalli, responsabile Unicredit Italia – e di augurare a Remo tutto il meglio nel suo nuovo ruolo. Desidero inoltre ringraziare Andrea, ancora una volta, per il grande contributo offerto alla nostra banca in tutti questi anni”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano debole (-0,2%) con Europa, timori per pandemia
A Piazza Affari non basta Tim, ancora lontana da prezzo opa Kkr
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
13:45
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee azzerano i guadagni mentre tornano i timori per il covid dopo che la cancelliera tedesca Angela Merkel ha parlato di una situazione mai vista finora preannunciando nuove misure di contenimento.

Mentre i futures americani sono leggermente positivi Francoforte è sotto la parità (-0,2%) ed è passata in negativo Parigi (-0,16%) anche se la peggiore resta Milano (-0,2%).

A Piazza Affari al rally di Tim (+27,5% a 0,44 euro), che tuttavia resta lontana dal prezzo di 0,505 euro offerto da Kkr, e di Inwit (+5%) fanno da contrappeso le perdite di Intesa Sanpaolo (-2,,54%) insieme alle prese di profitto a rotazione che ora colpiscono Terna (-2,14%) e Nexi (-1,84%).
A livello europeo la scossa di Kkr dà una mano al socio di Tim Vivendi (+1,6%) e ai gruppi delle tlc sulle scommesse di un consolidamento nel settore. Brillano la spagnola Telefonica (+5%) e Kpn (+2,5% ad Amsterdam), più composto il rialzo di Vodafone (+1,48%) a Londra, dove il listino segna +0,02%.
Da segnalare che Vienna, che aveva sofferto per l’annuncio del lockdown venerdì scorso ,tenta di recuperare almeno in parte terreno (+1% l’indice Atx Prime).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund: in lieve rialzo a 120,8 punti
Il rendimento del decennale italiano cresce allo 0,88%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
15:06
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il differenziale tra Btp e Bund è a 120,8 punti, in lieve salita rispetto alla chiusura di venerdì, a 120 punti.
Secondo i dati reperibili sulla piattaforma Bloomberg, nella seduta finora ha toccato un minimo di 119,9 punti intorno alle 9.45 e un massimo di 122,6 punti alle 8.15.

Il rendimento del decennale italiano è in crescita allo 0,88%, rispetto alla chiusura allo 0,86% di venerdì. Nella seduta al momento ha fatto registrare un minimo dello 0,848% poco dopo le 10 e un massimo dello 0,894% intorno alle 12.45.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: in calo a New York a 75,60 dollari
Quotazioni perdono lo 0,45%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
22 novembre 2021
15:17
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il petrolio è in calo a New York, dove le quotazioni perdono lo 0,45% a 75,60 dollari al barile.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Eni lancia Plenitude. Descalzi, sarà una pietra miliare
Società retail e rinnovabili farà 1,8 mld di investimenti annui
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
15:30
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Si chiamerà Plenitude la società in cui confluiranno le attività retail e delle rinnovabili di Eni.

“La quotazione della nostra società R&R è una pietra miliare per lo sviluppo della nostra società”, ha detto l’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, nel corso del Capital markets day della società, a PIazza Affari.

Plenitude “avrà un modello di business unico, combina produzione da rinnovabili, vendita di energia e servizi energetici a clienti retail, e una rete capillare di punti di ricarica per veicoli elettrici”, spiega Eni, che prevede un margine operativo lordo (Ebitda) in aumento dagli 0,6 miliardi nel 2021 a 1,3 miliardi nel 2025.
“L’Ipo consente di attrarre nuovi flussi di capitale, rivelare valore incrementale e accelerare la crescita di Plenitude, che punta a fornire il 100% di energia decarbonizzata a tutti i propri clienti entro il 2040, supportando gli obiettivi di Eni di azzeramento delle emissioni nette di CO2 Scope 3”, ha dichiarato l’ad di Plenitude Stefano Goberti.
La nuova società che sbarcherà in Borsa avrà debito netto prossimo a zero dal primo gennaio 2022 e un programma annuale di investimento da circa 1,8 miliardi finanziati con la cassa generata dalla propria attività e il proprio debito. “Nel medio termine” la leva finanziaria si attesterà a 3-4 volte l’ebitda consentendo alla società di mantenere l’investment grade.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Wall Street apre positiva con Fed, Dj +0,35%, Nasdaq +0,46%
S 500 sale dello 0,47%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
22 novembre 2021
15:35
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Wall Street apre positiva con la nomina di Jerome Powell alla presidenza della Fed per un secondo mandato.
Il Dow Jones sale dello 0,35% a 35.723,46 punti, il Nasdaq avanza dello 0,46% a 16.132,02 punti mentre lo S&P 500 sale dello 0,47% a 4.720,69 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mediobanca: aderisce a Net-Zero Banking Alliance
Ridotte emissioni dirette,partecipa a progetti decarbonizzazione
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
16:02
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il Gruppo Mediobanca rinnova il proprio impegno per contrastare il cambiamento climatico attraverso due traguardi: l’adesione alla Net-Zero Banking Alliance e la neutralizzazione delle proprie emissioni dirette relative all’esercizio 2020/21.
Entrambi gli impegni sono coerenti con la Politica di Gruppo sulla Sostenibilità e con la Politica Esg.

L’adesione del Gruppo Mediobanca alla Net-Zero Banking Alliance, l’iniziativa promossa dalle Nazioni Unite con l’obiettivo di accelerare la transizione sostenibile del settore bancario internazionale, conferma la volontà di “essere parte attiva nella transizione green”. Il Gruppo Mediobanca ha intrapreso negli ultimi anni un percorso volto alla riduzione delle proprie emissioni dirette che ha portato, anche nell’anno fiscale 2020/21, alla neutralizzazione delle “emissioni di gas serra non riducibili”, in forte calo rispetto all’esercizio precedente.
L’iniziativa di decarbonizzazione, promossa in collaborazione con Rete Clima, ha permesso a Mediobanca di sostenere due progetti internazionali: uno idroelettrico in India e uno Redd+ in Brasile, finalizzati rispettivamente alla generazione di energia pulita e alla conservazione di un’area della foresta amazzonica. Mediobanca ha, inoltre, confermato il proprio sostegno a un progetto forestale che quest’anno coinvolgerà il Parco delle Madonie nella provincia di Palermo, devastato dagli incendi durante la scorsa estate. In collaborazione con Rete Clima, nella primavera 2022 verranno piantati e manutenuti oltre 1.000 alberi, grazie anche alla partecipazione attiva dei dipendenti del Gruppo.
“Riteniamo che l’intero sistema bancario abbia un ruolo fondamentale nella transizione green”, afferma Alberto Nagel, amministratore delegato di Mediobanca.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa a più velocità con Wall Street positiva
Telecomunicazioni spinte da Tim, bene molte banche e petroliferi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
16:09
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Vanno in ordine sparso le principali Borse europee, dopo che Wall Street ha aperto in rialzo, mentre il presidente Usa, Joe Biden, ha confermato Jerome Powell alla presidenza della Fed, e nominato Lael Brainard alla vicepresidenza, sottolineando di avere fiducia in loro “nel tenere l’inflazione bassa e i prezzi stabili”.
Meno convinta l’Europa, dove secondo gli analisti pesa il timore per i nuovi contagi da Covid 19, in particolare in Germania.
E’ infatti Francoforte la peggiore Piazza (-0,1%), mentre è piatta Parigi (+0,08% e in lieve rialzo Londra e Madrid (+0,2%). Non troppo convinta Milano (-0,01%), con lo spread Btp-Bund in salita a 121,3 punti e il rendimento del decennale italiano cresciuto allo 0,89%. Calmo l’oro (-1%) a 1.821 dollari l’oncia.
In rialzo il greggio (wti +0,47% a 76,2 dollari al barile e il brent a 79,3 dollari. In calo il gas naturale in Europa, con le quotazioni ad Amsterdam -1,7%) a 85,6 euro al MWh.
L’indice d’area del Vecchio continente, Stoxx 600, è piatto (+0,03%), con i servizi di telecomunicazione in testa, trainati da Tim (+29,4%, dopo la proposta di opa da parte di KKr. Tra i titoli che stanno guadagnando di più Inwit (+5,1%) e Telefonica (+4,8%). In salita l’industria mineralogica, in particolare nel comparto rame, con Antofagasta (+4,7%). Bene la maggioranza dei petroliferi, a iniziare da Galp (+1,2%). In forma gran parte delle banche, cominciando da Ing (+2,1%) e Credit Agricole (+2%). In ordine sparso le auto, con alcune in salita, come Ferrari (+2,7%) e Daimler (+1,4%) e altre in calo, come Volkswagen -1,2%) e Stellantis (-0,4%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano positiva (+0,3%),corre Tim, banche contrastate
Bene i petroliferi, in ordine sparso le auto, giù i farmaceutici
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
17:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ha girato in positivo Piazza Affari (+0,3%), con Tim in testa al listino principale, che viaggia con un guadagno del 32% a 0,45%, dopo la proposta di opa di Kkr e trascina verso l’alto il comparto, a iniziare dalla controllata Inwit (+5% a 10,60 euro).
Anche le azioni risparmio Tim crescono in linea con le ordinarie (+32% a 0,46 euro).
In rally Tiscali (+11,3%) Tra le auto spicca Ferrari (+2,9%), non Stellantis (-0,3%).
Bene i petroliferi, da Saipem (+2,7%) a Eni (+1,2%9 e all’impiantistica di Tenaris (+0,9%), col rialzo del greggio (wti +0,99%) a 76,7 dollari e il brent a 79,63 dollari. In evidenza nel lusso Moncler (+2%) e nella componentistica Pirelli (+1,7%). In ordine sparso le banche, con lo spread in salita verso 123 punti e il rendimento del decennale italiano allo 0,82%. Guadagni per Unicredit (+0,8%), Bper (+0,7%) e Banco Bpm (+0,4%) e perdite per Fineco (-1,3%), Intesa (-2,2%), Banca Profilo (-6,2%), Banca Generali (-4,8%) e Mediobanca (-3,8%).
Sofferente la paytech Nexi (-3%). Tra i farmaceutici male Diasorin (-2,5%), un po’ meglio Recordati (-0,3%). In calo Poste (-1,6%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: migliora Europa, nonostante dato fiducia, bene banche
In rialzo petroliferi e mineralogico, in rosso i semiconduttori
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
17:32
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Migliorano verso fine seduta le principali Borse europee, trascinate dall’andamento di Wall Street, che ha reagito in positivo alla conferma di Jerome Powell alla Fed, dopo l’ottimismo già infuso dalle possibili misure espansive della Bank of China a sostegno dell’economia del Paese.
Non sembra incidere invece la stima di un calo del 2% della fiducia dei consumatori dell’Unione europea a novembre.
La migliore è Madrid (+1%), seguita da Londra (+0,6%), Parigi (+0,3%) e Francoforte (+0,01%), piatta e con gli analisti a suggerire come causa la situazione in evoluzione per i contagi da Covid 19. In media Milano (+0,3%), con lo spread Btp-Bund in salita verso 124 punti. Calmo l’oro (-1,1%) a 1.819 dollari l’oncia.
L’indice d’area del Vecchio continente, Stoxx 600, guadagna quasi lo 0,2%, sostenuto dai servizi di comunicazione, spinti da Tim (+32%), dopo la proposta di un’eventuale opa da parte del fondo americano Kkr. Bene ad esempio Telefonica (+6%) e Inwit (+5%). Col greggio che accentua il rialzo (wti +1,1%) a 76,8 dollari al barile e il brent a 79,8 dollari, guadagnano i petroliferi, a iniziare da Bp (+2,4%) e Galp (+2,3%).
Nell’industria mineralogica si evidenziano il comparto del rame, con Antofagasta (+5,3%) e Kghm Polska Miedz (+2,3%), e quello dell’acciaio, con in testa Voetalpine (+4,1%) e Thyssenkrupp (+3,3%). Bene la maggioranza delle banche, a partire da Ing (+2,6%) e Danske Bank (+2,8%). In ordine sparso le auto, con alcuni guadagni, come per Ferrar (+2,7%9 e Daimler (+1,6%), e qualche perdita, come per Volkswagen (-0,7%) e Stellantis (-0,4%). In rosso molti semiconduttori, coe Soitec (-24%) e Asm (-1,6%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude in lieve rialzo (+0,17%)
Il Ftse Mib a 27.382 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
22 novembre 2021
17:43
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Chiusura in lieve rialzo per Piazza Affari.
Il Ftse Mib ha guadagnato lo 0,17% a 27.382 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Biden conferma Jerome Powell alla presidenza della Fed
Lael Brainard nominata vicepresidente. Wall Street sui massimi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
22 novembre 2021
17:49
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente americano Joe Biden ha confermato Jerome Powell alla presidenza della Fed per un secondo mandato e ha nominato Lael Brainard alla vicepresidenza.

Brainard è al momento governatrice della Banca centrale.

“Ho fiducia che l’attenzione di Jerome Powell e Lael Brainard nel tenere l’inflazione bassa e i prezzi stabili”, oltre al loro impegno per la piena occupazione, “renderanno la nostra economia più forte che mai”, ha sottolineato Biden.
La reazione di Wall Street è stata immediatamente positiva.
Nasdaq e S&P 500 hanno aggiornato i loro record.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Manovra: Confindustria, manca svolta,13 mld per taglio cuneo
Cgil, Cisl e Uil, imprese hanno avuto, tocca a lavoratori
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
17:49
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La manovra di bilancio, “nonostante alcuni interventi positivi, non fa segnare un passo avanti significativo verso la modernizzazione del Paese.
Infatti, la sua impostazione risponde certamente all’esigenza di accompagnarlo lungo il sentiero di uscita dalla crisi, ma non sembra in grado di sostenere quelle istanze trasformative, dell’economia e della società italiane, che sono alla base anche di Next Generation Eu”.
E’ il giudizio di Confindustria, espresso in audizione sulla legge di Bilancio, alle commissioni Bilancio di Senato e Camera e ribadito anche dal presidente Carlo Bonomi che ha chiesto di aumentare le risorse a disposizione per il taglio delle tasse.
“Riteniamo che gli otto miliardi siano pochi, riteniamo che ne debbano essere messi almeno 13 su un taglio forte contributivo del cuneo fiscale”, ha detto il leader degli industriali. Secondo Bonomi, “è vero che l’export sta andando molto bene, quest’anno faremo forse 550 miliardi e quindi il record, ma dobbiamo stimolare anche la domanda interna, che è ferma da decenni. In secondo, visto che stanno aumentando le materie prime, stanno aumentando i costi energetici, l’unico fattore di competitività su cui possiamo lavorare – ha concluso – è abbassare il costo del lavoro”.
Non sono dello stesso avviso i sindacati, ascoltati anche loro in Parlamento sulla manovra. Cgil, Cisl e Uil chiedono di concentrare il taglio delle tasse solo su lavoratori e pensionati, perché le imprese, come denuncia il sindacato guidato da Maurizio Landini, hanno già avuto nella legge di bilancio ben 10 miliardi.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: l’Europa chiude in ordine sparso, bene Madrid (+0,7%)
Francoforte (-0,2%), Parigi (-0,1%), Londra (+0,4%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
18:08
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Chiusura in ordine sparso per le principali Borse europee.
La migliore è stata Madrid (+0,78%) a 8.821 punti, seguita da Londra (+0,44%) a 7.255 punti, mentre hanno terminato in rosso Parigi (-0,1%) a 7.105 punti e Francoforte (-0,27%) 16.115 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund: chiude in deciso rialzo a 125,7 punti
Il rendimento del decennale italiano sale allo 0,95%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
18:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il differenziale tra Btp e Bund ha chiuso a 125,7 punti, in deciso rialzo rispetto alla chiusura di venerdì, a 120 punti.
Secondo i dati reperibili sulla piattaforma Bloomberg, nella seduta ha toccato un minimo di 119,9 punti intorno alle 9.45.

Il rendimento del decennale italiano ha terminato allo 0,954%, in salita rispetto alla chiusura allo 0,86% di venerdì.
Nella seduta ha fatto registrare un minimo dello 0,848% poco dopo le 10.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano tiene (+0,17%) con petroliferi e Tim che vola
Banche e auto in ordine sparso, giù farmaceutici, forte Pirelli
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
18:40
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ha chiuso la prima settima in lieve rialzo Piazza Affari (+0,17%), spinta dalla volata di Tim (+30,2%) con la proposta di un’eventuale opa del fondo americano Kkr, che ha influito in positivo sull’intero comparto in Europa, a iniziare dalla controllata Inwit (+4,6%).
Particolarmente in forma i petroliferi, col greggio in rialzo (wti +0,4% a sera) a 76,2 dollari e il brent a 79,2 dollari, mentre si sono diffuse notizie di stampa su un’ipotesi di revisione dei piani da parte dell’Opec+, in caso di uso di riserve strategiche o di nuovi lockdown in Europa col crescere dei contagi da Covid 19.
A Milano hanno guadagnato Saipem (+2,9%), Eni (+1,3%) e l’impiantistica di Tenaris (+0,9%). Bene la componentistica di Pirelli (+1,4%) e tra le auto Ferrari (+2,7%), non Stellantis (-0,3%). Brillante nel lusso Moncler (+1,4%).
Bene le assicurazioni, da Unipol (+0,9%) a Generali (+0,6%).
In ordine sparso le banche, con lo spread Btp-Bund chiuso in salita a 125,7 punti e il rendimento del decennale italiano cresciuto allo 0,95%. Hanno guadagnato Unicredit (+0,7%), Bper (+0,6%) e Mps (+0,1%), piatto Banco Bpm (-0,04%), in calo Fineco (-1,9%) Intesa (-2,3%), Mediobanca (-3,7%) e Bnaca Generali (-5,3%). Male la paytech Nexi (-4%). Tra i farmaceutici ha sofferto soprattutto Diasorin (-2,7%), ma anche Recordati (-0,4%). In calo Poste (-1,7%). Tra i titoli a minore capitalizzazione corsa di Tiscali (+10,23%) e forti perdite per Banca Profilo (-6,2%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: chiude in rialzo a New York a 76,75 dollari
Quotazioni salgono dell’1,06%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
22 novembre 2021
20:40
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il petrolio chiude in rialzo a New York, dove le quotazioni salgono dell’1,06% a 76,75 dollari al barile.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il dollaro sopra quota 115 yen per la prima volta in 4 anni
La moneta Usa spinta dalla riconferma di Powell presidente Fed
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
HONG KONG
23 novembre 2021
04:20
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il dollaro è salito oggi sopra i 115 yen, per la prima volta in più di quattro anni, dopo che Jerome Powell è stato nominato per un secondo mandato come capo della Federal Reserve, alimentando le aspettative che cercherà di inasprire la politica monetaria più rapidamente.
Il dollaro ha toccato 115,10 yen nei primi scambi, il livello più alto da marzo 2017.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cambi: euro stabile a 1,123. Yen scende a minimi dal 2017
Mercati vedono percorso di stretta tassi dalla Fed
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
08:10
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Euro stabile all’avvio dei mercati mentre, in Asia, il dollaro si rafforza e lo yen raggiunge quota 115 contro il biglietto verde, un livello che non toccava dal 2017.
I mercati, dopo la conferma di Powell alla presidenza della Federal Reserve Usa, si attendono un percorso di stretta dei tassi e della politica monetaria.
La moneta giapponese segna ora 115,1 (+0,21%) mentre l’euro passa di mano a 1,123 (+0,01%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Antitrust: sanzione di 200mln ad Amazon e Apple
Per restrizioni a rivenditori sul marketplace Amazon.it
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
08:19
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha sanzionato, per complessivi 200 milioni di euro, Amazon e Apple al termine dell’istruttoria sulle restrizioni all’accesso nel marketplace Amazon.it da parte di rivenditori legittimi di prodotti a marchio Apple e Beats “genuini”.
Le sanzioni sono pari a 68,7 milioni di euro alle società del gruppo Amazon e 134,5 milioni di euro alle società del gruppo Apple.
L’autorità ha intimato a tali società di porre fine alle restrizioni, permettendo l’accesso ad Amazon.it ai rivenditori di prodotti Apple e Beats “genuini” in modo non discriminatorio.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio:giù a 75 dollari,attesa rilascio riserve strategiche
Prezzo cede l’1,3% su mossa Usa con altri paesi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
08:25
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
In calo a 75 dollari il prezzo del petrolio in attesa del rilascio simultaneo da parte di Usa, Giappone, India e Corea del Sud (e forse anche Cina) del rilascio delle riserve strategiche.
Una mossa voluta dall’amministrazione Biden ma che l’Opec+ ha giudicato non sufficiente se la domanda sarà ancora forte.
Il prezzo del Wti del Texas comunque scende dell’1,3% a 75,7 dollari al barile mentre il Brent perde lo 0,98% a 78,9 dollari.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro: prezzo in rialzo a 1809 dollari
Crescita dello 0,27%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro: prezzo in rialzo a 1809 dollari
Crescita dello 0,27%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
08:30
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro in rialzo sui mercati.
Il metallo con consegna immediata sale dello 0,27% a 1809 dollari l’oncia.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Asia contrastata, effetto Powell sul dollaro
Tokyo poco mossa, a Hong Kong giù tecnologici cinesi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
08:36
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ancora una seduta contrastata sui listini asiatici mentre balzano i rendimenti dei treasuries americani e il dollaro per la riconferma di Jerome Powell alla guida della Fed e le conseguenti scommesse del mercato su un percorso rapido di ritiro degli stimoli monetari.

A Hong Kong (-1,13% a seduta non ancora conclusa) una serie di titoli tecnologici cinesi ha sofferto per l’ipotesi di una regolamentazione più stretta oltre sulla scia delle vendite dei tech americani dopo i recenti record toccati da Nasdaq.
Stabile Tokyo (+0,09%), debole Seul (-0,53%) mentre si sono mossi in direzioni opposte Shanghai (+0,20%) e Shenzhen (-0,21%).
Con i futures europei e americani deboli, in giornata sono attesi i dati Pmi dell’eurozona, dove permane la preoccupzione per i contagi da covid, e degli Stati Uniti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp/Bund sale ancora all’avvio a 126 punti
Rendimento del decennale allo 0,97%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
08:45
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sale ancora, all’avvio di giornata, lo spread fra Btp e Bund tedesco.
Dopo i 5 punti di rialzo di ieri, il differenziale ha aperto a 128 punti nei primi scambi per poi attestarsi a quota 126 punti.
Il rendimento del decennale è pari allo 0,97%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano apre in calo (-0,82%)
Ftse Mib a 27.157 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 novembre 2021
09:06
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio debole a Piazza Affari.
Il Ftse Mib cede lo 0,82% a 27.157 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tim: sale ancora in Borsa (+4,3%)
All’iindomani di un balzo del 30%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
09:07
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
All’indomani di un balzo del 30%, Tim sale ancora in Borsa.
Il titolo del gruppo di tlc, che Kkr è interessata a prendersi con un’opa a 0,505 euro per azione, guadagna alle prime battute il 4,3% a 0,47 euro.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa parte in deciso calo, Francoforte -0,8%
Parigi -0,57% fa meno peggio Londra
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa parte in deciso calo, Francoforte -0,8%
Parigi -0,57% fa meno peggio Londra
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
09:13
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Partenza in deciso calo per le borse europee.
Parigi cede lo 0,57%, Francoforte lo 0,80% mentre Londra alle prime battute lascia sul terreno lo 0,26 per cento.

Sullo stato di salute delle economie dell’eurozona, mentre la pendemia non si arresta, sono attesi più tardi. i dati Pmi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano cede sotto soglia 27.000 (-1,62%), bene Tim
In positivo anche Leonardo, tonfo della Juventus
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
09:41
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Peggiora Piazza Affari con gli altri listini europei e l’indice Ftse Mib cede l’1,53% abbandonando la soglia del 27.000 punti (26.939).

Le vendite colpiscono praticamente tutto il listini principale a partire da Moncler (-3,05%), Amplifon (-2,88%), Interpump (-2,65%), Ferrari (-2,56%) e Diasorin (-2,42%) malgrado quest’ultima abbia lanciato un innovativo test per distinguere le infezioni batteriche da quelle virali.

In controtendenza soltanto Tim (+3,04% a 0,46 euro), grazie all’offerta di Kkr che a differenza della vigilia non aiuta invece Inwit (-0,85%), e Leonardo (0,52%).
Fuori dal paniere principale crolla la Juventus (-8,8% a 0,62 euro) che ha fissato le condizioni per l’aumento di capitale da 400 milioni di euro.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Juventus: tonfo in Borsa (-9%) con aumento da 400 milioni
Fissate le condizioni per la ricapitalizzazione
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
09:45
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tonfo in Borsa per la Juventus.
Il titolo ha segnato un calo dell’11% e ora perde il 9,77% a 0,61 euro dopo che il cda del club ha fissato le condizioni per l’aumento di capitale da 400 milioni di euro.

Agli azionisti della società verranno offerte 9 nuove azioni ogni 10 azioni possedute al prezzo di 0,334 euro ciascuna..   JUVENTUS

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Indici acquisti Pmi Germania e Francia sopra le stime
A novembre
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
10:04
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sopra le stime a novembre, gli indici Pmi di Francia e Germania che misurano gli acquisti dei responsabili delle aziende.
In particolare in Germania l’indice dei servizi è salito a quota 53,4 contro le attese di 51,5.

Quello della manifattura è sceso a 57,6 ma comunque sopra le previsioni. Per la Francia l’indice sei servizi è salito a 58,2 contro le attese di 55,5 e per la manifattura a 54,6 (attesa 53,1).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread, rendimento Btp sale sopra l’1%
Differenziale a 128 punti. dopo dati indici Pmi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
10:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sale oltre l’1% il rendimento dei Btp italiani decennali sul mercato.
L’aumento ha seguito i dati, sopra le attese, degli indici Pmi di Germania e Francia che mostrano una ripresa in marcia allontanando le possibilità che la Bce aumenti il Qe.
Il differenziale fra il titolo italiano e il bund tedesco segna quota 128 punti. Una decisione della Bce arriverà il mese prossimo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread, rendimento Btp sale sopra l’1%
Differenziale a 128 punti. dopo dati indici Pmi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
10:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sale oltre l’1% il rendimento dei Btp italiani decennali sul mercato.
L’aumento ha seguito i dati, sopra le attese, degli indici Pmi di Germania e Francia che mostrano una ripresa in marcia allontanando le possibilità che la Bce aumenti il Qe.
Il differenziale fra il titolo italiano e il bund tedesco segna quota 128 punti. Una decisione della Bce arriverà il mese prossimo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa debole malgrado Pmi migliori delle attese
Francoforte -1,5%. Timori per stop politiche espansive Fed
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
11:23
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sono negative le Borse europee in linea coi futures Usa dove la riconferma di Jerome Powell al vertice della Fed rende più probabile un ritiro in tempi veloci delle politiche monetarie espansive di sostegno all’economia.
E questo avviene in un contesto di preoccupazione per le possibili misure restrittive in diversi Paesi europei, dopo il lockdown austriaco e l’allarme contagi in Germania, col conseguente impatto sulla ripresa, anche se gli indici Pmi dei responsabili agli acquisti nell’eurozona a novembre sono risultati migliori delle stime.

A guidare i ribassi è Francoforte (-1,5%) seguita da Parigi (-1,4%) e Milano (-1,3%) dove solo una manciata di titolo, guidata da Tim (+1,9% a 0,45 euro) si muove in controtendenza.
Contiene le perdite invece Londra (-0,69%). Nel complesso soffrono i titoli tecnologici in linea con le vendite già viste alla vigilia sul Nasdaq. Fra le materie prime flette il petrolio con l’attesa che stati come gli Usa e l’India attingano alle proprie riserve strategiche.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Trasporti: sharing mobility supera livelli pre-pandemia
Osservatorio, micromobilità monopolizza offerta con 91% veicoli
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
10:49
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La mobilità condivisa ha superato lo shock pandemia e ha ripreso a crescere: nel 2021 scooter, bike e monopattini in sharing hanno superato i valori del 2019 pre-pandemia e il car sharing li sta raggiungendo in queste settimane.
È quanto segnala l’Osservatorio nazionale sulla sharing mobility nel suo 5° Rapporto.
In Italia sono 5.600.000 le iscrizioni ai servizi di mobilità condivisa, con 158 servizi di sharing attivi in 49 città (il triplo del 2015). Circa 15 milioni di italiani possono utilizzare almeno un servizio, con quasi 90.000 veicoli in condivisione tra auto, scooter, bici e monopattini. Tuttavia, segnala il rapporto, le città dove sono presenti tutte e quattro le tipologie di veicoli con i relativi servizi di sharing sono solo quattro: Milano, Roma, Torino e Firenze. Tra il 2019 e il 2020 boom di monopattini (+65%) e scooter (+45%); la micromobilità oggi costituisce il 91% dei veicoli in condivisione. Si conferma marcata, sottolinea lo studio, la crescita dei noleggi giornalieri dei monopattini.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Trasporti: Milano si conferma città della sharing mobility
Osservatorio, prima per percorrenze, numero veicoli e noleggi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
11:23
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Milano si conferma la città della sharing mobility, della multimodalità ed è prima in tutti e tre gli indicatori: percorrenze, numero veicoli, numero noleggi, disponendo inoltre di tutte le tipologie di vehicle sharing.
È quanto segnala l’Osservatorio nazionale sulla sharing mobility nel suo 5° Rapporto.
Nella classifica delle città dopo il primo posto di Milano segue Roma, che cresce soprattutto in termini di flotte. Al terzo posto Torino. A seguire poi altre città metropolitane: Bologna, Firenze, Bari, Genova. Nei primi 10 posti anche città medio-piccole come Pescara, Rimini, Verona.
Tra le città più grandi, segnala il rapporto, Napoli rimane indietro: non ha un servizio di scooter sharing e il car sharing è di piccole dimensioni. Le città che hanno almeno un servizio di sharing mobility sono così suddivise: 26 al Nord, 10 al Centro, 13 al Sud. I dati sui noleggi giornalieri in Italia, sottolinea lo studio, possono essere confrontati con lo Shared mobility index di Fluctuo, che tiene sotto osservazione 16 città europee: il trend positivo registrato in sei città italiane monitorate (Milano, Torino, Roma, Bologna, Cagliari e Palermo) è in linea e addirittura migliore di quello europeo.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Anitec-Assinform, il digitale crescerà circa +5% annuo 2022-2024
+5,5 2021. Gay, serve sostegno politica industriale e regole
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
11:28
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il mercato digitale italiano continua la sua ripresa ed è previsto in aumento al termine dell’anno in corso (+5,5% rispetto al 2020).
Tutti i comparti faranno registrare un segno positivo ad eccezione del segmento dei servizi di rete.
Nei prossimi tre anni (2022-2024) continuerà ad aumentare il volume d’affari del digitale, grazie anche all’impatto positivo delle risorse e delle riforme previste dal Pnrr, con una crescita attesa intorno al +5% annuo. Emerge dal rapporto ‘Il Digitale in Italia 2021. Previsioni 2021-2024 e Policy’, di Anitec-Assinform, l’associazione di Confindustria che raggruppa le principali aziende dell’Ict “L’andamento del PIL italiano è in crescita anche grazie all’efficacia della campagna vaccinale e del conseguente contenimento della pandemia, e questa edizione del rapporto coincide con una fase particolarmente vitale anche del nostro settore”, commenta il presidente, Marco Gay, che avverte: “Per assecondare queste dinamiche è necessario investire in politica industriale e creare un sistema di regole che supportino l’azione del privato e rendano il digitale inclusivo e accessibile. Su tali aspetti ci si dovrà impegnare nei prossimi anni per far sì che le nuove tecnologie accelerino lo sviluppo del Paese”.
La previsione è “che il mercato digitale si attesti a 75.410 milioni di euro nel 2021 (+5,5% rispetto al 2020). Per il triennio 2022-2024 si prevede che la crescita continui portando il mercato a 79.286 milioni di euro (+5,1%) nel 2022, a 83.270 milioni di euro (+5%) nel 2023 e a 87.328 milioni di euro (+4,9%) nel 2024”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Vivendi non vende, in Tim siamo investitori di lungo periodo
Media company francese ribadisce, offerta Kkr insufficiente
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
12:11
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Vivendi “è un investitore di lungo termine in TIM e non intende dismettere la propria la quota”.
Lo dichiara un portavoce del gruppo francese, primo azionista di Tim.
Vivendi “ribadisce la propria volontà di collaborare con le autorità e istituzioni italiane per il successo della società”.
Per quanto riguarda l’attuale offerta di KKR, la posizione è che “non rispecchia il reale valore di Tim”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Vivendi non vende, Tim scivola in Borsa -4,7%
La media company francese ribadisce, offerta Kkr insufficiente. Savona: ‘Non interveniamo se l’offerta è solo preannunciata’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
20:50
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Chiusura in pesante ribasso per Tim a Piazza Affari. Il titolo del gruppo telefonico ha terminato le contrattazioni in calo del 4,72% a 0,43 euro, allontanandosi dagli 0,505 euro ad azione che Kkr potrebbe offrire nel caso in cui la sua manifestazione di interesse si trasformi in un’offerta pubblica d’acquisto.
Il titolo, nella lettura del mercato, sconta dunque le incertezze lungo la strada che porta all’opa e il fatto che Vivendi ha dichiarato che non venderà la sua quota, candidandosi così a restare un socio di minoranza che potrebbe avere potere di veto in assemblea.
Fonti vicino al dossier Tim dicono che Kkr “è totalmente e solamente focalizzata sull’offerta presentata al board di Tim il 21 novembre “.
Il fondo ha presentato in quell’occasione una manifestazione di interesse, non vincolante e indicativa, sul 100% del capitale a un prezzo di 0,505 euro.
Vivendi “è un investitore di lungo termine in TIM e non intende dismettere la propria la quota” ha dichiarato un portavoce del gruppo francese, primo azionista di Tim. Vivendi “ribadisce la propria volontà di collaborare con le autorità e istituzioni italiane per il successo della società”. Per quanto riguarda l’attuale offerta di KKR, la posizione è che “non rispecchia il reale valore di Tim”
“Leggevo sui giornali che non siamo intervenuti in tempo in varie occasioni, compresa l’ultima Tim-Kkr, che non si è ancora realizzata in offerta ma solamente in un preannuncio”. Lo ha detto il presidente della Consob Paolo Savona al convegno sull’attività dell’Arbitro per le controversie finanziarie “5 anni di Acf : una sfida aperta”. Savona ha puntualizzato che ” noi possiamo intervenire solamente quando riusciamo ad avere l’informazione”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Poste: sconti fino al 5% sul rifornimento di carburante
Iniziativa PostePay-Eni fino al 31/12 in Live Station aderenti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
12:34
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Con il programma di loyalty “ScontiPoste”, fino al 31 dicembre prossimo, è possibile risparmiare fino al 5% sul rifornimento carburante effettuato nelle Eni Live Station.
Lo rende noto Poste Italiane in una nota dove spiega che “per ottenere uno sconto del 5% in cashback sull’importo speso, basterà scegliere ‘Paga con Postepay’ come metodo di pagamento all’interno dell’App Eni Live.
Una volta selezionata questa modalità, si verrà reindirizzati in App Postepay per autorizzare la transazione. Per farlo sarà sufficiente digitare il proprio Codice PosteID, o utilizzare l’impronta digitale (fingerprint) o altri sistemi di riconoscimento biometrico supportati dal proprio smartphone”.
Sempre fino al 31 dicembre, utilizzando il bottone Paga con Postepay presente in App Eni Live, si otterrà un ulteriore cashback di 1 euro, a fronte di una spesa di almeno 10€ e per un massimo di 10€ al giorno, attraverso l’iniziativa Postepay Cashback. Scegliendo di pagare il rifornimento tramite POS (e non App Eni Live) con carta di pagamento Postepay o BancoPosta è previsto comunque uno sconto in cashback dell’1%. “La promozione – spiega Poste – è valida presso le Eni Live Station aderenti all’iniziativa; l’elenco aggiornato è disponibile in App Postepay, in App BancoPosta e App ENI Live”. Sconti Poste è il programma fedeltà che offre sconti in cashback sugli acquisti effettuati con carta di pagamento Postepay e BancoPosta presso i circa 10.000 partner affiliati, tra shop online e negozi fisici.
Lanciato nel 2010, il programma ha riaccreditato ai clienti oltre 115 milioni di euro di sconti in cashback in questi 11 anni. Maggiori informazioni su scontiposte.it.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tim: in calo in Borsa con no Vivendi a cessione quota
Titolo cede 1,2% a 0,44 euro, allontanandosi da offerta Kkr
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
12:39
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tim gira in calo a Piazza Affari, dopo aver perso progressivamente smalto nel corso della mattinata, in scia all’annuncio di Vivendi di non voler cedere la propria quota.
Anche in caso di successo dell’offerta del colosso del private equity americano, il gruppo francese manterrà quindi una minoranza di blocco in assemblea sulle operazioni straordinarie.
Il titolo cede l’1,2%, a 0,445 euro, allontanandosi dagli 0,505 euro che Kkr si è detta disposta a pagare.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Manovra: C.Conti, misure su pensioni non del tutto positive
Allargare platea Ape, più flessibilità con sistema contributivo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
13:01
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La valutazione complessiva sulle misure in materia pensionistica contenute nella manovra “non è del tutto positiva”.
Anche se “si conferma la piena adesione al principio contributivo, non si rimuove la forte incertezza che si è determinata nel sistema a seguito delle misure recate dal dl 4/2019”, ovvero con Quota 100.
Lo afferma la Corte dei Conti che, in audizione sulla legge di Bilancio, auspica la proroga dell’Ape con un allargamento della platea e ritiene necessario affrontare “su base strutturale il tema di come garantire una maggiore flessibilità preservando le caratteristiche proprie del sistema contributivo”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bonomi: inflazione preoccupa, ripresa già a rischio
Costi materie prime, energia;difficoltà con rialzo costo lavoro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
PESARO
23 novembre 2021
13:19
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“L’inflazione preoccupa molto, sta raggiungendo livelli pericolosi” e “la ripresa che è un rimbalzo, non una crescita, è già a rischio: abbiamo delle componenti esterne come materie prime, costi delle materie prime, quando le troviamo, e costi energetici”.
Così il presidente di Confindustria Carlo Bonomi, a margine dell’assemblea di Confindustria Pesaro Urbino.
“Quindi – ha detto – anche l’innalzamento dell’eventuale costo del lavoro ci metterebbe davvero in grave difficoltà sulla ripresa”. “L’inflazione ci preoccupa molto – aggiunge – sta raggiungendo livelli pericolosi, questo vuol dire un rincaro dei prezzi molto importante”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Eicma: al via la principale fiera mondiale delle due ruote
Meda, riparte il futuro. Giorgetti, parola d’ordine passione
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
RHO
23 novembre 2021
15:00
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo lo stop imposto nel 2020 dalla pandemia, si è aperta in mattinata nei padiglioni di Rho di Fiera Milano, con il taglio del nastro da parte del ministro per lo Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti, del governatore della Lombardia, Attilio Fontana, e del sindaco di Milano, Giuseppe Sala, la 78esima edizione di Eicma, l’Esposizione Internazionale delle due ruote.

“Oggi riapre il futuro” ha commentato il presidente della manifestazione Pietro Meda, che si è detto “molto orgoglioso del risultato ottenuto, che non è inaspettato perché dietro c’è stato un lavoro di due anni, molto intenso e importante”.
“Il termine passione mi sembra l’elemento centrale nella vicenda legata al ciclo e motociclo, una passione che contraddistingue non solo gli appassionati, ma anche gli imprenditori”, ha detto invece il ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti.
“Eicma è un importante segnale. Con Eicma si dà spazio alla passione e all’entusiasmo, ma soprattutto si evidenzia la strategicità del settore delle fiere, che ha bisogno di questi momenti per poter presentare prodotti e innovazione”, ha detto invece il governatore Attilio Fontana. Mentre per il sindaco di Milano, Giuseppe Sala “sarà certamente un’esposizione di grande attualità. Il pubblico previsto sarà il 30% rispetto al 2019, ma è già ottimo. Ormai in questo momento di fiere se ne fanno pochissime, qui con coraggio e prudenza, stiamo ripartendo”.
All’interno dei cinque padiglioni occupati quest’anno oltre 820 i brand (il 45% dei quali provenienti da 35 paesi esteri) che porteranno in scena fino domenica novità, anteprime e il futuro della mobilità su due ruote. Molto significativa anche la presenza delle aziende del made in Italy che, come sottolineato dal presidente di Confindustria Ancma Paolo Magri, “confermano su questo palcoscenico il proprio primato in Europa per produzione, vendite, know-how e bellezza”.
I primi due giorni dell’esposizione sono riservati a stampa e operatori, mentre da giovedì 25 a domenica 28 è prevista l’apertura al pubblico.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano nervosa (-0,9%) dopo dati Usa
Con avvio Wall street piatto, operatori guardano a inflazione
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
16:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mercati azionari europei incerti dopo l’avvio piatto di Wall street e la diffusione degli indici Pmi degli Stati Uniti: la Borsa peggiore è quella di Amsterdam che cede circa un punto percentuale, con Milano che perde lo 0,9% nell’indice Ftse Mib.
Debole anche Francoforte (-0,5%), mentre Parigi è sulla parità.
In rialzo dello 0,2% Londra e dello 0,3% Madrid.
Gli operatori guardano al prezzo del petrolio dopo l’annuncio di Biden sul rilascio delle riserve e ai timori legati all’inflazione, con Piazza Affari che tiene anche d’occhio lo spread tra Btp e Bund tedeschi a 126 punti base con il rendimento del prodotto del Tesoro attorno all’1%.
Sul listino principale di Milano, il titolo peggiore è Tim: partito positivo in mattinata, era sceso pesantemente prima di metà giornata per poi recuperare quasi tutte le perdite, ma al momento cede il 3,2% a 0,43 euro tra un forte nervosismo. Deboli anche Moncler e Ferrari, che scendono del 2,8%, seguiti da Banca Generali in ribasso del 2,6%.
Bene invece Unicredit (+1,3%, con Mps che nel settore bancario cede l’1,6% sempre sui minimi storici). In controtendenza Nexi, che sale di circa due punti percentuali. Nel paniere a bassa capitalizzazione la Juventus perde il 6% a 0,63 euro sull’avvio del programmato aumento di capitale.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Vino: protocollo Ascovilo-Intesa per finanziare Lombardia
Siglato a Vinitaly diventa operativo oggi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 novembre 2021
16:21
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La crescita sostenibile va stimolata e finanziata.
Nasce con questa filosofia il protocollo tra Ascovilo (Associazione dei consorzi vitivinicoli lombardi) e Intesa Sanpaolo siglato durante il Vinitaly e divenuto operativo oggi.

Un primo passo – si legge in una nota della banca e dell’associazione – per il sostegno delle aziende attraverso il supporto all’internazionalizzazione e allo sviluppo dell’export oltre alla definizione di un tavolo di lavoro finalizzato allo studio e all’analisi della filiera vitivinicola lombarda con approfondimenti sui principali andamenti economici.
La Direzione Agribusiness di Intesa “ha già messo a disposizione risorse e servizi per sostenere un comparto fondamentale per l’economia reale del Paese proponendosi come interlocutore qualificato per accompagnarne gli operatori in tutte le fasi dello sviluppo, nonché sostenere investimenti finalizzati a promuovere nuovi progetti imprenditoriali, con una particolare attenzione ai criteri della sostenibilità e della circular economy”. L’accordo prevede inoltre l’accesso delle aziende associate al “pegno rotativo sui vini DOC”, la soluzione finanziaria di Intesa Sanpaolo che “consente di effettuare una valutazione puntuale delle scorte di vino da affinamento e di convertirle in garanzie utili per ottenere nuove linee di credito”. Da una ricerca della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo emerge che nel 2020 il sistema agroalimentare italiano ha generato un valore aggiunto di quasi 64 miliardi di euro e ha occupato oltre 1,4 milioni di persone, con un peso sull’economia rispettivamente del 4,3% e del 5,7%. L’export di vino italiano ha totalizzato circa 6,3 miliardi di euro nel 2020, in contrazione del 2,2% rispetto al 2019. Le esportazioni di vino in Lombardia evidenziano una contrazione nel 2020 del -11,7%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Anas: fonti, Aldo Isi nuovo amministratore delegato
Oggi Cda Fs, nomine passano ora al Mef per nulla osta
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
16:22
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Aldo Isi si avvia ad essere il nuovo amministratore delegato di Anas mentre Edoardo Valente ne sarà il presidente.
E’ quanto si apprende da fonti vicino all’azienda, che confermano quanto già anticipato da alcuni organi di stampa.

Fs, che controlla Anas, oggi ha tenuto un Cda e quello delle nomine era uno dei temi sul tavolo. I nomi, secondo la procedura, passano ora al Ministero dell’Economia e delle Finanze, che deve dare il nulla osta. Il Mef è azionista unico di Fs. Isi è l’attuale a.d di Italferr, la società di ingegneria del Gruppo Fs.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Federbeton: pronti per la ripartenza con soluzioni sostenibili
Torna la storica rivista ‘L’industria italiana del cemento’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
16:42
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’industria del cemento e del calcestruzzo è pronta per la ripartenza con “soluzioni innovative e sostenibili”.
Lo afferma il presidente di Federbeton, Roberto Callieri, presentando la rivista ‘IIC L’industria italiana del cemento’, a Made Expo di Milano.

“L’industria del cemento è uno dei propulsori dell’industria delle costruzioni, che è un settore fondamentale di fronte a ogni ripartenza”, sostiene il presidente della Federazione di settore aderente a Confindustria. “Il nostro sforzo è di sviluppare soluzioni costruttive come filiera – sottolinea Callieri – che siano performanti in maniera sempre più rispondente alle esigenze del mercato e, allo stesso tempo, con un forte occhio alla sostenibilità”. In questo scenario, Federbeton rilancia la storica rivista ‘L’industria italiana del cemento’, che per 80 anni ha raccontato la storia delle costruzioni del paese. Dopo una sospensione dal 2010 al 2020, la rivista riparte con l’ambizione di restituire al cemento “la dignità che merita”, spiega Callieri. Protagonista del processo di modernizzazione dell’Italia nel Novecento, il cemento è stato raccontato da IIC L’industria italiana del cemento, attraverso gli 854 numeri editi fino al 2010. L’edizione della ripartenza, che porta in copertina il numero 855, racconta cosa è successo nell’ultimo decennio.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Smart working nel privato, si lavora a protocollo. Orlando: ‘Accordo entro il mese’
Intesa individuale, alternanza della presenza e tempi di disconnessione
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
17:41
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Si lavora al Protocollo nazionale sul lavoro agile nel settore privato, sul tavolo del nuovo incontro tra il ministero e le parti sociali.
Il Protocollo fissa il quadro di riferimento per lo smart working con le linee di indirizzo per la contrattazione.
Secondo una prima bozza, si prevede l’adesione su base volontaria e subordinata alla sottoscrizione di un accordo individuale (non richiesto durante lo stato di emergenza), indicando la durata, l’alternanza tra i periodi in presenza e a distanza, gli strumenti di lavoro, i tempi di disconnessione e garantendo parità di diritti e di trattamento per il lavoratore agile.
L’accordo individuale sullo smart working tra datore di lavoro e dipendente deve indicare la durata dell’accordo, l’alternanza tra i periodi di lavoro all’interno e all’esterno dell’ufficio, i luoghi eventualmente esclusi per lo svolgimento della prestazione, gli strumenti di lavoro, i tempi di riposo e le modalità di controllo della prestazione.
Si dovrà inoltre indicare l’attività formativa eventualmente necessaria per lo svolgimento della prestazione di lavoro in modalità agile. La giornata lavorativa svolta in modalità agile – si legge nella bozza consegnata alle parti sociali – si caratterizza per l’assenza di un preciso orario di lavoro e per l’autonomia nello svolgimento della prestazione. Si individua la fascia di disconnessione nella quale il lavoratore non eroga la prestazione lavorativa Si possono chiedere i permessi orari previsti dai contratti collettivi e quelli previsti dalla legge 104 ma non sono previsti straordinari.
In caso di malattia, ferie o infortunio il lavoratore può disattivare i propri dispositivi di connessione e, in caso di ricezione di comunicazioni aziendali, non è comunque obbligato a prenderle in carico prima della prevista ripresa dell’attività lavorativa. Fatti salvi diversi accordi, il datore di lavoro, di norma, fornisce la strumentazione tecnologica e informatica necessaria allo svolgimento della prestazione lavorativa in modalità agile e le spese di manutenzione e di sostituzione della strumentazione fornita dal datore di lavoro sono a suo carico. La prestazione effettuata in modalità di lavoro agile deve essere svolta esclusivamente in ambienti idonei, ai sensi della normativa vigente in tema di salute e sicurezza e per ragione dell’esigenza di riservatezza dei dati trattati. Il lavoratore agile ha diritto alla tutela contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, dipendenti da rischi connessi alla prestazione lavorativa resa all’esterno dei locali aziendali. Ciascun lavoratore agile ha infatti diritto, rispetto ai lavoratori che svolgono le medesime mansioni esclusivamente all’interno dei locali aziendali, allo stesso trattamento economico e normativo complessivamente applicato, anche con riferimento ai premi di risultato. Le Parti sociali si impegnano a facilitare l’accesso al lavoro agile per i lavoratori in condizioni di fragilità e di disabilità.
Il protocollo sullo smart working nel settore privato una volta esaurita la fase emergenziale potrebbe essere firmato entro fine mese: è l’auspicio espresso dal ministro del Lavoro, Andrea Orlando nell’incontro di oggi con le parti sociali nel quale è stata presentata una bozza di accordo. Lo si apprende da partecipanti alla riunione.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude in chiaro ribasso, Ftse Mib -1,6%
Indice dei principali titoli di Piazza Affari a quota 26.939
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 novembre 2021
17:38
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Seduta ampiamente negativa per la Borsa di Milano: l’indice Ftse Mib ha concluso in ribasso dell’1,62% a 26.939 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Smart working nel privato,si lavora a intesa entro novembre
Accordo individuale, alternanza presenza e tempi disconnessione
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
17:41
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tempi stretti per il Protocollo nazionale sul lavoro agile nel settore privato: nell’incontro di oggi tra il ministro del Lavoro, Andrea Orlando e le parti sociali il ministro ha auspicato la firma entro la fine del mese.
Il Protocollo fissa il quadro di riferimento per lo smart working con le linee di indirizzo per la contrattazione.
Secondo una prima bozza, si prevede l’adesione su base volontaria e subordinata alla sottoscrizione di un accordo individuale (non richiesto durante lo stato di emergenza), indicando la durata, l’alternanza tra i periodi in presenza e a distanza, gli strumenti di lavoro, i tempi di disconnessione e garantendo parità di diritti e di trattamento per il lavoratore agile.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Juventus scivola in Piazza Affari con aumento, -7%
Dopo che Cda ha fissato condizioni per operazione da 400 milioni
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
17:42
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tonfo in Borsa per la Juventus: il titolo della società bianconera ha chiuso in calo del 7,2% a 0,63 euro dopo che il cda del club ha fissato le condizioni per l’aumento di capitale da 400 milioni di euro.

Agli azionisti della società verranno offerte 9 nuove azioni ogni 10 azioni possedute al prezzo di 0,334 euro ciascuna.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa conclude male, tiene Londra
Negativa Parigi, pesanti Francoforte e Amsterdam
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
18:00
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Giornata pesante per i mercati azionari del Vecchio continente, che hanno accusato una consistente corrente di vendite nel finale di seduta: Londra ha tenuto con una conclusione in rialzo marginale dello 0,1%, mentre Parigi ha ceduto lo 0,8% finale, Francoforte l’1,1%, con Amsterdam che ha chiuso in ribasso dell’1,6%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread: mercato molto nervoso, Btp a 10 anni chiude all’1%
Differenziale con il Bund tedesco a 126 punti base
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
18:21
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Seduta di alta tensione per i titoli di Stato europei, con un deciso aumento dei rendimenti anche se piuttosto omogeneo per i prodotti dei diversi Paesi: i prodotti italiani sono stati comunque quelli maggiormente sotto pressione con un rialzo del tasso del Btp decennale di 10 punti base, all’1,05% finale.

In questo contesto, il differenziale con i Bund tedeschi a 10 anni ha chiuso a quota 128 ‘basis point’, rispetto ai 126 dell’avvio della giornata.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
A Tel Aviv l’evento ‘Friends of Italian Innovation’
Italia-Israele, promosso da Ambasciata e Intesa Sanpaolo Innovation Center
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
19:18
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cucina, buon cibo, tradizioni, cultura.
Sono le parole chiave al centro dell’incontro ‘Friends of Italian Innovation’ organizzato dall’Ambasciata d’Italia a Tel Aviv, dalla Camera di Commercio Italia-Israele e da Intesa Sanpaolo Innovation Center che si è svolto oggi a Tel Aviv.

L’iniziativa, promossa in occasione della Settimana della cucina italiana nel mondo, giunta alla sesta edizione, ha celebrato la ripresa degli incontri, finalmente in persona, tra i rappresentanti dell’innovazione israeliana, le istituzioni e le imprese italiane attive nell’ecosistema tecnologico israeliano.
Un video di saluto del ministro del Turismo Massimo Garavaglia ha promosso la tradizione enogastronomica italiana anche in ottica di sostenibilità alimentare, invitando tutti a tornare a viaggiare in Italia, meta tra le preferite dai turisti israeliani. L’ambasciatore d’Italia in Israele Sergio Barbanti ha promosso l’evento insieme alla direttrice della Camera di Commercio Israele-Italia e di Enit Israele Clelia di Consiglio, ricordando l’importanza della relazione tra i due Paesi e le grandi opportunità che derivano alle imprese e al sistema economico nazionale da queste relazioni. Per Intesa Sanpaolo Innovation Center, Vincenzo Antonetti ha presentato le caratteristiche dell’ecosistema innovativo italiano, evidenziando le opportunità di cooperazione e investimento tra Israele e Italia in ottica di Open Innovation.
La numerosa presenza di rappresentati del sistema dell’innovazione di Israele – tra cui Startup Nation Central, l’Israel Advanced Tecnology Industries, il Technion-Israel Institute of Technology, The Floor, The Kitchen Hub – e di importanti multinazionali italiane come Enel, Ferrero e Campari Group, è stata la conferma della volontà di creare fruttuose sinergie tra il tessuto imprenditoriale italiano e le eccellenze tecnologiche israeliane.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano male con Europa su paura rialzo tassi e Covid
Pressione sui titoli di Stato, scivola Tim con incertezza su Opa
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
19:40
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Giornata carica di tensione sui mercati, con forte corrente di vendite nel finale per le Borse europee: l’indice Ftse Mib ha concluso in ribasso dell’1,62% a 26.939, l’Ftse All share in calo dell’1,65% a quota 29.466.
Nel resto del Vecchio continente Londra ha tenuto con una conclusione in rialzo marginale dello 0,1%, mentre Parigi ha ceduto lo 0,8% finale, Francoforte l’1,1%, con Amsterdam che ha chiuso in ribasso dell’1,6%.

Sotto pressione anche i titoli di Stato europei, con gli operatori che in generale avevano già scontato la scelta di diversi produttori guidati dagli Usa di rilasciare parte delle riserve di petrolio, tanto che il greggio nel finale di giornata è tornato a salire. Così sui mercati hanno pesato soprattutto i dati preoccupanti della pandemia Covid in Europa e la paura dell’inflazione, con la conferma di Powell alla guida della Fed che potrebbe portare a un rapido abbandono delle politiche monetarie più accomodanti.
In Piazza Affari, in particolare, il peggiore tra i titoli a elevata capitalizzazione è stato quello di Tim, che ha terminato le contrattazioni in calo del 4,7% a 0,43 euro, allontanandosi dagli 0,505 euro ad azione che Kkr potrebbe offrire nel caso in cui la sua manifestazione di interesse si trasformi in un’offerta pubblica d’acquisto, con tutte le incertezze lungo la strada che potrebbe portare all’Opa. Male anche Stm (-4% finale in linea con al debolezza del settore), Banca Generali (-3,8%), con Campari, Moncler e Ferrari che hanno perso tutte il 3,7%.
Hanno invece tenuto Eni (+0,4%), Atlantia (+0,5%) e Unicredit (+0,6%). Solide Inwit e Buzzi in aumento finale dello 0,7%, mentre si è mossa in chiara controtendenza la sola Nexi, salita dell’1,5%. Nel paniere a minore capitalizzazione, sempre molto debole Mps che ha concluso in calo del 2,2% a 0,909 euro sui suoi minimi storici. Tonfo invece per la Juventus: il titolo della società bianconera ha chiuso in calo del 7,2% a 0,63 euro dopo che il cda ha fissato le condizioni per l’aumento di capitale.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Biden, caro-benzina,inaccettabile aziende incassino guadagni
Aumento non è legato alla lotta al cambiamento climatico
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
23 novembre 2021
20:52
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il caro-benzina non è legato alla lotta al cambiamento climatico.
Lo afferma il presidente Usa, Joe Biden, sottolineando come i prezzi alla pompa non stanno calando nonostante quelli all’ingrosso stiano scendendo.
“E’ inaccettabile che le aziende incassino i guadagni” di questa differenza, aggiunge Biden spiegando come l’azione coordinata per il rilascio delle riserve petrolifere strategiche farà la differenza.
Gli elevati prezzi della benzina sono un problema, non solo negli Stati Uniti ma in tutto il mondo, prosegue Biden ricordando come anche in passato gli States hanno sperimentato rialzi dei prezzi alla pompa. “Questo non significa che dobbiamo stare a guardare: per questo ho ordinato il rilascio delle riserve petrolifere strategiche, il maggiore di sempre. Aiuterà”.
Il petrolio però continua a salire: chiude in rialzo a New York, dove le quotazioni salgono del del 2,30% a 78,50 dollari al barile. Il balzo arriva nel giorno in cui Biden ha annunciato il rilascio delle riserve petrolifere strategiche.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Manovra: Franco, crescita due o tre decimi sopra 6%
Impatto positivo anche sul deficit
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
20:54
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’Italia dovrebbe chiudere l’anno con una crescita anche superiore al 6% indicato nella Nadef, vista la crescita acquisita al terzo trimestre pari al 6,1%.

“E’ probabile che chiuderemo con una crescita due o tre decimi superiore rispetto al numero della Nadef”, ha detto il ministro dell’Economia, Daniele Franco, durante un’audizione sulla manovra alle commissioni riunite Bilancio di Camera e Senato.
“Anche il quadro di finanza pubblica verosimilmente sarà migliore del 9,4% della Nadef, l’andamento del fabbisogno di cassa della Pa mostra un andamento migliore”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tim, Vivendi non vende. Giorgetti, difenderemo la rete
Titolo ko in Borsa (-4,7%). Voci su maxi-rilancio ma Kkr frena
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
20:58
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Vivendi mette i punti sulle ‘i’ e chiarisce che non solo l’offerta di Kkr non valorizza adeguatamente Tim ma che non venderà la sua quota, anche se la storia della media company transalpina, grande ‘trader’ di asset, suggerisce cautela nel chiudere a doppia mandata gli spiragli per scelte opportunistiche, come nello stile del suo azionista forte Vincent Bolloré.

La precisazione ha frenato la corsa di Tim in Borsa, che oggi ha ingranato la retromarcia, scivolando del 4,7% a 0,43 euro, quasi il 15% in meno del prezzo di 0,505 euro indicato da Kkr.

Segno che la strada per trasformare la manifestazione di interesse “non vincolante e indicativa” del fondo Usa in una vera a propria opa sconta, nella lettura del mercato, più di un’insidia, sia politica che azionaria. Come, ad esempio, la convivenza con un socio di minoranza scomodo, Vivendi, che con il suo 23,9% potrebbe avere un potere di veto sulle operazioni straordinarie.
In questo contesto in serata arrivano le indiscrezioni di Bloomberg, che riferisce di discussioni interne al fondo Usa su quanto si debba rilanciare, rispetto al prezzo al momento ipotetico, di 0,505 euro ad azione. Si oscilla tra 0,7 e 0,9 euro ad azione, che porterebbe la futura opa a valutare Tim più di 19 miliardi di euro, fino all’80% in più di quanto preliminarmente indicato nel comunicato stampa del gruppo telefonico.Le voci vengono vengono immediatamente disinnescate “Kkr è totalmente e solamente focalizzata sull’offerta presentata al board di Tim” mentre la Consob assicura di monitorare la vicenda: “sul dossier siamo già intervenuti”, dice il presidente, Paolo Savona, sottolineando come non si sia in presenza di “un’offerta ma solamente in un preannuncio”.
Intanto il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, ha ribadito la posizione del governo dopo che ieri il supercomitato di ministri ed esperti – istituito per vigilare su un asset strategico come la rete, con l’obiettivo di garantire lo sviluppo della banda ultralarga e tutelare l’occupazione – si è riunito per una prima ricognizione del dossier, rinviando ogni valutazione dopo le decisioni del cda di Tim di venerdì.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Vivendi mette i punti sulle ‘i’ e chiarisce che non solo l’offerta di Kkr non valorizza adeguatamente Tim ma che non venderà la sua quota, anche se la storia della media company transalpina, grande ‘trader’ di asset, suggerisce cautela nel chiudere a doppia mandata gli spiragli per scelte opportunistiche, come nello stile del suo azionista forte Vincent Bolloré.

La precisazione ha frenato la corsa di Tim in Borsa, che oggi ha ingranato la retromarcia, scivolando del 4,7% a 0,43 euro, quasi il 15% in meno del prezzo di 0,505 euro indicato da Kkr.

Segno che la strada per trasformare la manifestazione di interesse “non vincolante e indicativa” del fondo Usa in una vera a propria opa sconta, nella lettura del mercato, più di un’insidia, sia politica che azionaria. Come, ad esempio, la convivenza con un socio di minoranza scomodo, Vivendi, che con il suo 23,9% potrebbe avere un potere di veto sulle operazioni straordinarie.
In questo contesto in serata arrivano le indiscrezioni di Bloomberg, che riferisce di discussioni interne al fondo Usa su quanto si debba rilanciare, rispetto al prezzo al momento ipotetico, di 0,505 euro ad azione. Si oscilla tra 0,7 e 0,9 euro ad azione, che porterebbe la futura opa a valutare Tim più di 19 miliardi di euro, fino all’80% in più di quanto preliminarmente indicato nel comunicato stampa del gruppo telefonico.Le voci vengono vengono immediatamente disinnescate “Kkr è totalmente e solamente focalizzata sull’offerta presentata al board di Tim” mentre la Consob assicura di monitorare la vicenda: “sul dossier siamo già intervenuti”, dice il presidente, Paolo Savona, sottolineando come non si sia in presenza di “un’offerta ma solamente in un preannuncio”.
Intanto il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, ha ribadito la posizione del governo dopo che ieri il supercomitato di ministri ed esperti – istituito per vigilare su un asset strategico come la rete, con l’obiettivo di garantire lo sviluppo della banda ultralarga e tutelare l’occupazione – si è riunito per una prima ricognizione del dossier, rinviando ogni valutazione dopo le decisioni del cda di Tim di venerdì.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Manovra: Franco, crescita due o tre decimi sopra 6%
Impatto positivo anche sul deficit
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
21:04
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’Italia dovrebbe chiudere l’anno con una crescita anche superiore al 6% indicato nella Nadef, vista la crescita acquisita al terzo trimestre pari al 6,1%.

“E’ probabile che chiuderemo con una crescita due o tre decimi superiore rispetto al numero della Nadef”, ha detto il ministro dell’Economia, Daniele Franco, durante un’audizione sulla manovra alle commissioni riunite Bilancio di Camera e Senato.
“Anche il quadro di finanza pubblica verosimilmente sarà migliore del 9,4% della Nadef, l’andamento del fabbisogno di cassa della Pa mostra un andamento migliore”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Franco: ‘La riforma del fisco sostenga famiglie e competitività’
Il ministro: ‘Interventi siano coerenti con legge delega’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 novembre 2021
22:06
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
I fondi che il Governo intende stanziare con la legge di bilancio per la riforma del fisco, circa 8 miliardi l’anno nel prossimo triennio, “è importante siano usati per sostenere le famiglie e la nostra competitività, e che gli interventi siano coerenti con quello che si farà poi con legge delega”.
Lo ha detto il ministro dell’Economia, Daniele Franco, durante un’audizione sulla manovra alle commissioni riunite Bilancio di Camera e Senato.
Il complesso delle proroghe degli incentivi immobiliari costerà 30 miliardi nei prossimi anni, di cui 14 solo per la parte di superbonus 110% prorogata al 2022.
Si tratta di “cifre importanti” se si pensa che, solo nel 2021, “il costo di cassa dei vari bonus immobiliari, cioè la la somma di rate dei lavori degli scorsi anni che si scaricano, è stimata i 11,5 miliardi”, ha sottolineato il ministro dell’Economia. “Discutiamo di 8 miliardi di interventi sul fisco ma teniamo conto che i contribuenti si scaricano quest’anno 11,5 miliardi di sgravi fiscali”, ha insistito.
I pagamenti digitali sono aumentati anche una volta venuto meno il cashback. Per questo il governo ha deciso non prorogarlo nel 2022, recuperando risorse, ha ha spiegato il ministro.
“Nel primo semestre 2021, il valore dei pagamenti Pos è aumentato del 28%. In estate, quando il cashback non era più operante, le percentuali sono rimaste grossomodo invariate”, ha sottolineato il ministro.
Ipotesi 4 aliquote Irpef, sul tavolo anche no tax area
Riduzione degli scaglioni Irpef, che scenderebbero da cinque a quattro, rimodulazione delle aliquote, e innalzamento della no tax area: sono questi alcuni dei temi sul tavolo della trattativa sul taglio delle tasse in corso al Mef. La maggioranza si starebbero orientando su una soluzione che riduca da cinque a quattro gli scaglioni dell’imposta sui redditi, ritoccando almeno le aliquote centrali, e innalzando la soglia sotto cui c’è l’esenzione completa. Inoltre, si studia una revisione delle detrazioni con cui si riassorbirebbe anche il bonus Irpef da 100 euro.

La Tua opinione è importante! Vota questo articolo, grazie!
No votes yet.
Please wait...

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.